Connect with us

Informazione

Agorà 7 settembre 2020 – esordio di Luisella Costamagna tra conferme e incertezze

Agorà, il programma di approfondimento in onda tutte le mattine su Rai 3, riparte oggi, 7 settembre, con l'intervista a Lucia Azzolina e una nuova conduttrice: Luisella Costamagna.

Pubblicato

il

Agorà 7 settembre Luisella Costamagna
Agorà, il programma di approfondimento in onda tutte le mattine su Rai 3, riparte oggi, 7 settembre, con l'intervista a Lucia Azzolina e una nuova conduttrice: Luisella Costamagna.
Condividi su
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

La nuova stagione di Agorà esordisce oggi, 7 settembre 2020, dalle 8.00 alle 10.00 su Rai 3. Il programma di approfondimento vuole rappresentare il quotidiano che “si sfoglia” ogni mattina, ricco di ospiti, servizi, e news dell’ultimo momento.

I temi trattati spaziano dalla politica all’economia, dall’attualità alla cronaca. A discuterne ogni giorno, personalità politiche, giornalisti, intellettuali e analisti.

L’edizione 2020 che parte stamattina è condotta da Luisella Costamagna. Sostituisce l’ex padrona di casa Serena Bortone che ha lasciato Agorà al termine della scorsa stagione invernale. La versione estiva è stata gestita da Roberto Vicarietti. La Bortone si sposta da Rai 3 a Rai 1, dove conduce il programma del day time pomeridiano Oggi è un altro giorno.

Potete seguire Agorà anche in diretta streaming tramite il servizio gratuito RaiPlay.

Agorà 7 settembre – La diretta

Agorà inizia con il suono di una campanella. Infatti, uno dei temi più caldi del momento è proprio la riapertura delle scuole. “Il paese è pronto a ripartire?” si chiede la conduttrice Luisella Costamagna. Goffredo Buccini, Claudio Gorigon e Beatrice Lorenzin sono presenti in studio per parlarne. Dovrebbe arrivare a breve anche Lucia Azzolina, ministra dell’istruzione.

“Non per fatalismo, ma non siamo pronti. Siamo in una fase che assomiglia alla scuola di guerra. Anche gli altri paesi hanno chiuso e riaperto più volte le scuole” commenta Goffredo Buccini al riguardo.

“Vorrei sapere la sua opinione prima come madre, poi anche come politico” chiede la conduttrice a Beatrice Lorenzin, Partito Democratico. “Credo che ogni genitore sia un po’ in ansia. Dobbiamo partire noi con la prevenzione: se i bambini hanno la febbre lasciamoli a casa. Potrebbe essere necessario organizzare delle mini-quarantene, riorganizzare l’organizzazione sanitaria scolastica.” commenta la Lorenzin.

Poco dopo si collega con lo studio Paolo Mieli, che afferma di essere “ottimista sulla riapertura delle scuole”.

Meno positivo è Claudio Gorigon, Lega, che crede la ministra Azzolina sia stata troppo assente, e abbia mal gestito la riapertura. Ciononostante, ritiene fondamentale riaprire gli istituti.

A Cagliari, intanto, 200 persone sono state licenziate senza Cassa Integrazione. Agorà parlerà con alcuni rappresentanti dei lavoratori per capire cosa stia succedendo.

Agorà 7 settembre

Agorà 7 settembre – Il moviolone, la prima riapertura

Il primo moviolone è un servizio che racconta brevemente la situazione delle dotazioni scolastiche.

Poco dopo viene mostratala prima riapertura del Liceo Classico Carducci di Milano. Il preside ha deciso di riaprire una settimana prima per introdurre le prime classi all’istituto.

Il preside però denuncia una mancanza di personale ATA. Quanto a docenti, invece, non ci sono particolari preoccupazioni. Mancano, però, alcuni banchi a rotelle.

Tornati in studio, la conduttrice interroga Fabrizio Pregliasco sulla capacità di trasmissione del virus da parte dei bambini: è davvero minore di quella degli adulti? La risposta del direttore dell’IRCCS Galeazzi di Milano è che sì, è lievemente minore, ma comunque da non sottovalutare. “Dobbiamo essere attenti, è una scommessa riaprire le scuole. Sicuramente ci sarà un rialzo nel numero dei casi.” afferma Pregliasco.

