Connect with us

Intrattenimento

Ciao Darwin 8 replica 28 marzo – vince il Gay Pride

Nello show condotto da Paolo Bonolis e Luca Laurenti riproponiamo la sfida tra Family day di Povia e Gay Pride di Vladimir Luxuria.

Pubblicato

il

Ciao Darwin 8 replica 28 marzo Canale 5
Nello show condotto da Paolo Bonolis e Luca Laurenti riproponiamo la sfida tra Family day di Povia e Gay Pride di Vladimir Luxuria.
Condividi su
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

Oggi sabato 28 marzo su Canale 5, va in onda la seconda puntata in replica di Ciao Darwin 8 – Terre desolate, con la conduzione di Paolo Bonolis e Luca Laurenti.

Questa sera tocca alla squadra del Gay Pride capitanata da Vladimir Luxuria sfidare la squadra del Family day con a capo il cantautore Povia.

Inoltre ci sarà una nuova Madre Natura con il compito di selezionare i concorrenti che affrontano le varie sfide.

La puntata d’esordio ha registrato il  22,37% di share, sfiorando punte di 32,37%.

Vi riproponiamo le fasi salienti della puntata andata in onda il 22 marzo 2019

La sigla è accompagnata dal corpo di ballo. Nel frattempo dalle scale scendono i concorrenti delle due squadre che si sfidano durante la puntata.

Ciao Darwin 8 replica 28 marzo – la riproposizione della puntata

Da una parte vi è la squadra del Family day guidata da Povia, dall’altra quella del Gay pride capitanata da Vladimir Luxuria.

Paolo Bonolis prima di dare il via alla gara presenta Madre Natura, una ragazza russa dai capelli leggermente ricci e dal fisico statuario. La modella Angelina Michelle.

Sul più bello entra in scena Luca Laurenti vestito da capitalista cinese.  Laurenti offre un biscotto della fortuna a Madre Natura. Sul biglietto, contenuto all’interno, è riportata la seguente scritta: “Stai lontano dal cretino che proviene da Pechino!”

Ciao Darwin 8 replica 28 marzoSi inizia con la prima sfida, quella canora. Ogni squadra canterà brani che faranno da bandiera sonora della squadra.

Povia ha scelto il proprio brano, I bambini fanno oh.

In contrapposizione Luxuria ha scelto What I am. L’attivista racconta che il primo gay pride è stato realizzato 50 anni fa in America , mentre il primo in Italia è stato organizzato dalla stessa Luxuria nel 1994.

Al termine della sfida il Family day ha totalizzato 130 punti, mentre il Gay pride 70 punti.

Ciao Darwin 8 replica 28 marzo – Genodrome

E’ il momento della seconda prova: il Genodrome. I concorrenti delle due squadre devono affrontare un percorso in esterna ricco di insidie.

Ciao Darwin 8 replica 28 marzo genodromeNel complesso le due squadre sembrano incontrare qualche difficoltà.

Entrambe le squadre totalizzano 20 punti, raggiungendo 150 punti per il Family day e 90 per il Gay Pride.

La macchina del tempo del 28 marzo

La macchina del tempo rappresenta la terza sfida.

Gli sfidanti si ritrovano nel mondo dell’arte, in un museo.

Ciao Darwin 8 replica 28 marzo macchina del tempo

Vi sono alcuni personaggi storici, tra questi Leonardo Da Vinci, la Gioconda, Andy Warhol, Marilyn Monroe e la Venere di Botticelli. La Venere fu realizzata nel Quattrocento e si trova nella galleria degli Uffizi a Firenze.

Si passa ad altri due artisti: Arcimboldo che rappresentava nature morte e Pablo Picasso, pittore cubista.

I concorrenti, stringendo una mela tra le ginocchia, dovranno seguire un percorso al fine di raggiungere il cestino dove andrà depositata la mela.

Dopodiché si ritrovano nell’atelier di Van Gogh. Vengono nominati altri artisti tra i quali Botero, Frida Khalo e Giotto.

La coppia sfidante deve ora gonfiare dei palloncini sedendosi ripetutamente su un gonfiatore a pedale.

