Connect with us

Musica in Tv - ultime uscite

La Notte della Taranta 28 agosto 2020, scaletta, ospiti, esibizioni

Il concerto è stato registrato il 22 agosto a porte chiuse. Arriva, per la prima volta, Gianna Nannini

Pubblicato

il

La Notte della Taranta 28 agosto
Il concerto è stato registrato il 22 agosto a porte chiuse. Arriva, per la prima volta, Gianna Nannini
Condividi su
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

Il Concertone La Notte della Taranta, giunto alla 23esima edizione, è in onda stasera 28 agosto 2020, nella seconda serata di Rai 2, a partire dalle 22.50.

Abbandonata la natura itinerante dell’evento per le disposizioni anti Covid, il concerto è stato registrato il 22 agosto a porte chiuse, a Melpignano, sul palco allestito a Piazza Duomo.

La tradizione, però, è rispettata in toto. L’orchestra diretta dal Maestro concertatore Paolo Bonvino si esibisce con classici brani. Sharon Eyal ha curato le coreografie ispirate alle musiche di Bonvino. Sul palco si esibiscono i ballerini Laura Boccadamo, Mihaela Coluccia, Cristina Frassanito, Serena Pellegrino, Lucia Scarabino, Andrea Caracuta, Stefano Campagna, Marco Martano, Fabrizio Nigro e Mattia Politi.

Oltre che in chiaro su Rai 2 è possibile seguire l’evento anche in streaming sul servizio gratuito RaiPlay. L’orario di inizio è lo stesso della messa in onda televisiva: le 22.50.

Gli ospiti speciali

Tra gli ospiti: Antonio Diodato, vincitore del Festival di Sanremo 2020, che ha origini tarantine.

Sono presenti anche Mahmood e Gianna Nannini, che si esibiscono in un mix di brani tradizionali salentini.

La Notte della Taranta 28 agosto

La Notte della Taranta 28 agosto 2020, la diretta, l’esibizione di Diodato

La Notte della Taranta 2020 inizia sull’aria di una melodia leggera, che non tarda a mostrare la sua identità tarantina. L’attore Sergio Rubini, narratore di questa edizione 2020, è sul palco. Inizia la prima coreografia di danza della serata. Inizialmente, le movenze dei ballerini sono quelle della pizzica tradizionale, con un solo danzatore che si esibisce in una coreografia originale.

La Notte della Taranta 28 agosto

“Bella che dormi sui cuscini. E’ la serenata che canta un innamorato sotto la finestra dell’amata che dorme”. Così il narratore Sergio Rubini introduce il brano successivo. L’interprete canoro è uno degli ospiti d’eccezione della serata: Diodato.

“Senza paura, fino a morire, alzati bella, e fammi entrare” sono le parole della canzone.

Il brano successivo si intitola Kalinitta. Kalinitta significa Serenata d’amore in griko antico. Il testo è scritto da Vito Domenico Palumbo.

“Questa è la storia di un inseguimento d’amore. Ma la ragazza inseguita non può cedere alle lusinghe dell’inseguitore. Se lo facesse, perderebbe la sua dote.” spiega Sergio Rubini al riguardo del brano che inizia poco dopo. Infatti, si intitola Secuta Secuta. Inseguita, Inseguita.

“In Elogio della follia Erasmo da Rotterdam, nel 1509, si chiede: vale la pena sacrificare la felicità in nome della razionalità? Per essere felici bisogna essere pazzi. La follia ci fa innamorare dello sconosciuto. Dell’ignoto.” con queste parole il narratore Sergio Rubini interviene sul finale del brano.

La Notte della Taranta 28 agosto 2020, Le esibizioni di Gianna Nannini e Mahmood

Cent’anni sale è il titolo del brano che comincia subito dopo una breve interruzione pubblicitaria. L’artista Jovanotti ha dato il suo contributo al brano con una parte cantata intitolata Mi devo muovere, registrata e proposta come filmato.

La Notte della Taranta 28 agosto

Di seguito, inizia una tradizionale Pizzica salentina. Immagini di due danzatori tra le vie deserte di Alberobello scorrono in sottofondo.

“Nei film ho sempre preferito i perdenti. A patto che non lo siano per sempre. La gioia è immensa, quando un perdente vince.” sono le parole del narratore che introducono Sabri Aleel, canzone in lingua araba cantata sul palco della Notte della Taranta 2020 da Mahmood.

Ela mu condà, invece, è un brano che viene cantato interamente in grico. Il grico è un dialetto ereditato da alcune comunità del Sud Italia, parte dei cosiddetti dialetti greco-italioti. Infatti, deriva dal greco.

