Connect with us

Intrattenimento

Maledetti Amici Miei – la prima puntata con Carlo Verdone

Giovanni Veronesi, Rocco Papaleo, Sergio Rubini e Alessandro Haber all'esordio nel nuovo spettacolo di Rai2, tra storie, ricordi e commedia all'italiana. Insieme a loro, Margherita Buy e Max Tortora. Ospiti della prima puntata Carlo Verdone e Giuliano Sangiorgi
Alessandro De Benedictis

Pubblicato

il

Giovanni Veronesi, Rocco Papaleo, Sergio Rubini e Alessandro Haber all'esordio nel nuovo spettacolo di Rai2, tra storie, ricordi e commedia all'italiana. Insieme a loro, Margherita Buy e Max Tortora. Ospiti della prima puntata Carlo Verdone e Giuliano Sangiorgi
Condivi su
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

Maledetti Amici Miei – Carlo Verdone Nella Prima Puntata

Lo spettacolo nel quale Giovanni Veronesi, Rocco Papaleo, Sergio Rubini e Alessandro Haber raccontano non solo la loro amicizia e le loro carriere, ma ripercorrono anche la grande storia della commedia all’italiana. Con un titolo ispirato all’indimenticabile film “Amici miei” di Mario Monicelli.
A completare il cast di tutto rispetto, Margherita Buy e Max Tortora, mentre gli ospiti della prima puntata sono stati Carlo Verdone e Giuliano Sangiorgi, cantante della band salentina dei Negramaro.

I quattro protagonisti di Maledetti Amici Miei sono considerati tra i più apprezzati attori e registi della loro generazione, sono amici da trent’anni ed hanno collaborato in decine di commedie e spettacoli teatrali.

Per usare le loro parole, hanno deciso di “vuotare il sacco, senza freni e senza pudori”, con uno show ironico, divertente e dissacrante, fatto di musica e recitazione, monologhi e spettacolo, risate e nostalgia, amicizia e trabocchetti.

Maledetti Amici Miei – Appuntamento settimanale su Rai 2

Uno spettacolo a settimana, accompagnato dalla superband formata Roberto Dell’Era (basso chitarra e voce), Federico Poggipollini (chitarra e voce), Beppe Scardino (sax e flauto), Simona Norato (piano, chitarra e voce), Valeria Sturba (theremin, sinth e voce) e Sergio Carnevale (batteria e voce).

Maledetti Amici Miei - Appuntamento settimanale Rai 2
Per metà, è il gruppo musicale molto apprezzato al Dopofestival di Sanremo 2019, condotto proprio da Rocco Papaleo, insieme ad Anna Foglietta e Melissa Greta Marchetto.

Maledetti Amici Miei – Paolo Conte 

Ma se parliamo di musica, la vera star di Maledetti Amici Miei sarà Paolo Conte. Sebbene solo durante la sigla, parteciperà a ciascuna puntata con la reinterpretazione delle sue storiche canzoni.

Di seguito potrete ripercorrere la diretta di Maledetti Amici Miei.

Maledetti Amici Miei - Paolo Conte  e la sua musica

Durante l’anteprima, i quattro protagonisti si prendono in giro tra di loro, scherzando sull’esordio e sul patto di sincerità che lo sottende.

Maledetti Amici Miei – Rocco Papaleo apre la trasmissione di Rai 2

Poi, Rocco Papaleo apre lo show e si concede la sua classica ironia: “Rai2 è il canale dei migranti tra Rai1 e Rai3, Rai2 è un compromesso storico, Rai2 è la rete dell’accoglienza”.
Maledetti Amici Miei - Rocco Papaleo apre lo show di Rai 2

La diretta di Maledetti Amici Miei – Haber, Rubini, Veronesi

A lui si aggiungono, via via, Giovanni Veronesi, Sergio Rubini e Alessandro Haber. Ciascuno prendendo simpaticamente in giro l’altro per presentarlo.
La diretta di Maledetti Amici Miei - Haber, Rubini, Veronesi

Ed eccola, la sigla cantata da Paolo Conte. Si tratta della canzone “Azzurro”.

Maledetti Amici Miei – Il regista Giovanni Veronesi si diletta anche come operatore

Giovanni Veronesi, Rocco Papaleo, Alessandro Haber e Sergio Rubini scendono dalla terrazza e lo raggiungono nello studio di registrazione, dove canta insieme ad una piccola orchestra.
Il regista Giovanni Veronesi partecipa anche come operatore, riprendendo in prima persona l’esibizione di Paolo Conte. “Servili, servilissimi!”, si raccomandano a vicenda al cospetto di un idolo.
Maledetti Amici Miei - Il regista Giovanni Veronesi si diletta anche come operatore

Subito dopo, i quattro tornano sul palco. L’ottima scenografia li colloca in cima ad un palazzo, sulla terrazza, tra i tetti e le antenne degli edifici vicini, al chiaro di luna piena.

Giovanni Veronesi parla di un amico al piano di sotto. Il vicino è niente meno che Giuliano Sangiorgi, cantante dei Negramaro. Veronesi e i suoi sodàli gli chiedono con immancabile ironia di preparare una sigla di chiusura.

Alessandro Haber e Sergio Rubini raccontano il mondo del cinema visto da loro, con due monologhi. 
Il punto di vista è quello di giovani attori alle loro prime esperienze importanti. Tra gaffe e personaggi grotteschi sul set e nelle produzioni.
Il racconto, com’è ovvio, è solo ispirato alle loro esperienze, ma di certo realistico.

Poi, Rocco Papaleo si concede una breve presentazione della band, che chiama i “Famiglia Papaleo”. Evidentemente, per rimarcare proprio la continuità con la sua esperienza a Sanremo 2019.

Mentre il monologo successivo è di Giovanni Veronesi. Scherzando, racconta aneddoti verosimili della sua esperienza pluridecennale di regista.

Sul finale, introduce Max Tortora, che si presenta al pianoforte.

