Connect with us

Intrattenimento

Live non è la D’Urso, 14 giugno 2020, Eleonora Giorgi si scusa con Asia Argento

Una nuova puntata del talk di Barbara D'Urso, tra interviste esclusive e notizie schock

Pubblicato

il

Una nuova puntata del talk di Barbara D'Urso, tra interviste esclusive e notizie schock
Condividi su
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

Questa sera, 14 giugno 2020, alle ore 21.20 su Canale 5 andrà in onda una nuova puntata di Live non è la D’Urso. Nel programma di Barbara D’Urso  non mancherà l’ormai consueto punto della situazione sull’emergenza Coronavirus, con ospiti vip e rappresentanti delle Istituzioni.

Live non è la D’Urso, 14 giugno 2020, diretta puntata

Inizia il programma. Interviene il Prof. Giuseppe Remuzzi dell’Istituto Mario Negri. “Non è vero che il virus si è indebolito, è sempre quello. Gli studi hanno visto che mutazioni ce ne sono tantissime ma sono neutre o sfavorevoli a noi. Quello che è cambiato concretamente è la malattia, non abbiamo più tanti malati negli ospedali. Il perchè di questo ancora non lo sappiamo. E’ una cosa molto complicata. La pandemia è come un puzzle, se ciascuno guarda un pezzettino non capisce il quadro generale” – afferma.

Remuzzi spiega poi che a suo parere è inutile sanificare superfici in spazi non sottoposti a possibilità di contagio. “Quello che dovete pensare è che sono poche le persone che possono infettare le altre. Il 10% delle persone infetta l’80. Alcuni sono capaci di infettare moltissime persone, mentre altre – con la stessa malattia e gli stessi sintomi – non infettano nessuno”.

Live non è la D’Urso 14 giugno 2020

Live non è la D’Urso, 14 giugno 2020, Matteo Salvini

Entra in studio Matteo Salvini. Ha con sé la maglia della Polizia penitenziaria, un dono per la D’Urso.

Salvini affronterà stasera cinque cantanti e personaggi dello spettacolo. “Sono gelosissimo perchè ti sei cotonata i capelli per Matteo Salvini e per me no”  – svela Costantino Della Gherardesca.

“Ha cambiato look, ormai sembra un politico di Rifondazione Comunista. Ha le Clark marroni e gli occhiali. Sono una persona che pensa ai soldi per poter andare in pensione. Quello che mi preoccupa della sua politica è che si occupa di questioni rionali, di presepi, e mai realmente di economia e di problemi reali del paese” – continua Costantino.

“Le Clark le metto da quando ho 12 anni. Gli occhiali li indosso perchè sono presbite. Questo è un libro che abbiamo fatto sulla riforma più importante dei prossimi anni, la flat tax, taglio di tasse per famiglie e imprese. L’abbiamo approvato lo scorso anno per partite iva fino a 65000 euro. Probabilmente però non l’ha riguardata perchè fatturerà di più. In questo momento stiamo lavorando per non far morire di fame” – risponde Salvini.

Live non è la D’Urso, Salvini: “Il paese non funziona”

Si passa a parlare della Cassa integrazione e del fatto che sono ancora molti gli Italiani che non l’hanno ricevuta e sono in difficoltà.

“La voglio ringraziare perchè qualche tempo fa mi ha difeso in una discussione con Di Maio. Come mai non è più amico di Di Maio? Sembravate così stretti amici. Non pensa che bisognerebbe pensare un po’ anche al mondo della musica?” – osserva Orietta Berti.

“No no, il problema è che in questo momento è che l’Italia (soprattutto in questo momento) ha bisogno di crescere, di correre, di costruire. Penso che se ce la mettiamo tutta possiamo farcela, però c’è bisogno di cantieri, gru, il ponte sullo stretto..i Cinque stelle hanno odio per le opere, per i ponti, per le strade, le autostrade. Fosse per me, visto che i dati sono quelli che ha dato il Professore pochi minuti fa, i nostri bimbi sarebbero già tornati a scuola, avremmo ripreso le attività nei musei.

La musica non è in secondo piano, non si può fare finta che la musica, lo spettacolo, siano un gioco. Un paese che pensa a far ripartire prima il campionato di calcio rispetto alle scuole, è un paese che non funziona” – risponde Salvini.