L’uomo sfrutta sempre l’uomo. Solo qualche volta accade il contrario” afferma il narratore prendendo in prestito una frase di Woody Allen. La citazione introduce la canzone Fimmine Fimmine, cantata da Gianna Nannini. La storia del testo racconta delle tabacchine, lavoratrici del ‘900 che raccoglievano il tabacco.

Agapì

Arriva il momento per una “classica” tarantella. Tarantaè è il titolo esatto del brano suonato sul palco.

“Il mare dà e toglie. Di fronte al mare la felicità è un po’ più possibile. Il mare è una forza.” afferma il narratore. Il brano seguente, Lu rusciu te lu mare, parla proprio del mare. In particolare del suo rusciu, fruscio incessante, ma irrinunciabile.

“Questa piazza è sempre stata piena di cuori pulsanti. E tornerà ad esserlo. Questa è stata un’estate strana, ma noi, come i tamburelli, non abbiamo perso il ritmo”. Così il narratore introduce un brano più delicato, intitolato Carpe Noctem. Dal latino, afferra la notte, o meglio, vivi la notte.

Il ritmo si alza nuovamente, e i tamburelli accompagnano Agapì, il brano successivo. Nonché l’ultimo della 23esima Notte della Taranta. Agapì è un brano con un forte significato nascosto. Agàpe, dal greco, significa infatti amore disinteressato, come quello di una madre verso suo figlio. Come quello verso la musica.


Condividi su
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
Continua a leggere
Advertisement
Clicca per commentare

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Musica in Tv - ultime uscite

Mille il videoclip ufficiale di Fedez e Achille Lauro feat. Orietta Berti

Il video ufficiale della hit estiva di Fedez e Achille Lauro con la collaborazione di Orietta Berti.

Pubblicato

il

Mille video ufficiale
Condividi su
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

Esce oggi, lunedì 14 giugno il video ufficiale di “Mille”, il nuovo singolo di Fedez e Achille Lauro feat. Orietta Berti. In questa canzone, prodotto da d.whale e disponibile da venerdì 11 giugno su tutte le piattaforme digitali e in radio, il trio inedito e inaspettato collabora insieme per la prima volta in occasione dell’estate.

Mille il video ufficiale

Il video, di cui Giulio Rosati ha curato la regia per Maestro Production, riproduce lo scenario tipico di una calda giornata d’estate negli anni ’60, in linea con la sonorità del singolo, tra bagni in piscina con le vistose cuffie colorate e i vestiti tipici del tempo, passerelle a bordo vasca e gossip dal parrucchiere.

L’apparente tranquillità iniziale e la sensazione di relax trasmessa si tramuta gradualmente in una situazione di caos totale ma silenzioso, tanto che lo spettatore quasi non riesce a percepirlo, prima delle scene finali, confuso dalle espressioni statuarie dei protagonisti della clip, indifferenti a ciò che li circonda.

Nel ritornello Orietta Berti canta “labbra rosso Coca-Cola” e proprio l’iconica bevanda ha scelto il video di “Mille” per svelare in anteprima assoluta il nuovo design di Coca-Cola Zero Zuccheri, parte della nuova campagna di comunicazione.

La cover del brano è stata realizzata dall’artista Francesco Vezzoli, tra gli esponenti più influenti e affermati dell’arte contemporanea italiana a livello internazionale.

Le dichiarazioni dei protagonisti

Con Achille Lauro l’idea di fare qualcosa insieme era nell’aria già da un po’, Orietta è un’icona della musica italiana: la compagnia ideale per portare un po’ di leggerezza. E poi c’è la speciale collaborazione con Francesco Vezzoli, un evento eccezionale avere la sua firma sulla realizzazione della cover del brano” – commenta Fedez.

Mi hanno proposto un nuovo twist. Non potevo dire di no. E Twist sia!” – afferma Achille Lauro.

Tutto è nato da un collegamento su Instagram con Fedez, nel penultimo giorno del Festival: Federico mi aveva lanciato la proposta di fare una canzone. In seguito, mi ha inviato un provino che ho ascoltato, rimandandogli poi la mia versione cantata. L’ho registrata nel periodo in cui ero in trasmissione da Enrico Papi. Mi hanno detto che ci sarebbe stata una “bomba” e, poco dopo, mi hanno svelato che ci sarebbe stato anche Achille Lauro. Una piacevolissima sorpresa! Il pezzo è bellissimo e a me piace tanto! Trasmette quella voglia di estate e quella leggerezza di stagione di cui abbiamo davvero bisogno. Tre generi diversi che si sono uniti perfettamente: gli opposti si attraggono. La mia voce mette in risalto la loro così come la loro mette in risalto la mia. Non sarà più quella lirica sanremese ma un’inedita alchimia nata dalle nostre voci” – commenta Orietta Berti.