 

Accompagnato al piano dal Maestro Stefano Scartocci, gioca con le interpretazioni di alcuni capolavori della canzone italiana e internazionale. Dalle canzoni di Sergio Endrigo a quelle di Antonello Venditti, Gipsy kings, Patty Pravo, Franco Battiato e Simply Red, sottolinea come cambi il senso dei testi al variare dell’espressività o di solo piccole parti dei versi.

Dopo una parentesi in cui vengono prese di mirà l’età e la scarsa tenuta fisica di Alessandro Haber, è il momento di Margherita Buy. Sbuca dalla finestra di una mansarda del palazzo di fianco e parla di ansia. “In effetti, sei Professoressa di ansia”, le dice Giovanni Veronesi.

Il suo è un elogio scherzoso e paradossale dell’ansia come fonte di virtù, dei suoi presunti lati positivi in termini di difesa dalle minacce. Il suo appello ai genitori: “Mettete tantissime ansie ai bambini. Ansia e una fraccata di fobie, così non andranno da nessuna parte”.

Alessandro Haber, a stretto giro, presenta Carlo Verdone.
Da appasisonato di musica rock e batteria, l’attore e regista non poteva che annunciarsi alle percussioni, insieme alla resident band.

Maledetti Amici Miei - la prima puntata con Carlo Verdone

 

Carlo Verdone ha collaborato in molti film con tutti i protagonisti di Maledetti Amici Miei. Sia da attore che da regista.

Racconta proprio una di queste esperienze: quella con Margherita Buy sul set di “Maledetto il giorno che t’ho incontrato”, film del 1992. Uno dei momenti più famosi in quella pellicola è il bacio appassionato tra i due, per il quale, però, sono serviti molti ciak (più di 30) a causa di un temporale che terrorizzava la Buy.

Riprese a cui sono legati altri momenti esilaranti durante le settimane passate in Inghilterra. Come la scoperta di una stramba collezione di sculture.

I ricordi, poi, continuano con gli aneddoti di altri film, a cominciare da quelli legati a “Italians”, del 2009, diretto da Giovanni Veronesi. In quel caso, tra le scene ad esser rimaste impresse nella mente degli spettatori c’è quella del massaggio sadomaso in cui il personaggio interpretato da Verdone si trovò coinvolto inconsapevolmente, dopo essersi appartato con una prostituta. Giovanni Veronesi ricorda divertiro come fece usare una vera frusta per quel girato all’insapita di Verdone.

E poi gli fa una sorpresa: fa entrare l’attrice che interpretava la escort, la russa Ekaterina Malikova. Propone anche che rifacciano la scena in cui lei le mette in bocca un’oliva già premasticata.

Il momento con Carlo Verdone finisce subito dopo, con una certa frettolosità.

Intanto, dopo un nuovo monologo di Sergio Rubini, Giovanni Veronesi si affaccia dalla terrazza per accertarsi che Giuliano Sangiorgi stia componendo la sigla di chiusura. Ma gli strani rumori dal bagno e i versi smozzicati non promettono nulla di buono…

Allora, per adesso canta Alessandro Haber. Prima di concedergli il palco, però, i compagni gli controllano la pressione, prendendolo nuovamente in giro per la sua anzianità rispetto a loro.

Una volta accertate le sue buone condizioni, Sergio Rubini lo introduce con un annuncio in perfetto stile sanremese. Sbaglia di proposito il suo nome, più volte, confondendolo con Giorgio Gaber, per sottolinearne l’inesistenza come cantante.

Haber canta “Margherita” di Riccardo Cocciante. Una versione molto personale (se vogliamo, a tratti imprecisa), ma intensa.

Una sirena annuncia l’inizio della fascia di “seconda serata”. Giovanni Veronesi, Sergio Rubini, Alessandro Haber e Riocco Papaleo suonano la carica della trasgressione e invitano tutti a mollare i freni inibitori.

La band alimenta l’atmosfera con un rock incalzante, mentre Veronesi raggiunge un’anziana signora seduta in platea e la convince a dire una parolaccia. Lo stesso fa Rubini che esorta il pubblico a lasciarsi andare agli istinti sessuali.

Sulle esperienze sessuali di Rocco Papaleo ironizzano anche lo stesso Papaleo e Veronesi.

È il prologo del monologo successivo di Rocco Papaleo, sulla sua prima volta.Impacciato, goffo, in tenda da campeggio con una ragazza alla quale non piaceva granché. Tutto chiuso con una scena ridicola di fronte ad una famiglia che campeggiava nella tenda vicina.

Si tratta di un monologo già recitato dall’attore lucano in altre occasioni, tra i suoi più conosciuti.

Chiude cantando “È l’amore che se ne va” – canzone scritta da lui -accompagnato dalla band.

 

Lo spazio successivo è per Max Tortora, nei panni di uno strambo attore fittizio: Sergio Appizzo. Un suo tic non proprio edificante (perfettamente in linea con il suo cognome), dicamo così, manda all’aria tutte le scene in cui si cimenta.

 

I quattro protagonisti della serata proseguono partecipando al monologo di Alessandro Haber sull’amicizia e l’onestà.

Un momento intenso, in cui tutti sfoggiano un bel ritmo.

 

Infine, arriva Giuliano Sangiorgi a cantare la bella sigla di chiusura. Un brano scritto appositamente per lo show e che calza alla perfezione – benché più intimista – con le atmosfere vissute durante la serata.

Durante i saluti, ciascuno dei protagonisti fa una dedica per la serata. Margherita Buy la dedica a Madre Terra, Sergio Rubini – con sarcasmo verso i razzisti – ai migranti, Rocco Papaleo ed Alessandro Haber alle loro figlie. Giovanni Veronesi sceglie di dedicare lo show ad Emma Marrone.

Maledetti Amici Miei si chiude qui. 

Un programma che mancava da tempo alla voce intrattenimento. Una buona idea, scritta, costruita e portata in scena bene per essere uno svago leggero, di certo senza pretese “alte”, ma coinvolgente e divertente.Tutti i protagonisti sono stati decisamente all’altezza, tra sprazzi di cinema, tanto teatro, commedia, comicità e buona musica.