Pregliasco parla poi dei vaccini anti-influenza stagionale. “Quest’anno è necessario farli, forse renderli obbligatori. Speriamo ci siano dosi sufficienti.” afferma. La Lorenzin si scaglia con forza contro gli anti-vaccinisti. “La seconda ondata dipende da quello che facciamo adesso. Non è possibile essere bombardati sui social, avere paura dei vaccini. Dobbiamo vincere questa sciocca paura nei confronti della vaccinazione.” dichiara.

Claudio Gorigon si dichiara favorevole ai vaccini, ma contrario all’obbligatorietà. La Lorenzin risponde prontamente “Questo ha senso in situazioni normali. Ma non siamo in una situazione normale”.

Agorà 7 settembre

Agorà 7 settembre – La manifestazione No-Mask

“Non ci dovete venire qui se siete di sinistra.” queste le parole di un uomo intervistato durante l’ultima manifestazione no-mask. Dietro alla mentalità della libera opinione, i no-mask rifiutano l’uso della mascherina obbligatoria. Molti, purtroppo, sono ancora oggi i negazionisti che credono il Covid non rappresenti un rischio elevato. Il servizio chiude con una citazione: “Va bene avere una mentalità aperta, ma non tanto aperta da far cadere il cervello a terra”.

“Non è la libertà del singolo, ma una libertà collettiva che conta” afferma Fabrizio Pregliasco. “Purtroppo l’andamento del numero dei contagi tende verso l’alto. Dobbiamo aspettarci una ripresa.” continua Pregliasco.

“Mi rifiuto di chiamarli negazionisti. Il negazionismom è un’altra cosa. Sono dei deficienti, che ora mi insulteranno, ma sarà una medaglia per me” dichiara convinto Alessandro Giuli, Editorialista per Libero, collegato con lo studio. “Quegli individui non rappresentano la destra italiana.” prosegue.

Segue un moviolone che riassume la posizione di Giuseppe Conte da quando prese fortemente posizione nei confronti di Matteo Salvini ad oggi, proponendo estratti dai suoi numerosi discorsi pubblici. Paolo Mieli “un’abbondante sufficienza” all’ultimo anno di Governo Conte-bis.

L’intervento di Lucia Azzolina

Inizia poi ad Agorà di stamattina, 7 settembre, l’intervista con Lucia Azzolina, ministra dell’istruzione, di fronte a un tavolo con numerosi dispositivi di protezione individuale quali mascherine, guanti, gel. Una dotazione necessaria per far ripartire le scuole.

“Ci sarà la mascherina obbligatoria in classe?” chiede la conduttrice. “Basta vedere le immagini delle scuole francesi per capire che se non c’è il metro di distanza garantito va indossata la mascherina. Soprattutto la mascherina va indossata durante i movimenti. Quando si va al bagno, durante la ricreazione. Siamo l’unico stato che fornirà le mascherine ogni giorno a studenti e insegnanti.” afferma la Azzolina.

“Il servizio pubblico dovrebbe far vedere le belle esperienze, non solo quelle negative. Le negatività si raccontano sempre, le positività mai” commenta poi la ministra Azzolina. “Inoltre, se vogliamo fare paragoni con l’estero facciamoli bene. Noi abbiamo fatto esami di stato sicuri laddove molti paesi li hanno cancellati.” afferma in seguito. I tre collegamenti da Germania, Francia e Inghilterra delineano quindi un quadro estero sostanzialmente simile a quello italiano, almeno riguardo le misure di prevenzione nelle scuole.

Le domande dal Liceo Carlucci alla ministra

Il collegamento passa al Liceo Carducci. “C’è qualcuno che ha domande da porre alla ministra?” chiede la conduttrice all’inviata. Parla una professoressa, che chiede: “In questi mesi ho dovuto introdurre nella mia attività didattica elementi di flessibilità. Non è importante secondo lei che questa flessibilità venga messa a sistema, modificando la struttura rigida e secolare della scuola italiana?”. “La flessibilità è sacrosanta. Ma esiste da 20 anni l’autonomia scolastica. Come potevo dare linee guida centralizzate flessibili a tutti gli istituti italiani, che possono agire in autonomia garantendo, o meno, tale flessibilità?” risponde la Azzolina.

