Connect with us

Intrattenimento

Le Iene Show diretta 16 giugno 2020, tutti i servizi, la mafia a Roma

Le Iene Show 9 giugno 2020. Il programma va in onda con nuovi servizi e inchieste, e nuovi scherzi ai Vip. Tutti i servizi della puntata.
Benedetta Morbelli

Pubblicato

il

Le Iene Show 9 giugno 2020. Il programma va in onda con nuovi servizi e inchieste, e nuovi scherzi ai Vip. Tutti i servizi della puntata.
Condividi su
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

Alle 21.20 di martedì 16 giugno 2020, torna su Italia 1 l’appuntamento in diretta con Le Iene Show. La puntata è preceduta da Iene.it: Aspettando le Iene, un contenitore di servizi trasmesso live sulla pagina Facebook delle Iene e sul sito ufficiale Iene.it. L’anteprima è condotta da Giulia Innocenzi. 

Sul sito Iene.it sono disponibili brevi estratti  dei servizi previsti per la serata. Tra questi uno è dedicato alla cosca mafiosa insediata a Roma. Un altro è relativo all’imbrattamento della statua di Indro Montanelli a Milano, ad opera di un collettivo studentesco che ne richiede la rimozione dal parco in cui è sita. 

La puntata integrale è visibile in diretta streaming sul servizio MediasetPlay. I singoli servizi e le puntate precedenti sono disponibili al termine dello show anche sul sito Iene.it.

Le Iene Show 16 giugno 2020

Le Iene Show 9 giugno 2020 – La diretta

Post lockdown è aumentato esponenzialmente l’uso delle biciclette come mezzo di trasporto primario. Se l’uso delle biciclette aiuta l’ambiente e fa bene alla salute, è altrettanto vero che è molto difficile parcheggiarle in sicurezza. In Italia infatti viene rubata una bici ogni 2 minuti.

Andrea Agresti ci porta a Bologna, la città italiana più “bike friendly”. La redazione delle Iene decide di fare un esperimento e parcheggia una bici da 200 euro in pieno centro. La bici viene rubata dopo poco e viene portata sul retro di un ristorante indiano. Il proprietario Ahmed nega qualsiasi implicazione ed infuriato caccia l’inviato e prende a colpi la telecamera. All’arrivo dei carabinieri il proprietario del locale spiega di aver scambiato 50 euro di cibo con la bicicletta.

Viene ripetuto l’esperimento e anche stavolta la bici viene rubata dopo poco. Il ladro scompare, ma grazie al gps le Iene riescono a rintracciarlo e parte l’inseguimento. L’uomo riesce però a darsela a gambe.

Agresti ci porta poi nel “mercato nero” delle biciclette. Qui riuscirebbe ad acquistare una bici per soli 20 euro.

Le Iene Show, Di Maio ed i Pomigliano boys

Roberta Rei ci porta al Liceo Classico Vittorio Imbriani di Pomigliano, istituto in cui si diplomò Di Maio. Il Ministro non ha mai dimenticato gli anni tra i banchi di scuola e ancora vi torna a volte per presenziare ad eventi.

Molti dei compagni di scuola di Di Maio hanno fatto carriera e ricoprono oggi incarichi importanti. Ad esempio Dario De Falco, suo caro amico, è diventato capo della sua segreteria.

L’attivista Aniello Nazaria non ha frequentato quel liceo e denuncia questa “sospetta coincidenza”. Un tempo era un fervente sostenitore del Movimento 5 stelle, ma si è poi ricreduto. Nel 2018 è stato eletto alla Camera dei Deputati ma il suo seggio sarebbe stato dato ad un altro perchè non sarebbe stata applicata correttamente la legge elettorale. “Inizialmente ho pensato fosse una svista” – racconta. Nello sostiene che sarebbe stato privato del seggio in Parlamento in favore di altri candidati tra cui il ministro Azzolina.

Aniello non si è però abbattuto e c’ha provato un’altra volta, ma stavolta a dare parere negativo sulla sua candidatura è stato il capo politico (Luigi Di Maio). “Il più votato della sua regione è stato escluso da lui senza un motivo né una spiegazione” – continua. Al suo posto sarebbe entrato Luigi Napolitano, altro compagno di scuola di Di Maio.