Oltretutto, senza forzature, tentativi di passaggi iperbolici o di strappare risate a tutti i costi: lo show non ha perso mai di tono, facendo leva solo sulla forza della sua costruzione. Un racconto di se stessi e della commedia sceneggiato ad arte per farsi verosimile, per farsi spettacolo.

Nel quadro complessivo ciascuno sembra aver dato il suo meglio, in perfetta armonia con tutto il resto, con buoni tempi. Così come è da sottolineare la scenografia, notevole per un programma televisivo di questo tipo.

Se volessimo trovare qualche difetto, potremmo tirare in ballo i cliché tematici o alcune “cadute” nei testi, qua e là. Non abbiamo potuto captare chissà quali spunti di riflessione e andare oltre l’autoreferenzialità insita nell’idea di base.
Ma ad emergere è comunque la solidità dello spettacolo. In pochi, tra coloro che hanno fatto intrattenimento negli ultimi anni, possono vantare la certezza di aver reso la prima serata godibile come è riuscito a fare Maledetti Amici Miei.


Condivi su
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
Continua a leggere
Advertisement
Clicca per commentare

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Intrattenimento

Sanremo 2021 diretta 6 marzo: serata finale del Festival, proclamazione del vincitore

Nella quinta ed ultima serata riascoltiamo le canzoni dei 26 Big in gara. Amadeus annuncia vincitore della 71° edizione.
Irene Verrocchio

Pubblicato

il

Sanremo 2021 diretta 6 marzo Rai 1 Amadeus
Condivi su
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

Sabato 6 marzo, in diretta dalle 20:40 su Rai 1Amadeus conduce la serata finale del Festival di Sanremo 2021. 

Il conduttore è affiancato da Giovanna Botteri, ultima delle co-conduttrici che si sono alternate nel corso delle cinque serate. Assente invece Simona Ventura dopo la positività al Covid. Previste nuovamente le incursioni di Fiorello e di Zlatan Ibrahimovic. Achille Lauro, inoltre, illustra il suo ultimo Quadro.

Ecco l’ordine di uscita dei 26 Big in gara: Ghemon, Gaia, Irama, Gio Evan, Ermal Meta, Fulminacci, Francesco Renga. Seguono Extraliscio feat Davide Toffolo, Colapesce Dimartino, Malika Ayane, Francesca Michielin e Fedez, Willie Peyote, Orietta Berti, Arisa, Bugo. E ancora Maneskin, Madame, La Rappresentante di Lista, Annalisa, Coma_Cose, Lo Stato Sociale, Random. Ultimi ad esibirsi Max Gazzé, Noemi, Fasma e Aiello.

Gli ospiti dell’ultima serata sono Ornella Vanoni, Francesco Gabbani, Riccardo Fogli, Michele Zarrillo, Umberto Tozzi. Previsti inoltre Paolo Vallesi, Dardust, Urban Theory. Ma anche le attrici Serena Rossi e Tecla Insolia. Il conduttore accoglie anche Alberto Tomba e Federica Pellegrini.

 Nella finale viene svelato il vincitore della 71° edizione della kermesse.

Sanremo 2021 diretta 6 marzo Banda Marina

Sanremo 2021, la diretta del 6 marzo

Nel segmento PrimaFestival con Giovanna Civitillo, Giovanni Vernia e Valeria Graci vanno in onda interviste flash a La Rappresentante di classe, gli Extraliscio e Madame.

Nella diretta del 6 marzo si esibisce, in apertura, la Banda Musicale della Marina Militare, che interpreta l‘Inno di Mameli. I musicisti abbandonano gradualmente il palco dell’Ariston suonando l’Inno a San Marco.

Prima di dare il via alla gara Amadeus ricorda i codici dei singoli artisti per il televoto. Stasera spetta infatti al pubblico esprimere le proprie preferenze tra i 26 Big in gara.

Sanremo 2021 diretta 6 marzo Ghemon

Ad aprire le danze è Ghemon, che canta Momento Perfetto. Segue Gaia con Cuore Amaro, dalle atmosfere autobiografiche. Terzo protagonista è Irama, che in questa edizione del Festival non è potuto essere fisicamente presente in quanto due membri del suo staff sono positivi al Covid. Per tale ragione la kermesse ha scelto di mandare nuovamente in onda la registrazione della prova generale. Il titolo del suo brano è La genesi del tuo colore.

Sanremo 2021 diretta 6 marzo Gio Evan

Quarto Big in gara a raggiunge il palco è Gio Evan, con il brano struggente Arnica.

Fiorello omaggia Little Tony, scomparso nel 2013, con un medley dei suoi brani più celebri. Sono La Spada nel cuore, La donna di picche, Quando vedrai la mia ragazza, Cuore Matto, Riderà. Per l’occasione indossa una riproduzione di una delle tipiche giacche di Little Tony. Ha scelto un modello rosso con frange.

Sanremo 2021 diretta 6 marzo Fulminacci

Sanremo 2021, Meta, Fulminacci, Renga, Extraliscio

Il quinto artista ad esibirsi è Ermal Meta, con la canzone d’amore Un milione di cose da dirti. E’ considerato uno dei potenziali vincitori del Festival. Segue il giovane cantautore Fulminacci con Santa Marinella.

Amadeus accoglie Zlatan Ibrahimovic, che illustra come è formata la squadra di calcio sanremese. Zatlan ed Ibra come attaccanti, Fiorello come centrocampista. L’Orchestra del Festival in difesa mentre Amadeus ricopre il ruolo di portiere.

Segue l’interpretazione di Francesco Renga con Quando trovo te. Anche Renga è amante del calcio ed ha confessato di aver chiesto un autografo all’attaccante del Milan. I prossimi a salire sul palco sono gli Extraliscio con Davide Toffolo (della band Tre allegri ragazzi morti). Il loro brano è Bianca Luca Nera.

Sanremo 2021 diretta 6 marzo, Serena Rossi

Amadeus presenta l’attrice Serena Rossi, reduce dal successo della fiction Mina Settembre. Ma torna venerdì in onda con lo show La canzone segreta. I protagonisti saranno la Musica e le emozioni. La Rossi dedica poi al conduttore A te di Jovanotti, canzone segreta appunto da Amadeus.

