Melaverde puntata 8 marzo – Hidding a Belluno, Venuto nel borgo di Lari


I due conduttori vanno alla scoperta delle eccellenze di Belluno e del piccolo borgo di Lari, tra allevamenti, gelati e caffè.


Nuova puntata di Melaverde, oggi, domenica 8 marzo. I due conduttori on the road, Ellen Hidding e Vincenzo Venuto, sono alle ricerca delle eccellenze agricole e agro alimentari. I due sono rispettivamente

Melaverde puntata 8 marzo – Hidding a Belluno

Questa settimana Melaverde sarà a Belluno con Ellen Hidding. Siamo in Veneto, alle porte del Parco Nazionale delle Dolomiti Bellunesi, per conoscere tre storie raccontate dalla conduttrice.

La prima storia riguarda una coppia, Damiano ed Elisa. Lui fa il maniscalco, lei la modella. Si sono incontrati giovanissimi e ad unirli, da subito, è stata la grande passione per gli animali. Ma anche un sogno: realizzare una fattoria tutta loro dove allevare tante specie diverse e soprattutto non comuni. Oggi quel sogno è diventato realtà e anche un lavoro.

Nella loro fattoria c’è ad esempio il maiale Mangalico, chiamato anche suino “lanoso”, a causa delle sue curiose setole che sembrano appunto lana. Oppure la pecora nana Ouessant, l’ovino più piccolo al mondo.

O ancora, la capra d’Angora, famosa per la sua fibra pregiatissima. E poi ancora lama, alpaca, vacche Highlander, galline ornamentali e tanti altri animali che sono nella fattoria di Damiano ed Elisa.

Poi il viaggio continua all’interno di una storica torrefazione bellunese, per scoprire curiosità e segreti sul caffè, la seconda bevanda più bevuta al mondo dopo l’acqua, e la seconda merce più scambiata al mondo dopo il petrolio.

E poi si parlerà di gelato. Lo sapevate che in Veneto il gelato ha una tradizione antichissima ed è stato proprio un veneto ad inventare il cono? Vedremo funzionare l’antica macchina manuale per fare il gelato che si è utilizzata fino all’invenzione dei frigoriferi e delle gelatiere moderne. Venuto spiega questa antica e inaspettata tradizione bellunese.

Melaverde puntata 8 marzo i conduttori

Melaverde Vincenzo Venuto nel borgo di Lari

Melaverde con Vincenzo Venuto, arriva sulle colline pisane, nel pittoresco borgo di Lari. Si tratta di un borgo medioevale, ma le sue origini sembra siano addirittura etrusche.

Venuto ci fa conoscere una serie di attività artigianali tradizionali che caratterizzano questo suggestivo borgo. Un sito prevalentemente agricolo famoso per la coltivazione delle ciliegie. Un prodotto così importante che diventa anche ingrediente di un salame che si produce solo qui.

Ma saranno molte le curiosità. Il sottosuolo di Lari è ricco di grotte etrusche, e dentro una di queste si stagiona nella paglia un formaggio dal sapore antico, fatto con tre tipi diversi di latte e caglio vegetale ottenuto dal cardo selvatico.

Poi, in un piccolo forno artigianale, vedremo nascere un pane molto particolare fatto con farine di grano, mais e farro. E poi un curioso panettone salato. Proprio sotto questo castello, inoltre, ha sede dal 1926, uno dei pastifici artigianali tradizionali più rinomati d’Italia, portato avanti da sempre da una famiglia.

E poi, ancora, una vera chicca: qui vive e lavora da sempre un artigiano unico, che realizza, completamente a mano, perfette riproduzioni di armi e armature storiche.

Le Storie di Melaverde di oggi

Inoltre, come ogni domenica, si inizia alle 11.20 con una Storia di Melaverde. Il titolo di oggi è Oro Giallo.



One Reply to “Melaverde puntata 8 marzo – Hidding a Belluno, Venuto nel borgo di Lari”
  • Avatar

    D'Emilio Amedeo

    Ho visto la puntata di oggi 08/03/20 sulla tradizione del gelato Veneto, vorrei, se è possibile il filmato del mastro gelataio. Qui a Roseto degli Abruzzi, dagli anni ’50 in poi esisteva una piccola “Gelateria Veneta” come descritto dal signore nel servizio. A Roseto c’era anche un a piccola fabbrica di produzione del ghiaccio a forma di parapellepipedo, forse per questo nacqué la vendita al pubblico del gelato, era buonissimo, avevo appena 6 anni quando fui operato alle tonsille e il medico disse a mia nonna di comperarmi un grosso gelato, forse per ghiacciare il sangue. Se avete un contatto posso chiedergli altre notizie sulle gelaterie venete poste lungo l’Adriatico. Grazie

Lascia un commento

Riempi tutti i campi per lasciare un tuo commento. Il tuo indirizzo non verrà pubblicato

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>
*