Chi l’ha visto? 2 dicembre 2020, nuove rivelazioni sul caso Mario Biondo


Questa sera l'attenzione è posta sul caso di Mario Biondo, trovato morto nel 2013. nel suo appartamento in Spagna. Un omicidio camuffato da suicidio


Mercoledì 2 dicembre 2020, Chi l’ha visto? è in onda alle 21.20 su Rai 3. Il programma, che si occupa da anni di rintracciare persone scomparse, è condotto da Federica Sciarelli.

Grazie ai servizi e alle ricerche della redazione di Chi l’ha visto? è individuata una nuova prova che ha fatto riaprire il caso della morte di Mario Biondo. Il giovane viveva in Spagna, ed era sposato con la conduttrice di una televisione locale. E’ trovato morto nel suo appartamento a maggio 2013.

Anche Le Iene, su Italia 1, si sono occupati di recente del suo caso, un sospetto omicidio mascherato da suicidio. Sono troppi i dettagli che non tornano. In primis un’autopsia svolta superficialmente. Inoltre, pare che dal computer personale di Biondo sia stato effettuato un accesso a internet quando ormai, stando al coroner, l’uomo era già deceduto da diverso tempo.

Vi ricordiamo che potete vedere la puntata di Chi l’ha Visto? anche in streaming su internet, tramite il servizio gratuito RaiPlay.

Chi l’ha visto? 2 dicembre 2020, la diretta

La puntata inizia con un’emergenza: Angela, una giovane di 13 anni, è scappata di casa da Cremona. E’ fuggita con un’altra ragazza di 16 anni, della quale però non si hanno informazioni.

La verità sulla storia di Valentina e Gabriele, trattata due settimane fa da Chi l’ha visto? pare essersi momentaneamente risolta. Il fratello di Valentina ha potuto rintracciarla e scoprire che si trova in una struttura protetta; sarebbe stato proprio Gabriele, il suo ex, a picchiarla, costringendola alla fuga. Anche Gabriele adesso, ricercato dalla polizia, è fuggito; ma la redazione di Chi l’ha visto? lo ha rintracciato, e più tardi ne sapremo di più.

Quindi, Santina e Pippo Biondo, i genitori di Mario Biondo, sono presenti in studio per parlare del triste caso di omicidio mascherato da suicidio del loro figlio. Poco dopo, la storia di Mario è ricostruita e riassunta in un servizio. Alcune foto fondamentali per risolvere le indagini sarebbero sparite, e la polizia spagnola si oppone alla condivisione dei file originali anche di quelle già inviate in Italia. “Sono foto in bassa risoluzione, potrebbero anche essere manomesse” afferma Santina.

Inoltre, ci sono le questioni delle bugie pronunciate dalla vedova di Mario, la cui posizione al momento della morte del marito non è mai stata verificata. Lei afferma che quel giorno non si trovava in casa, e nemmeno a Madrid: era in viaggio per lavoro. Infine, nei vetrini dei campioni prelevati dal cadavere di Mario fu rinvenuto del DNA estraneo.

Chi l'ha visto? 2 dicembre

Chi l’ha visto? 2 dicembre 2020, la storia di Valentina e Gabriele

Le vicende che coinvolgono Valentina e il suo ex-ragazzo Gabriele è riassunta per gli spettatori. Suo fratello Simone ha potuto parlare con lei, scoprendo che lei ha dovuto rifugiarsi in un posto sicuro lontana da Gabriele; che sarebbe responsabile delle violenze che la ragazza ha subito.

Come anticipato, Gabriele è recentemente scappato dalla polizia, che ha tentato di rintracciarlo dopo la confessione di Valentina. Questa sera la redazione di Chi l’ha visto? condivide le dichiarazioni di alcune ragazze che hanno chiamato il programma per denunciare Gabriele. Valentina, quindi, potrebbe non essere la sola ragazza che Gabriele ha picchiato.

Gli inviati di Chi l’ha visto? hanno rintracciato Gabriele e hanno cercato di parlare con lui. Ma sono stati allontanati con veemenza da un uomo che Gabriele chiama “mio padre”, anche se sembrano avere praticamente la stessa età. Così, la redazione si è rivolta all’avvocato di Gabriele, che nega ogni coinvolgimento del suo assistito nel pestaggio di Valentina.