Le Iene Show, sfruttate al bar del tribunale

Torregrossa è il proprietario del bar del tribunale di Palermo. Anni fa denunciò di essere vittima del pizzo, ma oggi è lui ad essere denunciato dalle sue dipendenti. Rita e Valeria sono contrattualizzate per un part-time di 4 ore, ma ne lavorano 9. Il loro stipendio ammonta a soli 600 euro. Lavorano per circa 3.33 euro all’ora. Torregrossa bonifica alle sue dipendenti alcune cifre, ma loro devono restituirgli gran parte della somma in contanti.

Le due dipendenti sottostanno a questa ingiustizia da ben 12 anni, sotto ricatto morale. Non solo però le sole a lavorare in quel bar. Ci sono altri 10 colleghi, che si rifiutano però di testimoniare per “proteggersi il posto di lavoro”. L’avvocato Nadia Spallita, si offre di sostenerli qualora decidessero di iniziare un’azione legale.

 

Rita e Valeria indossano delle telecamere nascoste e registrano la confessione della figlia di Torregrossa. Insospettita dalle domande delle dipendenti, la Torregrossa ha fatto recapitare loro – il giorno dopo – una lettera di richiamo disciplinare.

Interrogata dall’inviato delle Iene, la donna smentisce tutto. Davanti ai filmati, la Torregrossa ha provato a giustificarsi dicendo che le dipendenti “hanno sempre voluto lavorare così”.

Le Iene mettono a parte della vicenda anche Salvatore Di Vitale, Presidente del Tribunale di Palermo.

Le Iene Show, la storia di Davide

Nel 2017 Davide ha deciso di andare in Svizzera per “porre fine a tutti i suoi dolori”. Era affetto da Sclerosi Multipla da 24 anni e non ce la faceva più. Prima di andarsene, Davide ha registrato un videomessaggio chiedendo al governo Italiano di rendere l’eutanasia un diritto anche nel nostro Paese.

Ad accompagnarlo nel suo viaggio è stata Mina Welby ed a raccogliere i soldi necessari affinchè Davide riuscisse a raggiungere la Svizzera è stato Marco Cappato con il sostegno dell’Associazione Luca Coscioni. Cappato si è successivamente autodenunciato.

Davide aveva molta fretta di mettere fine al proprio calvario, ma i tempi di attesa erano lunghi. Grazie all’aiuto della Welby e di Cappato è riuscito a velocizzare i tempi. Nel video che ha lasciato Davide però ci ha raccontato il suo dolore, fisico e morale. Senza amici, senza autonomia, la sua vita era un lento trascinarsi senza speranza, lui la definiva “un inferno”. “Ho invidiato Fabo alla fine. Arrivo Fabo, arrivo” – ha esclamato. Il giorno dopo Davide se ne è andata con un dolce sonno.

“E’ stata la settimana più santa della mia vita perchè era un po’ come un altro Cristo per terra che doveva essere aiutato” – svela Mina Welby.

“Legalizzare o non legalizzare non è una questione ideologica. Queste persone hanno bisogno di parlare con il medico, con lo psicologo, con l’assistente sociale, del fatto che se è possibile lo aiuteranno anche a morire – se è questo che vogliono – ma che se invece ci sono altre soluzioni sarà nell’interesse di tutti proporgliele” – spiega Cappato.

Sia la Welby che Cappato sono indagati per “aiuto al suicidio”. Hanno però voluto autodenunciarsi perchè sentenza dopo sentenza ci si sta avvicinando alla modifica della legge. Mina racconta di averlo promesso a suo marito Piergiorgio.

Le Iene Show, lo scherzo a Marco Predolin

Marco Predolin vive con la moglie Laura ed il gatto Jack. Predolin ha una vera adorazione per il cucciolo di casa, perciò Le Iene hanno deciso di coinvolgere il micio in un malefico scherzo ai danni del personaggio televisivo.

