Connect with us

Soap e serie tv

Di padre in figlia diretta conferenza stampa

E' stata presentata la nuova fiction di Rai1 Di padre in figlia, in onda dal prossimo 18 aprile. Nel cast anche Cristiana Capotondi, Alessio Boni e Stefania Rocca.
Sergio Monni

Pubblicato

il

E' stata presentata la nuova fiction di Rai1 Di padre in figlia, in onda dal prossimo 18 aprile. Nel cast anche Cristiana Capotondi, Alessio Boni e Stefania Rocca.
Condividi su
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

 

{module pubblicità dentro articolo 2}

Si comincia. La prima a prendere la parola è Tinni Andreatta, direttore Rai Fiction: “Il 2017 è stato un anno straordinario per le fiction della Rai. Questo prodotto è speciale, straordinario, ha una materia emotiva incandescente e attraverso temi alti. Il racconto del paese, visto dal punto di vista delle donne. Questa storia racconta il cambiamento della famiglia patriarcale a quella attuale, fatta di minori certezze e più calda. C’è un rapporto forte tra padre e primogenita, con personaggi in cui ognuno di loro nasconde delle ombre, dei difetti e delle debolezze. Questo è il frutto di una grande scrittura, di raccontare anche come il padre padrone senza cuore nasconde fragilità e sentimenti. E’ stato fatto un grande lavoro di scrittura, abbiamo fatto ricorso anche alle teche della Rai”.

E’ la volta di Cristiana Capotondi, che interpreta Maria Teresa: “Il mio personaggio lo definirei come una piccola rivoluzionaria pacifica. Penso che sia dotato di grande fantasia, al tempo era impossibile parlare di realizzazione professionale. Maria Teresa obbliga gli altri a guardarla con altri occhi. Avevo l’impressione che le lotte di Maria Teresa fossero del 2017. Sono fiera di aver interpretato questo personaggio, non capita spesso che i tuoi personaggi siano di ispirazione. Era talmente carica di questa motivazione, forza, ha fatto tutto lei, grazie di avermi immaginato in questa storia”.  

Alessio Boni, il capofamiglia della famiglia Franza : “Raramente leggo delle sceneggiature che mi commuovono. Giovanni non era un despota. Era un uomo degli anni Cinquanta, era la norma il patriarcato. Non abbiamo nostalgie di queste cose, è una mancanza di rispetto nei confronti delle donne. E’ l’Italia che ci impiega 30 anni per capire cosa deve passare. Per Giovanni Franza l’importante era il figlio maschio. Il patrimonio una volta andava al figlio maschio, questa è storia, non me lo sto inventando io. Facciamo parte di quell’Italia. Ancora oggi un dirigente donna fa fatica. Non abbiamo ancora finito nulla. Non lo reputo un camorrista, una pessima persona, era ineducato ad educare i figli. Era fiero di rappresentare l’uomo alpha del Veneto. Dava soldi, benessere. Io non ho fatto altro che portare un po’ di storia raccontata dai miei nonni. Ci siamo svegliati ultimamente, ma eravamo immersi in quella palude culturale”.

La mamma della famiglia Franza è Stefania Rocca: “Franca è stata costretta a sentirsi fragile ed emotiva. E’ una donna che si costringe a non mostrare la propria fragilità. Poi la società non l’aiuta ed è costetta ad accettare il possesso del marito nei suoi confronti. E’ una donna che capisce quanto è importante un’educazione, spinge le figlie a cercare la propria indipendenza. A un certo punto esplode, lo fa in un momento in cui la società le permette di farlo”. 

Matilde Gioli è Elena, la secondogenita con grandi sogni: “E’ una ragazza molto vivace e turbolenta che darebbe pensieri anche ad un padre del 2017. Vorrebbe fare la ballerina, la fotomodella, a Milano, attirata dal mondo estetico. Il mio personaggio porta anche altre tematiche, come una gravidanza cercata in giovane età, il matrimonio imposto dal padre. Le esperienze vissute in giovane età la portano ad una situazione di chiusura, le vengono tappate le ali, ma poi si prende tutto con forza e violenza”. 