Chiede poi un genitore: “Se dovessero esserci positivi negli istituti, cosa accadrà nella scuola?”. La ministra Lucia Azzolina risponde che “Si applica il protocollo. Lo studente viene accompagnato in uno spazio ad hoc, si chiamano i genitori, e si mettono i genitori in contatto con la sanità territoriale. Si fa il tampone, e in caso di positività si capirà quante persone devono andare in quarantena guardando il registro dei contatti redatto a scuola. Gli studenti in quarantena proseguiranno la didattica a distanza da casa. In questo caso verranno dati alle famiglie contributi per aiutare le famiglie lungo il percorso.”.

Gli attacchi alla ministra: “Ma Salvini ce l’ha una coscienza?”

“Come mai se è stato fatto tutto bene, lei è stata attaccata così duramente, tanto da ricevere minacce e finire sotto scorta?” chiede la conduttrice a Lucia Azzolina. “Noi ci siamo limitati a dire di seguire le notizie ufficiali, non i meme su internet.” risponde la ministra.

Viene poi posta alla ministra la domanda scritta sulla lavagna dal politico della Lega Claudio Gorigon “E’ sicura di aver fatto bene?”. Lucia Azzolina risponde pronta che “Ho seguito personalmente alcuni istituti, abbiamo verificato con attenzione il rispetto delle misure di prevenzione” parlando di Salvini, poi, commenta “Ce l’ha una coscienza quest’uomo? O ha usato la scuola per fare mera propaganda elettorale?”.

Il moviolone su Briatore

In occasione del collegamento con Daniela Santanchè viene proposto un moviolone sulle migliori affermazioni dell’imprenditore Flavio Briatore. L’uomo si è scagliato spesso con forza via internet contro il governo e le sue direttive anti-covid.

Poi, si collega con lo studio Stefano Fassina di Liberi e Uguali, per parlare di occupazione e lavoro post-emergenza. “Senza una ripresa consistente dell’economia il lavoro non può riprendere. Bisogna far ripartire gli investimenti, i consumi.” afferma Fassina. “La nostra priorità è sostenere il credito alle imprese, eliminare le tasse per le imprese che non possono pagarle” continua.

Daniela Santanchè afferma però che “Nè io nè gli Italiani vediamo una ripresa. Abbiamo perso posti di lavoro in un periodo durante il quale per legge non si poteva licenziare.“. Continua dichiarando che “Le donne hanno pagato il prezzo più alto. Con il lock-down siamo tornate indietro di 50 anni.”.

Si apre un dibattito riguardo le proposte fatte dai vari schieramenti politici per risollevare l’economia.

I 200 lavoratori licenziati a Porto Canale, Cagliari

La linea passa all’inviata di Cagliari, che racconta la situazione dei lavoratori di un’azienda che ha licenziato 200 dipendenti, lasciati dapprima in cassa integrazione, in seguito senza. Quando l’azienda fu comprata da differenti proprietari, i lavoratori chiesero una proroga della Cassa Integrazione per  traghettare i lavoratori da una proprietà all’altra. Ma la richiesta non fu accolta.

L’esempio di questa azienda dimostra la competitività che l’Italia ha perso.” commenta la Santanchè.

I toni si alzano fra Fassina e la Santanchè, quando si parla di sussidi e Cassa Integrazione.

Bianca Berlinguer ospite di Agorà

Poco dopo inizia un nuovo moviolone che riassume gli eventi dell’estate appena trascorsa.

L’ultima ospite di Agorà è Bianca Berlinguer. “Che estate è stata? Ti preoccupa la risalita dei contagi? E la ripartenza delle scuole?” chiede la conduttrice alla Berlinguer. “Non potevamo aspettare ad aprire le scuole. Ma per l’università non ho capito come andrà.” inizia la Berlinguer. “Inevitabilmente all’inizio ci sarà una salita dei contagi. Ma non possiamo fare a meno di riaprirle, è l’appuntamento più importante.” prosegue.

“Vedo il governo poco impegnato nel piano economico da presentare all’Europa. Potrebbe contribuire a dare una svolta al paese.” afferma poi Bianca Berlinguer.

