Connect with us

Intrattenimento

All Together Now | Diretta puntata 16 maggio 2019 | Primi cinque semifinalisti

All Together Now | Diretta puntata 16 maggio 2019 | Primi cinque semifinalisti. L'esordio del game-show musicale di Canale 5, con Michelle Hunziker alla conduzione e J-Ax a capo della giuria. Già in semifinale Daria Biancardi, Augusta Procesi, Rosy Messina, Veronica Liberati e Antonio Gerardi
Alessandro De Benedictis

Pubblicato

il

All Together Now | Diretta puntata 16 maggio 2019 | Primi cinque semifinalisti. L'esordio del game-show musicale di Canale 5, con Michelle Hunziker alla conduzione e J-Ax a capo della giuria. Già in semifinale Daria Biancardi, Augusta Procesi, Rosy Messina, Veronica Liberati e Antonio Gerardi
Condividi su
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

Sessantaquattro concorrenti si sfideranno a colpi di esibizioni canore nelle quattro puntate previste, per giocarsi il montepremi finale di 50mila euro. In semifinale arriveranno in venti, mentre la finale si giocherà tra i dieci più bravi.

Il format originale prevede 30 secondi a disposizione dei cantanti, ma la versione proposta da Canale 5 contempla puntate di durata maggiore, dunque mette più tempo a disposizione.

L’obiettivo è convincere i 100 giudici del programma, appartenenti a vario titolo al mondo della musica e a quello dello spettacolo. Accanto ad artisti come Mietta, Silvia Mezzanotte, Marco Ligabue e Simona Bencini, siedono altri protagonisti, tra cui Le Donatella e Antonella Mosetti.

Inoltre, di puntata in puntata, ci saranno degli ospiti che entreranno a far parte della giuria.
La prima puntata ha dato spazio ad Iva Zanicchi, Pucci, Gabriele Cirilli e i Boomdabash, mentre nelle prossime serate si avvicenderanno anche Fabio Rovazzi, Nek, Al Bano e Renato Zero, guest star dell’ultima puntata.

Il meccanismo è elementare: ciascun giudice può decidere se schiacciare il pulsante con cui approva il talento che sta ascoltando, alzarsi e cantare insieme al concorrente – concedendogli un punto – oppure rimanere seduto. Il partecipante che riesce a farli alzate tutti, va direttamente in finale.

Non è successo nelle due manche viste nella prima puntata, sebbene Rosy Messina, Augusta Procesi e Daria Biancardi ci siano andate davvero vicine. Ottimo risultato anche per la quarta semifinalista, Veronica Liberati, mentre un po’ più basso è stato il punteggio di Antonio Gerardi, il quinto.

A Michelle Hunziker il compito di passare tra le postazioni per ascoltare i commenti dei giurati, oltre che per scherzare con loro.

La sistemazione dei 100 giudici è l’elemento distintivo di All Together Now: le sedute sono disposte su una grossa parete scenografica che si sviluppa in verticale, a rendere l’idea di un vero e proprio muro di fronte al quale si esibiscono i cantanti.

Alla vigilia – in conferenza stampa, come durante le altre iniziative promozionali – sia Michelle Hunziker che J-Ax hanno colto ogni occasione possibile per marcare una distanza con i tanti talent già sullo schermo.

“Questo show non ha la presunzione di garantire una carriera musicale, l’obiettivo finale del gioco è solo il montepremi“, ci hanno tenuto a ripetere. In effetti, l’impronta è spettacolare e divertente, lontana dal pathos della pura competizione. L’essenza del meccanismo di selezione, tuttavia, ricorda inequivocabilmente quello di un talent.

Di seguito potrete ripercorrere il racconto in diretta della prima puntata di All Together Now.


Michelle Hunziker apre lo show con molta carica. Ed è il Maestro Beppe Vessicchio a “benedire” lo spettacolo dirigendo l’orchestra in “Somebody to love” dei Queen.

Il Maestro di All Together now sarà Valeriano Chiaravalle, ma Vessicchio è stato voluto per dare simbolicamente il via allo show.
A cantare è Michelle Hunziker, la quale introduce in musica i 100 giudici, livello dopo livello. Scelta ad effetto e bisogna dire che la padrona di casa se la cava piuttosto bene.
Tra i 10 giudici ci sono J-AxCapo della Giuria – e i quattro ospiti, Iva Zanicchi, Boomdabash, Gabriele Cirilli e Pucci.

