Top e flop. Le donne della tv alla conquista della prima fila


Top e flop. Le donne della tv alla conquista della prima fila. La grande corsa delle conduttrici in vista dei prossimi palinsesti. Ma non tutte hanno il posto sicuro...


La stagione tv si avvia verso l’epilogo e si cominciano a tirare le somme, alla luce soprattutto della stesura dei palinsesti del prossimo autunno a cui Rai, Mediaset e La7 stanno lavorando in questi giorni. Le conduttrici sono in fermento.

A Raiuno brilla la stella di Eleonora Daniele. Storie italiane ha incamerato un’altra stagione super. L’ultimo colpo è stato sparato nella puntata dello scoop della separazione tra Al Bano e Loredana Lecciso. Notizie date in diretta dai protagonisti e riprese da tutti gli organi di stampa. Il Sabato Italiano non ha fatto exploit, seppure abbia migliorato la percentuale di share del pomeriggio prefestivo della rete ammiraglia. Ma fare ascolto contro Il Segreto e Verissimo è pressoché impossibile. Grazie ad Al Bano e Romina anche Milly Carlucci ha potuto festeggiare il successo nello scontro diretto della prima di Amici.

Stagione più che positiva per Elisa Isoardi. Buono a sapersi è un format vincente (è arrivato al 18% di share), al contrario di Tempo e denaro, e soprattutto calza a pennello per la conduttrice che è cresciuta moltissimo e ambisce – con merito – a prendersi la Prova del Cuoco, qualora Antonella Clerici dovesse decidere di lasciare il programma. La Clerici vuole stare più tempo a Milano e quindi un’eventuale designazione per la conduzione di Domenica In sarebbe da lei gradita.
A proposito di Domenica In, la chiusura de L’Arena è stata una sciagura per gli ascolti e per Cristina Parodi, finita nell’occhio del ciclone assieme alla sorella Benedetta.

Stagione positiva per Ingrid Muccitelli, che dopo gli ottimi risultati con Unomattina in famiglia è stata promossa a l’Estate in diretta con il redivivo Gianluca Semprini. Occhio anche a Gemma Favia: sta crescendo in fretta. Vira Carbone si conferma professionista doc. Esame di Raiuno superato per l’inviata Francesca Brienza. E sufficienza per Benedetta Rinaldi.

Tra le conduttrici della rete ammiraglia scalpita Francesca Fialdini. La Vita in diretta è stata una bella vetrina, così come lo Zecchino d’oro. Ma gli ascolti non sempre hanno soddisfatto Viale Mazzini. Certo, avere Barbara d’Urso come competitor è un grosso handicap. Sempre in casa Rai stagione ricca di soddisfazioni per Paola Ferrari con Novantesimo minuto, un po’ meno con Le Spose di Costantino, mentre è rimasta incompiuta quella di Giorgia Cardinaletti alla guida della Domenica sportiva.

Rimanendo ancora a Raidue, inamovibile Marzia Roncacci del Tg2, mentre c’è da dire che Mia Ceran ce la sta mettendo tutta per fare la spalla dei comici. Dalla Gialappa’s e il Mago Forest a Luca e Paolo, ma la Mia giornalista era di tutt’altro spessore. Tra le telegiornaliste continua a portare a casa ottime performance Emma D’Aquino. Quando conduce lei il Tg1 vola negli ascolti. Non è escluso che possa avere un programma in diretta. Un’altra conduttrice che scalpita è Caterina Balivo. La sua aspirazione è di portare Detto Fatto alle 14 su Raiuno. E ci sono buone chance che possa riuscirci.

Su Raitre la più brava resta Federica Sciarelli. Il suo Chi l’ha visto? non invecchia. Piace molto anche Agorà di Serena Bortone, mentre Bianca Berlinguer divide i telespettatori tra odio e amore. Stagione super per Camila Raznovich.

A Mediaset le dive si confermano. Ancora una medaglia d’oro per Barbara d’Urso (promossa alla guida del Grande Fratello), Maria De Filippi, Barbara Palombelli e Silvia Toffanin. Perde colpi invece Federica Panicucci. Non è scontato che sia ancora lei a condurre Mattino 5 anche nella prossima stagione. Memorabile l’annata di Michelle Hunziker, da Striscia a Sanremo. E ora è attesa dal nuovo Scommettiamo che.
A La7 Myrta Merlino si merita il piedistallo. Lei sì che respira una buona e salutare Aria che tira su gli ascolti.



0 Replies to “Top e flop. Le donne della tv alla conquista della prima fila”

Lascia un commento

Riempi tutti i campi per lasciare un tuo commento. Il tuo indirizzo non verrà pubblicato

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>
*