{module pubblicità dentro articolo}

Riccardo Milani è il regista: “Negli anni Settanta ho vissuto momenti di grandi ideali. Se una cosa è cambiata nella vita di tutti i giorni è il ruolo della donna all’interno della società italiana. Questo è importante nonostante la cronaca ci mostri che tanto è stato fatto ma ancora tanto c’è da fare. E’ stato un impegno produttivo importante, da parte di tutti i reparti. C’è statao un apporto totale. Dove non si arriva con i mezzi, si arriva con le emozioni. Ha un cast importante, che ha preso a cuore il progetto”.

Francesca Cavallin interpreta un personaggio che “parte dal gradino più basso di tutti. E’ una prostituta che in maniera autonoma ha un senso alto di autodeterminazione. Fa la sorta, ha un ruolo maieutico, è la donna che aiuta Franca ad emanciparsi, alla conoscenza della lettura, della scrittura. E’ una portatrice sana di solidarietà femminile. Ricordo la Bassano degli anni Ottanta. Mi sono ritrovata tanto nelle parole di Alessio (Boni). Quando io ho scelto di studiare storia dell’arte mio padre era dubbioso. Sono stati fatti tanti passi avanti. La cosa che mi ha interessato ancora di più è che getta luce su una provincia poco raccontata, lo dico da bassanese doc, ed è stato un valore raggiunto”.

Tra le sceneggiatrici, Francesca Marciano: “Abbiamo cercato qualcosa che fosse femminista ma non ideologica. Abbiamo trattato i personaggi come persone incompiute e imperfette. Non c’è il famoso lieto fine. Abbiamo cercato di creare i personaggi rimanendo attaccati alla vita. I personaggi sono imperfetti, analfabeti dei sentimenti, sono quelli che non hanno dimestichezza con l’educazione. In questo calderono di scontri non c’è soltanto l’evoluzione della donna, ma è un oscontro di punti di vista, di movimenti che sono esistiti in tutte le famiglie, desideri scaldati anche dall’epoca in cui avvengono”. 

Alessandro Roja è Riccardo Sartori, figlio del socio di Franza, sottolinea come “ciò che gli fa Franza lo rende inquieto. I figli sono l’espressione della volontà dei genitori. Capiamo come lì’ombra paterna in qualche modo ritorna. Non ha la capacità di immettersi nei tempi, o di proiettarsi in un futuro. La paura, sono onesto, è che in un film dove le donne hanno ruoli pesanti, i personaggi maschili potessero avere dei ruoli tonti. Non è una gara tra uomini e donne. La bellezza nei confronti del mio personaggio è la voglia di entrare nel futuro ma al contempo mantenere un’ancora che non sa recidere”

Tra Domenico Diele e Matilde Gioli ci sarà un matrimonio: “Il matrimonio tra Filippo Biasolin ed Elena è riparatore. Non sa cosa serve per mantenere una famiglia, vuole bere, divertirsi, rappresenta la spensieratezza nel senso più meschino. Quando gli sta scappando tutto di mano, ci sarà un momento di raccoglimento per l’evoluzione del personaggio”.

{module pubblicità dentro articolo}

Angelo Barbagallo, della produzione, sottolinea come questo è “un prodotto touching, che ti commuove e ti coinvolge, raccontando cose alte con linguaggi pop. E’ stata un’esperienza fantastica”.

Tinni Andreatta aggiunge che la Rai Fiction vuole “raccontare il Paese attraverso le storie della famiglie. Questa è la scelta di raccontare in maniera popolare una grande vicenda, dell’emancipazione, del cambiamento della provincia. Sui personaggi, anche le nostre donne sono ricche di imperfezioni. Nella prima puntata li vediamo giovani, con debolezze”. 

Le sceneggiatrici puntualizzano come “Filippo (Domenico Diele, ndr) racconta questa evoluzione pazzesca. Costretto alla paternità, si riprende le figlie, nella quotidianità, ha la stessa valenza di cambiamento di Maria Teresa. Il cambiamento va insieme. Non c’è una lotta tra donne e uomini. Il nostro tentativo è stato portare un lato cinematografico in televisione”.

In conclusione, Alessio Boni ribadische come nel suo personaggio “c’è un uomo che non ha i codici per dare un consiglio ai figli. Il riscatto economico era la cosa più importante. Volevo ringraziare la Rai, scandaglia il paese e racconta la storia. Portare avanti l’atmosfera dalla sceneggiatrici, da Cristina Comencini, è una cosa difficile”. 

