L’altro festival, 5 febbraio 2020, diretta prima puntata


Nicola Savino proporrà una versione più scanzonata e rilassata della kermesse musicale. Al suo fianco Myss Keta


L’altro festival, 5 febbraio 2020. Questa sera, alle ore 00.45 (più o meno, dipende dall’ora in cui terminerà il Festival di Sanremo) sulla piattaforma Raiplay andrà in onda la prima puntata de “L’altro festival”. Al timone Nicola Savino, che proporrà una versione più scanzonata e rilassata della kermesse musicale. Al suo fianco Myss Keta, Valerio Lundini, I Gemelli di Guidonia e i Vazzanikki.

L’altro festival, 5 febbraio 2020

L’altro Festival, 5 febbraio 2020, diretta prima puntata

I gemelli di Guidonia duettano con Irene Grandi sulle note del suo celeberrimo brano “La tua ragazza sempre”. Così si apre la prima puntata de “L’altro Festival”. L’orario è prevedibilmente tardo, è l’1.30.

Entra in studio il conduttore, Nicola Savino che svela il suo sorprendente outfit. Indossa la stessa tutina color carne di Achille Lauro.

“Noi vediamo le cose in diretta come voi, ma io ho visto Achille Lauro e ho perso la testa” – racconta Savino.

Ospiti del suo show sono stasera Anastasio e Leo Gassman. “E’ stato molto emozionante ed è un onore essere qui” – racconta quest’ultimo.

Savino presenta poi i suoi compagni di viaggio: Myss Keta, i Gemelli di Guidonia, la band I Vazanikki e lancia gli highlights del Festival.

Rivediamo i momenti salienti della serata, con gli ironici commenti fuori campo del conduttore. Durante l’esibizione di Elodie abbiamo una previsione di Savino: “Sento profumo di vittoria, poi non dite che non vi avevo avvisato” – dice.

Arrivano Gigi e Ross ed Ema Stokholma, che commentano insieme a Nicola le reazioni del web alla prima puntata del Festival.

Viene letta la classifica. “E’ un’ingiustizia contro Bugo e Morgan” – esclama Anastasio. “La nostra classifica sarebbe esattamente al contrario” – dichiara Savino.

“Sei il favorito dei bookmaker” – dice una giornalista ad Anastasio. “Non c’hanno mai azzeccato, vedi Ultimo lo scorso anno” – risponde lui.

Arrivano proprio Bugo e Morgan. “Ma cos’è? Quella sporca dozzina? Bene ragazzhashish” – afferma Morgan, che interrogato su quale consiglio darebbe a Gassman ed Anastasio continua: “Non do mai consigli, sono un consiglio vivente. Consiglio di non seguirmi. Consiglio ad ognuno di fare la sua vita. Io ho fatto la mia e la sto ancora facendo e la vita è dura. Volevo fare il cantante inglese che spacca i camerini, ma ora non mi va più. Fate le ca**ate che volete e poi arrivate all’età in cui vi vergognerete. Ma la vergogna è un bel sentimento, è autocritica. Quando mi guardo in televisione dico:’che vuole quello da me’, non mi piaccio, sono aggressivo”

L’altro festival, 5 febbraio 2020

Savino si collega con Valerio Lundini, inviato speciale fuori dall’Ariston. Il ragazzo però è in ritardo di qualche Festival, è rimasto al 60esimo, condotto dalla Clerici e con Valerio Scanu e Cristicchi in gara.

Bugo, Morgan e i Vazzanikki suonano “Internet killed the videostar”, la loro cover di “Video killed the radiostar” degli The Buggles. “Ho molto adorato questo momento e soprattutto sono ipnotizzata dalla giacca di Bugo. Grazie di essere tra noi” – commenta Myss Keta.

A Morgan viene chiesto quale è la sua reazione al suo momentaneo ultimo posto. “Sono sempre arrivato ultimo a Sanremo. E’ un casino essere ultimi, provate voi a riuscire ad arrivare sempre in fondo alla classifica. Io mi dissocio tantissimo dal genere che si fa a Sanremo. Tant’è che io la chiamo musica leggera (che è solo per il commercio) e non pop (che fa la storia). Noi siamo Italioti” – risponde polemicamente.

L’altro Festival, 5 febbraio 2020, le pagelle di Myss Keta

Arrivano Jessica Notaro ed Antonio Maggio. Myss Keta intanto commenta i look del festival. Ecco i suoi giudizi:

Irene Grandi è a suo parere un po’ fetish, ma enigmatica. Voto: la luna nera.

Achille Lauro – “A killer, ci ha ucciso tutti con il suo look. Dai tempi di David Bowie non vedevamo così tanto glam rock a Sanremo. Voto: stellare”.

Rita Pavone – dai tempi di Gianburrasca ci ha stupito con look avanguardisti. “Stasera però Rita ci lasci con un emoji dubbioso”

L’altro festival, 5 febbraio 2020

Riki è spicy. “Anastasio è inutile che te lo dico in faccia, sei bellino, non facciamo i finti tonti. Abbiamo rivisitato in maniera concettuale il look jeans e maglietta. Voto consiglio: manicure, più attenzione ai dettagli”.

“Ma più che altro ospedale psichiatrico. Non si sa se dottore e paziente… “ – interviene Morgan.

Il momento fashion si chiude con un commento ai look di Albano e Romina: “una famiglia reale Salentina. I Dinasty. I Forrester. Voto: brindisi”.

L’altro Festival, 5 febbraio 2020, domande per Jessica Notaro 

Domanda rivolta a Jessica Notaro: “Un Festival di donne, ma è giusto il modo in cui è stato trattato il tema femminile”?

“L’onda della polemica è una cosa, ma il modo in cui è stata trattata la tematica questa sera è stato assolutamente corretto” – dichiara la Notaro.

I giornalisti dibattono sul tema femminile e sulle critiche e l’aggressività verbale alla quale è sottoposta Diletta Leotta. La conduttrice è stata molto criticata – anche stasera – per il monologo sulla nonna.

I Gemelli di Guidonia e i Vazzanikki regalano un simpatico momento jingle pubblicitari senza pubblicità. E’ poi il momento per Bugo, Morgan ed il loro collega Andy, di regalarci una performance new romantic.

L’altro festival, 5 febbraio 2020

L’altro Festival, 5 febbraio 2020, la classifica alternativa

Viene svelata la classifica de “L’altro festival”:

1 Achille Lauro

2 Bugo e Morgan

3 Rita Pavone

4 Le Vibrazioni

5 Elodie

6 Anastasio

7 Irene Grandi

8 Diodato

9 Marco Masini

10 Riki

11 Raphael Gualazzi

12 Alberto Urso

La prima puntata de “L’altro festival” si conclude con un omaggio di Myss Keta al Festival. Sette decenni di kermesse musicale, due a sera. Stasera l’omaggio sarà rivolto ai Festival anni ’50-’60.

Sui titoli di coda un ultimo brano dei Gemelli di Guidonia.



0 Replies to “L’altro festival, 5 febbraio 2020, diretta prima puntata”

Lascia un commento

Riempi tutti i campi per lasciare un tuo commento. Il tuo indirizzo non verrà pubblicato

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>
*