Sanremo Colapesce DiMartino

I successivi Big in gara sono Colapesce e Dimartino con Musica leggerissima, considerata la canzone preferita dalla Sala Stampa. E’ infatti una delle composizioni più orecchiabili di questa edizione del Festival.

Sanremo 2021 Malika Ayane

La prossima artista è Malika Ayane che interpreta Ti piaci così, attualmente al nono posto nella classifica generale.

Sanremo 2021 diretta 6 marzo Fedez Michielin

Francesca Michielin e Fedez cantano invece Chiamami per nome. I due giovani protagonisti avevano già collaborato insieme in passato nel duetto il Cigno Nero.

Sanremo 2021 diretta 6 marzo Vanoni

Sanremo 2021, Ornella Vanoni

Amadeus è felice di accogliere sul palco Ornella Vanoni. Regala al pubblico alcuni dei suoi capolavori. Sono Una ragione di più, La musica è finita, Mi sono innamorato di te, Domani è un altro giorno. E’ finora il momento più emozionante della kermesse sanremese.

L’interprete viene raggiunta da Francesco Gabbani, autore della musica e del testo dell’ultimo singolo della Vanoni. Ha per titolo Un sorriso dentro al pianto. Gabbani la accompagna al pianoforte e si limita a cantare solo qualche verso per lasciare spazio alla Vanoni.

Il dodicesimo Campione in gara è Willie Peyote con Mai dire mai (la locura).

Cambio d’abito per Zlatan Ibrahimovic per un monologo incentrato su se stesso. Come calciatore ha giocato 945 partite, ha vinto 11 Scudetti ma ha anche perso molti incontri e Coppe importanti. Vuole lanciare il messaggio che attraverso impegno, dedizione, costanza e concentrazione si possono ottenere grandi risultati non solo in campo ma anche nella vita.

Sanremo Tecla Insolia

Sanremo 2021 diretta 6 marzo, Tecla Insolia

Sale sul palco dell’Ariston Tecla Insolia che è la protagonista del film Tv dedicato a Nada dal titolo La bambina che non voleva cantare. La cantante e attrice racconta che attraverso questo progetto ha avuto la possibilità di coniugare le sue grandi passioni, la musica e la recitazione. Amadeus inoltre ricorda che Nada debuttò proprio al Festival di Sanremo del 1969.

Tecla Insolia annuncia la tredicesima Big in gara. E’ Orietta Berti con Quando ti sei innamorato. Segue Arisa con Potevi fare di più, testo scritto da Gigi D’Alessio.

Sanremo 2021 diretta 6 marzo Botteri

Sanremo 2021, Giovanna Botteri

Giovanna Botteri recita alcuni versi del brano di Lucio Dalla L’anno che verrà, che ha molte similitudini con il 2020 che si è da poco concluso. Amadeus ricorda che lo scorso anno quando si iniziava a parlare di Coronavirus era proprio a Sanremo. E non poteva immaginare che quello che stava accadendo in Cina si sarebbe ripetuto poi anche in Italia.


Condivi su
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
Continua a leggere

Intrattenimento

Sanremo 2021 conferenza stampa 6 marzo, tutte le dichiarazioni

Penultimo incontro di Amadeus con la Stampa per la definizione della serata finale della 71° edizione. Tutte le dichiarazioni degli intervenuti.
Irene Verrocchio

Pubblicato

il

Condivi su
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

Alle 12.00 di oggi, sabato 6 marzo 2021, si tiene la conferenza stampa di presentazione della serata finale di Sanremo 2021. Amadeus ed il Direttore di Rete Stefano Coletta rispondono, come di consueto, alle domande e alle curiosità dei giornalisti presenti nella città ligure o in collegamento.

Nella quinta ed ultima serata del Festival di Sanremo Amadeus doveva essere affiancato da Simona Ventura. Ma la conduttrice è assente in quanto è risultata positiva al Covid. E pertanto non può prendere parte alla kermesse canora. Il pubblico ascolta nuovamente i 26 brani dei Big in gara e viene proclamato il vincitore della 71° edizione del Festival di Sanremo. Nella serata del 5 marzo invece Gaudiano ha sconfitto Davide Shorty, Folcast e Wrongonyou conquistando la vittoria nella categoria Nuove Proposte con Polvere da sparo. E la Sala Stampa ha scelto come migliore canzone Musica leggerissima di Colapesce Dimartino.

Al momento nella classifica generale, ottenuta dal voto della Giuria Demoscopica, dell’Orchestra e della Sala Stampa, al primo posto c’è Ermal Meta, seguito da Willie Peyote, Arisa, Annalisa e i Maneskin. I brani meno apprezzati invece sono quelli di Bugo, Random ed Aiello, che occupa l’ultimo posto in classifica.

Sanremo 2021 conferenza stampa 6 marzo Coletta

Sanremo 2021 conferenza stampa 6 marzo, la diretta

Inizia la conferenza. Sono presenti Amadeus, Giovanna Botteri, il Direttore di Rai 1 Stefano Coletta con il suo Vice Claudio Fasulo. Ed ancora il Direttore di RaiPlay Elena Capparelli, ed il sindaco di Sanremo Alberto Biancheri.

Prende la parola il Primo Cittadino della città ligure: “Vorrei ringraziare Amadeus che nelle quattro serate del Festival ha consegnato molti bouquet. Dietro la coltivazione dei fiori c’è molto lavoro e di conseguenza non si tratta solo di messaggio legato all’agricoltura ma anche al turismo. E’ un settore fermo da troppo tempo.”

Stefano Coletta analizza gli ascolti della quarta serata del Festival. La prima parte ha registrato il 43, 3%, quella finale invece il 48,2%, con Share complessivo vicino al 45%. Il Direttore aggiunge che vi è stato un innalzamento di circa 400.000 spettatori.

Il Direttore di Rai 1 tiene a sottolineare che è aumentata percentuale dei telespettatori della fascia 14-24 anni; rispetto allo scorso anno. E’ il frutto di un cambio generazionale nella Rete Generalista. Ed inoltre il Servizio Pubblico è riuscito a mettere in moto un mercato fermo da un anno. I picchi di ascolti si sono registrati soprattutto durante le esibizioni di Annalisa ed Irama.