Live non è la D’Urso 14 giugno 2020

Live non è la D’Urso, Della Gherardesca accusa Salvini

“Sono d’accordo con Salvini, in questo momento di incertezza bisogna avere idee progressiste. Volevo chiedere a Matteo Salvini se è pronto a ricredersi sulle sue posizioni isolazioniste, sovraniste e spesso anche un po’ xenofobe e razziste. Dobbiamo chiuderci al resto del mondo?” – domanda ironicamente Costantino.

“Manca solo fascista e le abbiamo dette tutte. Per me l’Italia e gli Italiani vengono prima di tutto il resto. Se essere sovranista è mettere gli Italiani prima, io dico di sì. In questo momento la gente ha urgenza di lavoro” – risponde Salvini.

Live non è la D’Urso, Salvini: “Non abbiamo bisogno di altri clandestini”

Interviene Riccardo Fogli, che interroga il politico in merito alla situazione dei musicisti: “Noi siamo pronti a riniziare a suonare. Dove? Nelle piazze, nei palazzettini, ovunque. L’Italia è famosa per le sue feste, per le sue sagre. Noi siamo autorizzati a dire che siamo pronti. Promettiamo di arrivare con le mascherine, pregheremo le persone di stare distanziate, ma noi – le nostre band, i tecnici – abbiamo bisogno di lavorare”.

“Ci sono le proposte per ripartire in sicurezza, ma non possiamo aspettare e restare indietro a tutti gli altri in Europa” – risponde Salvini, che poi torna ad affrontare altre tematiche (tra cui l’IVA), sviando la questione.

“Tutto questo è un monologo di Matteo Salvini, noiosissimo” – osserva Costantino.

I due discutono accesamente sulla questione Black Lives Matter. Il politico riconosce la gravità delle uccisioni avvenute in America, ma si oppone alle manifestazioni che ne sono scaturite. Conclude poi dicendo che in Italia è da escludersi la possibilità di far accedere altri immigrati.

“Di tutto abbiamo bisogno, meno che di altri clandestini, che finirebbero a battere o a spacciare” – commenta Salvini.

Live non è la D’Urso, 14 giugno 2020, Sgarbi affronta le sfere

Entra in studio Vittorio Sgarbi. Indossa una mascherina “a tema”; sul davanti è infatti disegnata una “capra”, emblema di uno degli insulti che l’hanno reso celebre sul web.

Sgarbi è negazionista, ritiene che non ci sia nessun pericolo e che non esista nessun virus. “Abbiamo fatto una ridicola sceneggiata. La peste non c’è o non c’è più se c’è mai stata” – ha dichiarato Sgarbi lo scorso 28 febbraio.

Si gira una sfera colorata di verde. “Voglio dire grazie a Sgarbi. Finalmente c’è qualcuno che ha portato dissenso nei luoghi istituzionali. Non abbiamo certezze, ogni giorno uno scienziato dice una nuova versione che dura 24 ore. Le mascherine ci hanno ingabbiato, dobbiamo recuperare la nostra libertà” – commenta lo sferato Carmelo Abbate.

Live non è la D’Urso 14 giugno 2020

Live non è la D’Urso, questione mascherine

La D’Urso dissente sulle affermazioni di Sgarbi ed Abbate in merito alle mascherine.

Anche la Collovati lo rimprovera per le sue affermazioni: “Non è possibile divulgare un pensiero così. Non ha mai chiesto scusa neanche di fronte ai morti”. Sgarbi la corregge ricordando di essersi scusato e che le dichiarazioni mandate in onda risalgono a febbraio, quando ancora non si sapeva la gravità della situazione.

Viene trasmesso un estratto della seduta sospesa a causa delle intemperanze di Sgarbi, che si è rifiutato categoricamente di indossare la mascherina, facendo riferimento alle parole di Borrelli che il 3 aprile avrebbe detto che se si mantengono le distanze non bisogna indossare la mascherina.

Live non è la D’Urso, Sgarbi non rispetta la distanza con la D’Urso

Sgarbi cerca in diretta le testimonianze dei medici che dicono che non vanno indossate le mascherine. La D’Urso controbatte fermamente: “Trova tutti i medici che dicono che la mascherina va portata. Fontana ha detto che in Lombardia è obbligatoria ad esempio”. 

Klaus Davi gli ricorda che i paesi che non hanno rispettato le misure di prevenzione stanno vivendo situazioni fuori controllo.

