Live non è la D’Urso, diretta del 23 febbraio 2020, Sgarbi insulta la D’Urso


Una nuova puntata del talk di Barbara D'Urso, tra interviste esclusive e notizie schock


Questa sera, 23 febbraio 2020, alle ore 21.20 su Canale 5 andrà in onda una nuova puntata di Live non è la D’Urso. Tra gli ospiti più attesi nello studio di Barbara D’Urso troviamo Morgan, che si confronterà con Iva Zanicchi che lo accusa di aver architettato la querelle con Bugo per pubblicità; Fiore Argento, che parlerà con Pietro, il fidanzato di Antonella Elia.

Live non è la D’Urso 23 febbraio, diretta della puntata

“Sono 43 anni che faccio televisione ed è la prima volta che affronto una diretta di cinque ore da sola. In genere ci sono 300 persone qui in studio, ma abbiamo deciso insieme di proteggere e preservare tutti quanti. C’è un allarme grave e io entro tutti i giorni nelle vostre case a portarvi il caffeuccio e mi sembra giusto cercare di darvi risposte dialogando con la Responsabile delle malattie infettive dello Spallanzani e collegandomi con il Premier Conte” – così Barbara D’Urso apre la puntata di Live.

Conte rassicura la popolazione: “Siamo qui nella sala operativa della Protezione civile. A Milano alcuni supermercati sono stati svuotati. Ci sarà un costante approvvigionamento nei prossimi giorni. Non siamo in un’emergenza carestia. Capisco però la preoccupazione. Affronteremo la situazione con massimo rigore. Al momento sono stati individuati due focolai e stiamo adottando misure per contenere l’epidemia. Controlliamo le frontiere e tutti i passeggeri che arrivano nei nostri aeroporti”.

La D’Urso chiede a Conte il perchè non siano stati controllati i passeggeri provenienti da altre mete oltre la Cina. Lei stessa afferma di aver raccontato il caso di alcuni passeggeri che provenienti dalla Cina hanno fatto scalo a Dubai per entrare in Italia senza controlli.

“L’Italia ha la massima precauzione. Abbiamo disposto 14 giorni di restrizioni nella circolazione. Sono misure che dobbiamo adattare continuamente. 14 giorni sono un lasso di tempo che ci dovrebbe permettere di raggiungere efficacia contenitiva. Voglio rassicurare gli Italiani, noi stiamo scoprendo questi casi perchè stiamo facendo migliaia di controlli. Al momento non ci risulta che nessuno al mondo abbia effettuato tanti test quanto noi” – dichiara il Premier.

Live non è la D’Urso 23 febbraio, speciale Coronavirus: il Premier Conte rassicura gli Italiani

“Verrà blindata Milano? Possiamo prendere i mezzi? Camminare per strada?” – incalza Barbara.

“No c’è un cordone sanitario nei comuni che si sono rivelati focolai del virus. A Milano abbiamo dei piani che vanno adattati ai territori che andiamo a circoscrivere. Le misure che applichiamo nei centri piccoli non possono essere applicati alle grandi città. Bisogna prendere tutte le precauzioni possibili per proteggere se stessi ed evitare un’ulteriore diffusione” – risponde il Premier.

“Perchè Salvini dice Conte chieda scusa?” – continua la D’Urso

“Lui vorrebbe le scuse dallo scorso agosto, ma io ho detto semplicemente quello che ritenevo giusto al Parlamento. L’obiettivo della salute deve riguardare tutti noi che abbiamo a cuore il bene del Paese. Ho contattato sia la Meloni, che Berlusconi. Ho contattato Salvini ma non mi ha risposto. C’ho lavorato molti mesi e quindi non mi stupisco di questo comportamento” – dice Conte.

“In questo momento non vogliamo lotte politiche” – chiosa Barbara.

“Garantisco a tutti gli Italiani che sarò sempre massimamente concentrato ed in contatto con i ministri, facendo squadra per tutelare la salute di tutti noi Italiani” – conclude Conte.

Interviene – in collegamento – la Dottoressa Corpolongo, Responsabile delle malattie infettive dello Spallanzani.

“Come si prende il virus?” – domanda Barbara.

La dottoressa spiega che il Coronavirus si trasmette attraverso la saliva, quindi bisogna stare attenti al contagio attraverso le vie aeree. La limitazione a frequentare i luoghi pubblici è da considerarsi valida solo nelle aree considerate focolaio del virus.

