Connect with us

Informazione

Non è l’Arena video Adriano Celentano sul caso Di Matteo – Bonafede

Massimo Giletti è tornato ad approfondire il caso politico della settimana con un intervento dell'ex Molleggiato
Alessandro De Benedictis

Pubblicato

il

Non è l'Arena video Adriano Celentano sul caso Di Matteo - Bonafede
Massimo Giletti è tornato ad approfondire il caso politico della settimana con un intervento dell'ex Molleggiato
Condividi su
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

Nella puntata del 10 maggio di Non è l’Arena, Massimo Giletti è tornato sul caso Di Matteo – Bonafede con un video inedito di Adriano Celentano. L’ex Molleggiato ha espresso perplessità sui punti oscuri dello scontro tra il Ministro della Giustizia e il Magistrato palermitano. L’approfondimento è poi proseguito con un dibattito tra gli ospiti in studio, tra cui l’ex Ministro della Giustizia Claudio Martelli.

Non è l'Arena 10 maggio - Il video di Adriano Celentano

Non è l’Arena 10 maggio – Il video di Adriano Celentano

Adriano Celentano ha preparato un video ad hoc per Non è l’Arena del 10 maggio, in onda su La7. Un contributo in cui l’artista compare in penombra, tra sorrisi sardonici ed espressioni interrogative. Le sue parole, affidate alla voce fuori campo e alle scritte in sovraimpressione: “Bonafede e Di Matteo sono due brave persone, entrambe irreprensibili. Visto quel che è successo, però, forse uno dei due non è così irreprensibile?”.

Massimo Giletti ha voluto aprire con lui la lunga finestra della puntata dedicata al caso politico della settimana, innescato proprio da Non è l’Arena. Sul piatto, la mancata nomina di Nino Di Matteo a capo del Dipartimento dell’Amministrazione Penitenziaria e la scarcerazione di circa 450 detenuti collegati alle cosche mafiose. Le opposizioni di Centrodestra hanno presentato una mozione di sfiducia in Parlamento. Mentre, il Movimento Cinque Stelle è scosso dalle discussioni interne. Sotto accusa, la cedevolezza del Ministro della Giustizia Alfonso Bonafede.

Durante la puntata del 3 maggio di Non è l’Arena, il Magistrato Di Matteo era intervenuto in diretta. Aveva accusato il Ministro di avergli negato l’incarico a capo del DAP, nel 2018, dopo aver ceduto ai malumori dei boss mafiosi detenuti in regime di 41-bis. Una nomina ormai certa, saltata nel giro di 24 ore.

Nino Di Matteo è il Magistrato del controverso processo relativo alla presunta Trattativa Stato-mafia, risalente agli anni ’90. Da acerrimo nemico dei mafiosi, avrebbe suscitato – secondo la sua accusa – minacce di ammutinamento da parte dei boss, cui il Ministro Bonafede avrebbe ceduto.

Il Ministro ha ribattuto dicendo di non aver subìto alcun condizionamento. Ha specificato di aver cambiato idea solo quando Di Matteo si è mostrato incerto sull’accettazione dell’incarico. Aveva comunque deciso di affidargli il ruolo di Direttore Generale degli Affari Penali, che fu di Giovanni Falcone.

Non è l'Arena 10 maggio - Il caso Di Matteo Bonafede

Non è l’Arena 10 maggio – Il caso Di Matteo Bonafede

Di Matteo ha chiamato Non è l’Arena durante la discussione sulla contestata scarcerazione dei detenuti mafiosi, decisa per motivi sanitari. Tra loro, quattro boss in regime di 41-bis, passati agli arresti domiciliari. Un provvedimento che ha portato anche alle dimissioni di Francesco Basentini, Capo del DAP fino a poche settimane fa.

Va specificato che 196 degli scarcerati, benché detenuti in regime di massima sicurezza, erano ancora in attesa di giudizio. Inoltre, il boss dei Casalesi Pasquale Zagaria, tra i più pericolosi al 41-bis, è affetto da una grave forma di cancro. Non poteva più essere curato nel carcere di Sassari, in cui si trovava.
Non è l'Arena video Adriano Celentano - Massimo Giletti elenca i nomi dei boss scarcerati

Massimo Giletti ha elencato i nomi dei boss scarcerati. Mentre l’inviato Danilo Lupo è andato a Palermo per mettersi in contatto con due di loro, Francesco Bonura e Cataldo Franco. Quest’ultimo, carceriere del piccolo Giuseppe Di Matteo, sequestrato, ucciso e sciolto nell’acido per punire il padre reo confesso.

