Barbara D’Urso dal no della Rai a Ballando al sì alla Dottoressa Giò


Barbara D'Urso dal no della Rai a Ballando al sì alla Dottoressa Giò. Gli ultimi rumors molto accreditati confermerebbero il divieto della Rai ad ospitare la regina del pomeriggio di Canale 5 che, nel frattempo, si prende la conduzione del GF Nip e torna sul set come attrice.


La notizia clamorosa è rimbalzata su tutti i mezzi di informazione: la Rai avrebbe bloccato l’ospitata di Barbara D’Urso a Ballando con le stelle. La regina della domenica pomeriggio di Canale 5 avrebbe dovuto partecipare al dance show di Milly Carlucci come ballerina per una notte.

Da quanto si apprende sembra che Piersilvio Berlusconi vicepresidente Mediaset avrebbe anche firmato la liberatoria che consentiva alla sua star di trasferirsi “per una notte” sulla rete concorrente.

L’impresa di riportare la D’Urso in Rai, che sembrava oramai già fatta, è stata invece bloccata. “Questa ospitata non s’ha da fare” hanno tuonato, novelli Don Abbondio, i vertici di viale Mazzini. I motivi sono facili da individuare: Rai1 avrebbe accolto proprio l’avversaria della domenica che ogni sette giorni affossa e asfalta, con i suoi elevati indici di ascolti, la Domenica In della prima rete. Questa è una spiegazione estremamente plausibile perché c’è un vero e proprio viavai di star che da Mediaset si spostano continuamente in Rai obbligando Berlusconi Junior a firmare continuamente liberatorie. Ultima in ordine di tempo, c’è stata la partecipazione di Michelle Hunziker a Sanremo 2018. D’altra parte anche Carlo Conti  è arrivato per ben due volte alla volta della De Filippi sia a C’è posta per te sia come giudice di Amici.

Milly Carlucci aveva fatto di tutto per convincere Barbara D’Urso a trasferirsi per una sera nel suo show. Avrebbe potuto così contrastare maggiormente la concorrenza rappresentata dal carrozzone trita audience di C’è posta per te. Ma improvviso, e forse non inaspettato, è arrivato il niet dell’azienda televisiva pubblica.

L’invito comunque resta ancora valido. Infatti la stessa conduttrice di Pomeriggio 5 e Domenica Live ha più volte dichiarato la disponibilità a trasferirsi su Rai 1. D’altra parte è stata proprio Carolyn Smith, ospite di una puntata di Domenica Live, ad invitare ufficialmente Barbara D’Urso, a nome di Milly Carlucci, a trasformarsi in ballerina per una notte. Questo perché la Carlucci conosce la passione della “collega” per il ballo.

La conduttrice di Ballando con le stelle aveva pensato di poter fare una bella sorpresa al pubblico di Rai1 distogliendo così una parte della platea televisiva dal people show della concorrenza.

Ma c’è di più. Barbara D’Urso diventa di nuovo attrice perché è confermata la seconda stagione della Dottoressa Giò. Si sta già scrivendo la sceneggiatura che naturalmente sarà costruita sulle corde professionali e anche personali della protagonista, considerando anche gli anni che sono passati dalla prima edizione ad oggi.

E come se non bastasse fonti molto accreditate danno Barbara D’Urso come prossima conduttrice del Grande Fratello nip (ovvero riservato alle persone comuni).

Il 2018 dunque rappresenta per “Carmelita” un ritorno alle origini. Infatti riprende il suo posto al GF e sul set della fiction che le ha dato popolarità e notorietà.

Un’ultima osservazione: vogliamo maliziosamente insinuare un dubbio nei nostri lettori. Precedentemente la D’Urso aveva smentito l’ipotesi di una sua conduzione del GF. Poi rumors molto accreditati davano Belen Rodriguez come probabile padrona di casa. Vista la conflittualità tra le due signore Mediaset, sorge il sospetto che la signora di Pomeriggio 5 e Domenica Live abbia voluto accentrare nelle sue mani anche il GF, per toglierlo alla nemica amatissima.



0 Replies to “Barbara D’Urso dal no della Rai a Ballando al sì alla Dottoressa Giò”

Lascia un commento

Riempi tutti i campi per lasciare un tuo commento. Il tuo indirizzo non verrà pubblicato

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>
*