Nonostante non abbia rilasciato dichiarazioni ai giornalisti, Gabriele è stato ritrovato: si trova in PugliaPerché nessuno lo ha fermato mentre usciva dalla sua regione, ovvero la Toscana, una zona rossa?

Chi l’ha visto? 2 dicembre, la scomparsa di Khrystina Novak, il caso Vannini

Khrystina Novak risulta ancora scomparsa.  Il 1 novembre scompare da Pontedera, lasciando la chiave nella toppa e il cane chiuso all’interno.

I vicini della ragazza, intervistasti da Chi l’ha visto? rilasciano interessanti dichiarazioni: la polizia, prima che Khrystina fosse dichiarata scomparsa, avrebbe chiesto loro della ragazza. Tuttavia, non risultano interventi della polizia nelle date indicate dai vicini di casa.

Strana anche la presenza delle chiavi nella toppa, più volte scomparse e riapparse nei giorni precedenti la scomparsa di Khrystina.

Quindi, Chi l’ha visto? torna a parlare del caso Vannini. Oltre a riassumere la storia della vittima, Marco Vannini, ricordano che la famiglia Ciontoli è stata condannata con pene di varia entità ai vari membri per la prima volta dall’inizio delle indagini.

Chi l'ha visto? 2 dicembre

Chi l’ha visto? 2 dicembre, la fuga di Giuseppe Maravigna, la morte di Sissy

Giuseppe Maravigna, reduce da un ictus, è scomparso da una struttura di riabilitazione di Tarquinia. Aveva già tentato la fuga quando era ancora ricoverato in ospedale. Dell’uomo la polizia ha rinvenuto solo un trolley, con il quale era fuggito qualche giorno prima.

“Voglio che si sappia cosa hanno fatto a mia figlia. Ogni giorno che passa è sempre peggio.” dichiara in lacrime il padre dell’agente di polizia penitenziaria Maria Teresa Trovato Mazza, nota come Sissy, deceduta nel 2019. Era in ospedale dal 1 novembre del 2016, quando un proiettile la raggiunse alla testa mentre era in ascensore.

Pare che Sissy fosse a conoscenza di informazioni su una sua collega, colpevole di aver violentato delle detenute.

Pazienti malati di Alzheimer maltrattati e la storia di Luca

Un neurologo siciliano avrebbe ideato un metodo disumano per trattare pazienti malati di Alzheimer. Un metodo del tutto inutile per curare i pazienti, che faceva leva sulla disperazione dei parenti dei malati.

Stando alla teoria del neurologo, per far guarire i pazienti era necessario maltrattarli, umiliarli tanto verbalmente quanto fisicamente.

Questa triste storia si ricollega con quella tragica di Luca; giovane amante della scrittura e della letteratura che, dopo essersi ammalato a causa di una semplice borsite cronica, ha avuto a che fare con uno dei medici incriminati per i maltrattamenti descritti poc’anzi.

Il medico, un fisiatra, avrebbe inculcato nella mente di Luca che lui era un fallito. E arriva a dire ai genitori del ragazzo che Luca soffriva addirittura di un disturbo di personalità. Le violenze psicologiche nei confronti di Luca peggiorano sempre più. Finchè Luca non decide di suicidarsi lanciandosi da un ponte. 

La storia di Paolo Massari e le “truffe romantiche”

La storia di Paolo Massari, 54 anni, giornalista ed ex assessore all’Ambiente della giunta di Letizia Moratti, è raccontata dal programma ancora una volta.

Massari ha commesso più volte violenza sessuale nei confronti di diverse donne, restando impunito fino a che, il 14 giugno 2020, compiuta l’ennesima violenza è stato arrestato e condotto al carcere di San Vittore. Chi l’ha visto? ha raccolto le testimonianze di alcune delle vittime.

Poi, nuove foto si aggiungo al tabellone delle “truffe romantiche” di Chi l’ha visto?. Si tratta di foto rubate da account social reali, utilizzate per creare profili fasulli allo scopo di commettere illeciti e truffe.



0 Replies to “Chi l’ha visto? 2 dicembre 2020, nuove rivelazioni sul caso Mario Biondo”

Lascia un commento

Riempi tutti i campi per lasciare un tuo commento. Il tuo indirizzo non verrà pubblicato

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>
*