A stretto giro, inizia il game-show.

La prima concorrente è Graziana Tafuni, da Altamura (Bari). Punta tutto sull’energia e sul coinvolgimento del pubblico cantando “Think” di Aretha Franklin. Voce discreta ma un po’ aspra: per lei si alzano comunque 50 giudici, la metà dei presenti. Buon risultato, anche perché si alza pure J-Ax.
Dopo, tocca ad Amedeo Raciti, studente 24enne di Architettura. Tutti si aspettano che sia un cantante lirico – un po’ per l’aspetto, un po’ perché sua madre lo è – ma lui sceglie “Nessun dolore” di Lucio  Battisti.

Voce meno potente di quanto voglia far sembrare, ma coinvolge gradualmente sempre più giudici. Riesce a raggiungere i 60 punti
La terza concorrente a presentarsi davanti al muro dei giudici è Rosy Messina. Si presenta visibilmente in preda all’ansia, tanto che quasi non riesce a parlare. Poi, però, si lascia andare e trasmette tutta la grinta necessaria per cantare “Dimmi come…” di Alexia.
Riesce a smuovere addirittura 99 giudici e sfiora l’impresa dell’en plein che le avrebbe regalato la finale diretta.
Non è stata perfetta, ma è riuscita a colpire anche grazie al suo atteggiamento.

A non alzarsi è stato Mr Ketra dei Boomdabash: “È brava ma non mi ha trasmesso nulla, una voce già sentita”.
Ora arriva Davide Pezzella, videomaker romano di trent’anni. Si presenta con “L’ombelico del mondo” di Jovanotti e si ferma a quota 28 punti. Non bastano a raggiungere i 50 punti necessari.

In ogni manche passa il primo direttamente, mentre il secondo e il terzo possono giocarsela: il punteggio più basso raggiunto finora dai tre che si sono già esibiti è 50, di conseguenza lui è matematicamente fuori.

Oltre al ritmo e all’entusiasmo, non c’è stato nulla di più in grado di colpire il pubblico.

J-Ax, tra le altre cose, ha il compito di intrattenere con quelle che dovrebbero essere ficcanti battute politicamente scorrette, ma finora i suoi sono stati interventi poco spontanei e banali.

Meglio quando canta con la conduttrice Michelle Hunziker: insieme animano lo studio con “Sono bugiarda” di Caterini Caselli.

La quinta ad esibirsi è la 25enne Veronica Liberati da Roma.
La migliore voce e la migliore interpretazione ascoltata finora, ma porta a casa 93 punti, cioè meno dei 99 di Rosy Messina.

Nei commenti dei giudici fatti ascoltare a microfoni aperti prima della sua prova, circolava scetticismo e non ci si aspettava un tale exploit.

Segue Marco Galeotti, web designer 42enne. Il suo aspetto rock/metal divide i commenti iniziali tra timori e curiosità.

Poi, lui esplode in una versione metal di “La notte vola” di Lorella Cuccarini. La soprpesa è bella e coinvolgente, l’esecuzione meno. Si alzano solamente 41 Giudici, ma tutto sommato ha fatto bene a giocarsela così.

Sul muro dei giudici c’è Marco Salvati, autore di molti programmi televisivi, ma che ha anche scritto questo brano per la Cuccarini. “Ti devo ringraziare. Non era mai stata pensata una versione così ed è stata una sorpresa pazzesca”.

All’ingresso dell’ultima concorrente della prima manche, Pucci si lascia andare a sottolineature esuberanti e triviali sulla sua bellezza, aggiungendo: “Brava, ha già vinto”.
Il tutto perché è una bellissima modella 27enne. Si chiama Tania e canta in francese.
Purtroppo per lei, non mette in mostra grandi doti e va a casa con 18 punti.

Rosy Messina, dal canto suo, chiude la manche in testa con 99 punti e si guadagna la semifinale.


Ora, Michelle Hunziker canta di nuovo, stavolta con i Boomdabash per cantare “Non ti dico no”, nata dallo stesso gruppo insieme a Loredana Bertè.

