x

Connect with us

x

Recensioni

Made in Sud 2020 recensione show comico condotto da Stefano De Martino

Analisi e riflessioni critiche sulla nuova edizione dello show comico all'ombra del Vesuvio condotto da Stefano De Martino e Fatima Trotta.

Pubblicato

il

Made in Sud 2020 recensione
Analisi e riflessioni critiche sulla nuova edizione dello show comico all'ombra del Vesuvio condotto da Stefano De Martino e Fatima Trotta.
Condividi su

É andata in onda la prima puntata dell’edizione 2020 di Made in Sud, di cui vi proponiamo la recensione. Lo show comico, condotto da Stefano De Martino e Fatima Trotta, ha esordito su Rai 2 in prima serata con una versione post Covid riveduta per le norme sanitarie.

Made in Sud 2020 recensione show comico

Se la vis comica si è dimostrata nettamente inferiore alle aspettative, il motivo non è da attribuirsi alla mancanza di pubblico nell’Auditorium della Rai di Napoli da dove va in onda lo show. E neppure agli applausi e alle risate registrati che, malinconicamente, hanno accompagnato le esibizioni dei partecipanti.

Il programma ha iniziato insistendo in maniera continuativa sull’emergenza sanitaria. Qualche riferimento sarebbe stato certamente necessario. Ma molti dei partecipanti hanno deciso di puntare su battute scontate che non hanno reso un buon servigio all’impatto comico. Ad esempio, il primo brano sulla Pandemia poteva essere evitato. Non bisogna, infatti, dimenticare il rispetto per la tragedia che ha colpito non solo l’Italia e non è stata ancora superata. Certo, il tentativo di alleggerire il brutto periodo vissuto, avrebbe potuto assumere un altro significato se gestito con maggiore sensibilità. In questo contesto si inserisce la parodia di Burloni con riferimento al virologo Roberto Burioni.

made in sud nello iorio

Made in Sud ha puntato sulla classica “risata di pancia” sempre valida per catturare la curiosità del pubblico, salvo poi allontanarlo quando ci si rende conto che i contenuti sono fragili,scontati, troppo ridanciani.

Molti personaggi hanno cercato di riproporsi in nuove maschere e parodie. Nello Iorio, conosciuto ai fan dello show comico come intramontabile Nonno Moderno, si è trasformato in un repellente Coronavirus. Battute non all’altezza.

I pezzi migliori sono stati recitati da Lello Arena e Paolo Caiazzo. Biagio Izzo, che pure ha capacità comiche di rilievo, è apparso relegato in ruoli poco significativi. Demerito dei contenuti ancora scontati e deboli. Anche gli Arteteca, non si sono espressi al meglio. E, per non farsi mancare nulla, è arrivata anche la parodia, abusatissima di Maria De Filippi.

I conduttori e la brevità degli interventi

Stefano De Martino non è assolutamente idoneo al ruolo che ricopre già dalla scorsa edizione. Appare fuori contesto, quasi estraneo a quanto si svolge intorno a lui. É solo grazie a Fatima Trotta che la conduzione di coppia viene salvata. La partner di De Martino fa parte della storia di Made in Sud, è in grado di coinvolgere il pubblico, di proporsi in maniera accattivante, a metà strada tra una ruspante femme fatale e una conduttrice che cerca di essere sempre al servizio dello show.

Decisamente meglio la coppia Gigi e Ross con cui Made in Sud è nato. É stato Carlo Freccero, ex direttore della seconda rete, a volere il ballerino di Amici. De Martino ha una sola espressione, nel bene e nel male, nella risata e nella serietà. Immobile in un ruolo visto fin troppe volte.

Infine: in questa edizione le performance dei comici sono diventate ancora più brevi. Veri e propri sketch che a volte sono apparsi anche come instant gag appositamente create per i tiktokers, ovvero gli utilizzatori del celebre social network Tik Tok.


Condividi su

Giornalista, esperta di spettacoli, in particolare di televisione. È stata per dieci anni critico televisivo de Il Giornale d’Italia con la direzione di Luigi D’Amato. Dal 1997 si occupa per il quotidiano Il Tempo di spettacoli, soprattutto di tv. Si occupa di cultura per il sito di Panorama. Ha collaborato in passato con le maggiori testate nazionali, tra cui Il Sole 24 ore, Il Mattino, Il Giornale. Ha ricoperto il ruolo di docente di Teorie e tecniche della critica televisiva nel master per laureati in Scienze della Comunicazione, organizzato dall’Università La Sapienza di Roma. Ha vinto il dattero d’argento al Salone Internazionale dell’umorismo di Bordighera. É stata titolare per tre anni della rubrica “Dietro le quinte” su Il Giornale d’Italia, analizzando, ogni settimana, un evento di cronaca, di politica o di spettacolo sotto la lente dell’umorismo.

Continua a leggere
Advertisement
Clicca per commentare

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Advertisement

ARCHIVIO

Maggio 2022
L M M G V S D
 1
2345678
9101112131415
16171819202122
23242526272829
3031  

Seguici su:

Maridacaterini.it è una testata giornalistica iscritta al registro della stampa del tribunale di Roma, al numero 187/2015 - P.Iva 05263700659 – Tutti i diritti riservati

Copyright © 2021 www.maridacaterini.it