Connect with us

Intrattenimento

L’Assedio – diretta 16 ottobre – Daria Bignardi su NOVE

Da stasera in prima serata sul canale NOVE: L'Assedio. Daria Bignardi torna in TV con le sue famose interviste.

Pubblicato

il

Da stasera in prima serata sul canale NOVE: L'Assedio. Daria Bignardi torna in TV con le sue famose interviste.
Condividi su
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

In onda questa sera alle 21.25 sul canale NOVE e in streaming su DPlay, la prima puntata di L’Assedio, il nuovo programma condotto da Daria Bignardi.

La giornalista riappare in TV dopo quattro anni dall’ultima puntata del famoso format Le invasioni barbariche di La 7, in questo periodo è stata direttore di Rai 3 ed ora, grazie a Discovery, è pronta a tornare sul piccolo schermo. 

Per seguire la puntata sui social basta cercare l’hashtag #LAssedio

Seguiamo insieme la diretta della puntata di L’ Assedio del 16 ottobre

Il primo ospite della serata è il Sindaco di Milano è Beppe Sala. Il politico è molto attivo sui social e diversi lo definiscono il più “cool” e a lui piace questa definizione.

Sala: –Io spero che non siano Renzi e Salvini il futuro dell’Italia […] non c’è un dibattito come ad oggi c’è in America.-

Bignardi: – Le piace la politica? –

Sala: -Si, molto e probabilmente sono tagliato per il ruolo di sindaco, per il mio modo di comunicare, non per slogan, ma comunicando con i cittadini per le strade, sono felice. –

Bignardi: –Che bello sentire una persona che si dichiara felice.-

Il sindaco racconta della morte di suo padre e di quando anche lui ha scoperto di avere la stessa malattia.

-Ho fatto molto nella mia vita e non la cambierei con nessun altro.-

L’Assedio – La Bignardi intervista Giorgia Linardi

La prossima invitata è Giorgia Linardi, la portavoce della sea-watch.

Bignardi:  – Perchè ti insultano? –

Linardi: – Perchè non sanno cosa significa vedere una persona che affoga, che sta morendo, è un gesto istintivo tendergli la mano e se non ti viene di fare questo gesto istintivo non sei un essere umano.-

Bignardi : – Nel 2016 ci fu un terribile naufragio, chi era il comandante allora?-

Linardi: – Era Carola (si riferisce a Carola Rackete ) quella fu la prima operazione di soccorso, non tutti sanno che le istituzioni ci hanno inizialmente chiesto di avere delle imbarcazioni più grandi per far salire a bordo le persone e salvarle, prima noi facevamo solo osservazione.- 

Bignardi: – Avrai sentito tante storie ce n’è una in particolare che ti ha segnato?

Linardi: – Mi ricordo di un uomo che ebbe un attacco di panico durante la notte e ripeteva “non sparatemi”. Io l’ho portato in un posto  tranquillo e lui mi ha raccontato che hanno abusato di lui, che l’hanno fatto lottare nudo con un altro uomo fino a quando solo uno è rimasto vivo […] .-

Bignardi : – Perchè vi siete trasformati da angeli del mare ai cattivi? –

Linardi: – É accaduto a Febbraio con la legge Minniti-Orlando quando siamo diventati testimoni scomodi […] La Libia va evacuata.-

La Bignardi mostra alla Linardi e al pubblico un video storico risalente al 1979 quando il governo Andreotti decide l’invio di tre navi verso il Golfo del Siam per salvare 907 profughi in fuga dal Vietnam.

Entra in studio una ragazza, Anna, che all’epoca aveva undici anni ed era una <<boat people>>

Bignardi : -Cosa possiamo fare per sea-watch?-

Linardi: -Informatevi, ascoltate le storie, oggi c’è un barcone pieno di persone in mezzo al mare, è stato avvistato da un aereo, ma è ancora lì, informatevi. Potete fare questo per sea-watch.-

-Se riesco a far presa sulle tue paure, faccio di te ciò che voglio- .