Al di là delle doti vocali non eccezionali, questi tentativi della Hunziker di cimentarsi con il canto – siamo al terzo della serata – sono positivi, aggiungono non poco allo stile di conduzione a cui ci ha abituati.
Amedeo Raciti torna sul palco per giocarsi il secondo posto da semifinalista. Passata direttamente Rosy Messina, lui deve vedersela con Veronica Liberati, anche lei sul podio nella prima manche.
Interpreta “Una donna per amico” di Lucio Battisti, ma sembra un pochino spento.
Veronica, invece, sceglie “Io fra tanti” di Giorgia ed è più incisiva.
Veronica Liberati porta a casa il secondo posto in palio per la semifinale con 83 punti.
Amedeo Raciti, tuttavia, ha ancora una speranza: sfiderà il terzo classificato della seconda manche.
Che inizia con l’esibizione di Vanessa Catarinelli da Roma.
Si presenta dicendo di voler far ballare tutti, ma la sua versione di “I wanna dance with somebody” di Witney Houston è piatta, nonostante lei sia ugualmente brava e provi a dialogare con il pubblico. Si risolleva sul finale, ma non basta per andare oltre i 31 punti.

I Giudici parlano proprio della mancanza di verve e dinamiche vocali per giustificare il risultato.

Intanto, per i Boomdabash è il momento dell’auto-promozione: cantano “Per un milione”, una delle loro hit più recenti, con cui hanno anche gareggiato a Sanremo 2019. L’effetto karaoke con il pubblico è assicurato.
J-Ax è amico e collega di Mr. Ketra dei Boomdabash – che ha musicato per lui e Fedez “Vorrei ma non posto” – e chiama il pubblico a ripercorrere altri grandi successi di cui è stato artefice, come “Amore e Capoeira” e “L’esercito del selfie”.
Adesso tocca ad Antonio Gerardi, fiorario 34enne di Milano. Appena lo vedono, i Giudici si lasciano andare a commenti tra di loro (senza poter essere ascoltati da Antonio), dicendo che sembra un cameriere, con un look da impresa funebre o da rappresentante. Esagerati, per usare un eufemismo.

La sua versione di “Feel good” di James Brown, però, non è male. Racimola 80 punti.

Ora se la gioca Augusta Procesi, agente di commercio 62enne. “Avevo un sogno: girare il mondo cantando insieme a mio marito che suona la batteria. Poi, la vita ci ha portato altrove. Aiutatemi a rendermi orgogliosa”, dice presentandosi.

Esegue “La vita” di Elio Gandolfi. Oltre ad essere una bella scelta, si dimostra il pezzo giusto per lei, al punto che agguata 99 punti.
L’unico a non alzarsi è stato Vincenzo Molino, che dice semplicemente : “Non mi è arrivata. Devo basarmi sul talento e non sull’emozione dettata dalle storie di vita”. La sua appare comunque una motivazione forzata, tanto che i suoi colleghi rumoreggiano e lo disapprovano scherzosamente.
Michelle Hunziker, nel frattempo, chiama a sé il marito di Augusta, seduto in platea.
Siccome la concorrente ha rinunciato alla carriera da cantante per la famiglia, Andrea Pucci le dedica “Domenica bestiale” di Fabio Concato. Lo fa perché lui è molto legato alla sua, di mamma e per questo ha empatizzato particolarmente con Augusta.
Lo stesso fa Gabriele Cirilli. Sua madre aveva lo stesso nome, dunque sente di farlo per un motivo analogo a quello di Pucci. Canta “La società dei magnaccioni”, chiamando in causa anche l’abusato contrasto Roma-Milano.

In realtà, è uno dei tanti modi con cui si cerca di differenziare lo spettacolo e allungare un format che di per sé non prevede tre ore di trasmissione.
A stretto giro arriva il primo gruppo di questa edizione di All together Now. Si tratta delle “Frenetiche”, sei cantanti in stile Spice Girls impegnate in “It’s raining men” di Geri Halliwell.
Più sceniche che talentuose, ma fanno ugualmente una bella figura e fanno alzare 60 giudici.

Con il loro punteggio, escludono automaticamente la romana Vanessa Catarinelli.