Ironia ritmo e leggerezza-pop camp e kitsch con un twist di Grease. Siamo quasi bravi come il Quartetto Cetra” – dichiara Francesco Vezzoli.


Condividi su
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
Continua a leggere

Musica in Tv - ultime uscite

Ghettolimpo: dall’11 giugno fuori il secondo album di Mahmood

Dopo 15 dischi di platino e 6 dischi d'oro, il cantante è pronto a lanciare un nuovo progetto discografico

Pubblicato

il

Mahmood Ghettolimpo
Condividi su
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

Ghettolimpo è il titolo del nuovo album di Mahmood, in uscita l’11 giugno 2021 e disponibile ora in preorder nei formati CD autografato e vinile autografato.
Il progetto è firmato dalle etichette discografiche Island Records e Universal Music Group.

Mahmood Ghettolimpo data di uscita

Mahmood Ghettolimpo – i brani

Il 3 febbraio 2021 Mahmood anticipa l’album Ghettolimpo” lanciando contemporaneamente il singolo Inuyasha.
Rapide, uscito a gennaio 2020, è stato il primo brano ufficialmente estratto dal disco ancor prima del suo annuncio, seguito poi da Dorado, pubblicato a luglio.

Zero, brano che fa da colonna sonora all’omonima serie Netflix, uscita in contemporanea con il singolo il 21 aprile 2021, è stato scritto con Dardust, pianista e compositore ormai sempre più presente nella musica italiana.
In questo modo, la tracklist di Ghettolimpo continua a prendere forma, almeno fino all’uscita del disco, grazie alla più recente pubblicazione del singolo Klan, fuori lo scorso 14 maggio.

Ghettolimpo – il concept dell’album

Così come accade nei i vari livelli di un videogioco, Mahmood, nel suo album Ghettolimpo, sceglie di rivelare il concept e i protagonisti del disco brano dopo brano. Ogni traccia rimanda a una simbologia e alla storia di un personaggio al centro di un universo tanto immaginario quanto radicato nella realtà.
Stiamo parlando di déi dell’Olimpo, miti greci ed eroi moderni che vivono la loro quotidianità e cercano di superare alcuni ostacoli come comuni mortali. L’ambiente, infatti, non parla di figure in cui prevale l’onnipotenza o l’aspetto divino. Sono le persone semplici e straordinarie, che cercano di dare un senso alla prova vita, a fare da protagoniste per tutto il concept dell’album.
Da qui l’unione delle parole Ghetto” e Olimpo”  nel titolo.

Esempio lampante del concept di Ghettolimpo è proprio il brano Inuyasha. Qui, Mahmood parte da un manga giapponese, Inuyasha appunto, in cui il demone rinuncia al suo lato oscuro per proteggere i compagni di viaggio. Il personaggio, di cui l’artista ricopre perfettamente il ruolo, come mostrato nel video, si scopre essere una metafora della natura complessa delle relazioni. Fa luce su quanto spesso prevalga il desiderio di imporsi sull’altro e suggerisce, così, di preservare chi ci sta accanto dal nostro lato peggiore.

Mahmood – riconoscimenti

Alessandro Mahmoud, nome vero del cantante, vince il Festival di Sanremo nel 2019 con il brano Soldi. Nello stesso anno si classifica secondo all’Eurovision Song Contest.
L’ultimo trimestre del 2019 l’artista si aggiudica il premio di “Best Italian Act” agli MTV Europe Music Awards.

L’artista milanese, che in poco tempo ha scalato le classifiche italiane rinnovando il successo dopo la vittoria di Sanremo, continua a sperimentare il proprio immaginario nel suo nuovo album Ghettolimpo.
Si inserisce tra i più importanti esponenti del cantautorato urban pop, distinguendosi e mettendo alla prova il suo stesso estro artistico.

 


Condividi su
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
Continua a leggere

Musica in Tv - ultime uscite

Sottotono: il nuovo brano “Solo lei ha quel che voglio 2021”

Esce oggi, venerdì 28 maggio, il nuovo singolo dei Sottotono che anticipa l'album Originali.

Pubblicato

il

Sottotono 2021
Condividi su
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

Esce oggi venerdì 28 maggio il nuovo brano “Solo lei ha quel che voglio 2021” dei Sottotono feat. Tiziano Ferro, Gué Pequeno e Marracash.

Il duo Sottotono torna con il nuovo singolo “Solo lei ha quel che voglio 2021”. Il brano si unisce al precedente “Mastroianni” uscito il 23 aprile, anticipando l’album “Originali” in uscita il 4 giugno.

Sottotono 2021 brani

Sottotono 2021 – il ritorno e il nuovo album

Dopo venti anni di inattività, Tormento e Big Fish tornano a cantare insieme.