Questa è la frase che meglio riassume questa scioccante, cruda e bellissima testimonianza di Giorgia Rinaldi.

L’Assedio – La Bignardi passa all’intervista con Luciana Litizzetto

Bignardi: – Voglio fare un’intervista un po’ intima con te. Tu sei una malinconica?-

Littizzetto: -No, dai solo a volte, mi sembra di stare dallo psichiatra.-

Tutto lo studio scoppia in una grande risata.

Comincia un servizio sul libro Le corna stanno bene su tutto. Ma io stavo meglio senza! di Giulia De Lellis.

D’altronde Luciana è una grande lettrice e dice : -Io credo che da ogni libro si possa imparare qualcosa, provare una scintilla, un’epifania. Lo candideremo allo Strega!

Arriva in studio il parrucchiere di Giulia De Lellis, Federico Fashion Style, protagonista del suo programma su Real Time che applica a Luciana la sua tecnica con i palloncini.

L’intervista diventa l’escamotage per un piccolo sipario sui programmi Discovery, ironicamente commentati dallo scoppiettante duo Litizzetto-Bignardi.

Il prossimo ospite è Massimo Pericolo, un rapper. Nasce a Milano, la madre e il padre sono separati e lui vive in una stanza con la madre, a 16 anni lascia la scuola e va via di casa. Per mantenersi inizia a spacciare marijuana e viene arrestato, esce dalla cella dopo 4 mesi e passa un altro anno ai domiciliari.

Bignardi: – Nelle tue canzoni racconti di un periodo buio, hai sofferto di depressione?-

Pericolo: – Si a lungo, sono stato per un anno sotto psicofarmaci.-

Bignardi: – La droga aiuta la depressione?-

Pericolo: –No, poi le droghe sono sostanze e un ragazzo non sa usarle. Anche i psicofarmaci creano problemi, ci ho messo tanto ad iniziare a prenderle, mi dicevano che ci sarei “rimasto sotto”.-

Pericolo canta la sua canzone Sabbie d’oro.

Francesco Bianconi frontman dei Baustelle e autore della sigla di L’Assedio legge un pezzo del suo libro in uscita domani, I musicisti arrivano già stanchi negli hotel.

Il programma si conclude con una storia su instagram di Zuzu, talentuosa autrice e fumettista di graphic novel, ideatrice della sigla de L’Assedio.

Finisce così la prima puntata de L’Assedio, la conduttrice dà appuntamento a mercoledì prossimo con un nuovo episodio.

L’Assedio – le nostre opinioni sulla prima puntata

Un programma sorprendentemente interessante nella sua semplicità.

Daria Bignardi si riconferma una certezza, una giornalista che nelle sue interviste non vuole fare sfoggio della sua bravura, ma è realmente interessata alle risposte. É stata impeccabile nel passare da argomenti forti, come quelli affrontati con Giorgia Linardi, a tematiche più leggere, come l’intervista frizzante e spiritosa di Luciana Litizzetto.

Menzione speciale va all’intervista con Giorgia Linardi, ben fatta e soprattutto fondamentale nella televisione di oggi, dove purtroppo è raro sentire racconti reali e autentici di quello che accade intorno a noi.

E poi la sigla realizzata dai Baustelle insieme a Zuzu è meravigliosa. Una scelta contemporanea, particolare, in linea con lo stile elegante e moderno del programma.

Un ottimo inizio per L’Assedio. 


Condividi su
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
Continua a leggere
Advertisement
Clicca per commentare

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Intrattenimento

What They Had film Canale 5 – trama, cast, finale

La malattia di una madre di famiglia è l'occasione per fare i conti con rancori mai sopiti e problematiche tra parenti.

Pubblicato

il

What They Had film Canale 5
Condividi su
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

Canale 5 propone oggi il film dal titolo What They Had. Si tratta di una pellicola di genere drammatico datata 2018.

