Chi vuol essere milionario? | Puntata 18 gennaio 2019 | Diretta


Chi vuol essere milionario? | Puntata 18 gennaio 2019 | Diretta. Secondo appuntamento del 2019 con il quiz condotto da Gerry Scotti su Canale 5. Si ricomincia con un nuovo concorrente dopo l'abbandono di Giuliano Leo alla fine della scorsa puntata


Chi vuol essere milionario? torna questa sera, alle 21:35 su Canale 5. È la seconda puntata del 2019 dopo le quattro andate in onda lo scorso dicembre, celebrative del ventesimo anniversario del gioco.
Gerry Scotti cerca la conferma degli ottimi risultati ottenuti finora con un nuovo concorrente. La scorsa puntata si era conclusa al suono della sirena finale con Giuliano Leo che aveva abbandonato portando a casa 30mila euro.

Al momento, il concorrente che è andato più avanti nella scalata al milione in questa edizione è stato Luca Bosatelli: ha vinto 150mila euro.

Seguiamo insieme al diretta della puntata di questa sera.

La prima concorrente è Tiziana Maria Morari da Castelleone, in provincia di Cremona.
Subito la prima domanda: “Tra le parti del corpo, usate al vezzeggiativo, indicano un tipo di pasta…”. La risposta è la “D”, cioè “Le Orecchie”.
La seconda domanda è un piccolo problema matematico: “Se dividi 60 gessetti in 2 e ne aggiungi 15 quanti gessetti hai in tutto?”. Dopo un po’ di confusione iniziale, Tiziana risponde correttamente scegliendo l’opzione “45”.
Ora la terza domanda: “Chi ha detto ‘Non chiederti cosa può fare il tuo paese per te, chiediti cosa puoi fare tu per il tuo paese’?”. Dopo un breve ragionamento, la concorrente sceglie correttamente “John Fitzgerald Kennedy”.
Il quarto quesito è sul doppio significato di alcune parole. La risposta esatta è la “C”.
Quinta domanda: “Fabrizio De Andrè non ha dedicato una canzone a…”. Le opzioni sono “un condottiero”, “un secondino”, “un fisico”, “un giudice”.
Tiziana – da conoscitrice del cantautore genovese – risponde giustamente con l’opzione “C” e raggiunge il traguardo dei 3mila euro.
Domanda numero sei: “In quale valle si produce un formaggio tipico dalla caratteristica forma di fiore che è anche sul vessillo della Lombardia?”. Tiziana conosce la rosa camuna (il fiore cui si fa riferimento) e dà speditamente la risposta giusta, cioè la “C”.
Per la settima domanda la concorrente scegli l’aiuto “Chiedi a Gerry”. Si chiede chi condusse la prima edizione di “Non è la Rai”. Il conduttore conferma la risposta su cui era orientata la concorrente, ovvero “Enrica Bonaccorti”. Ed è quella giusta. 7mila euro raggiunti.
Avanti con l’ottava domanda: “Quale tra queste affermazioni su San Pietro è falsa?”. Le opzioni sono “Si chiamava Simone”, Era fratello di Giacomo”, “Era sposato”, “Morì a Roma”. Dopo un ottimo ragionamento, Tiziana risponde correttamente con l’opzione “B”.
Domanda numero nove. “Meghan Markle sposando il principe Harry ha assunto il titolo di Duchessa di…”.
Tiziana sceglie di utilizzare l’aiuto del “50:50”, che però non l’aiuta perché lascia le due opzioni su cui era incerta. Tuttavia, opta correttamente per la “D”, “Sussex”.

La concorrente raggiunge i 15mila euro e fissa il suo traguardo a 20mila euro.

Finora, la puntata ha un gran ritmo. La concorrente è simpatica, preparata, loquace e anima ogni domanda durante i ragionamenti. Gerry Scotti, dal canto suo, sembra più vivace e a suo agio che mai.

