La compagnia del cigno | 14 gennaio 2019 | L’orgoglio di Sara e Un’altra possibilità

La compagnia del cigno | 14 gennaio 2019 | L'orgoglio di Sara e Un'altra possibilità. Tutte le dinamiche all'interno dell'orchestra di cui è maestro Luca Marioni che tenta di inserire una giovane ipovedente.


Dopo le prime due puntate accolte favorevolmente dal pubblico, la serie di Ivan Cotroneo arriva al giro di boa. Infatti le puntate complessive sono sei. Ricordiamo che l’esordio ha ottenuto il 24% di share e la seconda puntata dell’8 gennaio ha conquistato una share pari al 22%. La serie ha battuto Canale 5 che mandava in onda il film Titanic. Le cifre sono impietose per la rete leader di Cologno Monzese: 22% contro 11,9%.

La compagnia del cigno | L’orgoglio di Sara | trama

Barbara decide finalmente il futuro della sua vita. Lascia così il liceo classico per trasferirsi nel liceo musicale del Conservatorio. Vuole dedicarsi completamente alla musica.

Una tale scelta è stata accettata di buon grado da Matteo che da tempo è attratto dalla ragazza. Ma non è il solo. Infatti anche Domenico è colpito dalla bellezza e dalla affabilità di Barbara.

Il maestro Marioni si fa convincere da Sara ad accettarla nell’orchestra. Non tutti i componenti però sono favorevoli all’entrata di Sara. Ci sono coloro che ne ostacolano l’ingresso e decidono di parlarne con Marioni. Tra questi spicca in primo piano Rosario il più agguerrito contro Sara. Da sottolineare che la giovane era riuscita a convincere anche la direttrice.

Rosario però ha un altro problema di cui non parla e che è la causa del suo nervosismo: tra poco dovrà incontrare la madre Antonia arrivata a Milano dopo un lungo percorso di disintossicazione. Tra i ragazzi gli eventi cominciano a precipitare. Infatti i genitori di Roberto (Robbo) hanno deciso di separarsi e il giovane è in grandissima apprensione.

Matteo infine organizza una cena a casa dello zio per cercare di ricompattare il gruppo. Non sa però che l’uomo nel frattempo si è innamorato del suo vicino di casa.

Marioni e Irene non riescono a trovare un punto d’incontro. Alla fine dell’episodio Luca fa pedinare Marco.

La compagnia del cigno | Un’altra possibilità | trama

All’inizio dell’episodio i telespettatori vedono Marioni uscire dall’ospedale con un tutore al braccio e con qualche costola rotta. Fuori c’è Irene che lo aspetta. Tra i due c’è un’aria di grande tensione. La ragazza però intuisce subito che Marioni non è stato oggetto di un incidente. C’è dell’altro di cui “il bastardo” non vuole assolutamente parlare ed è intenzionato a concentrarsi esclusivamente sul concerto.

Per fare in modo che Sara possa avere un ruolo all’interno dell’orchestra, il maestro adotta uno stratagemma: poiché Sara è ipovedente e non riuscirà a vedere le indicazioni che egli intanto dà agli altri ragazzi, costringe questi ultimi a bendarsi per essere nelle stesse condizioni della giovane semi cieca.

Questa puntata viene riproposta venerdì 18 gennaio alle 21:20 su Rai Premium canale 25 del digitale terrestre di viale Mazzini. La prossima va in onda lunedì 21 gennaio.

Tutte le puntate, oltre che su Rai 1 e in replica su Rai Premium, sono fruibili in streaming già il giorno dopo la messa in onda su Raiplay.

La compagnia del cigno | il cast completo

Il cast è composto dai seguenti attori: Alessio BoniAnna ValleAlessandro RojaCarlotta NatoliFrancesca CavallinStefano DionisiGiorgio PasottiMarco BocciRocco TanicaClaudia Potenza e con la partecipazione di Giovanna Mezzogiorno per gli adulti.

I giovani allievi sono: Matteo (Leonardo Mazzarotto), Barbara (Fotinì Peluso), Domenico (Emanuele Misuraca), Sara (Hildegard De Stefano), Robbo (Ario Nikolaus Sgroi), Sofia (Chiara Pia Aurora) e Rosario(Francesco Tozzi).



0 Replies to “La compagnia del cigno | 14 gennaio 2019 | L’orgoglio di Sara e Un’altra possibilità”

Lascia un commento

Riempi tutti i campi per lasciare un tuo commento. Il tuo indirizzo non verrà pubblicato

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>
*