Connect with us

Recensioni

Il coraggio di una donna- Rossella, la recensione

Riflessioni sulla serie, sulla regia, la recitazione e i protagonisti
Marida Caterini

Pubblicato

il

Riflessioni sulla serie, sulla regia, la recitazione e i protagonisti
Condividi su
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

 Il prodotto nasce con una grande ambizione: seguire il percorso dell’ emancipazione femminile dalla fine dell’Ottocento al momento in cui c’è stata la conquista del voto da parte delle donne. Significa che oltre questo sequel avrebbero dovuto essercene altri. Ma temiamo che tutto si arresti a questa fase. Gli ingredienti che non convincono nella seconda serie sono molteplici. Innanzitutto la seconda stagione è stata presentata come un prodotto moderno pur essendo ambientata a cavallo tra l’Ottocento e il Novecento in quanto molte problematiche femminili sono purtroppo, ancora drammaticamente attuali. Nella vicenda di questa giovane donna, Rossella Andrei (la Pession) che riesce a laurearsi in Medicina, sono concentrate tutte le sofferenze e le umiliazioni sia personali che professionali. E sono raccontate in atmosfere troppo melodrammatiche che alla fine finiscono per suscitare una sana rivolta da parte del telespettatore alla ricerca di un’alternativa più leggera. Non solo, ma in troppe scene i toni e la recitazione appaiono estremamnete accentuati e calcati, quasi si fosse su un palcoscenico teatrale da tragedia greca e non sul set di una serie televisiva.

Anche nella figura stessa di Rossella ci sono troppe contraddizioni e elementi che stridono. In primis: nella prima parte, andata in onda due anni fa, la protagonista era ancora una giovane appena uscita dall’adolescenza, un ruolo che meglio si addiceva alle corde professionali dell’attrice che, invece adesso si trova in evidente difficoltà.  La drammaticità insomma si scontra con la leggerezza di quel prodotto, a metà strada tra la commedia e la soap opera, che è stato il serial Capri di cui la Pession fu una delle protagoniste. Non è facile seguire lo svolgersi degli eventi che appaiono, tra l’atro, scontati e prevedibili pur negli apparenti intrighi tentati dagli sceneggiatori. La regia è lenta, monotona, i colori in cui è avvolta la storia tendenzialmente scuri, con il nero che predomina. Sembra una storia più da Medioevo televisivo che da Ottocento- Novecento. La modernità è davvero lontana anni luce da qualsiasi personaggio e da qualsiasi risvolto. Infine: la stessa recitazione non eccelle: ad eccezione della grande prova d’attore di Toni Bertorelli, il migliore in assoluto, che recita nel ruolo del procuratore Cesare Andrei, il livello è piatto e poco convincente.

In quest’ottica si comprende benissimo perchè il pubblico si lasci tentare da proposte alternative.


Condividi su
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

Giornalista, esperta di spettacoli, in particolare di televisione. È stata per dieci anni critico televisivo de Il Giornale d’Italia con la direzione di Luigi D’Amato. Dal 1997 si occupa per il quotidiano Il Tempo di spettacoli, soprattutto di tv. Si occupa di cultura per il sito di Panorama. Ha collaborato in passato con le maggiori testate nazionali, tra cui Il Sole 24 ore, Il Mattino, Il Giornale. Ha ricoperto il ruolo di docente di Teorie e tecniche della critica televisiva nel master per laureati in Scienze della Comunicazione, organizzato dall’Università La Sapienza di Roma. Ha vinto il dattero d’argento al Salone Internazionale dell’umorismo di Bordighera. É stata titolare per tre anni della rubrica “Dietro le quinte” su Il Giornale d’Italia, analizzando, ogni settimana, un evento di cronaca, di politica o di spettacolo sotto la lente dell’umorismo.