Predolin deve portare il gatto dal veterinario, ma il cucciolo non sembra gradire il viaggio in macchina. Arrivati in clinica, il conduttore lascia Jack nelle mani dell’equipe medica che lo prepara all’operazione. Il giorno dopo quando lo va a prendere il gatto è molto arrabbiato ed i veterinari spiegano a Predolin che l’anestesia può avere effetti psicotropi. L’anestesista gli lascia il proprio numero di telefono nel caso ci fossero emergenze.

Quello che Predolin dovrà credere è che l’anestesista ha somministrato a Jack un farmaco che lo spinge a mangiare plastica e ad eliminarla attraverso le feci. Questo test dovrebbe far parte di una sperimentazione che potrebbe portare ad innovativi metodi di riciclo della plastica. Per rendere credibile questa versione, con la complicità della moglie di Predolin, vengono posizionate delle feci molto grandi con pezzi di plastica nella lettiera del gatto ed una pianta finta “mangiucchiata”.

Predolin si mostra molto preoccupato e chiama l’anestesista. Il medico lo rassicura, ma il conduttore non è convinto.

Il giorno dopo si ripete l’episodio e Predolin è sempre più allarmato. L’anestesista si reca a casa Predolin per visitare Jack, ma mentre è lì, il conduttore riceve la telefonata del veterinario che lo mette in guardia dal collega. L’anestesista, incurante delle critiche, si prepara a fare un’iniezione al gatto. Predolin si infuria e difende il suo Jack dalle grinfie dell’anestetista.

Le Iene Show, mafia a Roma

Piergiorgio Capra è un imprenditore, il proprietario di una concessionaria, che ha subito, 18 mesi fa, il sequestro e la confisca dell’attività durante l’operazione Apogeo. L’operazione mirava a sequestrate possedimenti del clan Spada.

Piergiorgio dichiara di non avere legami con gli Spada e di essere vittima di uno scambio di indirizzi. Non ci sono effettivamente né intercettazioni, né prove che riconducano a Capra.

Federica Angeli, giornalista sotto scorta de “La Repubblica”, conferma la possibilità dello scambio e spiega che nel giro di pochi km c’erano due concessionarie, ma una delle due ha chiuso vendendo l’attività, nel 2012, ad un salone di bellezza.

Sarebbe proprio la concessionaria che ha chiuso quella riconducibile al clan Spada. Lo confermano anche i commercianti che posseggono attività nei dintorni, ma come è possibile che ci sia stato uno scambio di indirizzi e di identità? Probabilmente l’errore è nato da un estratto del verbale ufficiale, che è stato sintetizzato in modo errato.

Le Iene Show, la star di Instagram Mirko Scarcella

Gaston Zama intervista Mirko Scarcella, colui che si definisce il “Guru di Instagram e dei social network”, “the chosen one”, “il prescelto”. Mirko è famoso per aver inventato miti social, come ad esempio Gianluca Vacchi.

Il suo libro ha battuto tutti i record, guadagnando più di 100000 euro in una sola notte. Il manuale vanta la prefazione di Vittorio Feltri, che lo ha persino definito “un genio”.

Oggi Mirko vive a Miami in una lussuosa villa. Afferma di aver costruito il proprio impero grazie ad un modello algoritmico che assicura il successo a qualsiasi profilo social.

Per tenere alto l’interesse dei suoi followers Mirko utilizza alcuni espedienti di marketing, invitandoli a comprare i suoi corsi online e lasciare commenti in cambio di inviti nella sua lussuosissima villa con viaggio e soggiorno tutto pagato. Carmine è uno dei fortunati ad aver “vinto” questo trattamento. Il ragazzo ammira moltissimo Scarcella perchè lo spinge a credere che chiunque possa farcela.

Controllando i profili social di Mirko però, Zama si rende conto che ci sono video di interviste fake e che la sua collaborazione con l’Università di Harvard non è mai esistita. Scarcella è un millantatore?

Con l’aiuto di un complice, che si finge in cerca di un aiuto per aumentare i propri followers, Zama smaschera il business di Mirko.

