Connect with us

Informazione

Un mese di zapping, novembre visto dal Moige

Il meglio e il peggio visto in tv nello scorso mese secondo il Movimento Italiano Genitori

Pubblicato

il

Il meglio e il peggio visto in tv nello scorso mese secondo il Movimento Italiano Genitori
Condividi su
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

Per quanto riguarda lo scorso novembre, nella categoria IN ci sono:

1. Zero e lode! (Rai 1)
2. Sotto copertura 2 (Rai 1)
3. Il mondo di Nina (Cartoonito)

Nella categoria OUT ci sono:

1. Tu sì que vales (Canale 5)
2. Narcos (Netflix)
3. Opel Crossland X (spot)

Ecco tutte le valutazioni del Moige su ognuno dei programmi IN.

Zero e lode!

Genere: quiz

Rete: Rai 1

In onda: dal lunedì al venerdì alle 14.00

Quiz decisamente innovativo. Protagoniste quattro coppie di concorrenti, formate da amici, parenti o colleghi, chiamate a indovinare quesiti di cultura generale. Il quiz mette alla prova la memoria e la cultura di chi vi partecipa molto più di altri game show dove la fortuna ha un ruolo maggiore. L’atmosfera in studio è decisamente serena, grazie all’affabilità e alla simpatia del presentatore Alessandro Greco che scherza e interagisce con i protagonisti, andando alla ricerca di curiosità che li riguardano e valorizzando i legami familiari tra concorrenti legati fra loro da rapporti di parentela. Si gioca, quindi, in un clima rilassato e divertito: un bel modo di fare tv e di far compagnia agli italiani subito dopo pranzo.

Sotto copertura 2

Genere: Serie tv

Rete: Rai 1

In onda: dal 16 ottobre al 6 novembre, alle ore 21.15

La seconda stagione della serie racconta la cattura del boss Zagaria, uno dei capi del clan dei casalesi, dopo vent’anni di latitanza, ad opera del capo della squadra mobile Michele Romano. La fiction conferma la valida scelta di non mitizzare il male, non renderlo affascinante, attraverso la netta divisione fra buoni e cattivi e la naturale scelta per il pubblico di schierarsi a favore dei primi. Al filo conduttore della ricerca del latitante, caratterizzata dal grande impegno professionale e umano degli agenti, si uniscono altre linee narrative che toccano temi quali l’amore, l’amicizia, la malattia. Particolarmente significativa è la rappresentazione della vita degli agenti, coinvolti con dedizione e sacrificio nella loro missione. Altrettanto significativo è il personaggio della figlia del boss che sceglie di cambiare la strada che le è stata prescritta in qualità di “erede” per collaborare con la giustizia. Fondamentale è l’attenzione data alla tematica dei rifiuti interrati e delle conseguenti malattie che hanno reso quella terra la “terra dei fuochi”. Rispetto alla prima stagione si registrano scene leggermente più violente, ma mai esagerate e sempre dopo un certo orario. La buona riuscita è data dalla sceneggiatura, capace di coinvolgere i telespettatori, sia nello scorrere dei fatti che nell’uso di immagini e parole significative per un pubblico attento.

Il Mondo di Nina

Genere: Serie animata

Rete: Cartoonito

In onda: Durante la stagione, in vari giorni e vari orari

La protagonista di origine messicana protagonista vive nella eccentrica ed eccitante metropoli di New York, crocevia di culture, dove la diversità è vissuta come un’opportunità per crescere ed aprirsi al mondo e agli altri in maniera sempre positiva. I suoi genitori si sono trasferiti negli Stati Uniti prima che Nina nascesse e una volta arrivati nel nuovo paese hanno aperto una bellissima pasticceria dove tuttora lavorano fianco a fianco. Una presenza molto importante all’interno della famiglia è quella di nonna Yole, adorata da Nina e con la quale passa la maggior parte del tempo. Grazie a lei la bambina può apprendere la lingua spagnola e allo stesso tempo anche i piccoli telespettatori prendono confidenza con questo idioma. La nonna è una donna spiritosa e sempre divertente e rappresenta una vera e propria amica per Nina ma soprattutto un punto di riferimento. Oltre allo spagnolo i bambini posso apprendere anche qualche nozione della lingua dei segni, visto che Nina ha un amico sordomuto. I suoi amici vengono da tutte le parti del mondo: indiani, colombiani, asiatici, e tra loro c’è anche un piccolo peluche di nome Stella che rappresenta la sua amica immaginaria. Ogni episodio racconta la vita quotidiana di una famiglia semplice, che lavora e fa sacrifici, ma che trova sempre il tempo di godere delle cose belle della vita e trasmettere i valori importanti, per primo quello della diversità e del rispetto dell’altro.

