Le Iene Show | diretta 5 maggio 2019 | Il bombarolo della mafia, il prof nazista e i Big Bamboo


Le Iene sono tornate sul caso di Marco Vannini. Filippo Roma ha incontrato Francesco Totti per la presunta serie tv dedicata alla sua famiglia. Protagonista di Tinder a sorpresa: Elettra Lamborghini.


Nell’appuntamento domenicale Le Iene torneranno sul caso di Marco Vannini. Verrà mandata in onda l’intervista a Davide Vannicola, un ex amico del comandante dei carabinieri di Ladispoli, Roberto Izzo. Vannicola la sera della morte del giovane avrebbe ricevuto la telefonata di Antonio Ciontoli. 

Filippo Roma ha intervistato l’ex calciatore Francesco Totti, in merito alle presunte voci di una serie televisiva dedicata alla famiglia di Francesco Totti e Ilary Blasi.

La protagonista dello spazio “Tinder a sorpresa” sarà Elettra Lamborghini, attualmente impegnata come coach in The Voice of Italy.

Seguiamo insieme la puntata:

Si inizia con gli aggiornamenti di Giulia Innocenzi sui servizi già andati in onda. Tra questi l’inchiesta sugli assegni famigliari di cui Le Iene avevano chiesto spiegazioni a Tito Boeri.

Il primo servizio è dedicato a Sebastiano Sartori.  Il prof accusato di xenofobia è un grande sostenitore delle posizioni nazionalsocialiste.  Inneggia all’odio razziale, alla violenza contro le donne, alle discriminazioni sugli omosessuali, rom ed ebrei. Le sue affermazioni, ovviamente,hanno destato scandalo. Ha preso di mira anche la Costituzione, definendola utile solo se utilizzata come carta igienica.

Alla vista delle Iene, il prof fugge davanti alle telecamere. Per questo Nina Palmieri gli ha lasciato una lettera nella quale spiega che un educatore non deve esaltare la cultura dell’odio.

Filippo Roma ha incontrato l’ex calciatore Francesco Totti. Girano voci su una serie televisiva dedicata alla sua famiglia. Tra i candidati nel ruolo dell’ex capitano della Roma, spuntano i nomi di Luca Marinelli ed Alessandro Borghi.

Francesco Totti smentisce, per ora, il progetto e scherzando confessa che vedrebbe bene nei suoi panni Carlo Verdone. L’attore viene sottoposto ironicamente alla prova del “cucchiaio”. 

Le Iene hanno realizzato un servizio sull‘occupazione abusiva delle abitazioni. Eugenia si è trovata da un giorno all’altro con la villa occupata da una famiglia di etnia rom. Sono spariti tutti i ricordi, gli oggetti a cui era molto legata. La casa, costruita dal nonno, è ora in condizioni sgradevoli.

Eugenia e le Iene si recano nella villa. A prima vista la casa sembra essere disabitata. Una volta entrati si rendono conto che in casa ci sono dei bambini. Poco dopo i genitori rincasano e scoppia la rissa. Tornata la calma, il capofamiglia rom racconta la sua versione. Si giustifica spiegando che nemmeno Eugenia ha la residenza lì. Durante il confronto, però, la situazione degenera.

Le Iene tornano sul caso di Marco Vannini. Giulio Golia ha incontrato Davide Cannicola, ex amico del maresciallo Roberto Izzo. I genitori di Marco credono che il colpevole dell’omicidio sia Federico, fratello della fidanzata. Ciontoli si sarebbe accusato, su consiglio di Izzo, come colpevole per proteggere il figlio. In quanto appartenente ai servizi segreti la sua vita non sarebbe stata preclusa più di tanto. Nel processo di appello la pena per Antonio Ciontoli è stata ridotta dai 14 ai 5 anni.

Il testimone riferisce che Ciontoli si sia rivolto a Roberto Izzo per un cambio repentino di domicilio perchè si sentiva minacciato a Ladispoli. Il rapporto di amicizia tra Ciontoli e Izzo è iniziato circa un anno prima della tragedia. Izzo ha portato Antonio Ciontoli nel negozio di Davide, produttore di borse a Tolfa. Ha realizzato per lui una borsa porta pc e una fondina per la pistola.

Davide Cannicola ha deciso di parlare dopo quattro anni perchè inizialmente aveva paura di ritorsioni e di non essere creduto dagli inquirenti.

La sera del 17 maggio del 2015 Ciontoli, prima dei soccorsi, avrebbe telefonato a Roberto Izzo per farsi aiutare in quanto “hanno combinato un guaio”. Non si sa se la chiamata sia partita dal cellulare di servizio o da quello personale.

Giulio Golia torna da Roberto Izzo per chiedere spiegazioni. Izzo nega tutte le accuse e smentisce l’episodio della borsa e delle confidenze a Davide.

Si cambia ora argomento. Le Iene si occupano della residenza psichiatrica La Chimera, in provincia di Reggio Calabria. Vengono ospitate persone affette da schizofrenia, disturbi bipolari e depressione.

Dottori, infermieri e personale amministrativo si occupano con dedizione dei pazienti. La clinica però rischia di chiudere definitivamente perchè l’équipe medica sta lavorando gratuitamente da un anno. I NAS effettuando un controllo hanno trovato solo un po’ di umidità e hanno obbligato La Chimera a mettere il tutto a norma. Non percependo più gli aiuti economici, la struttura è al collasso ma non può essere del tutto chiusa perchè vi sono persone gravemente malate che dovrebbero scontare anni di carcere.

Spazio ora al caso di Josip il truffatore. L’uomo ha convinto l’amico Mario ad investire dei soldi  in Bosnia ed Erzegovina per la costruzione di alcune palazzine. Mario ha investito ben 500.000 euro dando come garanzia la propria azienda.

