Connect with us

News

Melaverde puntata 1 marzo mais Gandino per Hidding, pesce bastone per Venuto

I due conduttori on the road sono alla ricerca delle eccellenze italiane nella Val Gandino e a Napoli.

Pubblicato

il

Melaverde puntata 1 marzo Hidding e Venuto
I due conduttori on the road sono alla ricerca delle eccellenze italiane nella Val Gandino e a Napoli.
Condividi su

La puntata del 1 marzo di Melaverde porta Ellen Hidding nella Val Gandino e Vincenzo Venuto a Napoli.L’appuntamento è su Canale 5 oggi, alle 11.55. Ecco le storie che raccontano ai telespettatori.

Melaverde puntata 1 marzo mais Gandino per Hidding

Questa settimana Ellen Hidding con Melaverde raggiunge la Val Gandino, nel cuore della bergamasca. Qui racconta una storia che prende il via grazie ad una pannocchia di mais dimenticata in soffitta per quasi 30 anni.

Da quella pannocchia sono germogliati 3 chicchi che hanno dato vita al progetto di recupero di uno dei più antichi mais d’Italia: il Mais Spinato di Gandino. L’idea era di riqualificare l’intera valle. E da quei 3 chicchi germogliati è nato un mondo fatto di persone che si sono unite tra di loro. Ed hanno creato una filiera corta che ha riportato la coltivazione del Mais Spinato in valle e molto altro.

Ellen Hidding presenterà un imprenditore che ha acquistato un mulino per macinare la farina. Poi un panettiere che con quella farina ha recuperato le storiche ricette della valle. E, infine, un giovane ingegnere che produce gallette e un ristoratore che con il Mais Spinato fa pizza, chiacchiere salate e piatti della tradizione.

Leggi anche --->  Melaverde 30 ottobre tra Cesenatico e i boschi della langa piemontese

Ma che significa oggi recuperare un mais antico, fare filiera corta, unire le forze e riqualificare così un territorio? Lo spiega la Hidding attraverso le testimonianze dei personaggi protagonisti del progetto.

Melaverde Vincenzo Venuto e il pesce bastone

Vincenzo Venuto racconta oggi un fatto accaduto nel 1400. Un capitano veneziano tornò dai mari della Norvegia con uno strano pesce, essiccato al sole, e talmente duro da fargli prendere in seguito il soprannome di “pesce bastone”.

Iniziò così la storia secolare di un prodotto che arrivò rapidamente sulle tavole di tutta Italia. Era lo stoccafisso, merluzzo nordico essiccato al sole e quindi conservabile per lungo tempo.

Ma soprattutto, una volta “ammollato” in acqua, eccezionale ingrediente di mille ricette. A Napoli esiste ancora una forte tradizione legata allo stoccafisso, lavorato oggi come un tempo, con sistemi antichi e manuali.

Venuto parla di stoccafisso, pescato nelle Isole Lofoten, in Norvegia ma anche di baccalà, lo stesso pesce, il merluzzo nordico della specie Gadus morhua, ma pescato nei mari dell’Islanda e messo sotto sale.

Vedremo come veniva e viene cucinato ancora oggi in ricette della tradizione.

Ma poi il viaggio continua per scoprire il mondo della frutta secca. Venuto visita un’azienda napoletana che da tre generazioni si occupa di questo prodotto e oggi rappresenta una realtà molto importante del settore.

Il viaggio partirà dal Monte Somma, da dove i contadini un tempo scendevano al porto di Napoli per scambiare il loro prodotti della terra con i pesce essiccati e salati che arrivavano dai mari del nord.

Leggi anche --->  Warner TV, dal 30 ottobre sbarca sul digitale terrestre il nuovo canale della Warner Bros. Discovery

Le Storie di Melaverde oggi in Valle D’Aosta

Prima del programma ci sono Le Storie di Melaverde. Si inizia alle 11:20 con una Storia che, questa settimana è ambientata nella Valle D’Aosta.

Ricordiamo che Le Storie di Melaverde ripropongono un argomento già trattato in precedenza, ma affrontato sotto un’ottuca fidderente.


Condividi su
Continua a leggere
Advertisement
Clicca per commentare

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Advertisement

ARCHIVIO

Dicembre 2022
L M M G V S D
 1234
567891011
12131415161718
19202122232425
262728293031  

Seguici su:

Maridacaterini.it è una testata giornalistica iscritta al registro della stampa del tribunale di Roma, al numero 187/2015 - P.Iva 05263700659 – Tutti i diritti riservati

Copyright © 2021 www.maridacaterini.it