Queste le valutazioni per i programmi OUT.

Tu si que vales 2017

Genere: Intrattenimento              

Rete: Canale 5

In onda: il sabato, alle 21,10

Dopo un’ottima stagione 2016, quest’anno purtroppo ricompaiono nel programma i limiti evidenziati nelle stagioni precedenti: insieme a esibizioni divertenti, commoventi, originali e di talento conclamato, adatte al pubblico familiare del sabato sera composto in buona parte da bambini, se ne trovano di profondamente discutibili e di pessimo gusto che nuovamente vengono fatte passare dai giudici come “di valore”. Una per tutte l’esibizione del duo Flash Mob, del 28 ottobre, uno striptease integrale eseguito da spogliarellisti di mestiere! I giudici si sono immediatamente giustificati sostenendo che, trattandosi di un’esibizione divertente e ironica, certamente non avrebbe scandalizzato o danneggiato i bambini, ma tale giustificazione non può reggere: i bambini sono di fatto molto imbarazzati, se non impauriti, dal nudo maschile adulto, un imbarazzo sano che li mette sulla difensiva e li protegge anche da rischi di abuso o di chi comunque potrebbe fargli del male infrangendo la loro sfera d’intimità. Il talent, che vede ogni anno crescere gli ascolti, non ha bisogno di esibizioni scabrose o volgari per richiamare il pubblico e il senso di responsabilità nei confronti di tanti bambini spettatori dovrebbe essere maggiore.

Narcos – Terza Stagione

Genere: Serie tv

Rete: Netflix

In onda: On demand

Rispetto alle stagioni scorse non c’è un unico nemico da sconfiggere, ma molti di più. I capi controllano il territorio in maniera totale, anche tramite spie nella polizia: in questo modo riescono a gestire i loro traffici con facilità e scampare alle retate prima che queste abbiano luogo. L’ottima sceneggiatura crea pathos e tensione, ma ancora una volta non ci si risparmia quanto a violenza, con scene forti e notevole spargimento di sangue. Il comportamento dei malavitosi è sempre ambiguo: c’è chi tenta di tenere fuori dalle lotte i propri affetti, ma non per questo rinuncia ad essere spietato in nome di un potere che però può crollare da un momento all’altro. Soltanto un personaggio, come realmente accaduto, cerca la redenzione: è Jorge Salcedo, responsabile della sicurezza del cartello, che sceglie di collaborare con le forze dell’ordine per proteggere la sua famiglia. Per i contenuti trattati e per la violenza riscontrata in molte sequenze, la serie resta comunque decisamente inadatta ad un pubblico familiare.

Opel Crossland X con telecamera posteriore

Genere: Spot

La novità della Crossland X è la presenza di una telecamera posteriore capace di riprendere visuali fino a 180°, un’innovazione che permette alla guida di aver una visuale così ampia da poter prevenire situazioni di rischio, ad esempio in retromarcia, eliminando angoli morti, permettendo di scorgere gli ostacoli più nascosti e attivando automaticamente lo zoom se tali ostacoli sono più vicini di 70 cm. Una tecnologia al servizio della sicurezza di chi si trova all’interno dell’autoveicolo e chi è nelle immediate vicinanze, magari un inerme pedone. Questi aspetti tanto importanti purtroppo non emergono dallo spot che invece sceglie di pubblicizzare la telecamera con una scenetta familiare pedagogicamente discutibile: due genitori hanno ripreso la figlia adolescente all’uscita da un locale, lei con la scusa di recuperare la borsa dimenticata si nasconde dietro l’angolo per salutare il “fidanzatino” con un bacio. I genitori “impiccioni” la scoprono: il papà incitato dalla mamma va in retromarcia e con la telecamera “becca” i due giovani sul fatto. Al rientro in auto la ragazza mostra la borsa ritrovata e i due ridono mentre il papà dice “e la tua borsa… bacia bene?”. Lei, rimane a bocca aperta e si potrebbe immaginare poi la risposta: ma perché mi spiate? Pessimo esempio per tanti genitori che pensano che vigilare sui figli significhi spiarli piuttosto che avere un dialogo che rispetti la loro privacy e gli lasci la libertà di parlare delle personali questioni di cuore quando si sentono pronti a farlo perché accolti e compresi.