 


Condividi su
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
Continua a leggere
Advertisement
Clicca per commentare

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Soap e serie tv

Alice Nevers 13 episodi La legge della giungla e Caso di coscienza su Giallo

Il giudice donna deve occuparsi questa sera di altri due casi molto intricati che si svolgono in ambientazioni differenti.
Anna Keller

Pubblicato

il

Alice Nevers 13 La legge della giungla trama
Condividi su
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

Giallo propone oggi gli episodi La legge della giungla e Caso di coscienza che fanno parte del ciclo Alice Nevers 13. L’appuntamento è sul canale 38 del digitale terrestre questa sera.

La serie di produzione francese è stata trasmessa su TF1, il canale che fa registrare più ascolti in terra madre. La regia della stagione in corso è curata da René Manzor. Protagonista principale è il giudice istruttore Alice Nevers a cui dà il volto l’attrice Marine Delterme. Accanto a lei il fidato assistente Fredrik Marquand interpretato dall’attore Jean Michel Tinivelli. Altro personaggio della serie e Ludovic a cui dà il volto Gregori Baquet.

Tutte le vicende raccontate hanno come base i casi giudiziari affrontati dal giudice istruttore Alice Nevers che opera a Parigi in uno dei commissariati più importanti della capitale francese.

Ricordiamo che il titolo completo della serie è Alice Nevers – professione giudice che lingua madre diventa Alice Nevers: Le juge est une femme. Dalla quattordicesima stagione invece il titolo diventa semplicemente Alice Nevers. Ogni episodio termina con la canzone Pride interpretata dalla band britannica Syntax. Ed ha la durata di circa 50 minuti.

Alice Nevers 13 La legge della giungla attori

Alice Nevers 13 – La legge della giungla trama

Il primo episodio in onda questa sera ha come titolo La legge della giungla. Si tratta del terzo della tredicesima stagione. La trama verte intorno ad Antoine Perrin, un giovane tirocinante di 24 anni in una banca d’affari.

Durante una gara di resistenza organizzata dalla sua azienda il giovane improvvisamente muore. Quando arriva il medico legale per gli esami autoptici annuncia che si tratta di un omicidio. La vittima infatti soffriva di epilessia ed è morta per aver assorbito una sostanza stimolante.

Sul posto accorrono Alice Nevers e tutta la sua squadra. Molto presto vengono a conoscenza di una realtà sconvolgente. Durante queste gare organizzate dall’azienda, gli stagisti competono tra di loro in una maniera estremamente feroce perché sanno che i migliori conquisteranno un posto di lavoro.

Per quanto riguarda la vita privata Marquand è sempre più preoccupato perché Alice Nevers se sta facendo ancora uso di morfina per calmare i dolori dovuti all’incidente di cui è stata vittima.

Alice Nevers 13 Caso di coscienza trama

Caso di coscienza trama

L’episodio dal titolo Caso di coscienza ruota intorno alla morte di Pierre Leguennec. L’uomo infatti viene trovato morto con il cranio in frantumi nella stanza d’ospedale di suo figlio Martin. Il ragazzo è immerso in uno stato vegetativo a causa di un incidente automobilistico avvenuto 3 anni prima.

Il giovane, ovvero la sua esistenza, è al centro di una vera e propria guerra familiare tra i genitori. Infatti c’è un gravissimo scontro per il prolungamento delle cure a Martin. Pierre, il padre, era favorevole a non staccare la spina. Mentre invece la moglie era contraria alla inesorabile terapia di mantenimento in vita.

Saranno Alice Nevers e la sua squadra a scoprire chi è l’assassino. Ma la realtà è differente da quanto appare.

Per la parte privata Alice Nevers si confida con Marquand riguardo le sue visioni notturne. Crede che siano legate alla morte di sua madre.