Sgarbi si alza in piedi e si avvicina a Barbara per mostrargli il telefono. “O metti la mascherina o non venirmi così vicino. Mi hai messo a rischio. Per tre mesi ho sentito tutto e tutti, non puoi dirmi che non so e non sono vittima” – sussulta la D’Urso.

Live non è la D’Urso, 14 giugno 2020, Morgan: “Asia Argento mi picchiava”

Interviene in collegamento Asia Argento. L’attrice vuole difendersi dalle accuse che le ha mosso Morgan, che ha dichiarato di essere stato picchiato da lei. Il cantante ritiene che la società di oggi sia un matriarcato guidato da donne che si fingono deboli, ma non lo sono.

“Direi genio se non fosse un mentecatto. Vediamo tutti i giorni le violenze che vengono inflitte alle donne nelle case, nella società, e ora improvvisamente siamo in un sistema matriarcale in cui le donne si fingono deboli per rubare i figli agli uomini. L’ho lasciato sto matto, 15 anni fa. Io e mia figlia ce ne siamo andati via dalle sue grinfie da malato di mente.

Lui sta aiutando il nostro matriarcato, questa società segreta, perchè noi – grazie a Morgan – facciamo figli. Io di notte dormivo, era lui che stava sveglio a fare chissà cosa. E’ matto. Noi, voi, gli altri, alimentiamo la sua pazzia facendolo parlare. Si dovrebbe disintossicare e farsi curare. Per lui è sempre un delirio narcisistico, che in realtà è una malattia mentale” – commenta Asia.

Live non è la D’Urso 14 giugno 2020

Live non è la D’Urso, le scuse di Eleonora Giorgi

Asia Argento accusa Morgan di essere un uomo che non si sa prendere le proprie responsabilità ed un padre assente. “Sono anni che si fa pubblicità col mio nome” – aggiunge Asia, ricordando che proprio in questo periodo è uscito il libro di Morgan.

La Argento spiega che il cantante, essendo un narcisista, riesce a rendere molto convincenti le sue affermazioni ed a portare le persone dalla sua parte. L’attrice spiega di essere scappata dalla loro relazione perchè lui si drogava.

Eleonora Giorgi chiede la parola alla D’Urso, si vuole infatti scusare ufficialmente con Asia Argento per non averle creduto ai tempi del caso Weinstein. La Giorgi spiega di essere stata cresciuta con l’idea che una ragazza non doveva trovarsi da sola con un uomo, perchè altrimenti lui sarebbe stato autorizzato a comportarsi da “orco”. Ebbene, dopo ciò che è emerso dalla vicenda, Eleonora ha maturato in sé la convinzione che questi retaggi fossero estremamente sbagliati.

Asia apprezza moltissimo le sue parole ed afferma di avere i brividi. “Io e tante altre donne, con la nostra verità, abbiamo aiutato tante altre donne. Ho sempre ammirato Eleonora quando ero piccola e c’ero rimasta tanto male” – racconta.

Asia ricorda poi Anthony Bourdain, suo compagno che si è tolto la vita l’8 giugno 2018. “Nel giorno dell’anniversario della sua scomparsa ho pianto per due giorni ed ho voluto condividere il mio dolore” – ha spiegato.

Lory Del Santo la comprende e parla di depressione, patologie cerebrali, e di quanto queste condizioni siano infide perchè invisibili agli occhi delle persone. Uno dei figli della Del Santo si è suicidato nel 2019 proprio a causa di una patologia cerebrale.

Live non è la D’Urso, pacco con minacce per Alessandra Mussolini

Si parla di uno spiacevole evento accaduto ad Alessandra Mussolini. Le è infatti stato consegnato un pacco con messaggi minatori ed il disegno di un pupazzo a testa in giù. “Avevo ordinato un piccolo salottino da Leroy Merlin. Vado ad aprire questo pacco e trovo un biglietto con un messaggio offensivo ed il disegno di un omino. In un momento così difficile per tutti, in cui dovremmo riprenderci, sia da soli che con la gente, la nostra serenità, vedere ancora questa cosa anacronistica. In un momento così non c’entra proprio niente, le priorità sono altre. Sono rimasta molto male ed ho denunciato. Il pacco è stato manipolato, è molto grave. Tra l’altro sanno anche dove vivo” – spiega la Mussolini.

