La versione di Buzzi su DPlay Plus e poi sul canale Nove


L'intervista a Salvatore Buzzi, amico di Massimo Carminati che racconta la sua verità. Presto in onda in chiaro su Nove.


Ha per titolo La versione di Buzzi il programma disponibile su DPlay Plus. Siamo nella Borgata di Castelverde, a Roma Est. Un agglomerato di cinquemila abitanti e uno stradone dritto, tra palazzine modeste.

La versione di Buzzi su DPlay Plus

È in questa periferia romana che vive il protagonista della cosiddetta Mafia Capitale, Salvatore Buzzi, l’amico di Massimo Carminati. E’ lui il protagonista dell’intervista esclusiva di Dplay Plus, la piattaforma streaming pay di Discovery Italia, disponibile in esclusiva da venerdi 9 ottobre.

Salvatore Buzzi si racconta in un faccia a faccia senza censura con il giornalista Daniele Autieri. Un confronto aperto e appassionante in cui gli viene offerta la possibilità di raccontare la propria verità su quel “Mondo di Mezzo” che ha ridisegnato gli scenari dell’illegalità italiana nel XXI secolo e su fatti per anni deflagrati sulle prime pagine dei giornali.

Buzzi è fondatore della cooperativa 29 giugno, una delle più grandi cooperative sociali d’Italia, composta da ex detenuti recuperati e reinseriti nel mondo del lavoro e poi fallita. Dopo cinque anni di detenzione in regime di massima sicurezza, è ora in attesa della rideterminazione della pena dopo che è caduta definitivamente l’accusa di mafia.

Il racconto di Buzzi

Figlio di un invalido di guerra e di una maestra, Salvatore Buzzi racconta una vita tutta a sinistra. E di Mafia Capitale dice:

Un’inchiesta gonfiata nel cortocircuito mediatico. Una storia piccola, miserabile”.

Secondo lui, un fenomeno prodotto dell’esasperazione mediatica in cui si è consumato il processo, ennesimo sintomo della decadenza della Capitale. La stessa all’origine delle clientele, del caos amministrativo e di quel senso di grottesco che da anni è in sospensione nella vita pubblica capitolina.

Una storia di un malcostume divenuto canone, in una città di faccendieri, spacconi, imbroglioni e corrotti. Nella quale Buzzi faceva la parte del leone, entrando negli annali per quella celebre intercettazione in cui spiega che gli immigrati rendono più della droga.

 Dove vedere il documentario

Il documentario è fruibile in esclusiva sulla piattaforma streaming pay Dplay Plus, e successivamente sul canale Nove.

La versione di Buzzi ha la durata di un’ora ed è una produzione Darallouche per Discovery Italia.



0 Replies to “La versione di Buzzi su DPlay Plus e poi sul canale Nove”

Lascia un commento

Riempi tutti i campi per lasciare un tuo commento. Il tuo indirizzo non verrà pubblicato

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>
*