Segue l’intervento di Elena Capparelli, Direttore di RaiPlay: ” Secondo i dati, sulla piattaforma è aumentata notevolmente  la percentuale di  fruizione dei giovani. In particolare quelli nella fascia 25-34 anni che è cresciuta del 120%. I video più visti ieri sono quelli riguardanti i Maneskin con Manuel Agnelli, Achille Lauro. Gli utenti si soffermano in media 6 minuti e scelgono soprattutto le clip”.

Sanremo 2021 conferenza stampa 6 marzo Botteri

Sanremo 2021 conferenza stampa 6 marzo, Amadeus, Botteri

Nel corso della conferenza stampa interviene Amadeus: ” Oggi prenderò solo pochi minuti per lasciare maggior spazio agli altri presenti. Non speravamo in questi dati di ascolto e di fruizione ma lo sognavamo. Si è trattata di un’edizione complessa e per tale ragione voglio ringraziare tutti coloro che hanno contribuito alla realizzazione della kermesse.”

A prendere la parola è Giovanna Botteri: ” Sono così emozionata che non sono riuscita a dormire questa notte. Questa edizione del Festival non intende dimenticare ciò che è accaduto nell’ultimo anno ma vuole accarezzare il dolore. Sono un po’ tesa in quanto nel mio lavoro, come inviata di Guerra e non solo, mi trovo spesso sola davanti alla telecamera. Sanremo vuole diventare un segnale di rinascita dopo un periodo che stravolto le nostre esistenze”.

Sanremo 2021 Achille Lauro

Prende parte alla conferenza stampa anche Achille Lauro: “In questa edizione non volevo semplicemente ricoprire il ruolo di ospite fisso. Ma avevo voglia di intraprendere un viaggio musicale attraverso delle rappresentazioni, per raccontare l’essenza di alcuni generi musicali. Abbiamo scelto il Glam Rock, Rock n roll, Pop ed il Punk. Questa sera invece proporrò il mio brano C’est la vie con un omaggio all’orchestra classica”.

Claudio Fasulo invece annuncia che gli ospiti della quinta serata sono Ornella Vanoni con Francesco Gabbani, Riccardo Fogli, Michele Zarrillo, Umberto Tozzi, Paolo Vallesi, Dardust. Presenti anche Alberto Tomba, Federica Pellegrini, Serena Rossi, Tecla Insolia, La Banda della Marina Militare. Attraverso Tomba e Pellegrini, il pubblico verrà chiamato a decidere il logo delle Olimpiadi invernali di Milano-Cortina 2026. Nella finale i brani vengono votati dal televoto. Una volta ottenuto il podio sarà compito della Giuria Demoscopica, Sala Stampa ed Orchestra decretare il vincitore.

Sanremo 2021 conferenza stampa 6 marzo domande

Le domande dei giornalisti

Domanda per Stefano Colletta. Volevo chiedere al Direttore di Rai 1 se è prevista una terza conduzione di Amadeus. E se il prossimo anno il Festival sarà ancora di più rivolto ai giovani anche attraverso la conduzione.

“Al momento non abbiamo ancora ragionato su quanto fare per il prossimo anno ma il ringiovanimento dei volti e dei linguaggi deve arrivare gradualmente. Bisogna infatti unire volti nuovi con quelli di riferimento della Rete. Il lavoro di un Direttore è comunque di rimanere al passo con i tempi e sto cercando di farlo anche con Sanremo. Quest’anno ad esempio nel day time ho scelto che alla conduzione ci fossero molti giornalisti in previsione di una stagione quasi interamente dedicata al Covid. “

Interviene Amadeus: “Come vi avevamo già anticipato non ci sarà una terza edizione con Amadeus e Fiorello, per nostre scelte personali. Per me Sanremo è un evento, è un progetto e non è un programma televisivo. Se la Rai prossimamente vorrà richiamarci, valuteremo. Ma ci tengo a ringraziare l’azienda perché mi ha regalato due anni che non dimenticherò mai. Ma non vedo l’ora di tornare ai miei giochi, i miei quiz, alla normalità”.

Sanremo 2021, Amadeus irritato dalla domanda di un giornalista

Amadeus si indispettisce quando un giornalista gli domanda a che ora la Sala Stampa otterrà i risultati delle classifiche. Ma il conduttore specifica che non si può prevedere. Sottolinea inoltre che già che nella serata di ieri, la chiusura era prevista alle 2:50. Ma è riuscito a recuperare ben 45 minuti, terminando alle 2 di notte.

Domanda per Achille Lauro. Le piacerebbe avere un ruolo ancora più importante a Sanremo? 

“Non credo di essere in grado di ricoprire il ruolo di conduttore perché il mio universo è la musica. Quest’anno invece potevo limitarmi alla semplice promozione della mia musica. Ma ho scelto di realizzare qualcosa di più profondo con il viaggio nei generi musicali attraverso i Quadri. Non ho bisogno di essere considerato solo come trasgressivo e non cerco visibilità perché lavoro tanto.”

Un altra domanda verte sull’eventuale abuso dell’Autotune. ” Non sono assolutamente d’accordo perché non vi è stato alcun uso eccessivo dell’Autotune” (Amadeus).  “L’Autotune nell’edizione ancora in corso è utilizzato solo come effetto e non come correttore di voce” (Fasulo).

Il giornalista successivo chiede maggior impegno da parte della Rai nella divulgazione delle notizie, in quanto le testate hanno dei tempi da rispettare per la pubblicazione. 

“Sapete molto bene come la Rai abbia rispetto per il vostro lavoro. Faremo il possibile per darvi la possibilità di  lavorare al meglio. Vi ricordò però che lo scorso anno, ad esempio, una testata diede in anticipo la notizia del vincitore di Sanremo 2020, venendo meno agli accordi.”

Sanremo 2021 conferenza stampa 6 marzo ultime domande

Sanremo 2021 conferenza stampa 6 marzo, altre domande

Domanda per Giovanna Botteri. Cosa dobbiamo aspettarci da lei questa sera? Seguiva da bambina il Festival?