Live non è la D’Urso 23 febbraio, Favoloso vs Nina Moric

“Torniamo nella modalità sorriso” – dice la D’Urso, riprendendo il programma nella modalità consueta. Invita dunque la famiglia Favoloso in studio. Loredana sfila anche stasera, nonostante l’assenza del pubblico.

Barbara svela che non sa se Nina Moric presenzierà al programma perchè è fuggita di casa e non ha dato sue notizie. Entrano in studio Alessandra Mussolini e Gianluigi Nuzzi. Nina non prenderà parte alla puntata, ma si è messa in contatto con la redazione affermando che scriverà una lettera.

Nuzzi svela che il cellulare della Moric è sotto indagine e che contiene materiale sconvolgente.

“Il rispetto da parte di Nina Moric non me lo aspetto più. Lei il significato di questa parola non lo conosce. Vorrei dire che io sono abituata veramente a tutto. Nina Moric ha deciso di non venire? Mi dispiace per lei. Io vado avanti lo stesso” – dichiara la D’Urso.

Live non è la D’Urso, nuove accuse a Nina Moric

Si parla del morso che Nina avrebbe dato al cane della madre di Favoloso. Nuzzi provoca Luigi Mario ed i due discutono accesamente. Loredana conferma però il racconto del figlio: Nina avrebbe morso il loro cane Baghera.

Viene mandato nuovamente in onda il video che mostra le perizie dei chirurghi. Secondo loro le cicatrici della Moric sarebbero compatibili con un intervento di liposuzione. Nuzzi si oppone fortemente a questa teoria ed entra ancora in attrito con Favoloso. I due urlano e si confrontano duramente.

“Lo dico a tutti, parto non cercatemi” – afferma Favoloso. “Ma dove vai col Coronavirus – gli risponde la Mussolini, che lancia poi una grave accusa – Durante i servizi queste tre persone non fanno altro che minacciarci. Questo è un disservizio” .

Loredana mette in dubbio la credibilità della Moric perchè a suo dire avrebbe raccontato di essere stata violentata dal padre, mentre successivamente avrebbe ritrattato parlando di violenze psicologiche.

“L’intermediario che abbiamo con Nina ci aveva detto che lei stava scrivendo una lettera. E invece no. Non l’ha scritta la letterina, è finito l’inchiostro. E va bene, ce ne faremo una ragione” – conclude Barbara.

Live non è la D’Urso, il confronto Morgan – Zanicchi

Morgan si confronta con Iva Zanicchi, che lo ha accusato di aver organizzato a tavolino il “Sanremo gate”. La Zanicchi pensa che Morgan avrebbe avuto tutto il tempo per litigare con Bugo prima dell’esibizione e che non aveva necessità di far “scoppiare la bomba” sul palco.

La D’Urso mostra un estratto dalla trasmissione di Chiambretti, dove Malgioglio si è acceso sulla questione Morgan-Bugo, arrivando persino ad abbandonare lo studio. “Rappresenta l’ignoranza” – commenta Morgan.

Viene mandato in onda un filmato con la replica di Bugo alla proposta di Morgan della scorsa settimana.

“Non devo chiedere scusa a Sergio Endrigo, perchè non è patrimonio di Morgan, è patrimonio dell’umanità. Poi chiedere scusa in quel modo dopo 10 giorni, lo trovo veramente imbarazzante. Qualora dovessimo fare pace lo faremo in privato, ma per il momento non ne ho intenzione” – ha detto Bugo.

“Ha la stupidità di non scusarsi e di non dire neanche grazie perchè è ancora in classifica” – ribatte Morgan.

In esclusiva viene mandato in onda un remix del brano nella versione modificata da Morgan. Il remix è opera dello stesso dj che lanciò il tormentone “Io sono Giorgia”.

La D’Urso svela che si è conclusa l’asta lanciata la scorsa settimana. Il foglietto, sul quale Morgan ha appuntato il testo della canzone modificato prima di salire sul palco dell’Ariston, è stato venduto a 6.050 euro. Il ricavato sarà devoluto ad una associazione per la cura della SLA.

Live non è la D’Urso, Morgan si sottopone al test della macchina della verità

Morgan si sottopone al test della macchina della verità e dà volutamente tutte risposte false. Solo dopo qualche domanda si scioglie ed inizia a rispondere seriamente.

Il cantante conferma le accuse nei confronti di Bugo e del suo staff e la macchina della verità conferma la sua versione. “E’ vero che questa macchina ha il 90% di attendibilità” – dichiara.