La produzione degli Stati Uniti d’America, la durata è di un’ora e 38 minuti.

What They Had film attori

What They Had film – regia, protagonisti, dove è girato

La regia è di Elizabeth Chomko. Personaggi principali sono Bridget Ertz e Nicky interpretati rispettivamente da Hilary Swank e Michael Shannon. Nel cast anche Robert Forster nel ruolo di Burt.

Le riprese si sono svolte negli Stati Uniti, in particolare a Chicago nello stato dell’Illinois. Alcuni set hanno avuto come location la città di Los Angeles. La produzione è della Unified Pictures in collaborazione con Bona Fide Productions e Look to the Sky Films.

Il titolo originale coincide con il medesimo scelto per la distribuzione a livello internazionale.

What They Had film dove è girato

What They Had – trama del film in onda su Canale 5

La trama ha come protagonista Bridget Ertz che torna nella sua città natale per aiutare suo fratello Nicky a convincere il padre a mettere la moglie Ruth in una casa di cura perché è malata di Alzheimer.

L’uomo non si fa convincere perché non vuole affrontare la fine della sua lunga storia d’amore. Ma l’aggravarsi della malattia della madre Ruth rende questa decisione improrogabile.

La donna infatti in seguito alla malattia da molti mesi continua a vagare per la città e i figli avvertiti dal padre corrono in suo aiuto per ritrovarla. È accaduto anche durante la notte di Natale quando Ruth si è trovata a vagare in una bufera di neve. Adesso in famiglia ci sono discussioni sul futuro della donna.

Nicky discute con il padre Norbert perché è riuscito ad assicurarsi un posto in una delle prime strutture di assistenza nella città di Chicago. Norbert invece insiste che solo lui può fornire le migliori cure alla moglie Ruth.

Spoiler finale

Nicky così chiede aiuto a Bridget. Ma il tempo trascorso lontano dai suoi genitori rende questa sfida molto difficile da affrontare. Tra l’altro Bridget è alle prese con i suoi problemi familiari, in particolare con la patologia di sua figlia che soffre di ansia ed ha dovuto così smettere di frequentare le lezioni al college.

Le discussioni sul futuro di Ruth saranno per tutti un’occasione per fare i conti con alcuni rancori mai sopiti all’interno della famiglia.

What They Had film finale

What They Had – il cast completo

Di seguito il cast del film What They Had e i rispettivi personaggi interpretati dagli attori

  • Hilary Swank: Bridget Ertz
  • Michael Shannon: Nicky
  • Robert Forster: Burt
  • Blythe Danner: Ruth
  • Josh Lucas: Eddie
  • Taissa Farmiga: Emma
  • Aimee Garcia: dott. Zoe
  • Jay Montepare: David
  • Jennifer Robideau: Rachel

Condividi su
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
Continua a leggere

Intrattenimento

Conta su di me: trama, cast, finale del film in onda su Canale 5

Un trentenne viene obbligato dal padre a prendersi cura di un'adolescente che ha una malformazione al cuore. Tra i due nascerà un forte legame.

Pubblicato

il

conta su di me film Canale 5
Condividi su
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

Oggi su Canale 5 va in onda il film Conta su di me. La pellicola tedesca, di genere commedia ma dalle atmosfere drammatiche, è arrivata nelle sale il 22 novembre 2018. La durata è un’ora e 46 minuti. E’ tratto dall’omonimo romanzo di Lars Amend e Daniel Meyer.

conta su di me film attori

Conta su di me: regia, protagonisti, dove è girato

La regia è di Marc Rothemund. Protagonisti principali del film sono Elyas M’Barek che interpreta Lenny Reinhard e Philip Noah Schwarz nel ruolo di David Müller. Nadine Wrietz e Uwe Preuss, invece, sono rispettivamente Betty Müller e il Dottor  Reinhard.

