x

Connect with us

x

Intrattenimento

Lui è peggio di me 18 febbraio tra gli ospiti Il Volo, Bonolis, Mannoia

Lui è peggio di me, la seconda puntata va in onda questa sera, 18 febbraio, su Rai 3. Conducono Giorgio Panariello e Marco Giallini.

Pubblicato

il

Lui è peggio di me 18 febbraio
Lui è peggio di me, la seconda puntata va in onda questa sera, 18 febbraio, su Rai 3. Conducono Giorgio Panariello e Marco Giallini.
Condividi su

Rai 3 propone la seconda puntata di Lui è peggio di me questa sera, 18 febbraio 2021, alle 21.20. Giorgio Panariello e Marco Giallini conducono il programma televisivo denominato Sit-show.

Il duo di conduttori propone sketch, interviste e gag coinvolgendo nello show ospiti provenienti dal mondo della musica e dello spettacolo. Questa sera partecipano Il Volo e il comico Francesco Paolantoni. Ma ci sono anche Manuele Agnelli, Rodrigo D’Erasmo, Gigi D’Alessio e Fiorella Mannoia. Infine, è prevista anche la partecipazione di Paolo Bonolis.

Potete seguire Lui è peggio di me anche in streaming sul sito a fruizione gratuita RaiPlay.

Lui è peggio di me 18 febbraio

Lui è peggio di me 18 febbraio, la diretta

Questa sera, l’anteprima e introduzione di Lui è peggio di me è affidata a Federica Sciarelli, direttamente dallo studio di Chi l’ha visto; nella finzione del sit-show, Panariello e Giallini si presentano nel ruolo di “scomparsi”. Quindi, inizia il programma vero e proprio.

Di nuovo, come nell’incipit della prima puntata, l’intro musicale di Giallini disturba l’intro di Panariello. Dopo un breve siparietto nella zona franca tra i due studi, si passa dal lato di Panariello, che intervista Paolo Bonolis. Per omaggiare il conduttore e show man, Panariello propone un’“intervista fotografica” simile a quella condotta da Bonolis nel suo programma e talk Il senso della vita. Panariello propone a Bonolis foto e video evocativi, e Bonolis risponde dicendo cosa ci vede, attraverso racconti collegati alla sua vita.

Guardando una foto che ritrae Carlo Conti, Gerry Scotti e Bonolis stesso, lo showman commenta che “Carlo è già come Pippo Baudo e Scotti è perfettamente Mike (Buongiorno)”. Poi, in stile Ciao Darwin, altro storico programma di Bonolis, una giovane “madre naturaporta a Panariello in dono l’ultimo libro scritto da Paolo Bonolis. Poi, scherzosamente, Panariello augura allo scaramantico Bonolis auguri per la sua squadra del cuore, l’Inter. “Mi piace stare su Rai 3, che è meno protocollare. Così posso grattarmi i cogl***i” dichiara Bonolis in risposta.

Lui è peggio di me 18 febbraio, un nuovo monologo di Giallini, Il Volo

Terminata l’intervista a Bonolis, Giallini inizia un nuovo monologo, accompagnato dalla musica della sua band. Come nel precedente della scorsa puntata, il conduttore racconta eventi della sua vita attinenti con un tema comune: la musica, in questo caso. Stavolta, però, il monologo fa da introduzione all’ingresso in studio di Clementino, il noto rapper napoletano. Clementino, poi, si esibisce in un monologo attoriale, che Giallini trova brillante. Tanto che gli dice “Sei un attore nato”.

Dopo una breve interruzione pubblicitaria, e un nuovo sketch con Giallini, Panariello introduce i componenti de Il volo, suoi nuovi ospiti. Ma solo uno di loro si siede sul divanetto del suo studio: Ignazio Boschetto. “Non ho mai pensato a una carriera solista. Sto bene, mi piace quello che siamo, quello che cantiamo.” dichiara. Ma, quando Panariello si alza per redarguire Giallini, nuovamente troppo rumoroso, Boschetto si scambia con Gianluca Ginoble, altro membro del trio. Dopo qualche domanda, la scena si ripete identica, e Panariello parla infine anche con Piero Barone.