Condividi su
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
Continua a leggere
Advertisement
Clicca per commentare

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Informazione

Non è l’Arena 13 giugno: ultima puntata, dal vaccino AstraZeneca al caso Brusca

Tutti gli ospiti e le anticipazioni dell'ultima puntata stagionale del programma condotto da Massimo Giletti.

Pubblicato

il

Non è l arena 13 giugno La7
Condividi su
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

Massimo Giletti torna domenica 13 giugno con l’ultima puntata stagionale di Non è l’Arena. L’appuntamento è alle 20:30 su La7.

Non è l’Arena 13 giugno, il vaccino AstraZeneca

Nella puntata del 13 giugno Massimo Giletti si occupa della campagna vaccinale anti Covid. Si sofferma in particolare sullo stop della somministrazione di AstraZeneca ai cittadini che hanno meno di 60 anni.

Dopo la morte di Camilla Capena, si è infatti scatenato sul vaccino un acceso dibattito politico. La diciottenne ligure è deceduta dopo aver ricevuto la prima dose di AstraZeneca durante l’Open Day nella propria regione.

Il conduttore si occupa poi della Val Seriana, in provincia di Bergamo, che lo scorso anno è stato uno dei territori più colpiti dal virus durante la prima fase emergenziale. E’ previsto anche il collegamento con Consuelo Locati. E’ il legale dell’associazione dei familiari delle vittime del Covid nella bergamasca.

Sui temi intervengono Pierpaolo Sileri, Matteo Bassetti e Luca Telese.

Non è l arena 13 giugno Di Fazio

Non è l’Arena, Saman Abbas, il caso Di Fazio

Nell’ultima puntata Non è l’Arena si occupa anche della scomparsa della diciottenne pakistana Saman Abbas. L’ipotesi degli inquirenti è che la giovane sarebbe stata uccisa dai genitori per essersi opposta ad un matrimonio combinato.

Il conduttore non si sofferma solo sul caso di cronaca ma allarga il dibattito sull’integrazione degli immigrati di seconda generazione nel nostro Paese. Ma anche sulla cittadinanza per i nuovi italiani. Massimo Giletti si confronta in studio Ritanna Armeni, Daniela Santanché, Sami Salem e Vittorio Sgarbi.

La trasmissione inoltre torna sul caso di Antonio Di Fazio. Si tratta dell’imprenditore milanese attualmente detenuto in carcere con l’accusa di reati di natura sessuale nei confronti di alcune studentesse.

Nel corso delle indagini sono però emersi anche nuovi elementi. Riguarderebbero alcuni presunti legami di Antonio Di Fazio con ambienti della criminalità organizzata. Intervengono Nunzia De Girolamo, Michele Sarno, Nello Trocchia e Francesco Capozza.

Non è l’Arena 13 giugno, il caso Brusca

Nell’ultimo appuntamento stagionale di Non è l’Arena Massimo Giletti affronta anche il caso di Giovanni Brusca. Il boss mafioso e pluriomicida ha lasciato il carcere romano di Rebibbia dopo 25 anni di detenzione. Ma con 45 giorni di anticipo rispetto alla scadenza della sua condanna penale. La vicenda ha scatenato numerose polemiche che hanno diviso l’opinione pubblica.

Il conduttore inoltre intervista in esclusiva Mosco Levi Boucault. E’ il regista francese che nel 2016 incontrò il boss in carcere per raccogliere del materiale per il suo documentario Corleone. In quell’occasione Brusca chiese per la prima volta perdono ai familiari delle sue oltre cento vittime.

Giletti si interroga inoltre sulla questione dell’ergastolo ostativo, ovvero della reclusione senza permessi premio. Si collega infine con le sorelle Napoli da Mezzojuso, in provincia di Palermo.

Partecipano al dibattito Sandra Amurri, Antonio Ingroia, Sergio Lari. Presenti anche Luigi Li Gotti e Marco Taradash.