Continua a leggere
Advertisement
Clicca per commentare

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Recensioni

Il Commissario Montalbano: Il metodo Catalanotti – la recensione

Analisi e riflessioni critiche sull'ultimo episodio de Il Commissario Montalbano con Luca Zingaretti.
Marida Caterini

Pubblicato

il

Il metodo Catalanotti recensione
Condividi su
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

Rai 1 trasmette Il Commissario Montalbano – Il metodo Catalanotti di cui vi proponiamo la recensione in anteprima. Il Tv movie è l’ultimo della serie inaugurata nel 1999 su Rai 2 e successivamente passata sulla rete leader. Per ora non c’è alcuna certezza di una continuazione immediata anche se, il seguito delle indagini del poliziotto di Vigata è indispensabile, visto il finale aperto proposto per quanto riguarda le vicende personali del protagonista.

Il metodo Catalanotti analisi

Il metodo Catalanotti – recensione

Il metodo Catalanotti è profondamente differente dalle passate pellicole. E’ diverso per quanta riguarda i contenuti e la crisi del rapporto sentimentale tra il poliziotto e la fidanzata di sempre Livia. E si allontana ancora di più dagli ultimi Tv movie affidati alla regia di Luca Zingaretti alla morte del regista storico Alberto Sironi. Il metodo Catalanotti segna un insanabile spartiacque tra il passato e il presente perché sono drasticamente cambiate le atmosfere in cui si muove il protagonista Luca Zingaretti.

E’ mutato il mood. E sono assenti la freschezza letteraria, l’afflato tra commedia e dramma che ha sempre caratterizzato i film tv sul commissario di Vigata. Si è insinuata, lentamente ma inesorabilmente, nella trama e nel racconto, una lentezza allarmante che spezza il ritmo degli eventi, li ferma, li blocca, li avvolge in una monotonia che non riesce ad essere superata neppure dalla suspense del fatto di sangue raccontato. Dall’ammazzatina, insomma, per utilizzare la terminologia di Andrea Camilleri a cui si deve il personaggio di Salvo Montalbano.

E sorniona e inaspettata si fa strada anche la lungaggine per alcune scene, Una sorta di noia avvolge tutta la vicenda come una nebbia spessa e inestricabile. Il telespettatore inizia anche ad avvertire la cosiddetta ansia da conclusione della storia. In questa lentezza strutturale, sfumano i contorni della caratteristica Vigata fatta di luce, di colori abbaglianti, del mare che la ricopre come un velo trasparente. Nulla è più come prima. La regia non riesce ad evocare il glorioso passato, le strade solitarie ma bruciate dal caldo sole estivo che si stagliano sullo sfondo della storia.

Il metodo Catalanotti critica

Altre considerazioni

Anche i contorni del caso raccontato assumono riflessi irreali, spesso anche poco comprensibili in un alternarsi di chiari e di scuri che riescono a far luce sul colpevole solo alla fine. Camilleri, però, ha riservato, in questa occasione, un ulteriore colpo di scena. Perché il colpevole faticosamente cercato dall’inizio alla fine, alla conclusione non si rivela tale.

Siamo in un gioco che avrebbe potuto essere ancora più intricato. Ed infatti lo è se si considerano le vicende personali di Montalbano, dalla personalità stravolta rispetto all’eterno partner di un’eterna Livia immortalata in un contesto remoto, oramai superato dagli eventi.

Zingaretti, insomma, non sembra voler sopravvivere a se stesso. Mantengono il proprio gradimento tutti i personaggi che gli fanno da contorno, dal “femminaro” Mimì Augello, al professionale Fazio che anticipa gli ordini del suo capo. Fino ai protagonisti di puntata.

 

 


Condividi su
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
Continua a leggere

Recensioni

Sanremo 2021 recensione quinta serata, bilancio dell’edizione oramai archiviata

Analisi critica e riflessioni sulla quinta serata della 71esima edizione del Festival di Sanremo.
Marida Caterini

Pubblicato

il

Sanremo 2021 recensione quinta serata
Condividi su
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

E’ andata in onda su Rai 1 la quinta e ultima serata di Sanremo 2021 e noi ve ne proponiamo la recensione. Questa volta gli intermezzi musicali di Rosario Fiorello sono stati in numero inferiore rispetto alle puntate precedenti. Decisione giusta vista la enorme quantità di musica che si è riversata sui telespettatori in cinque serate consecutive. Sarebbe il caso che Rai 1 prendesse adesso una pausa dall’intrattenimento musicale.