Segue la corsa dei sacchi fino allo studio. Arriva per primo il membro del Gay pride.  Nonostante le voci stridule e a tratti fastidiose degli sfidanti, la prova si è rivelata allegra.

Passa in vantaggio il Gay Pride con 340 punti rispetto ai 320 del Family Day.

Si rientra dalla pubblicità con lo scambio di opinioni tra le squadre. Povia cita la Costituzione nell’articolo in cui la Repubblica riconosce la famiglia come società naturale. Luxuria ribatte che la famiglia è dove c’è amore.

Ciao Darwin 8 replica 28 marzo LuxuriaDurante il confronto emergono delle ovvietà, tra le quali la famiglia è solo composta da un uomo ed una donna. Sul tema bambini, interviene Paolo Bonolis spiegando, tra le righe, che anche due uomini o due donne possono crescere un figlio.

I due capisquadra hanno un solo punto in comune: sono contrari alla pratica dell‘utero in affitto.

Torna in vantaggio la squadra del Family day con 437 voti contro i 423 del Gay pride.

Ciao Darwin – Prova coraggio 28 marzo

É giunto il momento della prova coraggio: il protagonista sarà il maiale selvatico. Luca Laurenti, in versione Peppa Pig, vuole rappresentare l’animale in chiave ironica.

Ciao Darwin 8 replica 28 marzo Peppa PigI concorrenti devono affrontare una mandria di suini che non hanno familiarità con gli umani e possono rivelarsi pericolosi.

Durante la prova a tempo, dovranno cercare tra gli animali la chiave che permetterà loro di uscire dal recinto.

La prova è vinta dal Family Day che guadagna 100 punti. Attualmente il Family Day ha raggiunto 637 voti contro i 523 del Gay pride.

E’ il giunto il momento più atteso dai telespettatori: Il Defilè. Sul tema eleganza di giorno, il look family day è decisamente più sobrio e noioso di quello del gay pride.

Ciao Darwin 8 – defilè del 28 marzo in replica

Sul tema eleganza di sera, il look del gay pride è più stravagante.

Povia e Luxuria propongono il look da discoteca. Vladimir indossa delle grandi ali nere.

Lo step successivo è l’intimo maschile. Il membro del gay pride indossa un mantello color arcobaleno con un tanga quasi invisibile.

Nella sfilata di intimo femminile, la donna che rappresenta il gay pride indossa un body di pelle.

Il Family day raggiunge i 710 voti contro 650 del gay pride.

Entra in studio Nino, un cassonetto, che rappresenta la spazzatura creata da Bonolis. Dentro vi entra Federico Moccia che viene “divoratodal cassonetto.

La prova finale dei cilindroni

Sono le 00.30 e ci si avvia alla conclusione con la prova finale: I cilindroni. Per ogni risposta corretta verrà aggiunta una tacca d’acqua all’avversario, per ogni risposta sbagliata verrà riempito il proprio cilindrone.

Essendo il Gay pride in svantaggio inizia la sfida con già una tacca d’acqua.

Dall’esito della prova, la puntata è vinta dal Gay pride.

Termina così’ la seconda puntata di Ciao Darwin 8 – Terre desolate. Appuntamento a venerdì prossimo, 30 marzo, con la sfida tra il mondo delle cime ed il mondo delle rape.


Condividi su
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
Continua a leggere
Advertisement
Clicca per commentare

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Intrattenimento

Mamma Mia! Ci risiamo: trama, cast, finale del film in onda su Canale 5

Dopo la morte della madre, Sophie sta organizzando l'inaugurazione del suo nuovo hotel. Ma un imprevisto potrebbe costringerla a rinviare l'evento.

Pubblicato

il

Mamma Mia ci risiamo Canale 5
Condividi su
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

Oggi Canale 5 trasmette il film Mamma mia ci risiamo. La pellicola statunitense, di genere commedia, con atmosfere musicali, è arrivata nelle sale il 6 settembre 2018 . La durata è un’ora e 54 minuti.

mamma mia ci risiamo film attori

Mamma mia! ci risiamo: regia, protagonisti, dove è girato

La regia è di Ol Parker che ha curato anche la sceneggiatura. Protagonisti principali sono Amanda Seyfried che interpreta Sophie Sheridan e Pierce Brosnan nel ruolo di Sam Carmichael. Colin Firth ed Andy Garcìa, invece, sono rispettivamente Fernando Cienfuegos.