Condividi su
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
Continua a leggere

Informazione

Melaverde 13 giugno Amore per il legno e Gregge delle langhe

Tutte le anticipazioni sulla nuova puntata in onda su Canale 5 e condotta da Ellen Hidding e Vincenzo Venuto.

Pubblicato

il

Melaverde 13 giugno
Condividi su
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

Nuova puntata di Melaverde oggi, domenica 13 giugno. I due conduttori Ellen Hidding e Vincenzo Venuto danno appuntamento alle 11.55 su Canale 5 per un nuovo viaggio, dopo quello della scorsa settimana. Ecco le tappe odierne.

Melaverde puntata 13 giugno

Melaverde 13 giugno Amore per il legno

Il legno, insieme alla pietra, è stato il primo materiale che l’uomo ha imparato a utilizzare. Gli uomini primitivi lo usavano per cacciare e per scaldarsi. Poi arrivarono i primi utensili e le capanne dove abitare. Il legno fu nel tempo il materiale con cui vennero costruiti i primi mezzi di trasporto, i carri, e poi le navi. E ancora, di legno erano gli aratri, i mulini e le segherie.
Per non parlare dell’arte, che nel legno ha da sempre trovato una materia prima insostituibile. Il legno ha accompagnato nei millenni l’evoluzione umana e ancora oggi è un materiale prezioso e utilissimo, fondamentale in campi come l’industria e la bioedilizia.
Grazie alla tecnologia e ai computer, oggi con il legno si possono realizzare progetti molto complessi e assolutamente perfetti. Questo è l’argomento della puntata di Melaverde di oggi.
Un racconto che attraversa la storia di una famiglia ligure che da tre generazioni lavora questo straordinario prodotto della natura, valorizzandolo al 100% in modo sostenibile e senza sprechi. Scopriremo anche un territorio poco conosciuto, l’entroterra savonese, un luogo importante dal punto di vista ambientale ma anche un luogo ricco di tradizioni gastronomiche e storie da raccontare.

Gregge delle Langhe

Il programma raggiunge poi la Langa Monregalese, in provincia di Cuneo. Qui Melaverde racconta la storia di un’antica razza ovina autoctona che grazie alla sua lana, al suo latte e alle sue carni è stata un’importante fonte di sopravvivenza per le famiglie dell’alta langa, ma che tempi più recenti ha purtroppo rischiato di scomparire.
Il suo recupero è stato possibile grazie a famiglie che hanno scelto di presidiare il territorio creando prodotti caseari che hanno dato nuovo valore al suo prezioso latte. Una di queste è la famiglia di Valentina. La sua storia unisce una razza autoctona in via di recupero e la passione per la loro terra che Melaverde racconta seguendo tutte le attività che Valentina svolge con la sua famiglia nella loro azienda agricola

Condividi su
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
Continua a leggere

Informazione

Stasera in tv domenica 13 giugno 2021, I programmi in onda

Raiuno trasmette la sfida calcistica Olanda-Ucraina. Su La7 va in onda l'ultima puntata stagionale di Non è l'Arena con Massimo Giletti.

Pubblicato

il

Stasera in tv domenica 13 giugno 2021
Condividi su
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

Stasera in tv domenica 13 giugno 2021. Raitre trasmette la prima puntata di Kilimangiaro estate con Camila Raznovich. Canale 5 invece propone il film Instant Family con Mark Wahlberg.

Stasera in tv domenica 13 giugno 2021, programmazione Rai

Su Raiuno, alle 21.00, Calcio Euro 2020: Olanda-Ucraina. In diretta dalla Johan Cruijff Arena, seconda gara del Gruppo C. I padroni di casa dell’Olanda, guidati dal commissario tecnico Frank de Boer, sfidano la nazionale ucraina. Nello stesso gruppo sono state inserite l’Austria e la Macedonia del Nord, in campo oggi alle 18 all’Arena Nationala di Bucarest (Romania).

Su Raitre, alle 21.20, i viaggi di Kilimangiaro estate. Nella prima puntata della nuova edizione, Camila Raznovich accompagna gli ospiti nei luoghi dei loro racconti. L’alpinista Hervé Barmasse la coinvolge in un’arrampicata sul Cervino; l’astrofisico Luca Perri le fa fare un test in assenza di gravità; Umberto Pelizzari si immerge con lei nel Mediterraneo.