Yari Brugnoni, co-founder di Ninjalitics, svela poi i trucchi dietro al mercato dei follower, dei commenti e dei like su Instagram.


Condividi su
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
Continua a leggere
Advertisement
Clicca per commentare

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Intrattenimento

Amore Criminale 2021: la storia di Rosa, uccisa dal marito Ciro

Stasera, 6 maggio, la nuova edizione di Amore Criminale prosegue con la storia di Rosa, uccisa da suo marito Ciro prima del divorzio.
Lorenzo Mango

Pubblicato

il

Condividi su
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

L’attrice e conduttrice Veronica Pivetti racconta la tragica storia di Rosa Landi in Amore Criminale, trasmesso dalle 21.20 su Rai 3 questa sera, 6 maggio 2021.

Il programma, di genere docufiction, è realizzato in collaborazione con la Polizia di Stato e l’Arma dei Carabinieri, e con il Patrocinio della Presidenza del Consiglio dei Ministri. Le storie di femminicidio narrate in Amore Criminale sono presentate tramite docu-fiction basate sul vero materiale di repertorio di ognuno dei casi trattati, e con le interviste ai testimoni diretti dell’accaduto.

Vi ricordiamo che potete seguire le puntate della nuova edizione di Amore Criminale 2021 anche in streaming, sul sito RaiPlay.

Amore Criminale, la storia di Rosa Landi

La nuova edizione di Amore Criminale giunge alla terza puntata, dedicata alla storia di Rosa Landi. Come di consueto, purtroppo, la narrazione non è a lieto fine: il marito di Rosa, Ciro Vitiello, uccide la moglie nella notte del 19 marzo 2016.

Vitiello è un uomo autoritario e tendente alla violenza, così lo descrive chi lo conosceva. Amici e parenti, infatti, sanno quanto Rosa fosse succube di quell’uomo intrattabile. Per anni Rosa Landi sopporta il trattamento che Vitiello le riserva, prima per amore dei suoi figli, poi quasi per abitudine. Ma una sera, scopre in un marsupio del marito una scatola di preservativi, e chiede spiegazioni.

L’uomo le rivela così di averla tradita, e non solo una volta, ma ripetutamente. Arriva a dirle che in quarant’anni di matrimonio non le è mai stato fedele. Così, Rosa Landi decide di allontanarsi da lui, e chiede il divorzio. Vitiello non accetta la decisione, ma soprattutto non può sopportare di aver perso il controllo di sua moglie, fino a quel momento una donna arrendevole.

Così, nella fatidica notte del 19 marzo 2016, mentre Rosa è al telefono con suo figlio trentasettenne, si presenta di fronte a lei con una pistola, e spara cinque colpi.

Dopo l’omicidio

La brutalità di Ciro Vitiello è da subito evidente. L’uomo chiama la polizia alle 22.16 del 10 marzo 2016, autodenunciandosi. Le sue parole, tuttavia, non lasciano trasparire alcun pentimento.

Sentite, ho ammazzato mia moglie. Non potevo più vivere, questioni di separazioni. Ho perso la testa e ho separato a mia moglie con la pistola“ dichiara al telefono con un poliziotto della Questura di Genova.

Così, avviene l’irruzione in casa della Landi e di Vitiello. Il corpo di Rosa è rinvenuto là dove il marito le ha sparato, vicino al telefono; è riversa sul pavimento in una pozza di sangue.

Dopo l’arresto Vitiello non vuole nemmeno più parlare con i suoi figli, che lo descrivono come un padre aggressivo.

Infine, l’uomo è condannato a scontare una pena pari a 18 anni di carcere.

 


Condividi su
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
Continua a leggere

Intrattenimento

Eurovision Song Contest 2021, ecco chi sono i conduttori italiani

Tutte le notizie e le anticipazioni sull'edizione del Festival della Canzone Europea. I Maneskin in gara per l'Italia.
Federica Simonetti

Pubblicato

il

Eurovision-2021
Condividi su
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

Torna l’Eurovision Song Contest nell’edizione 2021. Sabato 22 maggio alle 20:40 ritorna l’appuntamento con il festival della Canzone Europea in diretta da Rotterdam. Si tratta della sessantacinquesima edizione.