“Uno dei motivi per i quali sono tesa è che non so esattamente cosa farò. Di certo non canterò perché sono stonata, sul ballo invece potrei rifletterci, soprattutto sul tango. Incrociamo le dita e non siate troppo cattivi con me. ” ed aggiunge “Certo che da piccola seguivo il Festival perché è rappresenta da sempre un importante momento di aggregazione. Tra le mie canzoni preferite ci sono Il cuore è uno zingaro, E dimmi che non vuoi morire di Patty Pravo.”

Anche una giornalista in collegamento rivolge una domanda a Giovanna Botteri. Cosa si sente di dire sulle  critiche generiche al suo look? E soprattutto quando tornerà in Cina?

“Tornerò in Cina intorno ai primi giorni di aprile. Quanto al mio look anche se non rispettiamo i canoni estetici che la società ci impone non dimentichiamoci mai di essere persone. In fondo il mio ruolo lavorativo non è di apparire bensì di fare informazione.”

Sanremo 2021 giornalisti

Sanremo 2021 conferenza stampa, ultime domande dei giornalisti

Altra domanda. Come è stato scelto l’ordine di uscita dei cantanti nella finale?

“Come sempre cerchiamo di lavorare sulla rotazione di tutti i partecipanti in gara cercando di non penalizzare nessun protagonista.” (Claudio Fasulo).

Domanda successiva per Amadeus. Perché l’appello dei lavoratori dello spettacolo è andato in onda così tardi? Ed era necessario l’intervento di Amadeus e Fiorello con i turbanti nel tributo di Enzo Avitabile a Carosone?

“Il momento dedicato all’appello dei lavoratori dello spettacolo ha ottenuto lo stesso un buon indice di ascolto. E abbiamo scelto quella collocazione in base alle nostre esigenze televisive confrontandoci ovviamente anche con i protagonisti. Per quanto riguarda l’omaggio a Carosone, Avitabile è stato ben felice di accettare la nostra presenza ironica”.

Ultima domanda per Amadeus. Saranno presenti i conduttori del PrimaFestival nella Finale della kermesse? “No, non saranno sul palco questa sera Giovanna Civitillo, Giovanni Vernia, Valeria Graci”. 

 


Condivi su
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
Continua a leggere

Intrattenimento

Sanremo 2021 conferenza stampa 5 marzo, tutte le dichiarazioni

Nuovo incontro di Amadeus con i giornalisti per la definizione della quinta serata del festival della canzone italiana. Tutte le dichiarazioni.
Lorenzo Mango

Pubblicato

il

Sanremo 2021 conferenza stampa 5 marzo
Condivi su
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

Alle 12.00 di oggi, venerdì 5 marzo 2021, si tiene la conferenza stampa di presentazione della quinta serata di Sanremo 2021.  Il conduttore e direttore artistico Amadeus e il responsabile di Rai 1 Stefano Coletta rispondono alle domande dei giornalisti in sala stampa, o in collegamento.

La puntata di questa sera, dalle 20.40 su Rai 1, è decisiva per le Nuove Proposte. Infatti, la Giuria Demoscopica, la Giuria della Sala Stampa e il pubblico, attraverso il televoto, decidono chi dei quattro finalisti in gara è il vincitore. Inoltre, tutti i 26 cantanti della sezione Big si esibiranno nuovamente con i loro brani, e riceveranno il voto della sala stampa. Si forma così una nuova classifica generale alla quale manca solo l’apporto del televoto; che giunge, infine, nel corso dell’ultima puntata di sabato 6 marzo 2021.

Inoltre, stasera le co-conduttrici raddoppiano. Con Amadeus e Fiorello sul palco dell’Ariston ci saranno la giornalista Barbara Palombelli, e la direttrice d’orchestra Beatrice Venezi. Prevista, poi, anche un’esibizione di Mahmood. E l’immancabile quadro musicale dell’ospite fisso Achille Lauro.

Sanremo 2021 conferenza stampa 5 marzo, la scaletta

Questi i nomi dei cantanti in gara per la sezione Nuove proposte, con i rispettivi titoli delle canzoni proposte (non sono in ordine di uscita):

  • Davide Shorty con “Regina”
  • Wrongonyou con “Lezioni di volo”
  • Folcast con “Scopriti”
  • Gaudiano con “Polvere da sparo”

Infine, ecco la scaletta della serata in ordine alfabetico:

  • Aiello con “Ora”
  • Arisa con “Potevi fare di più”
  • Annalisa con “Dieci”
  • Colapasce & Dimartino con “Musica leggerissima”
  • Coma_Cose con “Fiamme negli occhi”
  • Fasma con “Parlami”
  • Francesca Michielin & Fedez con “Chiamami per nome”
  • Francesco Renga con “Quando trovo te”
  • Ghemon con “Momento perfetto”
  • Irama con “La genesi del tuo colore”
  • Madame con “Voce”
  • Maneskin con “Zitti e buoni”
  • Max Gazzè e La Trifluoperazina Monstery Band con “Il farmacista”
  • Bugo con “E invece sì”
  • Ermal Meta con “Un milione di cose da dirti”
  • Extraliscio feat. Davide Toffolo con “Bianca luce nera”
  • Fulminacci con “Santa Marinella”
  • Gaia con “Cuore amaro”
  • Gio Evan con “Arnica”
  • La Rappresentante di Lista con “Amare”
  • Lo Stato Sociale con “Combat Pop”
  • Malika Ayane con “Ti piaci così”
  • Noemi con “Glicine”
  • Orietta Berti con “Quando ti sei innamorato”
  • Random con “Torno a te”
  • Willie Peyote con “Mai dire mai (La locura)”

Sanremo 2021 conferenza stampa 5 marzo

Sanremo 2021 conferenza stampa 5 marzo, la diretta

Inizia la conferenza, sono presenti con Amadeus, Stefano Coletta, Claudio Fasulo e Ibrahimovich anche Barbara Palombelli, e la direttrice d’orchestra Beatrice Venezi. Maurizio Imbriale, vice Direttore di Rai Digital è in collegamento. Più tardi si collegherà anche il presidente della Regione Liguria Giovanni Toti.