Omaggio anche per Iva Zanicchi: tutto lo studio, insieme a lei, intona “Testarda io (la mia solitudine)”, uno dei successi più grandi della sua carriera.
La quinta concorrente della seconda manche, invece, è Daria Biancardi, 41enne palermitana.
Esagera con vocalizzi per lo più inutili, ma ha una voce davvero notevole e si sente che ha sempre cantato in vita sua, da come riesce a gestire il crescendo di cui è protagonista durante la prova.

Poco da dire, la sua versione di “Gloria” di Umberto Tozzi va a segno e tocca quota 94 punti.
Risultato che esclude le Frenetiche dalla lotta per la semifinale.

Ultimo concorrente della seconda manche è Francesco Sanchini da Roma, con “Another One Bites the Dust” dei the Queen.

Parte in sordina, poi migliora decisamente e sembra poter fare molto bene perché ha una buona voce. Peccato che la sua esibizione non decolli mai in quanto a coinvolgimento e quindi si ferma a 18 punti, di sicuro ingenerosi.

Augusta Procesi, avendo vinto la manche, va dritta in semifinale. Il secondo posto se lo giocano Antonio Gerardi e Daria Biancardi.

Inizia Antonio con “It’s man’s world” di James Brown. È bravo e fa anche meglio della prima esibizione, ma qualcosa non convince i giudici.
Per Daria Biancardi c’è “Last dance” di Donna Summer. Voce impareggiabile ed interpretazione ineccepibile: non può che guadagnarsi la semifinale con 98 punti contro i 70 del suo avversario.

Il suo unico neo è che si autocompiace e sente di dover incessantemente ribadire le proprie doti vocali con virtuosismi a volte evitabili.

L’ultima sfida della puntata sarà quella tra i terzi classificati delle due manche: Antonio Gerardi e Amedeo Raciti.

Finora, Antonio ha mostrato maggiori qualità e duttilità – grazie al fatto che è un cantante semi-professionista – ma chissà che Amedeo non abbia qualcosa in serbo…

Apre la contesa proprio Amedeo, riproponendo “Nessun dolore” di Lucio Battisti e si migliora sensibilmente, Oltretutto, deciso e coinvolgente.
Antonio Gerardi, invece, ripropone una “Feel good” di James Brown sovrapponibile a quella fatta ascoltare in precedenza. Complessivamente, mostra lo stesso qualcosa in più.
Gli basta, infatti, per imporsi 62-45 su Amedeo e andare in semifinale.

In chiusura, tutto lo studio si diverte cantando e ballando “Mamma Maria” dei Ricchi e Poveri.

La prima puntata di All together now finisce qui.

Lo show ha confermato gli annunci e le previsioni della vigilia, con più spettacolo che talenti. Le tre ore abbondanti dell’esordio hanno esaltato due o tre ottimi cantanti, ma è evidente come la rivisitazione italiana del format abbia puntato su altro, in un clima che voleva essere di festa.

C’è stato un buon coinvolgimento dei cento giurati da parte di Michelle Hunziker. A dispetto delle attese, né il numero né la disposizione sul muro ha creato problemi, concedendo, al contrario, l’impressione di una certa dinamicità.

La Hunziker è stata di certo all’altezza nel gestire i vari momenti, anche quando si è cimentata nel canto. Forse non esaltante, ma non le si possono rimproverare carenze particolari.

Male J-Ax. A parte l’evanescenza del ruolo a capo della giuria, ciò che non ha convinto sono stati i suoi commenti, mai divertenti come lui avrebbe voluto.

In generale, lo show ha mostrato la corda nelle fasi in cui è stato più palese il tentativo di stirare il format originale, così da coprire le tre ore previste per la prima serata di Canale 5.

Parliamo, ad esempio, dei momenti in cui sono stati coinvolti gli ospiti come cantanti: in tutti i casi, il loro intervento è sembrato alquanto forzato. Eccezion fatta per i Boomdabash, protagonisti di una tipica auto-promozione sul palco.

La prima puntata di All Together now, quindi, si chiude con la conferma delle attese: un programma di intrattenimento leggero, un po’ talent, un po’ gameshow, senza essere fino in fondo nessuna delle due cose.