Ricordiamo che l’Eurovision song contest torna nella sua formula originale dopo che nel 2020 era stato cancellato e sostituito da una serata celebrativa senza alcuna competizione. Adesso è stata anche annunciata la presenza del pubblico alla Ahoy Arena di Rotterdam che rappresenta anche un segnale di speranza e di ripartenza per il mondo dello spettacolo gravemente penalizzato dalla pandemia.

Eurovision song contest 2021 arrivano Gabriele Corsi e Cristiano Malgioglio.

Novità dell’edizione 2021 è la presenza di una coppia assolutamente inedita di commentatori. Si tratta di Gabriele Corsi e Cristiano Malgioglio che sostituiscono Flavio Insinna e Federico Russo al timone della manifestazione lo scorso anno.

Saranno Corsi e Malgioglio a raccontare al pubblico italiano quanto accade sul palco della Ahoy Arena di Rotterdam.

Ricordiamo inoltre che il palinsesto Rai per l’Eurovision song contest 2021 inizia con la cronaca delle due semifinali in programma su Rai 4 e in contemporanea su Rai Radio. I giorni deputati sono martedì 18 e giovedì 20 maggio in prima serata a partire dalle 20:45. La cronaca su Rai4 è affidata a Saverio Raimondo ed Emma Stoccolma, mentre la radiocronaca su Rai Radio2 è affidata alla stessa Ema Stoccolma in compagnia di Gino Castaldo.

I Maneskin per l’Italia

A rappresentare l’Italia sul palcoscenico internazionale di Rotterdam è il gruppo dei Maneskin che partecipa con la canzone Zitti e buoni. Il brano è stato presentato alla scorsa edizione di Sanremo 2021 dove si è aggiudicata la vittoria. I Maneskin sono stati però invitati a eliminare dalla loro canzone tutte le parolacce e le volgarità inserite nel testo italiano. Ricordiamo inoltre che il gruppo è anche reduce dalla conquista del disco d’oro per  l’ultimo album Teatro d’Ira volume 1. Il trofeo del Eurovision song contest manca in Italia da oltre 30 anni ovvero dal 1990.

Chi sono i conduttori

Ecco chi sono i conduttori di Eurovision Song Contest 2021.

Gabriele Corsi torna su Rai 1 dopo aver condotto nel 2018 il programma estivo della fascia preserale della rete Reazione a catena. E’ una presenza fissa insieme al Trio Medusa su Radio Deejay. E attualmente è al timone del programma dell’access prime time del canale NOVE del digitale terrestre dal titolo Deal with it Stai al gioco.

Cristiano Malgioglio non ha bisogno di presentazioni. Molto noto sui canali Mediaset approda per la prima volta alla conduzione dell’Eurovision Song Contest è apprezzato soprattutto per la sua grande capacità di cantautore e autore di testi. Ma anche come polemista in molti salotti televisivi soprattutto Mediaset.

Inoltre Carolina Di Domenico attrice Vj conduttrice televisiva e radiofonica avrà il compito di annunciare in diretta Europea il risultato del voto della giuria italiana.

Il pubblico di casa nostra potrà votare il brano preferito ma non può esprimere pareri sulla canzone italiana.

Lo slogan ufficiale dell’evento resta Open Up, il medesimo pianificato per l’edizione annullata.


Condividi su
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
Continua a leggere

Intrattenimento

Chi l’ha visto? 5 maggio 2021, verdetto definitivo per il caso Vannini

Lorenzo Mango

Pubblicato

il

Chi l'ha visto stasera 5 maggio
Condividi su
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

Rai 3 propone stasera, mercoledì 5 maggio 2021, una nuova puntata di Chi l’ha visto? il programma condotto da Federica Sciarelli. Nel corso della puntata odierna, si torna a parlare, per l’ultima volta, del caso di Marco Vannini.