Sanremo 2021 recensione quinta serata

E’ il momento dei bilanci. Con il quinto appuntamento si è conclusa l’edizione 2021 della kermesse canora. Un festival sottolineato dall’incertezza della situazione pandemica in cui si è svolto. Ma, nonostante gli sforzi, il gradimento di pubblico si è rivelato inferiore rispetto allo scorso anno. Quest’anno è mancato il guizzo vincente, la novità, l’idea, la creazione, l’improvvisazione: elementi che erano presenti nella edizione 2020 con l’inusuale presenza di Rosario Fiorello spalmata lungo tutte le puntate e non come semplice guest star.

Nel vorticoso susseguirsi dello spettacolo che ha alternato momenti più alti ad altri di minore spessore, Amadeus ha cercato di trasformarsi a seconda dell’evoluzione del suo partner.

Lo ha seguito, rincorso, assecondato sullo stesso terreno del gioco a due, del rapporto ultra trentennale che si è manifestato in tutta la sua forza sul palcoscenico di Sanremo. Ed in maniera più intensa questa volta rispetto al 2020 perchè era in gioco, come non mai, la credibilità della coppia. Ma soprattutto della stessa manifestazione. Ed a dimostrazione di quanto asseriamo, è arrivato, per Fiorello, il Premio città di Sanremo che Amadeus ha voluto per lui.

La serata è scivolata via in una marea, ancora più intensa, di spot pubblicitari. Soprattutto quello dell’azienda telefonica sponsor unico di Sanremo 2021. Con la voce di Mina che ripeteva ininterrottamente “questa è Tim”, la réclame ha assunto quasi il ruolo di una canzone tra le canzoni. Oltre alle insistente presenza, da sottolineare anche l’inusuale durata degli spot che ha pochi  precedenti nella storia della pubblicità.

Gli altri ospiti

Gli altri ospiti della serata si sono alternati a ritmo continuo sul palcoscenico dell’Ariston. Da una spigliata Serena Rossi, ad una presuntuosa Tecla Insolia, giovanissima protagonista della nuova pellicola di Rai fiction La bambina che non voleva cantare. Poi è arrivata Ornella Vanoni osannata ed omaggiata che, però, ha regalato al pubblico anche qualche stecca. Federica Pellegrini e Alberto Tomba per lo sport. Umberto Tozzi e qualche altra inflessione sbagliata, ancora per la musica. Velocità e ritmo in un andirivieni finalizzato a far provare l’ebrezza della kermesse a chi ancora non la conosceva.

E, per lo spazio dedicato alla sobrietà ed alla signorilità, ecco Giovanna Botteri, giornalista simbolo della pandemia nell’insolita veste di co-conduttrice. Una presenza che eguaglia la compostezza della Palombelli la sera precedente.

Archiviato Sanremo 2021, si pensa già al prossimo anno che sarà senza il duo Amadeus-Fiorello. A dimostrazione che si è concluso un ciclo. Forse si era concluso già lo scorso anno.

 


Condividi su
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
Continua a leggere

Recensioni

Sanremo 2021 recensione terza serata: un amarcord a tratti soporifero

Analisi e riflessioni critiche sulla seconda terza della 71ma edizione della kermesse canora sanremese.
Marida Caterini

Pubblicato

il

Sanremo 2021 recensione terza serata
Condividi su
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

La terza serata di Sanremo 2021 è andata in onda in diretta su Rai 1 giovedì 4 marzo e noi vi proponiamo la recensione.