Condividi su
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
Continua a leggere
Advertisement
Clicca per commentare

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Intrattenimento

The show must go on 12 aprile, “W le donne” con Riccardo Rossi

Questa sera su Rai 2 in seconda serata va in onda il primo appuntamento con la rassegna The Show must go on. Si intitola W le donne, spettacolo dal vivo del comico Riccardo Rossi.
Lorenzo Mango

Pubblicato

il

The show must go on 12 aprile
Condividi su
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

A partire dalle 23.10 Rai 2 trasmette questa sera, 12 aprile 2021, il primo appuntamento dei tre previsti, con il teatro dal vivo della rassegna The show must go on. Ogni puntata riporta lo spettatore nel mondo del teatro proponendo uno spettacolo dal vivo di un comico italiano. Nella speranza di una prossima riapertura dei teatri nazionali.

La prima puntata, in onda questa sera, consiste in una performance di Riccardo Rossi, e si intitola W le donne – Tutte le donne della nostra vita. In essa il comico racconta il suo personalissimo punto di vista sulle donne che hanno cambiato la sua vita. Lo spettacolo è stato registrato al Teatro Olimpico di Roma, prima dell’emergenza Covid.

Seguiranno, rispettivamente il 19 aprile e il 12 maggio, Antonio Giuliani con il suo spettacolo intitolato Insensibile e infine Max Giusti, sempre su Rai 2 ma in prima serata, con Va tutto bene!

Vi ricordiamo che potete seguire The show must go on, sia la prima puntata intitolata W le donne che le seguenti, anche in streaming sul sito RaiPlay.

The show must go on 12 aprile, la diretta

Riccardo Rossi entra nel teatro con un mazzo di rose rosse in mano, che distribuisce in giro per la platea ad alcune donne fra gli spettatori. “Volevo raccontare il mondo delle donne, poi ho capito che è un universo.” afferma. “Pensiamo che la prima persona che vediamo nella nostra vita è una donna… l’ostetrica! Che poi la vediamo mentre ci tiene per i piedi, ci dà uno schiaffo e dice che è per il nostro bene.” scherza poi Rossi.

Il comico analizza la parola “mamma“, la prima che pronunciamo. E poi scherza sulla differenza principale fra uomo e donna. “Noi uomini nasciamo già con un difetto, nella differenza fra i cromosomi. Dopo 22 coppie di cromosomi XX, le donne hanno una ventitreesima XX, mentre noi uomini una XY. Uno scherzo della natura, un’imperfezione” afferma.

“Questa differenza salta agli occhi nel primo giorno di terza media. Quando la tua compagna di banco, la stessa dell’anno scorso diventa una donna. Ed è lì che capisci la differenza fra una Y e una X” continua. “Fino all’anno scorso avevi eretto una muraglia cinese per impedirle di copiare. Ora ti arrendi, e le fai direttamente il compito te.”.

Rossi parla quindi di Mina.Ha rinunciato a tutto per fare quello che voleva lei” racconta. “Mina nel 1976 ha ricevuto un telegramma da Paul MCCartney. Lei lo legge, sorride, e poi lo butta. Noi non possiamo capire un gesto così sublime, che avremmo voluto essere il cestino della carta straccia di Mina”.

The show must go on 12 aprile, l’infermiera e la maestra

“L’unico uomo che sa fare le iniezioni forse è Rambo. Altrimenti, per fare un’iniezione serve una donna, un’estranea: la portiera. Che sa fare le iniezioni” racconta Rossi. “Mi ricordo che arrivava mia madre e mi diceva -Adesso andiamo dalla signora Concetta-. La signora Concetta aveva una siringa di vetro temperato, con l’innesto dell’ago d’oro. E l’ago… era spesso come una canna di fucile.” prosegue.

“A me faceva già male quando mi strofinava il sedere con il cotone idrofilo.” prosegue poi Rossi. “La signora concetta che non parlava mai, diceva una parola: stai morbido. Ma come faccio a stare morbido con quell’ago infilato?”.

“Racconto questo perché questo ruolo di donna ci ha fatto capire che certi mali durano poco. Una donna generosa, che per arrotondare lo stipendio del marito si è vista tutti i sederi del quartiere. VI ricordate Sora Lella? L’iniezione gliela fece il camionista. Lo avrei voluto incontrare io, la mano della signora Concetta non era mai -una piuma-!” conclude Rossi.

