Morto Stalin, se ne fa un altro su Rai 3 – trama, cast, finale


Il film è una commedia nera intrisa di satira e di sberleffi. È stata bloccata in molti paesi della ex Unione Sovietica.


Rai 3 propone in prima serata il film dal titolo Morto Stalin, se ne fa un altro. La produzione è tra Francia e Gran Bretagna ed è datata 2017.

Il genere è a metà strada tra la commedia e la satira. La durata è di un’ora e 43 minuti. Il film è fruibile anche sulla piattaforma on demand Netflix.

Morto Stalin se ne fa un altro film dove è girato

Morto Stalin, se ne fa un altro – regia, protagonisti, dove è girato

La regia è di Armando Iannucci. Protagonisti principali sono Steve Buscemi e Simon Russell Beale nei ruoli rispettivamente di Nikita Khrushchev e Lavrenti Beria.

Le riprese si sono svolte nel Regno Unito, in particolare a Londra nella Blythe House nel West Kensington.

Una curiosità: Il film è stato bandito in Russia, in Kazakistan, in Kirghizistan e in Moldavia. Si è trattato di un primo caso di censura nella Russia post sovietica.

La produzione è della Quad Productions in collaborazione con Main Journey e Gaumont.

Il titolo originale è The Death of Stalin. Il film è l’adattamento cinematografico della graphic novel La morte di Stalin di Fabien Nury e Thierry Robin.

Morto Stalin se ne fa un altro film attori

Morto Stalin, se ne fa un altro – trama del film in onda su Rai 3

Siamo nel 1953. Il dittatore Stalin sta per morire. In particolare la data precisa in cui inizia la vicenda è il 28 febbraio del 1950. Stalin, capo dell’Unione Sovietica, sta per avviare l’ennesima purga politica. Improvvisamente crolla a terra stroncato da un’emorragia cerebrale. Per due giorni è in coma profondo e poi muore.

In questi due giorni di interregno il team del comitato centrale sovietico inizia un’aspra lotta per ottenere il potere. Tra i protagonisti ci sono i figli di Stalin, Nikita Khrushchev ed altri componenti del suo staff. Tutti danno vita ad un teatrino di follia e violenza in nome del potere. Comincia una vera e propria guerra perché ognuno ritiene di essere il degno successore di Stalin.

Ministri e generali però dinanzi al dittatore agonizzante vengono presi dal panico perché temono ritorsioni. Quando Stalin muore il ministro degli affari interni e della polizia segreta ne approfitta per distruggere documenti scottanti e compromettenti per lui e la sua famiglia.

Il finale del film

Intanto tutta la popolazione della Russia sta per arrivare nella capitale Mosca per i funerali di Stalin. Per evitare tutto ciò il ministro degli affari interni ordina la sospensione delle linee ferroviarie. L’obiettivo è bloccare i fanatici che stavano arrivando da tutta la Russia. In questa operazione vengono uccisi 1500 civili.

Alla fine vi anticipiamo che il ministro degli affari interni e della polizia segreta verrà condannato a morte e fucilato dal generale Zukov, uno dei contendenti per la successione.

Morto Stalin se ne fa un altro film finale

Morto Stalin, se ne fa un altro – il cast completo

Di seguito il cast del film Morto Stalin, se ne fa un altro e i rispettivi personaggi interpretati dagli attori

  • Olga Kurylenko (The Expatriate: in fuga dal nemico) – Maria Veniaminovna Yudina
  • Tom Brooke – Sergei
  • Paddy Considine – Andreyev
  • Justin Edwards – Spartak Sokolov
  • Adrian McLoughlin – Josef Stalin
  • Simon Russell Beale – Lavrenti Beria
  • Jeffrey Tambor – Georgy Malenkov
  • Steve Buscemi – Nikita Khrushchev
  • Michael Palin – Vyacheslav Molotov
  • Paul Ready – NKVD


0 Replies to “Morto Stalin, se ne fa un altro su Rai 3 – trama, cast, finale”

Lascia un commento

Riempi tutti i campi per lasciare un tuo commento. Il tuo indirizzo non verrà pubblicato

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>
*