Realiti – Siamo tutti protagonisti | Lucci con Asia e Morgan prova a sostituire Live non è la D’Urso


Realiti - Siamo tutti protagonisti | Lucci con Asia e Morgan prova a sostituire Live non è la D'Urso. Il conduttore ed ex Iena intervista Marco Castoldi, in arte Morgan e tenta di ironizzare sui programmi della D'Urso.


I concorrenti della serata sono: Diletta Leotta, Emis Killa, Barbara D’Urso, Bobo Vieri, Generale Marasco.

Diletta Leotta,  è ritornata single, dopo la fine della relazione con Matteo Mammì, ed in molti vorrebbero tentare di conquistare il suo cuore. Qualche giorno prima del realiti la conduttrice ha ricevuto un e-mail d’amore: Io non sarò mai geloso della sua famiglia, carriera, amici, hobby, e amiche, ho una mentalità molto aperta, e sono in cerca della mia anima gemella. Alla dichiarazione è seguito un  misterioso mazzo di 100 rose rosse con un bigliettino firmato M.B.

Lucci si interroga riguardo al nome del possibile spasimante della Leotta, possibile che sia proprio Silvio Berlusconi?

Intanto, chiede al commentatore Aurelio Picco quale sia il suo rapporto con i regali, e gli omaggi: Ho un ottimo rapporto con i fiori, me li portano tutte le mattina, io ricevo i regali, non li dono, mi piacciono più i garofali che le rose.

Asia Argento interviene: Per me sta dicendo un sacco di balle, a me imbarazza ricevere regali.

Diletta Leotta, ottiene 67 punti.

Il secondo concorrente è il rapper Emis Killa, Emiliano Rudolf Giambelli, ha 29 anni ed è nato a Vimercate. Sui social mostra la sua vita con le sue piccole difficoltà quotidiane: massima solidarietà per tutti gli uomini che vivono da soli, io sono fortunato ad avere la mia donna che si occupa di tutto. Attivo anche su Twitter, ha scritto: A una donna non dovrebbero mai puzzare le ascelle. Neanche se fa la maratona di New York. Che incubo. Ciò ha scatenato una vera e propria polemica tra le femministe, ed il rapper si è difeso dicendo: è ironia, non ho detto nulla di male.

A riguardo il rapper napoletano Luchè risponde: Emis Killa è un mio grande amico, lo conosco ed è un signore, ha fatto una battuta un po’ scomoda, il problema dei social è la possibilità di esprimere dei pareri inutili.

Asia Argento non è d’accordo con i rapper, a lei piace sentirne l’odore dell’ascella pezzata, e trova sconvolgente che abbia bisogno della fidanzata per pulire casa. Mentre Aurelio sostiene che sentire l’odore di una donna simile allo stecco dei cavalli sia una caratteristica seducente.

Emis Killa, riceve 55 punti dalla Giuria Popolare.

Adesso è il momento dell’intervista esclusiva, a Valeria Marini, attivissima sui social. Su Instagram condivide la sua intera giornata, dalla colazione, ai selfie, all’allenamento in palestra con i suoi esercizi stellari. A breve la show girl diventerà cantante, con il lancio del suo nuovo singolo, Me gusta la vita stellataDice di preferire il mare, e di aver ripreso i rapporti con l’ex Patrick in amicizia. Sa suonare bene il pianoforte, avendo fatto il conservatorio, e ha conosciuto Salvini, in una pista di ghiaccio a Milano; confessa di averlo votato a tutte le elezioni.

Il prossimo concorrente è Barbara D’Urso, ha 62 anni e viene da Napoli. Per partecipare al realiti è passata da conduttrice a youtuber. Ha conquistato le classifiche con la canzone Dolce amaro, e ci ha presentato il suo nuovo fidanzato (un grosso orsacchiotto di peluche).

Il conduttore Enrico Lucci, è invidioso del successo dei programmi della conduttrice, Aurelio fino a poco tempo fa non conosceva la sua esistenza, e Asia Argento, non è d’accordo con l’idea della D’Urso di dover regalare per forza un sorriso agli spettatori, parlando in modo superficiale di argomenti importanti. Luchè sostiene che i suoi programmi nascondano agli italiani la realtà in cui vivono.

Barbara D’Urso ottiene 54 punti.

Il prossimo servizio riguarda Morgan e Asia . Lucci vuole mettere pace tra i due e decide di andare ad intervistare Morgan: Siamo arrivati a fare dei figli, perché ci amavamo, non sopporto che ci si attacca tramite giornali, e se lo facciamo è perché siamo emotivi, ed io ho sbagliato mille volte. Il mondo della televisione ci porta a mostrare il lato peggiore di noi.

Asia Argento interviene dicendo: io sono la madre di sua figlia, però lui è il padre di mia figlia e vorrei che se ne occupasse, facendo meno teatrini, l’ho lasciato 13 anni fa, e adesso non mi emoziona più.

Il quarto concorrente è Bobo Vieri, fidanzato con Costanza Caracciolo, è da poco diventato papà. I due sono molto riservati nel mostrare la figlia, ed i 3 giudici concordano con la sua decisione.

Ottiene 85 punti.

Prossimo servizio della serata riguarda l’allattamento. Lucci intervista delle mamme, i cui figli già grandi rispettivamente 4 e 5 anni vengono allattati. I pediatri e le maestra a scuola consigliano di smettere in modo da tutelare l’autonomia del bimbo ormai all’asilo, ma le mamme hanno il timore che questo possa avere delle brusche conseguenze.

A tal proposito l’ospite Andrea Parri, pediatra e docente della scuola di specializzazione di Siena, sostiene che non ci sia un termine massimo per l’allattamento, ma Roberto Albani, pediatra e psicologo, è del parere che nel giro del primo anno e mezzo il bimbo per poter crescere deve iniziarsi a staccare dal latte materno.

Il quinto concorrente è il Generale Marasco,  che chiede alle autorità di tutelare i minori di 18 anni, limitando  l’accesso ai sexy shop, tramite veri e propri distributori.

A tal proposito, Mauro Casciari ci racconta la facilità, tramite il web, di poter diventare un porno attore, come è successo a Max Felicitas, che nonostante la giovane età ha già inaugurato la propria casa di produzione.

Ottiene 77 punti.

Il vincitore della serata è Barbara D’Urso.



0 Replies to “Realiti – Siamo tutti protagonisti | Lucci con Asia e Morgan prova a sostituire Live non è la D’Urso”

Lascia un commento

Riempi tutti i campi per lasciare un tuo commento. Il tuo indirizzo non verrà pubblicato

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>
*