 


Condividi su
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

Appassionato di Cinema e Serie TV, di libri e di fumetti, di video e di videogiochi. Di avventure, si può dire riassumendo. Non ama molto dormire, ma a volte lo costringono. Del resto, gli servirebbero delle "vite extra" per seguire tutti i suoi hobby e interessi. Intanto, fa quel che può con quella che ha: scrive, disegna, registra video, ogni tanto mangia. A tal proposito, potrebbe sopravvivere mangiando solo pizza. Se serve, anche pizza estera, quando viaggia. Sì, anche quella con sopra l'ananas.

Continua a leggere
Advertisement
Clicca per commentare

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Informazione

Melaverde 20 giugno a Chioggia e a Brescello, nella campagna emiliana

Tutte le anticipazioni sulla tappa odierna del viaggio di Ellen Hidding e Vincenzo Venuto nel nostro Paese.

Pubblicato

il

Melaverde puntata 20 giugno
Condividi su
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

Melaverde torna con la puntata di domenica 20 giugno. L’appuntamento è su Canale 5 alle 11.55. I due conduttori on the road intraprendono un nuovo viaggio, dopo quello della scorsa settimana, alla ricerca delle eccellenze agro alimentari e gastronomiche del nostro Paese. Ecco la tappa odierna del programma per Ellen Hidding e Vincenzo Venuto.

Melaverde 20 giugno conduttori

Melaverde 20 giugno a Chioggia per il Gelato

Oggi il gelato con i suoi mille gusti e forme è un prodotto che troviamo davvero dappertutto e in ogni periodo dell’anno. Si calcola che ogni italiano, in un anno, ne consumi più o meno 7-8 chili.
Il mercato del gelato vale in Italia 4,2 miliardi di euro. Il mondo del gelato italiano utilizza ogni anno 250 mila tonnellate di latte, 70 mila tonnellate di zuccheri, 23mila tonnellate di frutta fresca e 32 mila tonnellate di altre materie prime.
Il Veneto ha una grandissima tradizione gelatiera. Nel secolo scorso, artigiani del gelato veneti partirono per l’Europa a cercare fortuna. E la trovarono. Solo in Germania aprirono più di 5000 gelaterie italiane.
A Chioggia c’è un’importante azienda che realizza molte tipologie di gelato, utilizzando come base solo latte di montagna, ricotta o mascarpone. Le tecnologie più moderne oggi permettono all’industria italiana del gelato di essere tra le più avanzate al mondo per numeri e per qualità. Sarà un viaggio goloso ed interessante per scoprire tutti i segreti dei processi produttivi che garantiscono qualità, salubrità e gusti eccellenti ai gelati confezionati.

A Brescello per le Cucurbitacee

Questa settimana Melaverde raggiunge la campagna Emiliana. Precisamente si reca a Brescello dove da qualche giorno è iniziata la raccolta dei meloni. I telespettatori scoprono infatti che l’intera zona, grazie al suo terreno fertile e alle sue caratteristiche climatiche, permette di avere meloni e angurie di grande eccellenza.
E questo lo sa bene Ettore che con la sua famiglia si occupa di questo da generazioni. Si inizia conoscendo la sua storia per poi scoprire ogni segreto sulla coltivazione e raccolta di meloni e angurie che, dopo una prima selezione nei campi, entrano in uno stabilimento dove addette esperte controllano ogni frutto, poi posizionato nelle classiche ceste per la consegna in tutta Italia e Europa. Non mancheranno, infine, consigli e curiosità anche in cucina dove il melone riserva moltissime sorprese.

Condividi su
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
Continua a leggere

Informazione

Stasera in tv domenica 20 giugno 2021, I programmi in onda

Su Raitre va in onda Kilimangiaro Estate con Camila Raznovich. Italia 1 trasmette la replica di Colorado.

Pubblicato

il

Stasera in tv domenica 20 giugno 2021
Condividi su
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

Stasera in tv domenica 20 giugno 2021. Su Nove va in onda il reality Cambio moglie. Iris, invece, propone il film drammatico Defiance – I giorni del coraggio con Daniel Craig.