Le riprese del film si sno svolte in Croazia e nel Regno Unito. Le scene infatti sono state girate a Barjac e a Lissa. Si tratta di una delle isole abitate più distanti dalle coste della Croazia. Ma anche nelle contee di Oxfordshire, di Surrey e nel quartiere londinese Surbiton.

Le musiche sono di Benny Andersson e Björn Ulvaeus. Robert D. Yeoman ha curato la fotografia mentre Peter Lambert si è occupato del montaggio.

Il film è prodotto e distribuito da Universal Pictures. Il titolo originale, infine, è Mamma Mia! Here We Go Again.

mamma mia ci risiamo film dove è girato

Mamma mia ci risiamo: trama del film in onda su Canale 5

Sophie, dopo la morte della madre Donna, sta organizzando l’inaugurazione dell’Hotel Donna sulle isole Kalokairi, in Grecia. La nuova struttura alberghiera prende il posto del Bed & Breakfast che gestiva il genitore.

La giovane decide così di contattare i suoi tre “padri” Sam, Harry e Bill perché vuole che siano presenti all’evento. Ma Sam è l’unico che può partecipare. Harry e Bill è molto impegnato nel lavoro perché sta progettando una fusione societaria. Bill invece è stato invitato ad una cerimonia di premiazione perché deve ritirare un riconoscimento.

Nel frattempo Sky, il marito di Sophie, sta svolgendo un apprendistato nel settore alberghiero negli Stati Uniti e ha ricevuto una proposta di lavoro. Il ragazzo invita la moglie a trasferirsi con lui in America ma la ragazza non vuole abbandonare l’isola nella quale ha vissuto con la madre.

In Grecia intanto arrivano Rosie e Tanya, le amiche storiche di Donna che vogliono sostenere Sophie nell’inizio della sua attività ma accade un imprevisto. Alla vigilia dell’inaugurazione si abbatte sull’isola un violento uragano che demolisce l’allestimento nello spazio esterno.

Il finale del film 

In seguito alla perturbazione atmosferica Sophie è intenzionata ad annullare l’evento. Sam però riesce a farle cambiare idea perché è convinto che hanno ancora il tempo necessario per ricostruire tutto.

Nel frattempo Harry e Bill decidono di rimandare i propri impegni lavorativi per partecipare all’inaugurazione. I due protagonisti si incontrano sul molo ma non riescono a salire in alcuna imbarcazione perché i traghetti non partono a causa della tempesta. Anche Sky sceglie di rinunciare all’offerta di lavoro per poter essere presente.

Intanto in Grecia arriva a sorpresa anche la madre di Donna, Ruby, che dopo essere sparita per molti anni per inseguire la carriera come cantante, vuole ricongiungere la famiglia. Ben presto Ruby inoltre scopre che presto diventerà bisnonna in quanto Sophie aspetta un bambino.

Nel finale Sky e Sophie, nove mesi dopo l’inaugurazione, battezzano la loro primogenita nella stessa chiesa in cui Sophie ha ricevuto lo stesso sacramento.

mamma mia ci risiamo film finale

Mamma mia ci risiamo: Il cast completo del film

Ecco il cast del film Mamma mia ci risiamo ed i relativi personaggi interpretati:

  • Meryl Streep: Donna Sheridan
  • Amanda Seyfried: Sophie Sheridan
  • Cher: Ruby Sheridan
  • Andy García: Fernando Cienfuegos
  • Pierce Brosnan: Sam Carmichael
  • Colin Firth: Harry Bright
  • Lily James: Donna Sheridan da giovane
  • Christine Baranski: Tanya Chesham-Leigh
  • Jessica Keenan Wynn: Tanya Chesham-Leigh da giovane
  • Julie Walters: Rosie Mulligan
  • Alexa Davies: Rosie Mulligan da giovane
  • Jeremy Irvine: Sam Carmichael da giovane
  • Hugh Skinner: Harry Bright da giovane
  • Stellan Skarsgård: Bill Anderson
  • Josh Dylan: Bill Anderson da giovane
  • Dominic Cooper: Sky
  • Andy García: Fernando Cienfuegos

 

 


Condividi su
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
Continua a leggere

Intrattenimento

Elettra e il resto scompare discovery+, la prima puntata in esclusiva streaming

Elettra e il resto scompare, la prima puntata e tutta la prima edizione del programma sono in esclusiva streaming su discovery+.