Live non è la D’Urso,14 giugno 2020, Maria Scicolone

La D’Urso le mostra una foto di Sofia Loren e di sua sorella, Maria Scicolone (la madre della Mussolini).

“Io mi porto sempre il cellulare dietro perchè secondo me ad un certo punto un figlio ed una madre si scambiano i ruoli. Mamma adesso mi dà delle risposte pazzesche perchè mi dice ‘ma che è sto covid, perchè non mi baci? perchè non mi tocchi?’ , ha 82 anni. Una volta mi disse, quando ero adolescente, che era bruna e si fece bionda perchè papà la tradiva con una bionda. Lei anzichè menarlo, per non vedere i capelli biondi sulla giacca si fece bionda. Per non soffrire. Mamma ne ha subite dagli uomini di tutti i colori” – racconta Alessandra.

La Mussolini spiega che la madre si è ritirata dalla tv da ormai 4 anni perchè non le andava più, era stanca. Ora tocca alla figlia prenderla per mano e portarla con sé in giro, prendersi cura di lei. Alessandra ne parla con grande amore.

Live non è la D’Urso 14 giugno 2020

Live non è la D’Urso, l’assoluzione di Fabrizio Corona

La D’Urso passa a parlare della sentenza che ha assolto Fabrizio Corona. La Cassazione ha deciso che Corona non dovrà tornare in carcere per ulteriori 9 mesi. “Se è stato assolto bene per lui. Speriamo che questa sentenza possa essere una nuova possibilità per lui. Abbiamo riscoperto la famiglia con questa tragedia. Sono contenta per il figlio, non tanto per lui” – commenta la Mussolini.

Barbara manda in onda un video-messaggio in cui Corona spiega di essere sollevato in seguito alla sua assoluzione e chiede una rivisitazione del suo percorso giudiziario. “Vorrei fossero rivisti parecchi giudizi etico-morali. Credo di essere cambiato e che quest’ultima carcerazione mi abbia lasciato qualcosa di indelebile che mi porto dentro. La mia storia non è finita, tornerete presto a sentir parlare di me”.

Live non è la D’Urso, Izzo e Bonaccorti vs Elena Morali

La scorsa puntata, Simona Izzo ed Enrica Bonaccorti hanno duramente attaccato Elena Morali mettendone in dubbio la professionalità. “Cosa fai tu nella vita?” – le ha chiesto la Izzo. La Morali ha definito sia lei che la Bonaccorti “galline”.

Enrica insinua che Elena guadagni su Instagram “mostrando le natiche”. La Morali durante questa settimana ha pubblicato sui suoi social alcuni scatti della Bonaccorti in topless.

Interviene anche Serena Grandi, che in passato è stata protagonista di un’analoga discussione con Giulia De Lellis. L’attrice ricorda di essere un premio Oscar e di avere dalla sua una lunga carriera.

La D’Urso si collega in collegamento con “la Favolosa”, la mamma di Luigi Favoloso. La donna è diventa una vera e propria star su Instagram, in seguito alle sue partecipazioni a Live. Barbara le fa notare che indossa un abito simile al suo.

La Izzo la definisce una “CELEBRO-lesa”, cioè una lesa dalla celebrità. “Non mi interessa il suo gioco di parole. Diventare una soubrette è sempre stato un mio sogno” – risponde la Favolosa.

Live non è la D’Urso 14 giugno 2020

Live non è la D’Urso, Pivetti indagata

Si parla della Pivetti, che è attualmente indagata anche per riciclaggio. Dopo essere stata accusata di aver venduto delle mascherine contraffatte, la Pivetti è ora accusata di aver riciclato del denaro.

 


Condividi su
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

Giornalista pubblicista. Nata nell'epoca sbagliata. É donna del suo tempo, ma anche un po' degli anni'80 e dell'800 di Jane Austen. Ama leggere libri fino all'alba, scrivere, disegnare, creare. Guarda telefilm con una vaschetta di gelato al cioccolato d'estate e una tazza di tè bollente in inverno. La sua migliore amica è Shonda Rhimes.

Continua a leggere
Advertisement
Clicca per commentare

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Intrattenimento

Lui è peggio di me Rai 3, diretta della prima puntata di giovedì 23 settembre

Va in onda su Rai 3 la prima puntata dello show condotto da Marco Giallini e Giorgio Panariello

Pubblicato

il

Lui è peggio di me Conduttori
Condividi su
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

Torna lo show su Rai 3 lo show comico Lui è peggio di me.

