Made in Sud, la 2 puntata in diretta


tutte le esibizioni dei comici che sono intervenuti allo show comico


I primi a salire sul palco sono gli Arteteca, lei vuole essere servita e riverita perché è l’8 marzo “Amò io sono 10 anni che aspetto il 9 marzo”, breve il loro sketch, ma torneranno. Intanto lasciano il posto sul palco ai Voluturi, i vampiri di Made in sud, “Io vengo dalla terra dei morti e porto saggezza, tu da dove vieni?” “Io vengo dalla terra dei fuochi e morto la munnezza”. Il giovane vampiro rischia sempre la morte con il paletto di frassino nel “cu..cu..cuore, per non morire hai un’ultimissima possibilità, puoi scegliere il paletto di frassino o il pacco di Flavio Insinna, ma devi sapere che lui prima di fare il presentatore faceva la controfigura di Rocco Siffredi”, inutile dire su cosa è ricaduta la scelta “Babbasone prendi il paletto!”.

Gli Arteteca in Made in Sud

Gigi chiede un forte applauso per un neo-poeta, un genio: Eddy Scampia. “Tutto è nato grazie a mia nonna, un’appassionata di poesia, ogni suo gesto mi ricordava una poesia, ad esempio quando si abbassava i pantaloni pensavo al passero solitario”.

E’ poi il momento di Elisabetta nei panni di Rocio Munoz Morales e dei suoi proverbi che non capisce nessuno,

Gigi e Ross si stanno innervosendo, per fortuna arriva L’incazzatore personalizzato.

Questa volta l’incazzatore ce l’ha con quelle ragazze che si provano milioni di magliette e poi non ne comprano neanche una “non puoi comprarti il vestito di una velina se hai il fisico del Gabibbo, il problema non è la maglietta!”, per non parlare di quelle amiche che ti mandano per messaggio tutte quelle lunghissime catene. Ed infine si scagliano contro Matteo Salvini che è in tutte le trasmissioni televisive.

Lo show continua con Il Volo, i tre vincitori di Sanremo che sono tutto tranne che modesti “grazie mille, siamo i migliori”. Torna Elisabetta, sempre nei panni di Rocio, per presentare il vincitore del festival di Sanremo spagnolo e mandare poi la prima pubblicità.

Si torna dal blocco pubblicitario con un balletto e arriva poi Cardamone “Non riesco proprio a capire, Cinquanta sfumature di grigio e poi il film è a colori?..dicono che è un film sull’amore, ma come, gli vuoi bene e gli dai tutte ste mazzate e se la schifavi? Non riesco proprio a capire”. Cardamone se la prende poi con quelle donne che scendono in piazza per la festa della donna e poi la sera si vanno a vedere questo film.

Lo seguono i due chef di Mastro Chef: Gracco e Barbieri che sono arrabbiati perché a Striscia la notizia hanno svelato il nome del vincitore. Arriva poi, chiamato da Fatima, Pigroman, con il suo piccolo figliolo “Uffa”. Solite chiamate di signore che chiedono l’aiuto del supereroe, che però è troppo pigro e non ha nessuna intenzione di muoversi. Ivan e Cristiano sono sempre i più applauditi, uno è professore si filosofia, l’altro dice solo cavolate.

Non manca neanche questa sera l’uomo dei fuochi, “inalando solo fumi tossici sto sviluppando super poteri”, in stazione ha alcuni amici come Franchino il matematico che dice sempre: “Non c’è due senza tre, ma io non mi ritrovo con questa affermazione”. Gigi e Ross presentano poi Don Ciro, il Boss delle cerimonie che entra dicendo: “Scusate ma a me piacciono solo le cose della classe..ho anche un castello con una statua di Zeus che piscia su la capa di Nettuno”, per non parlare delle bomboniere, la punta di diamante è “il piede di porco di Swarovski”.

E’ tutto pronto anche per accogliere sul palco il grande Gigi D’Alessio, “Grazie a tutti, vi amo veramente, se sentite caldo è perchè vi sto abbracciando”, anche questa sera Gigi vuole presentare un suo inedito: Al mattino, in realtà le note sono quelle di “Fra Martino campanaro”.