Pubblicato

il

Elettra e il resto scompare discovery+
Condividi su
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

Elettra e il resto scompare è la docu-serie con protagonista Elettra Lamborghini, visibile in esclusiva streaming sul sito discovery+.

La giovane cantante, influencer e personaggio televisivo, forte anche dei suoi 6,4 milioni di follower su Instagram, si racconta nel corso di dieci puntate; che sono tutte già caricate sul sito discovery+.

Infatti discovery+ ha reso disponibile agli abbonati al servizio una puntata ogni lunedì. 

Ciascuna puntata ha un titolo differente; la prima si intitola I preparativi del matrimonio, e contiene alcuni retroscena del matrimonio tra Elettra Lamborghini e Nick van de Wall , meglio noto come Afrojack; Nick è infatti un disc jockey, produttore discografico e remixer olandese di origini surinamesi.

Elettra e il resto scompare discovery+

Elettra e il resto scompare discovery+, la scelta dell’abito da sposa

“Non era nei miei piani sposarmi così giovane. Ma sarei stata con Nick per tantissimi anni, quindi perché non ora? C’è chi pensa continuamente alla carriera, ma se io mi fossi fatta sfuggire Nick, me ne sarei pentita per tutta la vita.” racconta Elettra a inizio puntata. “Così mi sembra di poter stare col mio migliore amico. Per tutta la vita” continua poi.

Poi, Elettra inizia a raccontare alcuni dettagli del suo matrimonio, come la scelta dell’abito. “Sono dovuta andare fino a Napoli” dice. “Volevo qualcosa di Wow, sobrio, ma un po’ -porco-, che esalti le forme. Che facesse capire chi è la Queen.“. Così, Elettra si è avvalsa dei consigli di Enzo Miccio, il noto wedding planner.

Alla fine, Elettra ha optato per tre diversi abiti da sposa, da indossare in diversi momenti della cerimonia. Il primo durante la celebrazione, poi un altro nel corso del ricevimento, e l’ultimo per il momento del “taglio torta”. “Adoro le mie sorelle, non potevano non essere presenti mentre sceglievo il mio abito da sposa. E poi, c’è Simona, la mia cara amica” continua Elettra, prima di iniziare a provare i vestiti. “Ho scelto anche i vestiti delle damigelle. Li volevo arancioni, ma le mie damigelle hanno tutte pelle chiarissima e capelli scuri. Quindi, indossano meglio l’azzurro.”.

Tra una prova e l’altra, Elettra si lascia tentare dal buffet predisposto dall’Atelier. “Ho un problema: la fame nervosa” afferma. “Ho conquistato il mio ragazzo con i miei calzini più brutti” continua poi, quando Enzo Miccio le chiede di togliere i calzini per provare un paio di scarpe.

Non senza difficoltà, alla fine Elettra riesce a individuare tutti e tre i modelli di abito. “Ho sentito una scossa, me ne sono accorta subito. Sono tornata a casa e mi sono commossa.”.

La torta nuziale e le partecipazioni di nozze

“La scelta della torta è stata la più difficile.” scherza Elettra. “Se ci penso non saprei descriverti com’erano le torte. Erano tutte buonissime. C’era dentro qualcosa di speciale che non saprei dire” continua.

Dopo molti assaggi, Elettra esclama che “devo smettere di mangiare, sennò non entro più nell’abito”.

Infine, è la volta di scegliere lo stile delle lettere di partecipazione alle nozze. Insieme a Enzo, Elettra chiama dunque il suo futuro sposo Nick, per mostrargli in diretta le varie possibilità. E, alla fine, effettua la scelta.

 

 


Condividi su
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
Continua a leggere

Intrattenimento

The Dissident: trama, cast, finale del film in onda su La7

Il documentario racconta la vicenda di Jamal Khashoggi, il giornalista ucciso all'interno dell'ambasciata saudita di Istanbul nel 2018.