Stasera in tv domenica 20 giugno 2021, Rai Mediaset

Su Raiuno, alle 21.30, il film tv biografico Storia di Nilde, con Anna Foglietta. Rivediamo la docufiction trasmessa per la prima volta nel 2019, a 20 anni dalla scomparsa di Nilde Iotti (Anna Foglietta) e a 40 dalla sua nomina a Presidente della Camera. Intrecciando ricostruzioni, materiali di repertorio e testimonianze illustri, il racconto si sofferma anche sul rapporto con Palmiro Togliatti.

Su Raitre, alle 21.20, i viaggi con Kilimangiaro Estate. Tema portante della puntata è il colore. Dal mare blu della Melanesia a quello delle Maldive, al verde dell’Irlanda e della Cina. Camila Raznovich ospita lo storico dell’arte Jacopo Veneziani, Zelda Franceschi, professoressa di Antropologia all’Università di Bologna, e la campionessa mondiale di sci Marta Bassino.

Su Italia 1, invece, alle 21.20, il varietà Colorado. Rivediamo la ventesima edizione del programma trasmessa su questa rete nel 2019. Al timone ci sono Belen Rodriguez e Paolo Ruffini. Al loro fianco Scintilla (alias Gianluca Fubelli), i PanPers e altri 40 artisti come Pino & gli Anticorpi, Max Pisu, Gianluca Impastato, i Pantellas, Marco Stabile.

Programmi La7, Nove

Su La7, alle 21.30, l’attualità con Abbattiamoli. Rivediamo in replica l’inchiesta andata in onda il 10 giugno scorso. Massimo Giletti, costretto a vivere sotto scorta per le minacce ricevute, si è recato in Sicilia per parlare di Cosa Nostra con magistrati e carabinieri ma anche pentiti.

Su Nove, alle 21.20, il reality Cambio moglie. Rivediamo la seconda stagione del reality, trasmesso su questa rete. Come di consueto, due donne accettano di scambiarsi casa e famiglia per una settimana. Alla fine dell’esperienza le due coppie protagoniste si incontrano per un confronto.

Stasera in tv domenica 20 giugno 2021 conta su di me

I film di questa sera domenica 20 giugno

Su Canale 5, alle 21.20, il film commedia del 2017, di Marc Rothemund, Conta su di me, con Elyas M’Barek. Lenny (Elyas M’Barek), viziatissimo figlio di un celebre chirurgo, viene punito dal padre per la sua vita da fannullone: se vorrà riguadagnare la sua stima e l’uso della carta di credito, dovrà occuparsi di David (Philip Noah Schwarz), un adolescente affetto da una grave malformazione cardiaca.

Su Iris, alle 21.00, il film drammatico del 2008, di Edward Zwick, Defiance – I giorni del coraggio, con Daniel Craig. Nel 1941, Tuvia Bielski e i suoi due fratelli fuggono dalla Polonia occupata dai nazisti e si rifugiano in Bielorussia. Lì organizzano la resistenza e aiutano centinaia di ebrei in fuga.

Su Cine34, infine, alle 21.00, il film commedia del 1986, di Luca Verdone, 7 chili in 7 giorni, con Renato Pozzetto, Carlo Verdone. Silvano e Alfio, laureati in medicina, aprono una clinica per persone che devono perdere peso. Ma i loro metodi esasperati porteranno i pazienti a cercare vendetta.

Stasera in tv domenica 20 giugno 2021 La vita straordinaria di David Copperfield

Stasera in tv domenica 20 giugno, film in onda su Sky

Su Sky Cinema Due, alle 21.15, il film commedia del 2019, di Armando Iannucci, La vita straordinaria di David Copperfield, con Dev Patel. Adattamento cinematografico del romanzo di Charles Dickens: un racconto della vita del personaggio letterario, dalla giovinezza all’età adulta, sullo sfondo dell’Inghilterra del XIX secolo.

Su Sky Cinema Family, invece, alle 21.00, il film commedia del 1995, di Chris Noonan, Babe – Maialino coraggioso. Il maialino Babe viene allevato in una fattoria da Fly e Rex, una coppia di cani pastore e impara ad accudire benissimo le pecore. Riuscirà così ad evitare una brutta fine.