Segui con noi la diretta della prima puntata di Lui è peggio di me stasera dalle ore 21.30 su Rai Tre.

Lo show andrà in onda ogni giovedì a partire da questa sera 23 settembre 2021 alle ore 21.20 e proseguirà per un totale di cinque settimane.

Lui è peggio di me Rai 3- Format, ospiti e produzione

La prima edizione di Lui è peggio di me è andata in onda la scorsa primavera 2021. Il duo composto da Marco Giallini e Giorgio Panariello resta confermato per questa nuova stagione più libera da alcune restrizioni dovute al Covid-19. Quest’anno infatti debutta la presenza del pubblico in studio, cosa non prevista per la prima edizione.

L’idea del programma è quella di un sit show, in cui gli artisti presiedono il palco tra monologhi, interviste, canzoni e dispetti reciproci. Il tutto con la partecipazione di ospiti e colleghi del mondo dello spettacolo. Tra questi, ospiti fissi sono Max Angioni e Anna Ferzetti.

La produzione di Lui è peggio di me è di Rai Tre e Friendsparteners. Con la collaborazione di Giorgio Panariello, Marco Giallini, Giovanna Salvatori, Giorgio Capozzo, Max Ferrigno, Martino Clericetti, Paola Vedani, Federico Baccomo, e la regia di Flavia Unfer.

Lui è peggio di me Rai 3 – diretta

Giallini Panariello Lui è peggio di me Rai 3

Comincia la prima puntata di Lui è peggio di me, con un primo sketch tra i corridoi della sede Rai 3 tra Giorgio Panariello, Marco Gialini e Max Angioini. 

Si passa allo studio dove i due conduttori intonano personalmente la colonna sonora del programma.

Il primo ospite a fare ingresso sul palco è il noto cantautore Ron che si esibisce con una sua versione di Attenti al lupo di Lucio Dalla. Successivamente l’artista canta il suo noto brano Non abbiamo bisogno di parole del 1992.

Ron Lui è peggio di me Rai 3

Come si può vedere, tanto spazio viene dato alla musica all’interno dello show. I conduttori, infatti, presentano subito l’orchestra capitanata da Maurizio Filardo, noto direttore artistico del Festival di Sanremo.

Il comico Max Angioni rientra sul palco per mostrare un suo servizio in cui ha chiesto alla gente per strada cosa pensano di Giallini e Panariello. Dal servizio viene fuori che Marco Giallini sia maggiormente conosciuto rispetto a Giorgio Panariello. Quest’ultimo approfitta per mostrare un video-monologo in cui si racconta fin dall’infanzia.

Lui è peggio di me Rai 3 Servizio

L’ingresso di Anna Ferzetti sul palco

Anna Ferzetti Lui è peggio di me Rai 3

Anna Ferzetti si unisce ai due conduttori, interrompendo Giorgio durante il suo video-monologo.

I prossimi ospiti chiamati in studio sono il giornalista Fabio Caressa e l’allenatore Beppe Bergomi, le due voci di Sky. Entrambi vengono intervistati separatamente, imitando lo studio di C’è posto per te di Maria De Filippi, e rispettivamente da Panariello e Giallini. Le domande fatte intendono mostrare quanto l’uno conosce bene l’altro, quasi come se fossero una coppia di coniugi.

Terminata l’intervista la “busta” che li divideva si apre e il duo si riunisce, fino alla nuova esibizione di Ron del suo brano Joe Temerario. 

 

È il momento del monologo di Giorgio Panariello che elogia la figura del comico, specialmente nella società di oggi in cui la nuova generazione predilige professioni come lo YouTuber, il gamer, il TikToker. Giorgio cita Kasha Zwan, il comico afghano che prima di essere ucciso dai talebani li ha stupiti con una battuta inevitabile ed insita nell’anima dei comici.

Khasha Lui è peggio di me Rai 3

Il monologo di Marco Giallini in compagnia di Anna Ferzetti

Terminato il monologo di Giorgio Panariello, Giallini introduce sul palco il musicista Raphael Gualazzi, vincitore della categoria di Sanremo Giovani nel 2011. Mentre l’artista accompagna Marco Giallini nel suo monologo sulla vita, entra Anna Ferzetti che recita in sua compagnia. A quel punto Gualazzi suona e canta il suo brano Follia d’Amore con cui vinse proprio nel 2011.