Pubblicato

il

The Dissident film La7
Condividi su
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

Oggi La7, in seconda serata, trasmette il film The Dissident. La pellicola statunitense di genere documentario è datata 2020. La durata, invece, è un’ora e 59 minuti.

The Dissident film attori

The Dissident: regia, protagonisti, dove è girato

La regia è di Bryan Fogel. Protagonisti principali del documentario sono invece Omar Abdulaziz, Fahrettin Altun, John O. Brennan e Hatice Cengiz.

Le riprese del film si sono svolte in Turchia e in Canada. Le scene infatti sono state girate ad Instanbul che si trova al confine tra Asia e Europa, sullo stretto del Bosforo. Ma anche a Montréal, una delle città più grandi della provincia Canadese del Quebec.

Le musiche sono di Jake Swantko. Mark Monroe e Adam Peters si sono occupati della sceneggiatura mentre Scott D. Hanson ha curato la fotografia. Il montaggio è,invece, di Avner Shiloah, Wyatt Rogowski e James Leche. 

The Dissident è prodotto da Orwell Productions in collaborazione con Human Rights Foundation e Diamond Docs. E’ distribuito infine da Netflix e Amazon Prime Video.

Premi e riconoscimenti: ha vinto, il premio come migliore sceneggiatura in un documentario al Premio WGA 2021 (Writers Guild of America Award). Ha ottenuto inoltre una nomination ai Premi BAFTA (British Academy Film Awards).

The Dissident film dove è girato

The Dissident: trama del documentario in onda su La7

Il documentario racconta la storia di Jamal Ahmad Khashoggi, giornalista ed editorialista del Washington Post. Il cronista è stato uccis0 il 2 ottobre 2018 all’interno dell’ambasciata saudita di Instanbul, in Turchia, dove si era recato per recuperare dei documenti riguardanti il suo matrimonio.

Khashoggi era stato molto critico nei confronti dei governanti dell’Arabia Saudita. In particolare non condivideva le posizioni politiche del re Salman ed il principe ereditario Mohammed bin Salman. Si era infatti anche opposto all’intervento militare saudita nella Guerra Civile dello Yemen, iniziata nel 2015.

Durante le indagini gli inquirenti hanno scoperto che l’uomo è stato prima soffocato e poi il suo corpo è stato ridotto a brandelli. Il procuratore generale dell’Arabia Saudita ha inoltre dichiarato che l’omicidio era stato premeditato.

The Dissident film finale

Il finale del film

Attraverso le testimonianze di alcuni personaggi il regista cerca di proporre agli spettatori un ritratto pubblico ed intimo di Khashoggi.

Appaiono infatti nel documentario Hatice Cengiz (compagna della vittima), degli esponenti delle Forze dell’Ordine. Ma anche il Pubblico Ministero e uno dei dissidenti sauditi con cui il giornalista collaborava.

Pochi mesi dopo la sua morte, l’11 dicembre 2018, Jamal Khashoggi è stato infine nominato dalla rivista americana Time come Persona dell’Anno (Person of the Year 2018). La motivazione risiede nel fatto che Khashoggi, come molti suoi colleghi, ha combattuto contro le persecuzioni politiche derivanti dal proprio mestiere.

Il cast completo del documentario

Di seguito tutti i personaggi che hanno partecipato alla realizzazione del film documentario The Dissident:

  • Omar Abdulaziz
  • Fahrettin Altun
  • John O. Brennan
  • Hatice Cengiz
  • Anthony J. Ferrante
  • Abdulhamit Gul
  • David Ignatius
  • Wadah Khanfar
  • Turan Kislacki
  • Fatih Oke
  • John Scott-Railton
  • Yasin Aktay
  • Sedar Atas
  • Agnès Callamard
  • Iyad El-Baghdadi
  • Irfan Fidan
  • Shane Harris
  • Presente infine anche David Kaye

Condividi su
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
Continua a leggere
Advertisement

Seguici su:

Di tendenza

Maridacaterini.it è una testata giornalistica iscritta al registro della stampa del tribunale di Roma, al numero 187/2015 - P.Iva 05263700659 – Tutti i diritti riservati

Copyright © 2021 www.maridacaterini.it