Si è trattato di un appuntamento amarcord come avviene quasi sempre nella tradizione della terza serata della kermesse canora. Un aspetto che è continuato per tutta la lunga durata della serata sanremese.

Sanremo 2021 recensione terza serata analisi

Sanremo 2021 recensione terza serata

L’alternarsi del nuovo e dell’antico, del moderno e della traduzione, è stato evidente in tutte le varie fasi musicali. Amadeus in qualità direttore artistico e conduttore ha cercato di avvicinare, almeno alla terza serata, un pubblico più trasversale possibile. Ad esempio nel giovedì dei duetti i telespettatori hanno visto un personaggio come Orietta Berti affiancata dalle modernissime Deva, mentre Gio Evan ha avuto accanto alcuni cantanti di The Voice Senior.

La serata è stata una continua profusione di musica intervallata solo raramente da segmenti parlati che si sono accentuati maggiormente nella parte finale della puntata.

Proprio negli spazi conclusivi sono arrivati come ospiti Valeria Fabrizi da Che Dio ci aiuti 6 e Monica Guerritore che ha partecipato al quadro di Achille Lauro insieme ad Emma Marrone. Sempre nella seconda parte è tornato anche Zlatan Ibrahimovic in compagnia di Sinisa Mihajlovic. Un segmento molto labile e blando, palesemente senza contenuti, così come sono state vacue e superficiali le precedenti performance del giocatore del Milan.

Ibrahimovic ha cercato di tirare fuori un’ironia forzata che non fa parte della sua personalità. Ed è stato assecondato nel tentativo, fallito, da Amadeus e dal suo partner Rosario Fiorello. A proposito dello showman siciliano: anche lui si è adagiato maggiormente sull’aspetto musicale. Lo abbiamo sentito interpretare mescolanze di brani secondo uno stile che lui ama tanto ma che non era assolutamente appropriato nella serata festivaliera. Fiorello ha cercato di farsi strada in una puntata piena di musica che si è abbattuta sugli spettatori come una melassa. Infatti in tutta la serata ci sarebbero voluti più intermezzi parlati per bilanciare lo strapotere della musica e la stessa durata della kermesse.

Gli altri ospiti

Amadeus e Fiorello hanno riesumato, soprattutto in questa terza serata, un aspetto caratteristico dei tre Festival di Carlo Conti: invitare persone comuni e dare anche spazio alla malattia. E’ accaduto con la presenza di Antonella Ferrari che ha portato sul palcoscenico di Sanremo la sclerosi multipla. È accaduto anche con la presenza sulla sedia a rotelle del giovane Donato Grande, bomber della Nazionale paralimpica. Momenti emotivi ed emozionanti che hanno cercato di dare un tono più serio alla serata. Amadeus e Fiorello hanno dato spazio anche al teatro e ai grandi problemi che affliggono tutti i lavoratori dello spettacolo. Peccato che era quasi l’una di notte.

Inoltre non è mancata la graffiata politica di Fiorello. Riferendosi alle dimissioni di Nicola Zingaretti da segretario del Partito Democratico, Fiorello se ne è attribuita la colpa perché anche Zingaretti si era lamentato del problema delle poltrone all’interno del partito. Lo show man si riferiva naturalmente alle poltrone vuote dell’Ariston.

Senza infamia e senza lode la presenza la presenza di Vittoria Ceretti. Una performance silenziosa che non ha aggiunto nulla ai contenuti della serata. Molto bello anche questa sera il quadro di Achille Lauro tra atmosfere classicheggianti.

Last but not least l’incidente tecnico accaduto a Fasma e Nesli. Inconveniente non degno di una kermesse festivaliera così prestigiosa.


Condividi su
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
Continua a leggere
Advertisement

Ultime news Sanremo 2021

Di tendenza

Maridacaterini.it è una testata giornalistica iscritta al registro della stampa del tribunale di Roma, al numero 187/2015 - P.Iva 05263700659 – Tutti i diritti riservati

Copyright © 2021 www.maridacaterini.it