Connect with us

News

Visti dal Moige: Sconosciuti e 16 anni e incinta

La riflessione settimanale sul piccolo schermo del Movimento Italiano Genitori

Pubblicato

il

La riflessione settimanale sul piccolo schermo del Movimento Italiano Genitori
Condividi su

{module Banner sotto articoli}

Venti minuti per raccontare i momenti più significativi della vita di una coppia. Tanto basta a “Sconosciuti”, docu-reality trasmesso su Rai 3 dal lunedì al venerdì dalle 20.15 fino alle 20.35, per rivelarsi un programma di pregevole fattura.

E’ la gente comune ad essere protagonista del format. Le storie di un uomo e una donna, diventati una coppia, vengono ricostruite a partire dal momento della loro conoscenza. Attraverso la loro voce e quella dei familiari, si passano in rassegna le tappe più importanti della loro vita: il matrimonio, la conquista di un posto di lavoro, la nascita dei figli.

Ma la vita è fatta anche di momenti meno belli: le incomprensioni, le difficoltà lavorative, i problemi di salute che affliggono l’uno o l’altra o le persone a loro più care. Per affrontarli e superarli, tutti i protagonisti di “Sconosciuti” si rimboccano le maniche si stringono intorno al proprio nucleo familiare, cercando di guardare al futuro con positività. Soltanto così è possibile trovare la strada per raggiungere la felicità. Il programma, dunque, trasmette un messaggio importante: la famiglia è il sostegno più forte nei momenti più difficili, l’ancora di salvezza a cui aggrapparsi quando non si riesce a vedere la luce in fondo ad un tunnel dal quale sembra difficile uscire.

Appuntamento del sabato pomeriggio (inizia alle ore 16.00) su MTV, “16 anni e incinta” affronta la delicata questione della gravidanza in età adolescenziale. Il format è americano e nel 2013 ha anche avuto una versione italiana.

In ogni puntata, il programma segue prima, durante e dopo il parto le vicende di una ragazza rimasta incinta, con tutte le naturali conseguenze che tale evento comporta: la difficoltà di gestire la situazione, la perdita della spensieratezza tipica dell’adolescenza, la paura di non saper conciliare i doveri di madre con quelli scolastici e familiari.

In più di un caso, le ragazze hanno una situazione in casa non facile, con genitori o parenti non sempre disposti a dar loro il giusto supporto per gestire tutto ciò che comporta una precoce maternità. Le difficoltà aumentano nel momento in cui si focalizza l’attenzione sul rapporto che hanno con il loro fidanzato, nella maggioranza dei casi spaventato per il nuovo ruolo di padre che per lui si profila. Conseguenza naturale, dunque, sono i contrasti tra i due partner.

Fuoriesce, dunque, un quadro familiare ed affettivo complesso, dove i legami non risultano così solidi in un momento in cui, invece, tutti dovrebbero avvicinarsi di più per condividere un momento, come quello della gravidanza, bello anche se inaspettato vista l’età delle protagoniste coinvolte. 


Condividi su

Nasco a Napoli nel 1989, ma la mia città è San Giorgio a Cremano, la stessa di uno dei miei miti: Massimo Troisi. Gli studi mi hanno portato a Roma, dove mi sono laureato in Editoria multimediale e nuove professioni dell’informazione alla Sapienza. Sono giornalista pubblicista. Il varietà è il mio genere preferito, sia in tv che in radio. A ruota seguono serie tv e quiz. La mia passione è il Festival di Sanremo: da piccolo fantasticavo di cantare sul palco dell'Ariston, ora mi limito a sognare di condurlo!

Continua a leggere
Advertisement
Clicca per commentare

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Advertisement
Seguici su:
Maridacaterini.it è una testata giornalistica iscritta al registro della stampa del tribunale di Roma, al numero 187/2015 - P.Iva 05263700659 – Tutti i diritti riservati

Copyright © 2021 www.maridacaterini.it