Alice Nevers 13 Caso di coscienza attori

Alice Nevers 13 – il cast completo

Di seguito il cast della serie Alice Nevers 13 e i rispettivi personaggi interpretati dagli attori

  • Marine Delterme – Alice Nevers
  • Jean-Michel Tinivelli – Fred Marquand
  • Grégori Baquet – Ludo
  • Alexandre Varga – Mathieu Brémond
  • Georges Claisse – Anton Avenberg
  • Vincent Solignac – François Avenberg
  • Jean Dell – Lemonnier
  • Anne-Charlotte Pontabry – Laurence
  • Sandy Lobry – Betty
  • Sylvie Audcoeur – Christelle Avenberg
  • Arielle Sémenoff – Hélène Kimoff
  • Laurent Olmedo – Marco Bianchi

Condividi su
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
Continua a leggere

Soap e serie tv

Un Passo dal Cielo 6 episodio Tanatosi su Rai 1 – trama, cast, finale

Il protagonista deve affrontare oggi i torbidi interessi di una miniera che è sorta da poco nella valle.
Anna Keller

Pubblicato

il

Una passo dal cielo 6 Tanatosi Rai 1
Condividi su
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

Un Passo dal Cielo 6: I guardiani torna con l’episodio dal titolo Tanatosi. L’appuntamento è su Rai 1 alle 21:25 in prima serata. Ricordiamo ai nostri lettori che la puntata è fruibile anche in HD al canale 501.

I due protagonisti principali sono Daniele Liotti ed Enrico Ianniello nei ruoli rispettivamente di Francesco Neri e Vincenzo Nappi. I due, che tra l’altro sono anche amici nella vita, continuano ad operare nella nuova caserma di polizia a San Vito di Cadore.

Accanto ai casi di cronaca nera con i quali si trovano a contatto settimanalmente, i due sono anche veri e propri paladini dell’ambiente alla cui difesa e custodia sono preposti.

Le zone infatti dove si svolgono le vicende raccontate sono di ambientazione spettacolare e di una bellezza mozzafiato tra i boschi e i laghi alpini e le vette delle Dolomiti.

Una passo dal cielo 6 Tanatosi attori

Riassunto puntata precedente

Nella puntata precedente i due protagonisti avevano dovuto far fronte al caso di una rifugiata curda che era scomparsa nel nulla pur essendo incinta. Si era trattato, come aveva scoperto Francesco Neri, di una storia d’amore tra pastori osteggiata dalle rispettive famiglie.

Intanto mentre Francesco e Vincenzo indagavano, Dafne si era svegliata. La giovane cominciava a raccontare tutto quello che ricordava del suo passato.

Francesco e Vincenzo ascoltano con molta attenzione tutte le parti del racconto e cominciano a capire alcuni misteri intorno alla ragazza, ma immediatamente se ne propongono altri a cui dare risposte.

Una passo dal cielo 6 Tanatosi dove è girato

Un Passo dal Cielo 6 – trama episodio Tanatosi

Una giovane donna ingegnere mineraria viene ritrovata in fin di vita. Francesco e Vincenzo sono chiamati ad indagare tra gli interessi torbidi che la miniera, dove la giovane lavorava, ha portato nella valle. Scopriranno molto presto che questo attentato, insieme ad altri delitti del presente, affondano le radici in tempi lontani.

Vincenzo intanto viene a conoscenza di un evento importante nella vita di Francesco Neri. E deve prendere decisioni molto importanti che potrebbero mettere anche a repentaglio la loro amicizia.

In questo frangente, un anello dimenticato mette il commissario in una posizione difficile con Elda.

Una passo dal cielo 6 Tanatosi finale

Un passo dal cielo 6 – Il cast completo

Di seguito il cast completo della sesta stagione di Un passo dal cielo

  • Francesco Neri– Daniele Liotti
  • Vincenzo Nappi– Enrico Ianniello
  • Manuela Nappi– Giusy Buscemi
  • Carolina– Serena Iansiti
  • Huber Fabricetti– Gianmarco Pozzoli
  • Elda– Anna Dalton
  • Isabella Ferrante– Jenny De Nucci
  • Enrico Costa– Luca Chikovani
  • Giorgio– Filippo De Carli
  • Dafne– Aurora Ruffino
  • Emma Giorgi– Pilar Fogliati
  • Cristoph– Carlo Cecchi

Condividi su
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
Continua a leggere

Soap e serie tv

La Unidad: trama, cast, finale della serie tv in onda su Rai 4

Dopo l'arresto del leader jihadista, la Spagna diventa il principale bersaglio dei terroristi. La Squadra di Polizia specializzata in antiterrorismo deve garantire la sicurezza nel Paese.
Irene Verrocchio

Pubblicato

il

La Unidad serie tv Rai 4
Condividi su
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

Su Rai 4 stanno andando in onda gli episodi della serie tv La Unidad. E’ basata sulle testimonianze di professionisti che operano nel settore della lotta al terrorismo internazionale.