Il monologo continua, stavolta descrivendo la figura della maestra di scuola. E poi, della sorella. “Chi nasce per secondo vede nel primo un assassino. E chi nasce per primo vede nel secondo un pericolo. So di casi pericolosissimi sventati per miracolo.” racconta scherzando Rossi. “Fateci caso, se fra due fratelli non c’è una sorella va meglio. I Lumiere hanno inventato il cinema, i Wright l’aereo. E i Mongolfiere la mongolfiera. E indovinate chi era la zavorra? La sorella!” grida quindi Rossi.

La suocera e la figlia

“Non vogliamo rovinarci la serata raccontando della suocera; l’unico ruolo odiato anche dalle altre donne” prosegue poi il comico. “Chiudiamo l’argomento e andiamo avanti. Parliamo… della figlia. Non esiste madre, moglie e amante: l’unico vero amore di un uomo puro e incontaminato è la figlia. Che deve stare sulle ginocchia di papà in tutù, per sempre.”. 

Dopo una serie di sketch, legge una commovente lettera dedicata al rapporto padre-figlia. “Ricordati che tuo padre è l’uomo che non dorme quando esci per il tuo primo appuntamento. E l’unico che quando le cose vanno male, sarà sempre lì per te”. 

Subito dopo, inizia un nuovo monologo su un genere di donna che lui definisce “Donna Zavorra”. “Dove passa lei non cresce più l’erba: sono femmine alpha, che risucchiano le energie vitali e ti annientano. L’unica che si accorge del pericolo è un’altra donna: la tua migliore amica” afferma Rossi. “Non esiste la donna per amico, come non esiste l’uomo per amica. L’uomo ha bisogno di un amico, sempre. La donna per amico è quella che ti dice quello che vuole senza filtri. Come fa tua moglie, ma da lei le critiche le accetti.” continua.

The show must go on 12 aprile

La moglie, il potere della donna

“Voi stasera perchè siete qui? Chi ha deciso? Siate sinceri.” inizia Rossi dal palco. “Quando scoprite di dover ri-uscire per venire a teatro pensate una sola cosa: avevo parcheggiato così bene.”. E continua “La moglie è la regina di tutte le donne, la fusione di tutte le donne che abbiamo raccontato fino ad ora”. “Voi immaginate quanto potere hanno le First Ladies nel mondo? Inimmaginabile” prosegue Rossi.

“La donna a un certo punto della sua vita si trasforma in qualcosa di meraviglioso. Da piccolo una volta mi venne la febbre altissima. A un certo punto avverto una presenza: distinguo la figura di una donna. Capelli bianchi, occhiali, grembiule e pantofole. Era mia nonna. Non faceva niente, mi guardava; eppure, io mi sono sentito meglio” racconta il comico. “Le nonne sono madri al quadrato”.

“Con la madre sei troppo coinvolto, con la nonna c’è più dolcezza e confidenza” racconta sorridendo Rossi. “A nonna puoi dire cose che non puoi dire a nessuno. E’ questa la bellezza delle donne: cambiano a seconda del ruolo che rivestono” termina.

La madre

“La parola madre è talmente importante che è usata per ribadire i concetti. E se qualcuno vuole offenderti, offende tua madre.” esordisce Rossi in un nuovo monologo. Racconta di quando sua madre lo vestì da Zorro, ma con un costume mancante di maschera, e persino di spada. “Ancora oggi quando le faccio vedere la foto e le dico -ma come mi hai vestito?- lei mi risponde -come eri carino!-. Ma cosa c’entra? Non è questo l’argomento!”.

“Le madri di una volta hanno una buona ragione per essere come sono ora. Tutte le comodità della nostra vita, molte, non le hanno avuto. Mia madre è nata in casa nel 1932. Dopo tre anni perde suo padre, perchè la penicillina non esisteva. La sera non c’era la tv, ma la radio. E nel 1940 l’Italia entra in guerra. Per avere un po’ di verdura si fanno gli orti di guerra in Piazza Venezia.” inizia a raccontare Rossi, più serio. “E poi ci sono gli allarmi aerei. Nel 1944 mia madre fa la prima comunione mentre gli americani entrano con i carri armati contromano in via del Corso. Nel 1950 fa l’esame di maturità con tutte le materie del quinquennio. E inizia a lavorare 12 ore al giorno per 35 anni.”.