Pubblicità. Tornano gli Arteteca, che questa volta devono fare un corso di sopravvivenza in un’isola deserta, “Avevano detto che potevamo portarci una cosa sola, io ho portato la pinzetta, non voglio morire con i peli e poi perchè Vita sei saltato sulle spalle di quella bionda?”, “Perchè l’istruttore ha detto di montare la canadese”. Un lungo applauso saluta gli Arteteca e accoglie i Gomorroidi che questa sera devono parlare di affari, pensano di comandare loro ma all’improvviso arriva un’altra banda, quella di Gigi e Ross, che li avvertono: “E’ uscito anche nostro padre, ora tornerà lui a comandare”,

“Ma come, sono usciti tutti i più grandi boss mafiosi, in prigione è rimasto solo Fabrizio Corona”. Fatima Trotta torna nei panni di Anastasia Steel e Christian le ricorda i suoi gusti particolari “Mi piace Manuela Arcuri, ma come attrice”. Le Sex and Sud, ci raccontano ancora una storia con Dubsmash. 

Marco Capretti è preoccupatissimo “Sono in mezzo a noi, sono i salutisti..se hai un salutista in ufficio ti rende la vita impossibile, tiene sempre le finestre aperte”, peggio ancora se sono in famiglia, “state attenti, la cosa peggiore è il salutista mentre mangi, tu avvicini il cibo alla bocca e lui ti chiede perchè lo fai..fateci mangiare le patatine fritte in pace”. Pubblicità.

Si torna con Alessandro che pensa di essere sull’Isola dei famosi, il comico ha attaccato dietro alla schiena una foto di un’isola “Io me la porto sempre dietro”poi c’è una sfida, il tiro alla fune con Rocco.

Lo segue il manager di Il Mimmo, l’imitatore “Oggi sta imitando un famoso programma: Malattie imbarazzanti”. Ciro Giustiniani arriva facendo gli auguri a tutte le donne, “Le donne sono superiori, hanno la capacità di comandarci a bacchetta come se fossimo in un commissariato..ho visto donne brindare alla faccia del marito, la mia è emancipata, non vuole mimose ma un viaggio a Parigi o un anello”.

Lorenzo Fragola, vincitore dell’ottava edizione di X-Factor, è l’ospite di questa sera, e sul palco di Made in Sud suona e canta le sue nuove canzoni. Il coreografo americano torna a provarci con Gigi sulle note di Bailando, mentre Nino Abbacuccio, con il suo Titì, continua ad essere la pecora nera della famiglia. “Mio fratello studiava tranquillo nella sua cameretta e prendeva bei voti, a me mia madre mi metteva davanti Beautiful perchè lei usciva e poi voleva da me il riassunto”.

I due ladri di Made in Sud continuano a scappare dalla polizia, “Io con 100milioni di euro faccio il politico, così mangio e nessuno mi dice niente”, “Io invece compro la casa di mia suocera per vederla sfrattare”. Elisabetta presenta il precario per eccellenza, Santino Caravella, “Da grande voglio diventare come lui”, “ma è un barbone?”, “Perchè, chiedo troppo?” e ora è anche fidanzato “La mia ragazza ha due fisse: vuole sempre uscire e vuole sposarsi”. Il nonno moderno ce l’ha invece con il nipote e la fidanzata che fumano sempre in casa e ad ogni ora “Il mondo inizia sempre dopo la sigaretta, qualsiasi cosa chiedi ti rispondono, aspetta finisco la sigaretta”.
Maria Bolignano ha superato gli anta ma si sente benissimo con i suoi pantaloni di pelle e i tacchi 12, la figlia cerca ancora di trovarle un uomo, questa volta il fortunato è Oreste, 87 anni.
Finalmente arriva anche Dado con la sua canzone sul tempo che passa “Ti dirò che ai miei tempi le ragazzine impazzivano per Baglioni, oggi B……oni impazzisce per le ragazzine, ah ancora non si è espressa la Cassazione? Allora questa la tagliamo”. Pubblicità.
Si torna ancora una volta con lo sketch su cinquanta sfumature di grigio, e poi si inizia a parlare di tecnologia “Internet, ci hai afflitto, la rovina di oggi è facebook..quando non sanno più che dire ridono” e si conclude così questa seconda puntata. I titoli di coda sono accompagnati dalla musica dei Sud 58.
L’appuntamento è per martedì prossimo, ore 21.10, su Rai2.
Qui la diretta della prima puntata.


0 Replies to “Made in Sud, la 2 puntata in diretta”

Lascia un commento

Riempi tutti i campi per lasciare un tuo commento. Il tuo indirizzo non verrà pubblicato

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>
*