Non è l'Arena video Adriano Celentano - Claudio Martelli

In studio, l’ex Ministro Claudio Martelli ha criticato Bonafede. A suo dire, è improbabile che le scelte di Bonafede siano state condizionate dai malumori dei detenuti. È più plausibile sia stata determinante l’influenza politica. Come quella dell’allora Ministro degli Interni Matteo Salvini. Ritiene indubbio, tuttavia, che l’inadeguatezza di Bonafede abbia avuto un ruolo centrale.

Un’approssimazione evidente anche nelle spiegazioni rese. Dal momento che la Direzione Generale degli Affari Penali è stata declassata da riorganizzazioni interne al Ministero. Di fatto, non è più l’istituzione presieduta da Giovanni Falcone.

Non è l'Arena video Adriano Celentano - Alessandro Sallusti

Caustico il Direttore de Il Giornale, Alessandro Sallusti: “Di Matteo è partito per arrestare Berlusconi ed è finito per arrestare politicamente il Ministro. Bonafede voleva arrestare tutti gli evasori, ha finito per scarcerare 400 mafiosi. Siamo di fronte a due personalità disturbate dall’egocentriscmo e dall’ambizione”.

L'intervento di Rita Dalla Chiesa

L’intervento di Rita Dalla Chiesa

Massimo Giletti ha poi ospitato in collegamento con Non è l’Arena anche Rita Dalla Chiesa. Figlia del Generale Carlo Alberto Dalla Chiesa, ucciso dalla mafia nel 1982, ha espresso insieme al conduttore l’auspicio che si tenga sempre a mente cos’è la mafia.

Un invito affinché le generazioni più giovani non perdano la percezione dei crimini commessi dalla malavita sul finire del Novecento. Il Ministro Bonafede, classe 1976, all’epoca dell’uccisione del Generale Dalla Chiesa aveva solo sei anni.

 


Condividi su
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
Continua a leggere
Advertisement
Clicca per commentare

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Informazione

Stasera in tv lunedì 19 aprile 2021, tutti i programmi in onda

Tutti gli appuntamenti delle reti pubbliche, private, digitali e di Sky di stasera lunedì 19 aprile 2021.
Avatar

Pubblicato

il

Stasera in tv 20 aprile 2021 Programmazione
Condividi su
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

Stasera in tv 19 aprile 2021. Rai 1 trasmette La fuggitiva. Su Rai 3 va in onda Report, mentre su Canale 5 l’appuntamento con L’Isola dei Famosi 2021.

La programmazione, nel dettaglio, di tutte le reti pubbliche, private, del digitale e della piattaforma satellitare.

Stasera in tv 19 aprile 2021 – Programmi Rai

Su Rai 1 alle 21.25 va in onda La fuggitiva. La serie, diretta da Carlo Carlei, è di genere thriller ed ha come protagonista Vittoria Puccini. Arianna è una donna ingiustamente accusata dell’omicidio del marito, costretta alla fuga. Assieme al giornalista Marcello (Eugenio Mastrandea) si reca in Svizzera per raggiungere un consulente finanziario, vecchio collega universitario di Marcello.

Rai 2 trasmette alle 21.20 Tutte lo vogliono. Il film commedia del 2015 è diretto da Alessio Maria Federici. Vanessa Incontrada interpreta Chiara, una food designer per conto dell’azienda di famiglia, che si occupa di catering. Enrico Brignani è Orazio, che invece lavora in un negozio di animali. I protagonisti fanno l’uno la conoscenza dell’altro quando Chiara, per una serie di circostanze, scambierà Orazio per un gigolò.

Su Rai 3 alle 21.20 va in onda Report. Stasera 19 aprile torna sul canale il programma di inchieste, condotto da Sigfrido Ranucci. La trasmissione trasmette un’inchiesta sulla campagna vaccinale svolta in Lombardia. La regione ha cambiato ben sei volte il piano di vaccinazione, nonché due volte i portali per la prenotazione. Ulteriore obiettivo del reportage è indagare sul perché si sia sviluppata la variante brasiliana di Sars-Cov-2 e su come si sia propagata in Italia.

