Ti lascio una canzone, la puntata del 29 marzo


tutte le esibizioni della serata e gli ospiti che sono intervenuti


Si entra subito in gara: la prima sfida è tra due brani molto romantici,  Mi ritorni in mente con Marco Ingrao e Sei nell’anima con Rebecca Toschi. Con fare da grandi, i due ragazzini parlano uno della propria band, l’altra della sua passione, la pesca. Inizio alla grande commenta la padrona di casa che intervista i giudici sul gradimento dei due brani. Vince Sei nell’anima anche per il televoto. Subito dopo entra l’ospite di lusso: Gino Paoli, annunciato dalle sue più popolari canzoni. Naturalmente il duetto con i piccoli cantanti è una regola fissa. Questa volta si duetta sulle note di Sapore di mare e La gatta, due classici intramontabili. Primo blocco pubblicitario

Seconda sfida: Non succederà più interpretata da Le Peperine e Per colpa di chi, cantata dai Monelli. Una competzione durante la quale il palcoscenico si riempie. Le Peperine e i Monelli si presentano con mise abbastanza “colorate” e, a dir la verità, le loro interpretazioni non sono le migliori. Loro sanno fare molto di più.Tra regalini di compleanno alla piccola Martina e saluti, la gara si conclude con la vittoria de I Monelli.

Secondo ospite blasonato: Rita Pavone, reduce dalla prima non esaltante, puntata de La Pista in cui è giudice. Naturalmente la Clerici ricorda il programma ballerino andato in onda venerdì sera su Rai1. Cuore e Fortissimo sono i brani interpretati dalla sempreverde Rita la cui voce, incredibilmente, non ha perso nulla dell’ampiezza vocale e della potenza. Dopo un filmato d’epoca nel quale abbiamo visto la mamma di Rita consigliare alla figlia giovanissima, di stare a casa a fare la donna, ecco i consueti duetti. Si canta con “Come te non c’è nessuno” e “Geghegè”

 E siamo alla terza sfida: For once in my life, interpretata dal giovanissimo Jacopo Bertini, che dedica il pezzo alla sua ragazza, e Azzurro di Adriano Celentano. Ancora blocco pubblicitario.

Le due canzoni sono di effetto, e il brano dell’ex Molleggiato viene interpretato da tutti i ragazzi di Ti lascio una canzone. Interpretazione corale, dunque. Ma al  televoto vince Iacopo. Subito dopo un segmento dedicato alla musica degli anni ’70.

Quarta sfida: sono in gara  Grande Grande Grande, cantata da Vincenzo Cantiello e Claudia Cicateri e You’re my everything dei Santa Esmeralda.ora, sarà un caso, ma Vincenzo e Claudia sono legati da una grande amicizia e sentirli cantare un brano così pieno di sentimento, fa davvero un certo effetto. I due sono così giovani. E’ questo il grande limite di Ti lascio una canzone: far cantare brani d’amore a bambini e ragazzini troppo piccoli. Comunque Massimiliano Pani li gratifica: hanno interpretato alla perfezione il brano della mamma.  Ma al televoto vince You’re everything.

Torna Gino Paoli sul palcoscenico, con altre canzoni del suo immortale repertorio, tra cui, non poteva mancare Ti lascio una canzone.

Quinta e ultima sfida: sono in gara  Se bruciasse la città con Marco Epicoco e Bruci la città, con Krizia Angulo. La vittoria al televoto va a Krizia che riceve anche un messaggio dai suoi parenti.  Siamo alle battute finali.

Il segmento successivo mette in scena una sorta di musical con Antonella Clerici ai fornelli ( ma che novità) e viene fatta una sorpresa al maestro De Amicis: arriva il figlio Nocolò, aspirante chef. Non ci meravigliamo: il futuro è dei cuochi, almeno in tv.

Il momento amarcord è con Gabriele Tufi, cantante della prima edizione di Ti lascio una canzone che adesso ha 19 anni.

Vanno in finale, delle cinque canzoni vincitrici delle manche precedenti, Sei nell’anima (Rebecca Toschi) e You’re my everything (il Duo Lirico).

I brani vengono reinterpretati. Poi torna Rita Pavone che canta un motivo del suo ultimo Cd, Masters. Titolo Dove sarà.

E’ mezzanotte. I bimbi devono sparire dal video. Il tempo di annunciare che vince l’ottava puntata il Duo Lirico (ancora) con You’re everything.

Appuntamento a sabato prossimo.



0 Replies to “Ti lascio una canzone, la puntata del 29 marzo”

Lascia un commento

Riempi tutti i campi per lasciare un tuo commento. Il tuo indirizzo non verrà pubblicato

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>
*