Alla fine dell’intervista, poi, Il Volo canta Somebody to love dei Queen nello studio di Giallini. Proprio nella metà dello studio più “rock”, il trio del Volo libera la propria anima più sorprendente con un’intervista tripla. “Mi alleno cantando le canzoni degli ACDC” dice Boschetto. “Siamo più rock di quanto ti aspetteresti” continua Barone.

Lui è peggio di me 18 febbraio, l’intervista a Francesco Paolantoni e Fiorella Mannoia

“Cerchiamo di rifuggere dallo stereotipo della napoletaneità” afferma Panariello, mentre presenta il suo prossimo intervistato ospite: il comico partenopeo Francesco Paolantoni. Così, il comico inizia l’intervista parlando senza mostrare la sua naturale inflessione dialettale. Ma a poco a poco, una melodia suonata al pianoforte lo conduce a lasciarsi andare. Poi, si scopre che il pianista dietro ai classici napoletani suonati in sottofondo è Gigi D’Alessio.

Dopo un altro monologo di Giallini, Fiorella Mannoia entra nel lato dello studio di Giorgio Panariello. Con il conduttore, la Mannoia canta in duetto il brano Ueilà! di Bruno Lauzi. Ma, come parte dello sketch, a Panariello è richiesto solo di cantare le parti con l’esclamazione “Ueilà!”.

Dopo un’interruzione pubblicitaria, si torna nello studio di Panariello, e Gigi D’Alessio è di nuovo al pianoforte. Canta, accompagnandosi al piano, diversi stralci di brani come Napule è di Pino Daniele. Quindi, seguendo le consuetudini del sit-show di Panariello e Giallini, i due si scambiano gli ospiti, e Fiorella Mannoia passa da Giallini; la cantante cucina con il conduttore un Tiramisù. 

 

I giovanissimi di Rock’n Nerd

Si rientra poi nello studio di Panariello, con i due giovani membri del Rock’n Nerd. Un progetto di Mattia D’Angelo e Giulio Gaetti, i due ospiti in studio questa sera, e di Michele Cancelli. I tre giovanissimi studenti, tutti quattordicenni, hanno prodotto numerose invenzioni rivoluzionarie basate sulla robotica e sulla sostenibilità. A Lui è peggio di me, ad esempio, propongono una mini-serra robotizzata ed eco-sostenibile.

Poi, tornando dal lato dello studio di Giallini, il conduttore parla di musica e intervista Manuel Agnelli; che prima, però, si esibisce con Rodrigo D’Erasmo in Perfect Day di Lou Reed.

Quindi Panariello e Giallini terminano la puntata cantando in duetto Canzone intelligente di Cochi e Renato. “Mi piace questa cosa di cantare insieme, dovremmo farlo di più” dice Giallini dopo il duetto. Come per la scorsa puntata, uno sketch a due fa da conclusione. Il tema dello sketch, sempre in bilico fra l’impegnato e il goliardico, è la frase “Io non capisco”.

Lui è peggio di me 18 febbraio

 

 

 


Condividi su

Appassionato di Cinema e Serie TV, di libri e di fumetti, di video e di videogiochi. Di avventure, si può dire riassumendo. Non ama molto dormire, ma a volte lo costringono. Del resto, gli servirebbero delle "vite extra" per seguire tutti i suoi hobby e interessi. Intanto, fa quel che può con quella che ha: scrive, disegna, registra video, ogni tanto mangia. A tal proposito, potrebbe sopravvivere mangiando solo pizza. Se serve, anche pizza estera, quando viaggia. Sì, anche quella con sopra l'ananas.

Continua a leggere
Advertisement
Clicca per commentare

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Advertisement

ARCHIVIO

Giugno 2022
L M M G V S D
 12345
6789101112
13141516171819
20212223242526
27282930  

Seguici su:

Maridacaterini.it è una testata giornalistica iscritta al registro della stampa del tribunale di Roma, al numero 187/2015 - P.Iva 05263700659 – Tutti i diritti riservati

Copyright © 2021 www.maridacaterini.it