Programmi La7, Tv8, Nove

Su La7, alle 20.35, l’attualità con Non è L’Arena. Dopo una stagione contrassegnata dalla puntuale copertura dell’emergenza sanitaria e da una serie di scoop e speciali, Massimo Giletti questa sera si congeda, e dà l’arrivederci a settembre ai suoi fedeli telespettatori.

Su Tv8, alle 21.30, il talent Antonino Chef Academy. Viene riproposta la prima edizione dello show andato in onda nel 2019. Antonino Cannavacciuolo mette alla prova dieci giovani aspiranti chef; il vincitore coronerà il sogno di lavorare con lo chef campano nel suo ristorante Villa Crespi.

Su Nove, alle 21.25, il reality Supernanny. Lucia Rizzi corre in aiuto di un’altra coppia di genitori in grossa difficoltà, gli Anis. Con loro, alle prese con bambini molto vivaci, si renderà conto ancora una volta di come, a volte, i genitori abbiano più bisogno di aiuto dei loro figli.

Stasera in tv domenica 13 giugno 2021 I bambini di Cold Rock

I film di questa sera domenica 13 giugno

Su Rai 4, alle 21.20, il film thriller del 2012, di Pascal Laugier, I bambini di Cold Rock, con Jessica Biel. A Cold Rock i bambini continuano a sparire. Anche l’infermiera Julia, che non crede alle voci su un uomo che si aggirerebbe nella notte, assisterà al rapimento di suo figlio.

Su Rai Movie, alle 21.10, il film drammatico del 2010, di E. Estevez, Il cammino per Santiago, con Martin Sheen. L’americano Thomas Avery si reca in Francia per recuperare il corpo del figlio Daniel. Il ragazzo è morto mentre si recava in pellegrinaggio a Santiago di Compostela.

Su Canale 5, alle 21.20, il film commedia del 2018, di Sean Anders, Instant Family, con Mark Wahlberg, Rose Byrne. Dopo alcuni anni di matrimonio, Pete (Mark Wahlberg) ed Ellie (Rose Byrne) decidono finalmente di allargare la famiglia prendendo in affidamento la 15enne Lizzy, suo fratello Juan e sua sorella Lita, figli di una tossicodipendente. In un primo momento la convivenza si rivela molto complicata.

Su Iris, alle 21.00, il film drammatico del 1981, di Bob Rafelson, Il postino suona sempre due volte, con Jessica Lange, Jack Nicholson. Il vagabondo Frank Chambers si ferma in un motel lungo la strada, dove conosce Cora, la moglie del proprietario. Ben presto tra i due scoppia una rovente passione.

Stasera in tv domenica 13 giugno 2021 le sorelle macaluso

Stasera in tv 13 giugno 2021, i film su Sky

Su Sky Cinema Due, alle 21.15, il film drammatico del 2020, di Emma Dante, Le sorelle Macaluso, con Donatella Finocchiaro. La storia delle sorelle Maria, Pinuccia, Lia, Katia e Antonella Macaluso, nate e cresciute nella periferia di Palermo. Nonostante le difficoltà, non smettono di coltivare sogni e aspirazioni.

Su Sky Cinema Family, alle 21.00, il film d’avventura del 2015, di G. Olivares, Abel – Il figlio del vento, con Manuel Camacho. Il giovane Lukas vive sulle Alpi assieme al padre, con il quale non va d’accordo. Un giorno salva un aquilotto caduto dal nido e decide di allevarlo. Ma ben presto l’animale cresce.

Su Sky Cinema Action, alle 21.00, il film d’avventura del 1985, di L. Teague, Il gioiello del Nilo, con Kathleen Turner, Michael Douglas. Durante la presentazione del suo ultimo romanzo, Joan viene avvicinata da uno sceicco che le chiede di scrivere la sua biografia. La donna accetta, ma finisce nuovamente nei guai.


Condividi su
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
Continua a leggere
Advertisement

Seguici su:

Di tendenza

Maridacaterini.it è una testata giornalistica iscritta al registro della stampa del tribunale di Roma, al numero 187/2015 - P.Iva 05263700659 – Tutti i diritti riservati

Copyright © 2021 www.maridacaterini.it