Il prossimo ospite è Enrico Bertolino, che interviene sul palco parlando del ruolo degli attori e sul potere della comunicazione del corpo rispetto a quella verbale. Affronta diversi temi: l’ascolto, l’uso della voce e il linguaggio del corpo.

Lui è peggio di me Rai 3 – Ospite Mario Biondi

Giorgio Panariello avvia un altro monologo sui cinque sensi, in particolare sulla voce e l’udito. È qui che entra Mario Biondi intonando un brano di Frank Sinatra.

Dopo aver parlato del suo successo internazionale e i progetti musicali, Mario Biondi canta il ritornello di Gelato al Cioccolato di Pupo. Non è finita qua, perché i conduttori Giallini e Panariello, in compagnia di Biondi cantano il brano del 1966 Tema (Viva l’amor) de I Giganti.

Anna Ferzetti, Marco Giallini e Giorgio Panariello si cimentano subito dopo in uno sketch in cui Giorgio simula il provino per la parte di Johnson nel prossimo film di Paolo Genovese. Il regista, infatti, si collega via web con lo studio, e ironizza in loro compagnia su quanto sia poco adatto Panariello al ruolo previsto.

Al termine della serata Mario Biondi si esibisce nuovamente sul palco cantando il suo ultimo brano Lov-lov-Love. 

Giorgio Panariello prova a riprendere il monologo iniziale sulla sua infanzia, ma viene interrotto nuovamente e questa volta dall’uscita dei titoli di coda del programma.

La prima puntata di Lui è peggio di me termina qui. Il prossimo appuntamento è per giovedì 30 settembre.


Condividi su
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
Continua a leggere

Intrattenimento

Star in the star 23 settembre: fuori Patty Pravo e Paul McCartney, Gloria Guida e Ronn Moss

Nel secondo appuntamento Loredana Bertè è stata eletta come migliore della puntata. Eliminate invece due leggende Patty Pravo e la new entry Paul McCartney.

Pubblicato

il

Star in the star 23 settembre canale 5
Condividi su
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

Giovedì 23 settembre su Canale 5 va in onda Star in the Star condotto da Ilary Blasi. 

La scorsa settimana è stato eliminato Massimo Di Cataldo che si nascondeva dietro le sembianze di Elton John. Le altre 9 leggende ancora in gara sono Pino Daniele, Zucchero, Madonna, Michael Jackson, Lady Gaga. E ancora Mina, Patty Pravo, Loredana Bertè e Claudio Baglioni.

A valutare le esibizioni la giuria formata da Marcella Bella, Claudio Amendola e Andrea Pucci. 

Star in the star, la diretta del 23 settembre

Nella diretta del 23 settembre Ilary Blasi annuncia che nel corso della puntata un nuovo personaggio si aggiungerà al cast. Si tratta di Paul McCartney. Allo stesso tempo però sono due i volti che verranno svelati.

Anche questa settimana la gara è divisa in due manche nella quale le leggende cantano sia in playback, nella prima parte, che dal vivo. I due artisti che in ogni manche ottengono meno voti dovranno sfidarsi tra loro nello showdown, ovvero nello spareggio. La novità è che verrà eletto anche il migliore della puntata, facendo sfidare i primi due classificati delle rispettive manche.

Star in the star 23 settembre pino daniele

Star in the star, la prima manche

Alla prima manche prendono parte Pino Daniele, Mina, Michael Jackson, Patty Pravo e Lady Gaga. Il primo ad esibirsi è Pino Daniele con Je so‘ pazzo. 

Claudio Amendola confessa di essersi emozionato di più nella scorsa esibizione. Marcella Bella invece consiglia al vip di lavorare sul “pathos”. Andrea Pucci vorrebbe maggiore elasticità nei movimenti. Come indizio questa settimana una scarpa da prete. Amendola ipotizza Paolo Conticini perché da piccolo voleva intraprendere la carriera ecclesiastica.

Mina interpreta Parole Parole in coppia con la voce registrata di Alberto Lupo. Amendola e Bella notano un miglioramento nell’esibizione. Secondo quest’ultima dietro Mina si nasconde una cantante di professione. Pucci invece ha gradito maggiormente questa esibizione rispetto a quella della prima puntata. Le ipotesi vertono su Tosca e Cesara Buonamici.