Siamo alla domanda numero dieci, con due aiuti ancora a disposizione, cioè l’aiuto del pubblico e quello dell’esperto in studio (in questo caso, suo marito). Il quesito: “Uno solo di questi grandi monumenti è dedicato a una donna, quale?”.

Loading...

Il “Taj mahal, in India” è la risposta esatta e Tiziana la sceglie grazie ad una sorprendente preparazione sul tema e ad un buon ragionamento.

Undicesima domanda da 30mila euro. “In quale occasione il grande Pietro Mennea stabilì il record mondiale nei 200 metri, che restò imbattuto per quasi 17 anni?”. Tiziana è dubbiosa, ammettendo di sapere poco o nulla di sport. Dunque, decide di ricorrere all’aiuto di Massimo, suo marito.

Lui, al contrario, ha un ricordo molto nitido dell’evento – che ripercorre dettagliatamente insieme a Gerry Scotti – e sceglie correttamente la “D”, cioè “Universiadi in Messico ’79”. Regala 30mila euro a sua moglie.

Iniziano le domande più difficili, con la dodicesima da 70mila euro.
“Le ultime parole pronunciate da don Vito Corleone nel romanzo di Mario Puzo ‘Il Padrino’ sono…”: “Pensa a tua madre”; “Non ti fidare”; “La vita è così bella”; “Sono inciampato”. Tiziana non ha letto il romanzo né visto il film, dunque chiede l’aiuto del pubblico.
Il responso della platea non potrebbe essere più netto: il 74%  sceglie l’opzione “C”. È quella giusta e regala i 70mila euro ala concorrente.
Tredicesima domanda da 150mila euro: “Qual è la città al mondo in cui la benzina costa di più , secondo il sito specializzato Numbeo.com?”.

Tiziana non ne ha la più pallida idea, ma inizia a ragionare seguendo la pista che porta ad “Hong Kong”, una delle città più care al mondo. Quando dice che forse è meglio andar via, Gerry Scotti le chiede di pensarci bene, lasciando intendere che forse ha fatto il ragionamento giusto. Alla fine, si decide e accende la risposta “Hong Kong”. In effetti, è la risposta corretta e la concorrente mette le mani su 150mila euro.

Ha eguagliato il miglior risultato di questa edizione, quello del veterinario Luca Bosatelli. Ora la scalata si fa più appassionante che mai.

Quattordicesima domanda – la penultima – da 300mila euro: “Com’era soprannominata la Maserati Quattroporte blu sera del 1983 usata dal Presidente Sandro Peritni?”. Le opzioni sono “Urania”, “Calliope”, “Pegaso” e “Stella”.

L’unico indizio cui è in grado di far riferimento Tiziana è che il paese di nascita di Pertini si chiama proprio Stella. Un po’ poco, quindi si dice propensa a lasciare il gioco senza rispondere.
La decisione è presa: Tiziana lascia il gioco portando a casa 150mila euro.
Saggia, anche alla luce del fatto che la risposta giusta alla domanda era “Calliope” e non “Stella”.

Il concorrente successivo è Guy Parfait, impiegato bancario milanese di origini camerunensi.
Gerry Scotti ci tiene a sottolineare che si tratta del primo concorrente di origini africane a partecipare a Chi vuol essere milionario?
Prima domanda: “Stando al significato letterale del termine inglese, cosa fai se stai ‘twittando’?”. Guy risponde correttamente “Cinguetti”.
Seconda domanda: “Se vuoi dare a tuo figlio il nome del calciatore Icardi, devi chiamarlo…”. Di nuovo risposta corretta, cioè “Mauro”.“Cosa significa ‘Despacito’, titolo del celebre tormentone estivo reggaeton?”. Ancora risposta giusta: “Lentamente”.
Per la quarta domanda – “Di cosa è composto principalmente il nostro Universo?” – c’è qualche dubbio di troppo, che richiede l’aiuto del “50:50”. Ma poi arriva la risposta esatta, quella per cui già propendeva il concorrente, “Idrogeno”.
Quinta domanda: “Cosa indica il non carattere del nostro codice fiscale?”. Dopo un calcolo più complicato del previsto, Guy chiede l’aiuto a Gerry.
Il conduttore all’inizio non si mostra del tutto sicuro, ma poi consiglia con una certa convinzione l’opzione “A”, cioè “Mese di nascita”. Regala il primo traguardo a Guy, quello dei 3mila euro.