Wilma, allora compagna di Josip, fece da garante. Inizialmente Mario non pensava minimamente ad una truffa perchè si recavano insieme a Banja Luka per seguire i cantieri. Terminati i lavori Josip è scomparso con il mezzo milione. Si sta godendo i sei appartamenti costruiti con i soldi di Mario. Quest’ultimo sta pagando da solo l’intero importo del mutuo.

E’ il momento dello scherzo, vittima il calciatore Mattia De Sciglio, difensore della Juventus, nella sera in cui la Vecchia Signora ha perso contro l‘Ajax in Champions League. Le Iene hanno deciso di portar via il gattino al quale De Sciglio è molto legato.

Complice la fidanzata, il gattino sparisce. De Sciglio una volta rincasato, già di umore nero per la sconfitta, cerca il piccolo felino  in ogni angolo dell’appartamento. Nel cuore della notte si mette alla ricerca del gatto nel quartiere di Torino dove abita ma non riesce a trovarlo. Il calciatore si arrabbia con la fidanzata a cui addossa la colpa della scomparsa. Poco dopo Giulia trova in ascensore un bigliettino . E’ scritto che un gattino maculato è stato trovato nel cortile.

Alle 3 di notte il calciatore telefona al numero riportato sul foglietto di carta. Il telefono squilla a vuoto. L’indomani De Sciglio ci riprova e scopre che il gatto è stato venduto per 20 euro ad un fotografo specializzato in ritratti di animali.

Il gattino è diventato una star sui social, il fotografo vuole del denaro, 3.000 euro, per riconsegnare l’animale a De Sciglio in quanto il suo valore è aumentato. Non cedendo al ricatto, il calciatore abbandona lo studio adirato. Fuori dal cancello lo aspetta la Iena con in braccio il gattino.

Si volta pagina con il turismo sessuale al femminile. Ogni anno circa 89.000 signore attempate raggiungano paesi africani alla ricerca di una fugace avventura con giovani uomini di colore, i Big bamboo.  Le Iene hanno realizzato un casting per trovare due donne disposte a fare da esca per il loro reportage.

Erminia ed Erica arrivano a Malindi per trovare il fidanzato. Approdate sulla spiaggia, vengono circondate da un gruppo di giovanotti che si propongono inizialmente come guide turistiche e poi si offrono per prestazioni sessuali.

Erminia ha già perso la testa per il 30 enne Kibo con cui si è scambiata il numero di telefono però cede ad una passeggiata in  riva al mare con altri ragazzi, tra questi Mario e Balù. All’appuntamento c’è anche Erica.

Mandingo afferma che arrivano in Kenya anche uomini omosessuali anziani che sono disposti a pagare 300/400 euro per una prestazione.

Altri due giovani, ingaggiati da un esperto del settore, vengono proposti ad Erminia ed Erica. Nonostante l’incontro non sia andato male, le due signore scelgono Mario e Balù. Le due coppie si scambiano effusioni in barca.

Durante la serata in discoteca le due signore vengono puntate da molti uomini. I rispettivi partner però tengono il controllo del territorio. Mentre Erica rimane in hotel da sola per problemi intestinali, Erminia invita Mario solo per una cena.

Il giorno dopo Erminia, Erica e la troupe de Le Iene visitano il villaggio di Mario, dove vige una povertà estrema. I ragazzi si prostituiscono per aiutare le proprie famiglie. Molti bambini si ammalano per la scarsità di cibo ma anche di igiene. Dopo il villaggio visitano anche un orfanotrofio.

E’ giunto il momento dello spazio Tinder a sorpresa. Protagonista questa volta è Elettra Lamborghini. L’ereditiera si iscrive nell’ app di dating con il nickname Baby Selvaggia e con foto camuffate.

Riceve tantissimi messaggi e decide di incontrare Roberto. Il ragazzo non si aspetta che dietro la porta di casa ci sia Elettra Lamborghini in carne ed ossa. Il secondo ragazzo si ritira all’ultimo momento perchè ha paura di brutte sorprese. Al terzo confessa di essere (per finta) omosessuale.

Il prossimo servizio è dedicato a Gennaro. Ha un passato difficile alle spalle, rubava e spacciava. Ha pagato tutti i suoi errori in carcere e grazie all’amore della compagna ha deciso di cambiare vita. Possedeva un’officina che è fallita perchè Gennaro lavorava gratuitamente in quanto veniva incontro alle difficoltà economiche dei clienti.  Gennaro aveva trasformato l’officina nell’Associazione area 51, dedicata al riscatto sociale e civile di persone in difficoltà o che hanno scontato o devono scontare una pena.

Gennaro ha deciso di mettersi in cammino da Milano a Roma con una grossa croce per incontrare il Papa.

L’ultimo servizio è dedicato al bombarolo della mafia. Ha iniziato quasi per gioco ed in poco tempo è entrato nel giro di organizzazioni criminali. In passato ha fabbricato un gran numero di ordigni esplosivi perchè fruttavano molto denaro.

Resosi conto successivamente delle conseguenze della sua attività illegale ha deciso di lasciare il giro. Oggi vuole denunciare in televisione quanto sia facile reperire sul web gli “ingredienti” per fabbricare le bombe.

Termina così l’appuntamento domenicale de Le Iene Show.



0 Replies to “Le Iene Show | diretta 5 maggio 2019 | Il bombarolo della mafia, il prof nazista e i Big Bamboo”

Lascia un commento

Riempi tutti i campi per lasciare un tuo commento. Il tuo indirizzo non verrà pubblicato

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>
*