E infine il comico conclude: “Ha avuto sempre la stessa macchina ed è stata sempre in affitto. Si è sposata, e poi ha divorziato. Se aveva mal di testa o la febbre se le teneva. Quando aveva paura se la teneva, perchè sua madre non si era fatta vedere mentre piangeva. Oggi mia madre vede Striscia la notizia, la sua ovatta, per riposarsi.”.

 

 


Condividi su
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
Continua a leggere

Intrattenimento

L’Eredità: Francesco Simonetta campione. Ecco quanto ha vinto alla Ghigliottina

Il nuovo campione de L'Eredità alla sua terza Ghigliottina. Ecco chi è e quanto ha vinto.
Anna Mancini

Pubblicato

il

L'Eredità Francesco Simonetta campione
Condividi su
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

Francesco Simonetta è ancora campione de L’Eredità. Ha vinto una consistente somma nella puntata andata in onda domenica 11 aprile 2021 del game show condotto da Flavio Insinna nella fascia preserale di Rai 1.

L'Eredità Francesco Simonetta chi è

L’Eredità: il percorso di Francesco Simonetta

Il campione è alla sua terza Ghigliottina. Nella sua seconda prova infatti è stato beffato dà una risposta da lui data ma che aveva declinato al singolare e non al plurale. La parola infatti era Bagagli, mentre lui aveva scritto semplicemente Bagaglio. Aveva così buttato via la non indifferente somma di 35.000 euro. Si è rifatto completamente questa sera aumentando di molto la somma a sua disposizione.

Il campione naturalmente non ha effettuato la prima fase del gioco, ovvero La sfida dei sette, e al momento di scegliere i due concorrenti da mandare alla prima scalata ha indicato Gianluca e Martina.

Il resto del percorso è stato abbastanza lineare ed è riuscito a superare i giochi Questo o quello e le Quattro date in cui collocare gli eventi anticipati da Flavio Insinna. Le prime serie difficoltà sono arrivate con i Paroloni. Infatti Francesco Simonetta non ne ha indovinato neanche uno ed è dovuto andare allo spareggio rendendosi così protagonista di una nuova scalata. Ha difeso il suo accesso al Triello insieme al concorrente Stefano. Quest’ultimo è stato in vantaggio per quasi tutta la durata dei 60 secondi del gioco ed è stato tradito soltanto dall’ultima parola. Per cui ha finito il tempo a disposizione e Francesco Simonetta è riuscito finalmente a tirare un sospiro di sollievo.

La parola sulla quale è caduto era Cupola e la domanda estremamente facile era: “É famosa quella di San Pietro in Vaticano“.

L'Eredità Francesco Simonetta Paroloni

Il Triello e la Ghigliottina

Francesco Simonetta riesce così ad accedere al Triello insieme a Lorenzo e Monica. C’è stata anche una breve incursione di Gigi D’Alessio e per qualche minuto ha preso il posto di Flavio Insinna gestendo così la prima domanda del Triello indovinata da Monica.

L'Eredità Gigi D'Alessio

La prima concorrente a fare i due passi verso la Ghigliottina è stata proprio Monica. A causa della sua risposta sbagliata l’eredità è passata a Lorenzo che ha dato a sua volta la risposta inesatta. Tutto il montepremi è giunto così a Francesco Simonetta che arriva alla Ghigliottina con la somma di 210.000 euro. Riesce a dimezzare soltanto due volte e la somma finale da difendere è 52.500 euro.

Le cinque parole così faticosamente conquistate sono: Pensiero, Mani, Giorno, Economica e Dichiarazione. Francesco Simonetta indovina la parola giusta che è Indipendenza e vince la somma di 52.500 euro. É la sua prima Ghigliottina vincente.

L'Eredità Francesco Simonetta quanto ha vinto

L’Eredità: chi è Francesco Simonetta

Francesco Simonetta è originario di Palmi in provincia di Reggio Calabria ma è residente a Roma. È laureato in Scienze Naturali ed iscritto anche alla facoltà di Ecobiologia alla Sapienza.

È amante degli animali, infatti in casa ha un Ghiro e due Tritoni. Il suo profilo Instagram è: @zeppo_wildlife.nature.