Le riprese si sono svolte interamente in Germania. Il film infatti è stato girato a Berlino, Bavaria e Monaco di Baviera.

Le musiche sono di Johnny Klimek. Maggie Peren e Andi Rogenhagen si sono occupati della sceneggiatura mentre Christof Wahl ha curato la fotografia. Il montaggio è di Simon Gstöttmayr.

Il film è prodotto da Constantin Film in collaborazione con Olga Film. E’ infine distribuito da M2 Pictures. Il titolo originale è Dieses bescheuerte Herz.

conta su di me film dove è girato

 Conta su di me: trama del film in onda su Canale 5

ll film racconta la storia del trentenne Lenny, figlio di un celebre cardiologo di Monaco.  Ha da tempo abbandonato gli studi di medicina ma riesce ad avere una vita lussuosa grazie al denaro del genitore.

Una notte però accade un evento inaspettato che costringe il padre a bloccargli la carta di credito. Lenny infatti dopo essere rientrato da una serata in discoteca, in cui ha consumato una quantità eccessiva di alcol, è sprofondato con la propria auto nella piscina della loro villa.

Lenny potrà però riottenere la carta di credito e tutti i privilegi solo se si prenderà cura di uno dei giovani pazienti del padre. Si tratta del quindicenne David che è affetto da una grave malformazione cardiaca. Ha già subito molteplici operazioni al cuore ma secondo il parere dei medici potrebbe restagli poco tempo da vivere.

Dopo l’iniziale ritrosia Lenny, decide di accettare la proposta del padre. Quando incontra David, con sua madre, scopre che il ragazzo deve portare sempre con sé uno zaino. Contiene una bombola d’ossigeno da utilizzare durante le sue crisi respiratorie.

Il finale del film 

Dopo essersi conosciuti Lenny chiede a David di stilare una lista dei suoi desideri da esaudire prima del suo sedicesimo compleanno.

Tra questi uno shopping sfrenato e un viaggio in limousine. Ma il più importante è di vedere di nuovo felice sua madre, che gli è stata sempre accanto. Lenny cerca in ogni modo di realizzare i suoi sogni ma un giorno David collassa improvvisamente e viene ricoverato d’urgenza. Deve subire un’ulteriore operazione al cuore.

Nel finale David, dopo l’intervento, festeggia il suo compleanno in famiglia mentre Lenny decide di riprendere gli studi di medicina che aveva abbandonato tempo prima.

conta su di me film finale

Conta su di me: Il cast completo del film

Ecco il cast del film Conta su di me ed i relativi personaggi interpretati:

  • Elyas M’Barek: Lenny Reinhar
  • Philip Noah Schwarz: David Müller
  • Nadine Wrietz (Amore a tacchi alti): Betty Müller
  • Uwe Preuss: Dr. Reinhard
  • Lisa Bitter: Dr. Julia Mann
  • Jürgen Tonkel: Herr Petry
  • Bruno Sauter: Kellner Bruno
  • Max Alberti: Ingegnere del suono
  • Lu Bischoff: Nick
  • Stephan Buschmann: ospite della festa
  • Sebastian Gerold: medico
  • Kim Girschner: passante
  • Jo Kern: Mutter Hannah & Sarah
  • Tesha Moon Krieg: Sarah
  • Lena Meckel: Barbara
  • Coco Möller: Maike

Condividi su
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
Continua a leggere

Intrattenimento

Ti sento Rai Radio2, il programma di Pierluigi Diaco diventa radiofonico per l’estate

Ti sento Rai Radio2, il programma condotto dal giornalista Pierluigi Diaco diventa radiofonico per l'estate 2021, dal 28 giugno.

Pubblicato

il

Ti sento Rai Radio2
Condividi su
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

Dal 28 giugno 2021 Ti sento, il programma del giornalista Pierluigi Diaco, diventa radiofonico e va in onda dal lunedì al venerdì su Rai Radio2.