Rai 4 trasmette alle 21.20 Revolt. Il film di fantascienza del 2017 è diretto da Joe Miale. Lee Pace interpreta Bo, un soldato americano che soffre di amnesia. Il suo compito è di sconfiggere l’invasione aliena che sta attaccando il pianeta Terra.

Rai 5 propone alle 21.15 Sciarada – Il circolo delle parole. Il programma che si occupa di letteratura dedica la puntata di questa sera a Giovanni Pascoli. Attraverso le lettere spedite al fratello Raffaele, la trasmissione ripercorre i sogni, i desideri, i timori e le malinconie del famoso poeta italiano.

Stasera in tv 19 aprile 2021 Quarta Repubblica

Programmi Mediaset

Su Rete 4 alle 21.20 va in onda Quarta Repubblica. Nicola Porro cura il talk show dedicato all’attualità politica ed economica, sia italiana che internazionale. La puntata di questa sera prevede la partecipazione del leader della Lega Matteo Salvini, da poco rinviato a giudizio a Palermo con l’accusa di sequestro di persona per la questione Open Arms.

Stasera in tv 19 aprile 2021 il “Faccia a faccia” è tra Nicola Porro e Aurelio Picca, poeta e scrittore, autore del romanzo Il più grande criminale di Roma è stato amico mio. Sono inoltre previsti gli interventi dell’europarlamentare Simona Bonafè, dei deputati Matilde Siracusano e Michele Bordo, e del filosofo Stefano Zecchi.

Su Canale 5 alle 21.20 L’Isola dei Famosi 2021. Stasera un nuovo appuntamento con il reality show, condotto da Ilary Blasi. Massimiliano Rosolino, ex campione di nuoto ed ex concorrente di Ballando con le Stelle, è invece l’inviato ufficiale. Figurano nel ruolo di opinionisti Iva Zanicchi, Elettra Lamborghini e Tommaso Zorzi. La puntata di questa sera prevede molteplici sfide per i naufraghi, che puntano alla sopravvivenza.

Italia 1 propone alle 21.20 Fast & Furious 6. Il film del 2013 è il sesto capitolo della saga interpretata da Paul Walker e Vin Diesel. In seguito alla rapina di Rio e alla sconfitta del boss malavitoso, Dom e Brian sono spariti. L’occasione per riunire nuovamente la squadra è fornita da Hobbs (Dwayne Johnson) che, sulle tracce di una pericolosa squadra di piloti mercenari, chiede a Dom di catturare i criminali in fuga.

Stasera in tv 19 aprile Chernobyl

La7, Nove, Real Time

In onda su La 7 alle 21.15 Chernobyl. La miniserie televisiva del 2019 è scritta da Craig Mazin e diretta da Johan Renck per HBO e Sky Atlantic. Le puntate raccontano il disastro di Černobyl’ a oltre 30 anni dall’accaduto. Sono presenti nel cast Jared Harris, Stellan Skarsgård, Paul Ritter Jessie Buckley.

Nove propone alle 21.25 Allarme rosso. Il film del 1995 è diretto da Tony Scott ed interpretato da Denzel Washington. Il comandante Ron Hunter viene promosso primo ufficiale della Marina militare statunitense, con il compito di dirigere un sottomarino in un’offensiva contro un gruppo di nazionalisti russi.

Real Time trasmette alle 21.20 Sorelle al limite. Il reality show segue le vicende di Amy e Tammy Slaton, arrivate a pesare oltre 450kg. Amy e Tammy decidono di iniziare un drastico percorso di dimagrimento.

Stasera in tv 19 aprile 2021 – Tutti i film in onda

Rai Movie propone alle 21.10 L’uomo di Laramie. La pellicola di genere western del 1955 è diretta da Anthony Mann. James Stewart interpreta il ruolo di un ufficiale che si finge un mercante per sventare una vendita di armi agli Apache. Tuttavia, si scontra un con barone locale, proprietario di bestiame.

La 5 trasmette alle 21.10 Rosamunde Pilcher: Fidarsi è bene, innamorarsi è meglio. In seguito alla morte di sua moglie, Ben si trasferisce con la figlia adolescente in Cornovaglia. Nonostante il suo passato criminale, ora conduce una vita tranquilla come capo della sicurezza di una grande azienda farmaceutica. Tutto procede per il verso giusto fino a quando Patty, ex complice ed ex amante di Ben, si presenta in azienda con una richiesta inaspettata.