Dopo sei anni di processi e ricorsi la Cassazione ha emesso il verdetto definitivo sul noto caso di cronaca. Il ventenne Vannini fu ucciso da un colpo di pistola nella notte tra il 17 e il 18 maggio 2015 in casa della sua ragazza, Martina Ciontoli. Il colpo fatale è esploso dal padre della ragazza, Antonio Ciontoli, condannato a 14 anni di reclusione. Tuttavia, anche la moglie e i figli di Ciontoli, Maria, Federico e Martina, devono scontare una pena pari a 9 anni e 4 mesi.

L’intera famiglia Ciontoli avrebbe infatti ritardato volutamente l’arrivo dei soccorsi, minimizzando la gravità dell’accaduto nel tentativo di scagionare Antonio Ciontoli.

Vi ricordiamo che potete vedere la puntata di Chi l’ha Visto? anche in streaming su internet, tramite il servizio gratuito RaiPlay.

Chi l’ha visto stasera 5 maggio, la diretta

La puntata inizia, e subito inizia un collegamento con Piera Maggio, la madre di Denise Pipitone, che si trova nella piazza del suo paese, Mazzara del Vallo. Oggi, infatti, i Carabinieri sono andati a perquisire l’abitazione dove abitava Anna Corona. “A me hanno detto che si cercava un corpo. Mi aspettavo un po’ più di delicatezza nei miei confronti” dichiara la Maggio. Pare, infatti, che una recentissima testimonianza indirizzi le indagini verso un pozzo, dove il corpo di Denise potrebbe essere stata posta anni fa.

“Questa casa da quando è scomparsa nessuno l’ha mai perquisita. Come è possibile?” aggiunge poi la Maggio. “Senza fare il nome delle persone interpellate, rispettando l’anonimato, posso ascoltare le confessioni di tutti riguardo Denise, e riferirle a chi di dovere. Vogliamo solo trovare Denise” annuncia poi il Vescovo di Mazzara del Vallo.

I Carabinieri hanno indagato e perquisito l’abitazione, dopo che un testimone misterioso avrebbe comunicato loro che nella casa sarebbero stati svolti lavori in muratura non segnalati. L’attuale abitante della casa ha parlato con un inviato di Chi l’ha visto? affermando di non aver mai notato nulla di strano. 

Ma i Carabinieri hanno rinvenuto una misteriosa botola nel garage dell’abitazione, a lungo esaminata nel corso della giornata odierna. Dopo le indagini, però, la casa non è stata posta sotto sequestro. Le indagini di 17 anni fa si svolsero correttamente? Oppure Anna Corona ha ricevuto un trattamento di favore in virtù di alcune conoscenze altolocate? Questo è il dubbio su cui si deve fare luce stando alle parole dell’avvocato della Maggio, Giacomo Frazzitta.

Chi l'ha visto stasera 5 maggio

Caterina di Bologna ritrovata, la conclusione del caso Vannini

Marika, la sorella di Caterina, scomparsa da Pietra Cuta (RN) il 23 aprile, è in collegamento con Chi l’ha visto? in seguito al ritrovamento di sua sorella. Pare che Caterina fosse trattenuta contro la sua volontà lontana dai suoi figli, e abbia trovato il coraggio di tornare a Bologna dopo l’appello di Marika eseguito in trasmissione. 

Poi, le dichiarazioni della madre di Marco Vannini, subito dopo il verdetto che ha assicurato alla giustizia l’intera famiglia Ciontoli. “Marco voleva volare con le freccie tricolori. Sono sicuro che oggi, che avrebbe 26 anni, il suo sogno si sarebbe realizzato. Lo immagino così, a sfrecciare nel cielo.” commenta.

“L’immagine più bella che ho di mio figlio è quando scendeva la mattina con la sua vestaglia, e mi chiedeva cosa avevo preparato a pranzo. Mi manca il suo buongiorno” prosegue poi.

Chi l’ha visto stasera 5 maggio, Alessio, marinaio scomparso in Danimarca

Quindi, un nuovo caso di scomparsa a Chi l’ha visto di stasera, 5 maggio: Alessio. Di professione marinaio, nato a Ortona, ma stanziato in Danimarca, non si hanno più sue notizie dal 20 gennaio; questo, nonostante avesse già preso accordi con amici e parenti in Italia.