Stefano Coletta propone come di consueto l’analisi della puntata andata in onda ieri sera. La prima parte della terza puntata di Sanremo 2021 ha raggiunto il 42,41% di share, la seconda quasi il 51%. Il direttore si congratula con i cantanti in gara per la loro interpretazione di brani classici della storia musicale italiana. “Il dato più importante è che ieri sera si è raggiunto il boom sull’interazione del trend 15-24 anni, soprattutto al femminile, l’età media di chi ha guardato il festival è scesa da 55 a 54 anni. Amadeus ha attratto una platea che non è quasi mai davanti a Rai 1. Il canale deve continuare a travasare target.”. 

“I due momenti più visti sono stati alle 21:46, quando Fiorello ha cantato Fatti mandare dalla mamma. Alle 24.38 abbiamo avuto il secondo picco, il 53% di share, con l’esibizione di Madame.” conclude.

Maurizio Imbriale, poi, comunica i dati inerenti le piattaforme digitali. E’ stato registrato un +44%, il momento più visto online è stata l’esibizione dei Maneskin. Le interazioni hanno toccato il +56% solo su Twitter, e il sentiment online è stato estremamente positivo.

Sanremo 2021 conferenza stampa 5 marzo

Sanremo 2021 conferenza stampa 5 marzo, le affermazioni di Amadeus, e di Giovanni Toti

Quindi, parla Amadeus: “Dobbiamo essere sinceri, questo Festival è stato di rottura. Non a caso ho voluto chiamare questa edizione la -settanta più uno-. Sanremo è stato costretto a cambiare, perchè è cambiato il mondo. E volevamo fare un assoluto cambiamento, non un timido cambiamento. Anche per questo non pensiamo a superare record e dati di anni passati. I dati che abbiamo ricevuto sono al di là delle nostre più rosee previsioni. Ma soprattutto, siamo riusciti nell’intento che volevamo, ma non speravamo: i giovani si sono riversati su Rai 1 per vedere il Festival.”

Si collega poi anche Giovanni Toti, presidente della Regione Liguria. “Ringrazio Amadeus e Fiorello, il vostro non è un lavoro facile a Sanremo quest’anno. Sono sempre stato favorevole al Festival: il Covid ha già sufficientemente piegato la nostra civiltà. Non dovevamo consentirgli di cancellare anche Sanremo, con tutte le limitazioni e previsioni del caso. Lo avete ricordato, il mondo dello spettacolo è gigantesco, con tanti che vivono del loro mestiere, non solo vip. Credo sia opportuno si ri-aprano altri palchi dopo Sanremo.”

Sanremo 2021 conferenza stampa 5 marzo, Barbara Palombelli e Beatrice Venezi

Tocca poi a Barbara Palombelli: “E’ strano non essere dalla parte dei giornalisti. Per stasera ho scritto un monologo che parla di me e di Sanremo, dedicato alle donne. E’ una grande occasione per raggiungere un pubblico così ampio. Spero in una primavera di riaperture. Qualcuno ha proposto un ministero del divertimento, credo sarebbe giusto.”.

Quindi, si esprime anche Beatrice Venezi: “Mi sento un po’ una madrina dei giovani che ho seguito già con AmaSanremo. Mi ricordo quando ero bambina, e sognavo le sale da concerto. Mi ritrovo nelle loro emozioni, aspettative e sogni. Sono contenta di poter premiare chi fra loro vincerà. Ci tengo a sottolineare l’aspetto giocoso e ludico della musica. A volte in Italia lo dimentichiamo, spero di poter comunicare questo messaggio questa sera.”.

Amadeus, poco dopo, conferma l’assenza di Simona Ventura per la serata di domani: è risultata positiva al Covid. “Ci tenevo ad averla con me, volevo rivivesse la magia di Sanremo dopo tanti anni. Ma in questi tempi dobbiamo combattere con questioni inimmaginabili. Lei, però, sta bene, spero torni presto a lavorare. Faremo altro insieme in futuro.”

Infine interviene Zlatan Ibrahimovich, che racconta l’inconveniente di ieri sera. “Dopo 3 ore in macchina sono uscito dalla macchina, ho fermato un motociclista, e sapete il resto. Nessuno mi credeva, ma è tutto vero. Ho registrato i video e li ho condivisi apposta. Prima della mia condivisione non lo sapeva nessuno. Avevo un GPS addosso, così se fossi stato portato altrove il mio agente lo avrebbe scoperto.”. 

Sanremo 2021 conferenza stampa 5 marzo

Le anticipazioni sulla scaletta di Claudio Fasulo

Confermata la partecipazione di Mahmood, Alessandra Amoroso, Matilde Gioli ed Emma. Verranno attribuiti il premio Lucio dalla e quello Mia Martini, oltre al premio nuove proposte. Di seguito, proprio l’ordine di uscita delle Nuove Proposte:

  • Davide Shorty
  • Folkast
  • Gaudiano
  • Wrongonyou

Le domande dei giornalisti

Domanda 1: ieri sera ha votato l’orchestra, che però ha posizionato i giovani più in basso nella classifica. La percentuale di giovani fra i Big è stata efficace o no? Il Festival dura troppo? Io proporrei che finisca all’1 di notte per legge.

Risponde Amadeus: “Quando c’è un cambiamento radicale tutti devono avere il tempo di capire e percepire un nuovo mondo. Vale anche per gli esperti, come i musicisti dell’orchestra. Diamo tempo a questi giovani.”. Continua: “La tua valutazione è intelligente, e la proposta si può prendere in considerazione per il futuro. Non so se farò mai un terzo Festival, ma l’idea non è sbagliata. Tuttavia io non voglio far finire il Festival all’1 di notte per forza. Però ho una scaletta molto ricca.”

Coletta aggiunge: “Si può pensare a una scaletta più stringente, ma ti ricordo che anche ai nostri tempi si attendeva con ansia il DopoFestival. La nottata era certa, quindi non ho la certezza che un Sanremo più breve sarebbe meglio. Inoltre, nelle serate in cui cantano tutti i concorrenti si può affinare, ma nonostante il cambiamento di target c’è sempre stata una quota notturna”.