Su Iris alle 21.00 va in onda La legge della notte. Il film del 2016 è scritto, diretto ed interpretato da Ben Affleck. Joe Coughlin è il figlio di un capitano di polizia di Boston. Dopo essersi trasferito in Florida, l’uomo diventa un contrabbandiere e un trafficante di rum durante il periodo del proibizionismo.

Stasera in tv 19 aprile Siberia Keanu Reeves

I film di Sky

Su Sky Cinema Uno va in onda alle 21.15 Siberia. La pellicola del 2018 è diretta da Matthew Ross ed interpretata da Keanu Reeves. Lucas Hill è un commerciante di pietre preziose americano, che si reca in Russia per vendere dei rari diamanti blu a un gangster, Boris Volkov (Pasha D. Lychnikoff). La transazione si complica quando il contatto di Lucas a San Pietroburgo, custode delle gemme, scompare misteriosamente.

Sky Cinema Family trasmette alle 21.00 Io, lei e i suoi bambini. L’attore e rapper Ice Cube interpreta Nick Persons, un ragazzo scapolo appassionato di sport e auto costose. Le sue abitudini cambiano in seguito all’incontro con Suzanne Kingston (Nia Long), una ragazza con cui scatto il colpo di fulmine. La giovane tuttavia, recentemente divorziata, ha due figli: Kevin, di sette anni, e Lindsey, di undici.


Condividi su
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
Continua a leggere

Informazione

Non è L’Arena 18 aprile ultime su piano pandemico e vaccini, tornano i vitalizi

Tutti gli argomenti di cui si occupa Massimo Giletti e gli ospiti con i quali ne discute. Tornano i vitalizi.
Massimo Luciani

Pubblicato

il

Non è L'Arena 18 aprile
Condividi su
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

Non è L’Arena torna questa sera domenica 18 aprile con una nuova puntata. L’appuntamento è con il conduttore e padrone di casa, Massimo Giletti che è in onda in diretta alle 20.30, su La7.

Non è L’Arena 18 aprile il mancato piano pandemico

Riflettori puntati sull’Oms, sul mancato aggiornamento del piano pandemico e sul giallo del dossier della sezione Oms di Venezia. Dopo la pubblicazione delle chat tra Ranieri Guerra e Silvio Brusaferro, a “Non è l’Arena” parla Francesco Zambon il ricercatore che aveva redatto il dossier, pubblicato il 13 maggio 2020 e poi scomparso nel giro di 24 ore. Sono previsti nuovi documenti sulla vicenda. Intervengono Luca Telese, Sandra Amurri e Francesco Borgonovo.
Non è L'Arena 18 aprile - il conduttore

Concorsopoli alla Regione Lazio

Nuove rivelazioni sul caso Concorsopoli alla regione Lazio e non solo.
Mentre il nuovo presidente del Consiglio regionale Marco Vincenzi – subentrato a Mauro Buschini dopo le sue dimissioni – ha annullato in via cautelativa le assunzioni finite sotto i riflettori. Si scopre che la graduatoria del comune di Allumiere è stata utile non solo al consiglio regionale del Lazio ma anche a diversi comuni dell’hinterland orientale della Capitale. Partecipano al dibattito Chiara Colosimo, Vauro e Peter Gomez.

La campagna vaccinale

Si passa poi alle difficoltà della campagna vaccinale nelle Regioni, per capire chi rientra nella categoria “Altro” individuata dal governo nel piano vaccinale che ha creato non pochi problemi dando spazio a furbetti e saltafila.
Ci si sposta poi in Toscana, per parlare anche del caso Scanzi, e successivamente in Sardegna dove si scoprono pranzi clandestini. Ed infine in Calabria dove tra nuovi contagi e piano vaccinale da ultima in classifica la situazione è davvero drammatica. Se ne discute con Vauro, Nunzia De Girolamo, Luca Telese e Jessica Cosenza.

