Connect with us

Recensioni

Svegliati amore mio recensione della serie con Sabrina Ferilli e Francesco Arca

Analisi e riflessioni critiche sulla fiction interpretata nel ruolo della protagonista da Sabrina Ferilli.

Pubblicato

il

Svegliati amore mio recensione
Analisi e riflessioni critiche sulla fiction interpretata nel ruolo della protagonista da Sabrina Ferilli.
Condividi su

È andata in onda su Canale 5 la prima puntata di Svegliati amore mio di cui vi proponiamo la recensione. La serie è interpretata da Sabrina Ferilli nel ruolo di Nanà Santoro, una madre coraggio. Nel cast anche Ettore Bassi e Francesco Arca.

Svegliati amore mio critica

Svegliati amore mio recensione

Niente di nuovo sotto il sole della serialità televisiva targata Cologno Monzese. Ancora una volta si punta sulla facile commozione, sulle forti emozioni, sui problemi di cui la protagonista, nel ruolo di Nanà Santoro, si rende portavoce.

Tutto nella sceneggiatura appare estremamente didascalico. Una storia che non si discosta da quella precedentemente interpretata dalla stessa Sabrina Ferilli dal titolo L’amore strappato.

I toni e le atmosfere sono i medesimi: quelli della tragedia familiare, del dramma umano e personale dinanzi al quale le emozioni del pubblico diventano forti. Il fine naturalmente è strappa audience. Ci si chiede però se è opportuno, nel periodo che stiamo vivendo, mandare in onda una simile storia strappalacrime e drammatica.

Il dramma umano è sempre portatore di ascolti alla rete che lo trasmette. Questo è il fine di Canale 5 che ha voluto concentrare in questa storia uno spaccato della società. La vicenda infatti ruota intorno ad una bimba di 12 anni, Sara, che si ammala di leucemia perché vive in una città dove esiste una acciaieria che emette nell’aria polveri sottili altamente inquinanti.

Intorno a lei l’affetto disperato e amplificato alla massima potenza della madre Nanà. Una mater dolorosa secondo lo schema proprio delle fiction della Ferilli. Una madre che grida, piange, implora al capezzale della figlia il suo risveglio. Anche il titolo infatti contiene un richiamo subliminale alla sofferenza e alla speranza: Svegliati amore mio.

La puntata d’esordio ha già rivelato una fragilità nella sceneggiatura e nella scrittura che appaiono fin troppo scontate nel susseguirsi degli eventi.

Svegliati amore mio ascolti

Gli altri personaggi 

Per rendere ancora più emozionante la storia raccontata vi sono state inserite anche delle atmosfere che evocano la serie cult di Rai 1 Braccialetti Rossi. Infatti si affronta la malattia dei bambini ed anche qui si punta l’attenzione sulla solidarietà tra piccoli malati. Avviene quando Sara conosce il coetaneo Lorenzo e tutto fa pensare a quanto accadeva proprio a Braccialetti Rossi.

Da sottolineare inoltre la presenza di Francesco Arca nel ruolo di un ex corteggiatore di Nanà. Un uomo disposto a tutto pur di riottenere la donna perduta 20 anni prima.

Anche qui sono state evocate atmosfere di un’altra serie televisiva. Parliamo questa volta de La vita promessa, andata in onda qualche anno fa sempre su Rai 1. Infatti Francesco Arca interpretava un personaggio in preda ad una folle passione per la protagonista a cui dava il volto Luisa Ranieri.

Da segnalare anche la recitazione degli altri personaggi tra cui Veruska Rossi che non sempre riesce ad inserirsi in una coralità recitativa accettabile. È come se i personaggi si fossero assuefatti ad un modo di esprimersi sempre uguale, nel bene, nel male, nella sofferenza e nella gioia.

Infine, per il problema dell’acciaieria sarebbe stato auspicabile almeno un riferimento alla città di Taranto, dove il dramma si continua a vivere nella realtà quotidiana.


Condividi su

Giornalista, esperta di spettacoli, in particolare di televisione. È stata per dieci anni critico televisivo de Il Giornale d’Italia con la direzione di Luigi D’Amato. Dal 1997 si occupa per il quotidiano Il Tempo di spettacoli, soprattutto di tv. Si occupa di cultura per il sito di Panorama. Ha collaborato in passato con le maggiori testate nazionali, tra cui Il Sole 24 ore, Il Mattino, Il Giornale. Ha ricoperto il ruolo di docente di Teorie e tecniche della critica televisiva nel master per laureati in Scienze della Comunicazione, organizzato dall’Università La Sapienza di Roma. Ha vinto il dattero d’argento al Salone Internazionale dell’umorismo di Bordighera. É stata titolare per tre anni della rubrica “Dietro le quinte” su Il Giornale d’Italia, analizzando, ogni settimana, un evento di cronaca, di politica o di spettacolo sotto la lente dell’umorismo.

Continua a leggere
Advertisement
Clicca per commentare

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Advertisement

ARCHIVIO

Dicembre 2022
L M M G V S D
 1234
567891011
12131415161718
19202122232425
262728293031  

Seguici su:

Maridacaterini.it è una testata giornalistica iscritta al registro della stampa del tribunale di Roma, al numero 187/2015 - P.Iva 05263700659 – Tutti i diritti riservati

Copyright © 2021 www.maridacaterini.it