Live non è la D’Urso, intervista a Can Yaman

Arriva in studio Can Yaman, star delle soap opera turche. Barbara tenta di sedurre (giocosamente) l’attore. Stende le gambe sul divano e si mette comoda accanto a lui. Can ha portato del torrone ed i due lo mangiano insieme.

“Avete scelto solo le scene nude, non ce n’è una normale” – commenta ironico lui dopo aver visto una clip dedicata alla sua carriera.

Can è di ritorno da un periodo di servizio militare obbligatorio. Racconta la sua esperienza e parla poi della sua famiglia: “Sono molto orgogliosi perchè in ogni serie mi sposo”.

La D’Urso chiede a Yaman quale sia la sua donna ideale. “Non so dire delle caratteristiche precise, prima ci devo parlare. Dipende dal carattere, la devo conoscere, ci devo trascorrere del tempo” – risponde lui.

Barbara svela poi che Can ha studiato giurisprudenza, ma non fa l’avvocato, e che ha studiato in un liceo Italiano. Ad Istanbul si scelgono licei stranieri e lui ha scelto quello della nostra nazione perchè era affascinato dalla nostra cultura.

La D’Urso manda in onda un video in cui si vedono le fan che sarebbero volute andare in studio per incontrare Can, ma che viste le misure di sicurezza non hanno potuto prendere parte alla trasmissione.

Live non è la D’Urso, Antonella Elia: confronto tra Pietro e Fiore Argento

Si parla di Antonella Elia e delle discussioni avute nella casa. Cucuzza mette in discussione la verità delle sue reazioni, il migliore amico di Antonella invece la difende.

La D’Urso mostra una clip del reality Pechino Express, in cui la Elia litiga accesamente con Achille Lauro.

“E’ chiaro che tutti vogliamo che si comporti da Antonella Elia. Io penso che sia vittima di se stessa. E’ lei la bulla che parla con aggressività agli altri” – commenta Vladimir Luxuria.

Fiore Argento è presente in studio per commentare il gossip che la vede ancora protagonista. Fiore è tornata sul “luogo del delitto”, al bar dove è sta fotografata con Pietro, ed ha spiegato cosa è realmente successo quel giorno.

Entra in studio Pietro, che si difende. “La paparazzata organizzata è stata smentita dal direttore del giornale Nuovo, Signoretti. Io stavo andando da un mio amico che abita lì vicino. Non volevo uscire sui giornali sinceramente, soprattutto con Antonella dentro alla casa. Avevo problemi a deambulare quel giorno, sono andato all’appuntamento in macchina e non in moto come ha detto Fiore. Io sentivo la signora Argento perchè mi telefonava per aggiornarmi  su alcuni progetti del padre in cui io ho fatto da ponte per un’altra persona” – dichiara.

Si passa a parlare de La Pupa e il secchione. Sgarbi dice la sua in merito ai protagonisti del programma. Svela che Stella, la pupa, è stata raccomandata da Silvio Berlusconi.

Live non è la D’Urso 23 febbraio – la lite tra Sgarbi e Barbara D’Urso

La D’Urso non gradisce queste dichiarazioni e lo fa notare a Sgarbi, il quale si risente e si infuria. Sgarbi inizia ad urlare e non lesina insulti alla padrona di casa, dice di aver parlato anche di lei con Berlusconi. Pronta è la reazione di Barbara, che minaccia di prenderlo a calci nel didietro.

“Non ti devi permettere di fare delle prediche. Pensa alla tua vita inutile! Non rompere i cogl**ni! Capra! Incapace” – continua Sgarbi.

“Tu non vieni qui in diretta a dire queste cose. Questa è la mia trasmissione, vai via per favore. Ti chiedo di lasciare questa trasmissione”. Davanti al rifiuto di Sgarbi, la conduttrice continua: “Facciamo una cosa, io ti ignoro. Nel momento in cui tu sei cafone con me, io ti ignoro”.

Sgarbi continua ad insultare la D’Urso e lei lo mette a tacere. Le Pupe affrontano gli sferati.

Francesca Cipriani si confronta con Barbara Alberti. La scrittrice le legge una lettera che le ha dedicato, nella quale la critica difendendosi dall’accusa di essere un “intellettuale snob”. La Cipriani non apprezza, ma la D’Urso la sprona a stringere la mano alla Alberti.

La puntata termina con un’esibizione dal vivo di Morgan con l’orchestra.



0 Replies to “Live non è la D’Urso, diretta del 23 febbraio 2020, Sgarbi insulta la D’Urso”

Lascia un commento

Riempi tutti i campi per lasciare un tuo commento. Il tuo indirizzo non verrà pubblicato

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>
*