Nella nave su cui lavorava sono stati rinvenuti tutti i suoi effetti personali. Alessio, invece, pare essere scomparso in mare durante la navigazione. Il sospetto è che Alessio possa essersi suicidato, anche se chi lo conosce smentisce con forza questa ipotesi.  Oggi, la famiglia dichiara che le indagini sarebbero state frettolose. Il fratello di Alessio è in studio. “L’impianto di videosorveglianza era disattivata. perché? Perché non ci hanno fatto visitare subito la nave?” si chiede Simone, il fratello di Alessio.

Infine, la storia di Daniela Molinari, l’infermiera milanese malata di cancro che aveva bisogno di un prelievo della sua madre biologica per salvarsi. La donna, rintracciata, rifiutò di incontrare Daniela e fornire il prelievo richiesto. Oggi la donna avrebbe cambiato idea, in seguito ai molti appelli giunti alla trasmissione dopo la richiesta di Daniela.

Il caso di Antonieta Vasquez

Antonieta Vasquez è stata trovata morta in un casale di Ciampino. La donna è creduta, ad oggi, vittima di suicidio. La redazione del programma ha ricostruito la giornata precedente la morte dell’estetista colombiana; che viene descritta dai suoi figli come “una donna piena di vita”. Antonieta avrebbe passato un’intera giornata sotto effetto di forti stupefacenti, nella stessa casa in cui poi si sarebbe suicidata. Ma numerose incoerenze rendono alquanto misteriosa la vicenda.

Segue il caso di Thomas, ragazzo di Fidenza che durante un viaggio studio in Polonia, tre anni fa, ha vissuto un’esperienza fortemente traumatica. Ma dopo soli 12 giorni, Thomas si sente male, ed è soccorso dai suoi compagni. Ha avuto un semplice attacco d’asma, ma è stato scambiato per un drogato dai suoi tutor. I medici non gli credono quando afferma di essere solo asmatico, e non lo assistono. Gli dicono che ha un problema psichiatrico, e lo costringono a letto.

Solo una volta tornato in Italia i medici scoprono che Thomas ha una trombosi cerebrale non diagnosticata.

Gli ultimi aggiornamenti sul Comandante Marcos

Si torna sul caso delle ragazze scomparse, e “salvate” dall’auto-dichiaratosi Comandante Marcos. Alessandro, il padre della ragazza scomparsa, è in studio per commentare la vicenda. “Sono separato da 13 anni. Il giudice ha stabilito che Reina fosse data in affido alla madre. Ma poi si scoprì che, fra le altre cose, non frequentava la scuola da 3 anni; così l’affido è passato a me. Nel periodo in cui mi preparavo ad accoglierla, è andata in comunità” racconta.

Intanto, anche stasera, 5 maggio, continuano le indagini del programma Chi l’ha visto? su Achille Lauri, il vero nome del Comandante Marcos, sono proseguite. Lauri si definisce come un “infiltrato nella Camorra“. Tuttavia, Chi l’ha visto? ha scoperto che Lauri sarebbe coinvolto in un caso di ricatto a stampo Camorristico. E così, si scoprono tutti i precedenti penali di Lauri: tra cui omicidio e detenzione di armi e stupefacenti.

E poi, la scomparsa di Antonio, che potrebbe aver seguito le orme di Biagio Conte. Un uomo che negli anni ’90 scomparve per un anno intero, ritirandosi in un eremo con l’intenzione di seguire le orme di San Francesco. Oggi Conte è noto come Padre Biagio, e racconta di aver ricevuto, in effetti, una richiesta di incontro da parte di Antonio. Ma, di fatto, non l’ha mai visto. Di Antonio restano solo poche parole, lasciate ai familiari: “voglio sparire”.

 

 

 


Condividi su
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
Continua a leggere
Advertisement

Seguici su:

Di tendenza

Maridacaterini.it è una testata giornalistica iscritta al registro della stampa del tribunale di Roma, al numero 187/2015 - P.Iva 05263700659 – Tutti i diritti riservati

Copyright © 2021 www.maridacaterini.it