Ti sento Rai Radio2, il format

Ti sento ha avuto il suo esordio su Rai 2, condotto sempre da Pierluigi Diaco. Con una media di share del 4.6%, toccando punte del 6%, il programma è stato accolto favorevolmente dal pubblico.

Al centro del format c’è il suono, in tutte le sue possibili manifestazioni. “L’occhio è superficiale, l’orecchio è profondo”, affermava Robert Bresson, regista e sceneggiatore francese. Sviluppando questa citazione Diaco accoglie ospiti diversi ogni giorno, e percorre con loro un’esperienza “sonora” basata sulla musica, ma non solo.

L’obiettivo del conduttore è infatti far riaffiorare negli ospiti ricordi ed emozioni, per raccontare aneddoti e storie di vita, anche personali.

Su Radio2 dunque, a partire dal 28 giugno fino a fine luglio, tutti i giorni dal lunedì al venerdì, Ti sento è in diretta dalle 20 alle 21 in versione radiofonica. Infatti, quale  mezzo è migliore della Radio per veicolare sensazioni attraverso il suono? afferma Diaco

Tuttavia, Ti sento su Rai Radio 2 rappresenta anche una anticipazione estiva, in vista della ripartenza autunnale del programma in chiaro su Rai 2. Per ora, però, Ti sento sarà in esclusiva audio su  Radio2 e in diretta streaming audio su RaiPlay Radio. Ma è anche disponibile sugli account social di Rai Radio2: Facebook, Instagram, Twitter e Telegram. Proprio sui social, il programma vanterà diversi contenuti extra e speciali.

Infine, Ti sento sarà fruibile anche in video streaming su RaiPlay.

Ti sento Rai Radio2

Il conduttore: Pierluigi Diaco

Pierluigi Diaco è un veterano di Radio2. Il giornalista ha iniziato la sua carriera proprio come speaker radiofonico, conducendo i programmi Chiamate Roma 3131, La Cantina, Maglioni Marroni con Niccoló Fabi e Il Pittore con Ivano Fossati.

Tuttavia, aveva cominciato ancor prima, negli studi di via Asiago; dove da giovanissimo ha intrapreso la sua carriera radiofonica.

Come giornalista, invece, Diaco esordisce infatti nel 1995, non ancora maggiorenne. In Radio su TMC conduce il programma TMC: giovani-vecchi. Nella stagione 1995-1996 conduce poi il programma Generazione X, che prima ancora di andare in onda genera una polemica riguardo titolo del programma. Generazione X, infatti, era un titolo usato nella stessa fascia oraria e nella stessa stagione televisiva per un differente programma in onda sulle reti Mediaset, condotto da Ambra Angiolini.

Diaco si trasferisce poi sulle reti Rai, per le quali conduce vari programmi; tra cui La cantina nel 1997 e Maglioni marroni nel 1999.

Inoltre, dal 2013 ogni lunedì dalle 19 alle 21 affianca in radio su RTL 102.5 il Radio Costanzo Show, con Maurizio Costanzo e Jolanda Granato. Dal gennaio 2014 Diaco conduce su RTL 102.5 Onorevole Dj – Signoria Vostra con il Conte Galè ed Emanuele Filiberto di Savoia.

Nel frattempo, dal 17 giugno 2019 conduce ogni pomeriggio su Rai 1 il talk Io e te.

Infine, il 10 marzo 2021, dopo 18 anni di carriera radiofonica, lascia RTL 102.5 per passare a Rai Radio 2; proprio per condurre, a partire dal 28 giugno, Ti sento.

 


Condividi su
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
Continua a leggere
Advertisement

Seguici su:

Di tendenza

Maridacaterini.it è una testata giornalistica iscritta al registro della stampa del tribunale di Roma, al numero 187/2015 - P.Iva 05263700659 – Tutti i diritti riservati

Copyright © 2021 www.maridacaterini.it