Questa settimana Michael Jackson ha scelto di cantare Bad. A Pucci la performance non lo ha per nulla convinto, soprattutto nei movimenti caratteristici di Jackson. Marcella Bella invece nota un lieve miglioramento nella parte del ballo. Claudio Amendola condivide l’opinione di Pucci. Come indizio il vip ha partecipato al Festival di Sanremo. La giuria ipotizza Alexia, Rita Pavone o Giusy Ferreri.

Star in the star 23 settembre patty pravo

Patty Pravo, Lady Gaga

E’ il turno di Patty Pravo con Ragazzo triste, contenuto nel 45 giri di debutto della “ragazza del Piper”. Per Amendola si è trattata più di un’imitazione che un’interpretazione. Per tale ragione ammette di essere deluso. Stessa sensazione anche per Pucci. Secondo Marcella Bella invece è riuscita ad entrare maggiormente nel personaggio. Pucci crede che sia Rita Rusic, Marcella Bella opta per Donatella Rettore e Amendola per Alessia Merz.

Ultimo artista a prendere parte alla prima manche è Lady Gaga che canta Born this way. La giuria ha valutato positivamente la performance, sia per la voce che per il balletto. I tre giurati in questo caso hanno delle difficoltà ad esprimere delle ipotesi.

Al termine delle esibizioni ecco come ha votato il pubblico in studio, suddiviso per fan club. Ricordiamo che ogni fan club non può votare per il proprio beniamino.

  1. Mina 359 punti 
  2. Lady Gaga 354 punti
  3. Michael Jackson 265 punti
  4. Pino Daniele 264 punti
  5. Patty Pravo 201 punti

Dato che è prevista una doppia eliminazione Pino Daniele e Patty Pravo, gli ultimi classificati, si sfidano nello showdown. Pino Daniele propone Napule è mentre Patty Pravo il brano E dimmi che non vuoi morire.

La giuria salva Pino Daniele. Dietro Patty Pravo si nasconde Gloria Guida. 

Star in the star paul mccartney

Star in the star 23 settembre, la seconda manche

Prende il via la seconda manche alla quale prendono parte la new entry Paul McCartney, Claudio Baglioni, Zucchero, Loredana Bertè e Madonna. 

Il primo ad esibirsi è Paul McCartney con Hey Jude. La giuria non vuole troppo sbilanciarsi perché non ha pienamente apprezzato la sua prima esibizione. Hanno in particolare notato il distacco tra la voce in playback e quella dal vivo. Secondo i giudici potrebbe essere Tony Hadley degli Spandau Ballet o Mal dei Primitives.

Questa settimana Claudio Baglioni canta Avrai. I giudici si complimentano per la performance soprattutto per la voce. Continuano a pensare che si tratti di Luca Laurenti. Amendola aggiunge l’ipotesi di Anonimo Italiano.

Loredana Bertè invece ha scelto di interpretare Non sono una signora. Valutazione positiva per i giudici che si limitano a brevissimi commenti. Le ipotesi vertono su Syria, Irene Grandi, Dolcenera, Fiordaliso. 

Star zucchero

Madonna, Zucchero

La quarta leggenda ad esibirsi è Madonna con Like a virgin. La giuria ha notato qualche imperfezione e secondo Marcella Bella non si tratta di una cantante professionista, forse di una soubrette o di un’attrice. Performance invece bocciata per Pucci. Per i giudici potrebbe essere Laura Freddi, Martina Colombari o Laura Chiatti. 

L’ultimo ad esibirsi è Zucchero che canta Overdose d’amore. I giudici si sono divertiti ma hanno preferito l’esibizione della prima puntata dove hanno trovato maggiore incisività. Per i giudici potrebbe trattarsi di Fausto Leali, Adriano Pappalardo o Dario Ballantini. 

Ecco come ha votato il pubblico nella seconda manche:

  1. Loredana Bertè 416 punti
  2. Claudio Baglioni 412 punti
  3. Madonna 258 punti
  4. Paul McCartney 255 punti
  5. Zucchero 251 punti

Prima dello showdown Ilary Blasi manda in sfida Loredana Bertè e Mina che si sono classificate al primo posto. La vincitrice sarà nominata come la migliore della puntata. La Bertè canta E la luna bussò. Mina invece ha scelto di proporre Grande Grande Grande. 