Domanda 2: Fiorello è sembrato stanco e nervoso, è così? Per Ibrahimovich, cosa ne pensi di Achille Lauro? Sarai coinvolto in uno dei suoi quadri?

Inizia Amadeus: “Fiorello sta benissimo, quel che fa sul palco illumina il Festival. E’ indispensabile per il mio Festival.”. Prosegue Ibrahimovich:Non conosco Lauro personalmente.”.

Tensione per Amadeus all’ennesima domanda sulla durata del Festival

Domanda 3: quanto avete volutamente investito nell’intrattenimento digitale?

Risponde Coletta: “Non direttamente, ma le scelte creative di Amadeus e di Fiorello sul palco si muovono in tal senso. Il tempo aumentato dedicato al canto tra Fiorello e Amadeus ne è un esempio. La mancanza del contrappunto del pubblico è stato al centro del Festival, ora non lo è più”. 

Domanda 4: per Barbara Palombelli e Beatrice Venezi, quali sono i vostri momenti preferiti di questa edizione? 

Inizia la Palombelli:La cosa che mi piace di più è il gioco di regia e scenografia.”  Anche la Venezi è concorde.

C’è una certa tensione fra Amadeus e i giornalisti inseguito all’ennesima domanda sui tempi del Festival “E’ una domanda da fare ai prossimi direttori del Festival, non a me. Non potete sempre farmi la stessa domanda” risponde Amadeus.

Domanda 5: per Coletta, c’è un futuro su Rai 1 per Simona Ventura? Per la Palombelli, è più teso il mondo della politica o dell’intrattenimento? 

“Simona Ventura è quasi in debutto per un nuovo programma su Rai 2. Intanto è importante che torni, poi in futuro potrebbe tornare anche su Rai 1.” risponde Coletta. Invece. la Palombelli afferma che “Sono rimasta sorpresa di quanto le persone abbiano voluto fuggire dalle news, c’è bisogno di una fabbrica di serenità come Sanremo.”.

Altre domande dei giornalisti in sala stampa

Domanda 6: per Ibrahimovich, hai avuto paura di viaggiare con il motociclista ieri?

“Non ho paura mai nella mia vita, se avessi pensato positivo non sarei arrivato, invece sono stato positivo e ci sono stato. E poi non avevo molto tempo per pensare, ero già in ritardo. Non mi piace fare tardi, e poi vi ho dato qualcosa su cui scrivere”

Domanda 7: che emozione ti ha dato incontrare Donato Grande, il campione del Poewchair football?

“Sono stato molto contento ed emozionato, bisogna essere disponibili per tutti, siamo tutti uguali. Nel mio mondo del calcio tutti sono accettati e benvenuti quando hai passione.”.

Domanda 8: per Amadeus, le donne non sono state parte di un cast fisso, hanno ruotato tra le serate. Se dovessi fare un terzo Festival prenderesti una compagna fissa?

“Non posso parlare di un terzo Sanremo. Ho voluto fare un Festival al femminile, e per avere più presenze possibile si doveva ruotare.”

Le domande dei giornalisti in collegamento

Domanda 9: per Ibrahimovich, sei stato felice di vedere Sinisa?

“Ogni volta che lo vedo mi emoziona, lo conosco molto bene.”

Domanda 10: non trovo serenità nelle canzoni che ho ascoltato, specialmente in quelle dei giovani. Perchè?

Risponde Amadeus: “Non ho mai parlato di Festival della serenità. La musica esprime molte emozioni diverse. Ho sottolineato che ci sarebbero state canzoni d’amore, e non di lockdown. Nel termine amore sono racchiusi anche amori che finiscono.”

Domanda 11: cosa vi ha spinto a cambiare il metodo di voto della sala stampa? Avete pensato di rendere palesi i voti?

Risponde Fasulo:Volevamo un voto più trasparente e chiaro possibile. Anche in tal senso credo sia comunque da evitare il palesarsi dei voti.”.

Domanda 12: per Amadeus, perchè hai scelto di fare un segno della croce così evidente all’inizio del Festival? Cosa ti ha detto tuo figlio riguardo il Festival?

“Il segno della croce l’ho fatto anche l’anno scorso. Sono molto credente, e ringrazio Dio in ogni momento della mia giornata. Prego solo per la salute però, mai per gli ascolti o altro. Era un segno della croce di ringraziamento, che faccio come può farlo un calciatore che entra in campo; non era pensato o studiato. L’ho fatto naturalmente, non per ostentare o mancare di rispetto a qualcuno. Mio figlio è carinissimo, è il mio superfan. Dice solo cose belle e mi aspetta sempre sveglio, senza lamentarsi se faccio tardi.”.

Le ultime domande dei giornalisti

Domanda 13: per Amadeus, è previsto un collegamento con Simona Ventura domani?

“Non l’ho ancora sentita, ho saputo la notizia mentre venivo qui. Non c’era una scaletta precisa. per il suo intervento; volevo solo un’amica sul palco per condividerlo con me. In futuro mi piacerebbe che venisse con me a giocare per i Soliti Ignoti.”.

Domanda 14: per la Palombelli, ci puoi anticipare cosa farai? Per Amadeus: i mazzi di fiori saranno anche per gli uomini stasera?

Inizia la Palombelli: “Vi assicuro che non canterò. Userò i miei ricordi di Sanremo per parlare alle donne e alle ragazze. In questo momento l’Europa è guidata da donne, dobbiamo partire da questa consapevolezza e darsi da fare.”.

Stasera, ricorda Fasulo, Achille Lauro esplora nel suo quadro il mondo del punk-rock. Domani, poi, sarà presente Ornella Vanoni e Francesco Gabbani insieme. 

 


Condivi su
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
Continua a leggere
Advertisement

Ultime news Sanremo 2021

Di tendenza

Maridacaterini.it è una testata giornalistica iscritta al registro della stampa del tribunale di Roma, al numero 187/2015 - P.Iva 05263700659 – Tutti i diritti riservati

Copyright © 2021 www.maridacaterini.it