La sesta domanda non è delle più semplici, più che altro considerando che siamo, appunto, alle prime domande della scalata: “Hai la macchina del tempo, torni indietro di circa 200milioni di anni, ma stai attento perché esistevano i dinosauri e anche…”. L’osservazione del concorrente è che, essendo il nostro pianeta ricoperto in gran parte di acqua, potrebbero esserci stati gli squali. Sceglie proprio “Gli squali” e si dimostra il ragionamento corretto.
Settima domanda accessibile: “Cosa metti nella lista della spesa se vuoi prepararti un hummus tradizionale?”. Si tratta di un piatto tipico del Medioriente, pur essendo ormai diffuso anche altrove. Le opzioni sono “Melanzane”, “Ceci”, Patate” e “Lenticchie”.

Guy opta per la sua terza richiesta d’aiuto – quello del pubblico – che lo consiglia in maniera inequivocabile, scegliendo all’87% l’opzione “B”. Risposta corretta.
L’ottava domanda è ancora più abbordabile: “Paola Enogu e Filippo Tortu sono due grandi campioni azzurri rispettivamente di …”. Il concorrente conosce la risposta corretta, cioè “Pallavolo/Atletica”.
Per lui arrivano i 10mila euro, che rappresentano anche il traguardo personale fissato in precedenza. D’ora in poi, anche se sbagliasse, porterebbe ugualmente a casa questa cifra.
La nona domanda è proibitiva, a meno che Guy non conosca l’indagine: “Secondo un’indagine recentemente condotta, quale paura affligge ben più di altre gli italiani?”.
Guy non ne ha sentito parlare, ma dopo qualche qualche momento di riflessione, sceglie con coraggio la “C”, cioè “Il vuoto”. Si tratta della risposta giusta.
Decima domanda: “Winston Churchill aveva un tatuaggio sull’avambraccio che rappresentava…”. Le opzioni sono “Un’ancora”, “Un serpente”, “La lettera V” e “Un’aquila”. Il concorrente prova a ragionare senza sapere la risposta e alla fine sceglie “Un’ancora”.
La risposta è corretta e consegna 20mila euro nelle mani di Guy.
La domanda numero undici è sui Premi Nobel: “Sembra incredibile, ma non ha mi ricevuto il Premio Nobel per la letteratura…”. Le ozpioni sono “Ernest Hemingway”, “Federico García Lorca”, Gabriel García Márquez” e “Pablo Neruda”. Guy chiama a sé, per farsi aiutare, Daniela, sua moglie. Entrambi sono in difficoltà.
Non riescono a venirne a capo e stanno seriamente valutando la possibilità di fermarsi.
Decidono di fermarsi e di portare a casa 20mila euro.
Scelta corretta, perché avrebbero risposto con l’opzione “C”, sbagliando. Quella corretta era la “Federico García Lorca”.
C’è da dire, però, che Daniela, la moglie di Guy, era propensa proprio per García Lorca.

La puntata di Chi vuol essere milionario? finisce qui.

Loading...



One Reply to “Chi vuol essere milionario? | Puntata 18 gennaio 2019 | Diretta”

  • Avatar

    Gennaro Cibelli

    La Domanda su Icardi è ambigua. Esiste un Andrea Icardi che ha giocato in Serie A negli anni 80′ e 90′. Tecnicamente sarebbe stata una risposta altrettanto corretta

Lascia un commento

Riempi tutti i campi per lasciare un tuo commento. Il tuo indirizzo non verrà pubblicato

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>
*