La giuria premia Loredana Bertè. Come bonus nella prossima puntata il suo fan club potrà votarla. 

Star spareggio

Star in the star, il secondo showdown

E’ arrivato il momento del secondo showdown. A sfidarsi nello spareggio sono Zucchero che ha scelto di cantare Donne e Paul McCartney che ha optato per Let it be. 

Marcella Bella, Claudio Amendola e Andrea Pucci salvano Zucchero. Paul McCartney viene eliminato alla sua prima puntata ed è obbligato a togliersi la maschera. Si tratta dell’attore di Beautiful Ronn Moss.


Condividi su
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
Continua a leggere

Le Iene Show

Le Iene, 10 donne al fianco di Nicola Savino: ecco chi sono

Per la venticinquesima edizione del celebre programma di Italia 1 si è pensato di moltiplicare la conduzione al femminile.

Pubblicato

il

Le Iene 10 conduttrici
Condividi su
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

Le Iene 2021 si tingono di rosa: 10 donne famose diventano conduttrici al fianco di Nicola Savino. Mancano pochi giorni all’inizio della nuova stagione del popolare format in quota Mediaset la cui data di messa in onda è prevista per martedì 5 ottobre  in prima serata su Italia 1

Le iene 23 marzo diretta

 

Le Iene: le novità della 25ma edizione

Sono tante le novità previste per la nuova stagione, ma una in particolare ha fatto molto piacere al grande pubblico televisivo. L’edizione 2021-2022 rappresenta un traguardo molto importante per il programma. Si festeggia infatti la  25esima edizione de Le Iene.

Per celebrare questa occasione così importante e speciale dello show si è pensato ad aumentare la conduzione femminile.  Al fianco di Nicola Savino e della Gialappa’s Band, infatti, ci saranno 10 grandi donne che sono  protagoniste nel campo del cinema e dello spettacolo, ma anche del panorama musicale e sportivo. Ognuna di loro racconterà a modo proprio il mondo femminile dei giorni nostri. 

Tra i personaggi che in passato hanno hanno ricoperto i ruoli di inviate e/o conduttrici del programma di Italia 1 ci sono state anche Simona Ventura, Alessia Marcuzzi, Ilary Blasi e Nadia Toffa. Ma in tanti ricorderanno anche Afef Jnifen, Daria Bignardi, Kasia Smutniak, Victoria Cabello, Miriam Leone, Cristina Chiabotto, Geppi Cucciari

Personaggi, dunque, che hanno mosso i primi passi nel programma di Italia 1 per poi cavalcare la scena televisiva e non solo. Alcune di queste ex Iene si sono ritrovate in occasione dell’omaggio fatto in studio nell’ottobre del 2019 per ricordare Nadia Toffa.

Le Iene: chi sono le 10 conduttrici che affiancheranno Nicola Savino

La nuova edizione de Le Iene prevede un avvicendamento di 10 conduttrici: ogni settimana ci sarà quindi una padrona di casa diversa il martedì. Chi sono le nuove Iene? La produzione ha pensato di chiamare a raccolta i personaggi femminili più rappresentativi del momento.

Nel cast de Le Iene 2021 ci sarà la cantante Elodie Di Patrizi, già nota al grande pubblico televisivo per aver partecipato alla quindicesima edizione del talent show Amici di Maria De Filippi. Ma la sua consacrazione avvenne qualche anno dopo con la partecipazione al Festival di Sanremo 2017

Oltre Elodie, ci sarà anche la pallavolista Paola Egonu, a cui si aggiungono la showgirl Elisabetta Canalis e l’attrice Rocio Munoz MoralesInoltre è sono presenti anche la cantante Madame, la showgirl Elena Santarelli, la giornalista Francesca Fagnani, la campionessa olimpica Federica Pellegrini e l’attrice Michela Giraud.

Tra le grandi attese c’è Ornella VanoniQueste dieci donne si racconteranno sul palco de “Le Iene” senza filtri, mostrandosi per quello che sono e con la stessa forza ed energia con cui affrontano e vivono le loro rispettive attività professionali. 


Condividi su
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
Continua a leggere
Advertisement

Seguici su:

Di tendenza

Maridacaterini.it è una testata giornalistica iscritta al registro della stampa del tribunale di Roma, al numero 187/2015 - P.Iva 05263700659 – Tutti i diritti riservati

Copyright © 2021 www.maridacaterini.it