Su Sky Cinema Suspense, infine, alle 21.00, il film di spionaggio del 2001, di John Boorman, Il sarto di Panama, con Pierce Brosnan. Spedito a Panama per punizione, un cinico agente segreto inglese si serve di un sarto pieno di debiti per architettare una colossale truffa ai danni dei suoi superiori.

 


Condividi su
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
Continua a leggere

Informazione

Linea Blu 19 giugno: Donatella Bianchi visita il Salone Nautico di Venezia

Donatella Bianchi bianchi raggiunge il Veneto per visitare il Salone Nautico di Venezia 2021

Pubblicato

il

Linea Blu 19 giugno Rai 1
Condividi su
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

Dopo una settimana di stop a causa degli Europei Donatella Bianchi torna sabato 19 giugno con una nuova puntata di Linea Blu. L’appuntamento è alle ore 14:00 su Rai 1.

Quindici giorni fa, la conduttrice aveva esplorato la nave Amerigo Vespucci. Oggi invece si trova in Veneto per visitarne il capoluogo, Venezia.

Linea Blu 19 giugno salone nautico

Linea Blu 19 giugno, Salone Nautico di Venezia

Nella puntata del 19 giugno Donatella Bianchi visita il Salone Nautico di Venezia, che si è tenuto dal 29 maggio al 6 giugno. Si tratta dell’esposizione di barche e yatch provenienti da tutto dal mondo. Qui i visitatori possono infatti ammirare il meglio della nautica nazionale e internazionale, sempre più orientate verso un futuro green.

I produttori di navi infatti stanno realizzando delle imbarcazioni ibride o elettriche in modo da produrre meno inquinamento possibile nel rispetto dell’ambiente e, soprattutto, dei nostri mari. Alla manifestazione fieristica prendono parte non solo barche lussuose. Ma anche barche da lavoro, da trasporto e da servizio.

Successivamente Donatella Bianchi raggiunge un vero e proprio cimitero per barche che si trova all’interno della Laguna. Sono presenti oltre duemila relitti che si sono accumunati nel corso dei secoli.

Qui è possibile ammirare, tra gli altri, i mototopi ovvero le tipiche imbarcazioni venete che erano utilizzate per trasportare le merci. Ma anche i burci, delle particolari barche a fondo piatto che sono adatte alla navigazione dei fiumi.

Linea Blu 19 giugno Guggenheim

Linea Blu, Guggenheim

Proseguendo il suo viaggio a Venezia, Donatella Bianchi dedica spazio anche all’arte. Si occupa infatti della riapertura della collezione Peggy Guggenheim che è conservata all’interno del Palazzo dei Venier dei Leoni sul Canal Grande. Progettato a metà del XVIII secolo dall’architetto Lorenzo Boschetti, La Guggenheim acquistò lo stabile nel 1948.

Decise poi di trasformarlo in un museo privato nel quale custodire alcune opere d’arte realizzate da Salvador Dalì, René Magritte, Pablo Picasso e da tanti altri artisti. Dopo la sua morte, avvenuta nel 1979, l’esposizione è diventata poi accessibile ai visitatori. Oggi è considerato uno dei più importanti musei di arte europea e americana del XX secolo che si trovano in Italia.

Il mercato di Rialto

Dopo aver visitato la collezione Peggy Guggenheim la conduttrice raggiunge il celebre mercato di Rialto, che ha origini antichissime. La Pescheria si trova in una delle zone più antiche della città. Dall’anno 1007 il mercato ospita non solo prodotti alimentari ma anche gioielli, tessuti pregiati ed altri articoli di vario genere.

Al mercato di Rialto, inoltre, vengono ancora conservate delle tipiche indicazioni chiamate Nizioleti. Servivano per esporre ai clienti quali attività commerciali erano presenti, dai banchi della carne a quelli dedicati, ad esempio, a frutta e verdura.

Questa settimana Fabio Gallo si occupa della lavorazione del vetro nell’isola di Murano, una delle più grandi della Laguna. Da lì, infine, ripercorre la strada delle fornaci.


Condividi su
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
Continua a leggere
Advertisement

Seguici su:

Di tendenza

Maridacaterini.it è una testata giornalistica iscritta al registro della stampa del tribunale di Roma, al numero 187/2015 - P.Iva 05263700659 – Tutti i diritti riservati

Copyright © 2021 www.maridacaterini.it