Non è L’Arena 18 aprile tornano i vitalizi

Tra i temi della puntata, una delle battaglie storiche di Non è l’Arena, l’abolizione dei vitalizi. In settimana la Commissione Contenziosa del Senato ha restituito il vitalizio all’ex presidente della Lombardia Roberto Formigoni, cancellando di fatto la delibera che revocava il “privilegio” per i parlamentari condannati a pene detentive superiori ai 2 anni. Interviene Maurizio Paniz.

Le mani della delinquenza sul litorale laziale

Prosegue infine l’inchiesta sui clan che hanno messo le mani sul litorale laziale. Controllo del territorio, spaccio, usura: il sodalizio Travali-Di Silvio procede con gli stessi metodi feroci dei Casamonica, loro parenti. In studio Nello Trocchia e Carlo Marsilli.

Condividi su
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
Continua a leggere

Informazione

Melaverde 18 aprile i conduttori tra Monza e Brianza e Bussolengo

I due conduttori on the road sono in giro per l'Italia alla scoperta delle eccellenze del nostro Paese. La tappa di oggi.
Serena Angelucci

Pubblicato

il

Melaverde 28 marzo
Condividi su
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

Melaverde torna con la puntata di domenica 18 aprile. I due conduttori Ellen Hidding e Vincenzo Venuto sono in giro per l’Italia alla consueta ricerca delle eccellenze del nostro Paese. Ecco dove si trovano oggi dopo il viaggio della scorsa settimana.

Melaverde 18 aprile in provincia di Monza e Brianza

Vi siete mai chiesti quanto lavoro c’è dietro ad un giardino perfetto, grande o piccolo che sia? Come viene progettato, realizzato e poi mantenuto? Per darci queste risposte Melaverde raggiunge, oggi, Omate in provincia di Monza e Brianza. Si tratta di una delle zone più vocate al florovivaismo del nord d’Italia.
 Melaverde racconta la storia della famiglia Radaelli che da 4 generazioni si è specializzata proprio in questo settore, portando il suo talento made in Italy in tutta Europa. Conosciamo la storia del florovivaismo che si è evoluta insieme alla loro azienda. Vistiamo il vivaio dove dimorano piante alte fino a 12 metri e ci viene spiegato come si progetta una zona verde e come si realizza. Allo stesso tempo vengono dati interessanti consigli su come curare al meglio il giardino.
Melaverde si occupa poi di fiori recisi che arrivano da tutto il mondo e danno vita a composizioni uniche adatte ad ogni occasione. Ma è anche una puntata alla scoperta di vere e proprie opere d’arte, realizzate in un rapporto unico di reciproco scambio tra uomo e natura.

 A Bussolengo per il Parco Natura Viva

Questa settimana il programma Melaverde è ospite del Parco Natura Viva di Bussolengo in provincia di Verona. Si tratta di un parco faunistico che con i suoi 50 anni di storia è divenuto oggi uno tra i più importanti centri di tutela di Specie Animali minacciate d’Estinzione.
In questa puntata si scopre come è possibile salvaguardare le specie a rischio.
E’ possibile grazie a progetti internazionali che si occupano di dare concessioni di allevamento allo scopo di mantenere intatte specie a rischio e in alcuni casi arrivare a riportarle nei loro habitat originali.
Tutto questo si realizza grazie al duro lavoro da parte di professionisti e addetti che seguono questi animali giorno e notte studiando continue soluzioni per garantire loro il massimo benessere (anche in momenti difficili come quello che stiamo vivendo).
Oltre alla salvaguardia e alla ricerca nel Parco sono organizzati veri e propri percorsi didattici grazie a strutture e scenari unici dove è possibile trovare risposta a moltissime curiosità legate al mondo della natura.
Vi siete mai chiesti perché alcuni animali sono giganti, mentre altri sono minuscoli? Melaverde risponde a questa domanda entrando in anteprima nella nuovissima serra dei Giganti dove vive Il Drago di Komodo, la più grande lucertola del mondo. Conosceremo poi le tartarughe giganti delle Seychelles, insetti dalle dimensioni inaspettate, ma anche minuscole formiche taglia foglie che costruiscono, però, giganteschi formicai.

Condividi su
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
Continua a leggere
Advertisement

Seguici su:

Di tendenza

Maridacaterini.it è una testata giornalistica iscritta al registro della stampa del tribunale di Roma, al numero 187/2015 - P.Iva 05263700659 – Tutti i diritti riservati

Copyright © 2021 www.maridacaterini.it