Bitter sweet – ingredienti d’amore | puntata 9 luglio | Bulut viene ritrovato


Bitter sweet - ingredienti d'amore | puntata 9 luglio | Bulut viene ritrovato nella casa dei suoi genitori da Ferit e Nazli. Il piccolo soffre per la mancanza del padre e della madre.


Bitter sweet – ingredienti d’amore | dove eravamo rimasti

Nella puntata precedente, dopo l’esito giudiziario della vicenda relativa all’affido di Bulut, Nazli e’ infuriata con Asuman per aver inviato le foto. Asuman le fa notare che anche Nazli, con il suo comportamento, ha in parte influenzato la sentenza. Nazli decide finalmente di confessare tutto a Ferit, ma quando lo raggiunge bevono qualche bicchiere di troppo e Nazli passa la notte alla villa, complicando ulteriormente la situazione. Alya tenta ancora inutilmente di riconquistare Deniz. Bulut scappa da casa di Hakan, che decide di sfruttare l’occasione per accusare Ferit di rapimento.

Bitter sweet – ingredienti d’amore | trama puntata 9 luglio

Bulut viene ritrovato nella casa dei suoi genitori da Ferit e Nazli. Poco dopo arrivano Demet ed Hakan con la polizia e alla fine il bambino va via con loro. Arriva cosi’ il primo giorno di lavoro alla Pusula Holding di Demet ed Hakan e gli animi subito si surriscaldano. Nazli decide di prendere le distanze da Ferit e lui nota che lei sta scappando. Intanto aiuta Deniz preparando il menu’ del suo locale.

Bitter sweet – ingredienti d’amore | cast e regia

Recitano i seguenti attori: Özge Gürel (Nazli), Can Yaman (Ferit Aslan), Hakan Kurtas (Deniz), Öznur Serceler (Fatosh), Ilayda Akdogan (Asuman), Balamir Emren (Engin), Necip Memili (Hakan) e Turks Turan (Alya). La regia è di Çağrı Bayrak.


0 Replies to “Bitter sweet – ingredienti d’amore | puntata 9 luglio | Bulut viene ritrovato”

Lascia un commento

Riempi tutti i campi per lasciare un tuo commento. Il tuo indirizzo non verrà pubblicato

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>
*