La prima stagione si compone di 6 episodi della durata di 50 minuti ciascuno. La serie spagnola, dalle atmosfere thriller e di azione, è ideata da Dani de la Torre ed Alberto Marini. E’ stata già confermata la seconda stagione.

La Unidad serie tv attori

La Unidad: regia, protagonisti, dove è girato

La regia è di Dani de la Torre e María Nieto. I protagonisti sono Nathalie Poza che interpreta Carla Torres e Michel Noher nel ruolo di Marcos. Marian Álvarez e Luis Zahera invece sono rispettivamente Miriam e Sergio.

Le riprese della serie tv si sono svolte in Spagna, Marocco, Francia e Nigeria. Le scene infatti sono state girate in Catalogna, Galizia, Tolosa. Ma anche a Lagos e a Tangeri che conta circa 950.000 abitanti.

Le musiche sono di Manuel Riveiro. Alberto Marini e Amèlia Mora si sono occupati della sceneggiatura mentre Josu Inchaustegui ha curato la fotografia. La serie, infine, è prodotta da Vaca Film in collaborazione con Movistar+.

La Unidad: trama della serie tv Rai 4

La serie tv ruota attorno alle vicende di Carla Torres. E’ sposata, ha una figlia ed è la Commissaria dell’Unità Investigativa di Polizia che si occupa della lotta al terrorismo internazionale, in particolare quello di matrice jihadista.

I suoi agenti si stanno occupando di un caso molto complesso ma al termine dell’operazione riescono a far arrestare Salah Al Garheeb. Si tratta del leader più ricercato al mondo. Carla e la sua squadra si godono il successo per il lavoro svolto mentre la Spagna diventa il principale obiettivo dei terroristi.

Sono infatti migliaia i seguaci di Salah pronti a sacrificare la propria vita pur di riuscire a liberarlo dalla prigione. E in molti sono già entrati a far parte del gruppo capeggiato dal figlio di Salah, Nadim, che sta organizzando alcuni attacchi nei minimi dettagli.

La Unidad serie tv dove è girato

Il finale della serie tv

Carla Torres e la sua squadra iniziano a studiare delle strategie che possano scongiurare i futuri attacchi terroristici ma l’impresa si rivela più ardua del previsto. La protagonista inoltre non deve solo occuparsi della Sicurezza della Nazione ma deve fare i conti anche con le sue vicende sentimentali.

Si sta infatti separando dal marito Carlos, che oltre ad essere il padre di sua figlia è anche uno dei suoi migliori agenti. Decidono così, di comune accordo, che le loro tensioni personali non devono in alcun modo influire sul loro lavoro.

Prima che la Spagna possa davvero essere in pericolo, l’ Unità Investigativa di Polizia dovrà infatti fare di tutto per sgominare la cellula terroristica.

La Unidad serie tv finale

La Unidad– il cast completo della serie

Ecco il cast della serie tv La Unidad ed i relativi personaggi interpretati:

  • Nathalie Poza: Carla Torres
  • Michel Noher: Marcos
  • Marian Álvarez: Miriam
  • Luis Zahera: Sergio
  • Raúl Fernández de Pablo: Roberto
  • Carlos Blanco: Ramón
  • Hamid Krim: Abdel Khader Maalouf
  • Mourad Ouani:Tarek
  • Fele Martínez: Sanabria
  • Francesc Orella: Jesús
  • Fariba Sheikhan:Nawja
  • Amina Leony: Amina
  • Mekki Kadiri: Ismail
  • Moussa Echarif è, invece, Myaz
  • Bouzan Hadawi: Nadim Al Garheeb
  • Alba Bersabé: Lúa
  • Pepo Oliva: Alberto Torres
  • Florin Opritescu, è invece, William
  • Karim El-Kerem: Munir
  • Pedro Nistal: Manuel
  • Paqui Horcajo, è infine, Sara

Condividi su
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
Continua a leggere
Advertisement

Seguici su:

Di tendenza

Maridacaterini.it è una testata giornalistica iscritta al registro della stampa del tribunale di Roma, al numero 187/2015 - P.Iva 05263700659 – Tutti i diritti riservati

Copyright © 2021 www.maridacaterini.it