Sanremo 2020 cantanti maledetti – da Achille Lauro a Junior Cally


Tre casi controversi hanno fatto discutere e sono ancora al centro dell'attenzione dei media. Tra questi in particolare Junior Cally.


Anche l’edizione di Sanremo 2020 ha suscitato polemiche per la presenza di alcuni cosiddetti presunti cantanti maledetti. Ci riferiamo in particolare ad artisti che hanno espresso la propria creatività in maniera discutibile perché legata a temi forti contro i quali si combatte purtroppo spesso senza successo.

Sanremo 2020 cantanti maledetti Achille Lauro

Sanremo 2020 cantanti maledetti – da Achille Lauro a Junior Cally

La storia dei cantanti maledetti ha origini antiche. Possiamo far risalire l’origine della definizione ad un riferimento letterario. Parliamo, in particolare, ei notissimi poeti maledetti che nel corso della metà dell’800 hanno avuto il maggiore rappresentante in Charles Baudelaire. Ovvero l’autore dei notissimi Les fleurs du mal.

Lo scorso anno l’attenzione dei media era puntata tutta su Achille Lauro. Nel testo della canzone Rolls Royce vennero riscontrati riferimenti a stupefacenti. Le polemiche non mancarono ma il brano fu molto trasmesso in radio ed ha avuto un notevolissimo successo. La prima battaglia contro la presenza di Achille Lauro a Sanremo 2019 fu fatta da Striscia la Notizia.

Quest’anno Achille Lauro cerca di ripetere il successo del 2019. E il brano che presenta, pur avendo un titolo non proprio sanremese, non contiene versi ambigui.

L’opinione comune è che Achille Lauro possa riscoprire una professionalità che sia di modello per i giovani amanti di quel genere musicale.

Sanremo 2020 cantanti maledetti Marco Camisani Calzolari

Cantanti maledetti – Morgan ed il suo stile sempre sopra le righe

Il nome di Morgan, all’anagrafe Marco Castoldi, è sempre associato ad una vita sopra le righe. I suoi trascorsi infatti hanno portato ad etichettare l’artista come protagonista di comportamenti politically incorrect.

Gli ultimi fatti di cronaca si sono occupati dell’artista perchè gli era stata pignorata la sua abitazione. Inoltre anni fa venne squalificato dal Festival di Sanremo a cui avrebbe dovuto partecipare per un’intervista nel corso della quale avrebbe dichiarato di far uso di alcune droghe. Morgan è riuscito a recuperare la credibilità e la dignità, ma i suoi comportamenti, anche nella vita privata, l’hanno sempre additato come un artista maudit.

In questa edizione di Sanremo 2020 Morgan è in coppia con Bugo e già è sorta qualche polemica su una sua presunta squalificazione dal Festival. Il cantante infatti sembra aver interpretato alcuni versi della sua canzone all’interno della puntata di Vieni da me in diretta.

Sanremo 2020 cantanti maledetti Junior Cally

Il controverso trapper Junior Cally a Sanremo 2020

Quest’anno nel mirino di Sanremo 2020 è finito anche Junior Cally. L’ultimo dei cosiddetti artisti maledetti che fa parte di un universo musicale giovanile nel quale è facile riconoscersi. Cally è accusato di aver scritto in passato versi talmente discutibili da incitare al femminicidio.

Amadeus è stato sommerso di critiche. E per l’esclusione del giovane rapper di Focene era intervenuto anche il presidente della Rai Marcello Foa. Niente da fare: Cally sarà sul palcoscenico del Teatro Ariston e si esibirà con un brano completamente differente quelli che ne hanno caratterizzato lo stile in passato.

La trasgressione spinta al massimo ha caratterizzato Antonio Signore, in arte Junior Cally. Infatti è un segno di trasgressione anche la maschera che il giovane usa indossare durante alcune sue performance. Per l’esclusione di Cally si è mosso anche il MOIGE (Movimento Italiano Genitori).

La speranza è che l’artista possa ripudiare in toto il suo passato dopo aver chiesto scusa, ed iniziare un nuovo percorso all’insegna del rispetto e della sobrietà.



0 Replies to “Sanremo 2020 cantanti maledetti – da Achille Lauro a Junior Cally”

Lascia un commento

Riempi tutti i campi per lasciare un tuo commento. Il tuo indirizzo non verrà pubblicato

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>
*