Condividi su
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
Continua a leggere

Intrattenimento

Isola dei famosi anticipazioni 12 aprile: Melillo e Isoardi a rischio squalifica, il ritiro di Braida

Tutto quanto accade nell'ottava puntata del reality condotto da Ilary Blasi su Canale 5. Il televoto è attualmente aperto tra Andrea Cerioli e Drusilla Gucci.
Irene Verrocchio

Pubblicato

il

Isola dei famosi anticipazioni 12 aprile Canale 5
Condividi su
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

Ecco le anticipazioni di ciò che accade nella puntata del 12 aprile de L’Isola dei famosi 2021. Il reality di Canale 5 torna in onda due volte a settimana dopo l’appuntamento saltato lo scorso giovedì per il debutto di Supervivientes.

La conduttrice si sofferma, nel corso della diretta, su tutti gli episodi accaduti negli ultimi sette giorni in Honduras. In studio è presente Akash Kumar per un confronto con Tommaso Zorzi in seguito al loro diverbio a distanza. Ilary Blasi infine svela al pubblico chi è  il concorrente eliminato tra Andrea Cerioli e Drusilla Gucci.

Isola dei famosi anticipazioni 12 aprile Beppe Braida

Isola dei famosi anticipazioni 12 aprile: il ritiro di Braida, l’isolamento di Giorgi

Durante il 25esimo giorno di permanenza a Cayo Cochinos Beppe Braida ha deciso di abbandonare il reality per motivi familiari. La produzione infatti gli ha comunicato che i suoi genitori sono risultati positivi al Covid ed il padre è stato ricoverato in ospedale. I compagni di viaggio che hanno compreso le ragioni del ritiro hanno cercato di dimostrargli il loro affetto.

Brando Giorgi invece è tornato da tempo a vivere con gli altri isolani dopo qualche giorno trascorso su Parasite Island. Ma una volta riunitosi al gruppo le antiche tensioni non si ancora placate. E’ ancora accusato di voler dispensare consigli non richiesti solo per apparire e catturare l’attenzione. L’attore, amareggiato dalle reazioni, ha scelto volontariamente di isolarsi. Alla conduttrice spiega le ragioni che lo hanno portato a maturare tale decisione.

Isola dei famosi anticipazioni 12 aprile Elisa Isoardi

Isola dei Famosi 12 aprile, Isoardi e Melillo a rischio squalifica

Elisa Isoardi è stata eliminata lunedì scorso ma ha scelto di proseguire la sua avventura rimanendo su Playa Esperanza con Vera Gemma e Miryea Stabile. La conduttrice però ora rischierebbe la squalifica insieme ad Angela Melillo per un episodio accaduto nell’ultima diretta durante la prova ricompensa.

La squadra vincente ha conquistato una teglia di lasagne e la Melillo, approfittando di un momento di distrazione della troupe, ha consegnato una porzione ad Elisa Isoardi. Quest’ultima però non ne aveva diritto perché apparteneva al team degli sconfitti. Entrambe hanno violato il regolamento ma la produzione, almeno finora, non ha comunicato alcun provvedimento disciplinare. Ilary Blasi però cerca di approfondire l’accaduto.

Tutti contro Fariba

Durante la settimana i naufraghi si sono scagliati contro Fariba Tehrani. Si è offerta di cucinare del riso per tutti gli isolani ma non è stata attenta alla cottura perché è rimasto troppo tempo sul fuoco.

I commensali non hanno gradito il piatto ed hanno mangiato solo per non rimanere a digiuno. Fariba per scusarsi per l’inconveniente ha donato loro dei pesci ma le polemiche sono proseguite per alcune ore.

Isola dei famosi, l’arrivo di nuovi concorrenti

Il cast dell’Isola dei famosi continua ad allargarsi. Dopo l’ingresso di Isolde Kostner e Beatrice Marchetti altri naufraghi sbarcheranno presto a Cayo Cochinos.

Si tratta di Emanuela Tittocchia, Manuela Ferrera, Rosaria Cannavó e Ludovico Vacchelli. Ma la produzione è in trattativa anche con Ignazio Moser che dovrebbe firmare a breve il contratto. Alcuni di loro potrebbero raggiungere gli altri concorrenti nella puntata odierna.


Condividi su
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
Continua a leggere
Advertisement

Seguici su:

Di tendenza

Maridacaterini.it è una testata giornalistica iscritta al registro della stampa del tribunale di Roma, al numero 187/2015 - P.Iva 05263700659 – Tutti i diritti riservati

Copyright © 2021 www.maridacaterini.it