Era il 2 marzo 2001 quando i due pubblicarono il loro ultimo album “In teoria”, in cui comparivano nuove note di soul e R&B. Poi, durante lo stesso anno, la separazione e la dichiarazione di volersi dedicare entrambi alla carriera solista. Fino a quando, solo un mese fa, hanno inaugurato il loro ritorno, pubblicando il brano Mastroianni e preannunciando così l’uscita del nuovo album “Originali”.

La scorsa settimana, i Sottotono hanno pubblicato sui loro social la tracklist del disco, vera e propria dichiarazione d’intenti del duo. La struttura, infatti, è subito chiara: sei sono i brani inediti, sette quelli rivisitati con i personaggi più influenti del rap e del pop italiano. E di questi, un esempio è proprio “Solo lei ha quel che voglio 2021”, che rinasce, a venticinque anni di distanza, sposando i nuovi suoni contemporanei grazie al featuring con Tiziano Ferro, Guè Pequeno e Marracash.

Sottotono Solo lei ha quel che voglio 2021

Sottotono 2021 – le collaborazioni nel brano

I Sottotono per me sono stati sogno, opportunità, lavoro, divertimento, lezione”, scrive pochi giorni fa Tiziano Ferro sul proprio profilo Instagram. Aggiunge poi: “Non ringrazierò mai abbastanza Big Fish e Tormento per avermi scelto a diciannove anni come corista e poi di nuovo oggi per questo meraviglioso progetto”. Non è un caso, infatti, se per questo remake è stato scelto Tiziano Ferro, che più di vent’anni fa, curava alcune parti vocali per il duo.

Così come per la collaborazione con Guè Pequeno e Marracash che, ancora prima di debuttare in ambito discografico, erano già grandi ammiratori dei Sottotono.

I due artisti sono stati recentemente ospiti de Le Iene in un’intervista doppia realizzata martedì 25 maggio 2021. Tormento e Big Fish hanno ripercorso la loro carriera ed hanno spiegato al pubblico le motivazioni del loro ritorno.

In effetti il gruppo non è stato realmente assente dalle scene musicali, ma la loro presenza si è estrinsecata attraverso diverse produzioni. Tra queste Torcida con Jake La FuriaFabri FibraEmis Killa e Chadia Rodríguez e Fuck’d Up (feat. NitroTormento, Nerone).

Solo lei ha quel che voglio 2021 – testo

So di esser pronto ed è già da un po’
Che ci penso ma tutto quel che so
È che so bene con lei ma non capisco
Cosa intende fare dove vorrà arrivare
Baby, baby
Non mi ha mai visto prima
Ma ora al mondo ci siamo solo io e lei (Baby)
La conosco da un minuto
L’ho appena trovata e già l’ho perduta

Resta una sconosciuta
Un mistero e chissà se è vero (Cosa?)
Quel che i suoi occhi mi stanno dicendo di lei
Io lo spero e sta volta è per davvero
E tutto questo perché se puoi io so
Può lasciarsi andare e l’accompagnerò
E domani ti giuro che me nе andrò
Può lasciarsi andare e l’accompagnerò
E poi ti giuro chе sparirò

Solo lei ha quel che voglio, solo lei ha quel che voglio
Solo lei ha quel che voglio, e sono io ciò che sta cercando
Solo lei ha quel che voglio, solo lei ha quel che voglio
Solo lei ha quel che voglio, e sono io ciò che sta cercando
Ma solo lei, solo lei ha quel che voglio
Solo lei ha quel che voglio, e sono io ciò che sta cercando
Solo le-ei, solo lei ha quel che voglio
Solo lei ha quel che voglio, e sono io ciò che sta cercando

Se tu cerchi il mio, è il flow di Dio
Sono io ciò che stai cercando, yeah
Non lo dire a lui, per il tempo in cui stai con me al ventesimo piano
Tieni spento il cell, quello dell’hotel ci dirà di fare più piano (Ah-ah)
Ma noi non ci faremo caso, ci incastriamo come in un puzzle (Woo)
Una su un milione, quel che voglio ce l’ha solo lei
Giro sempre sotto effetto sono come il nove-sei
Lui lavora, ti lascia sola
Tu trova un’ora baby i don’t play (Se)
Schiaccio start è un tuono (Vroom)
Sono high più del Duomo (High)
E domani sai, non mi sveglierai
E tu tornerai dal tuo uomo, muah

L’amore è una partita a carte e bleffa, ha la mano pesante
Mi guarda negli occhi e mi mente, tipo come facevo io con le guardie
Il fatto è che ho un debole, per le donne forti, per le droghe e i soldi
Infrango le regole, ti ho cercato giorni, ho pescato il Jolly
E mo’ gli zeri sono sei, nei pensieri solo lei, e non dormo
Sembra che per conquistarla no, non sia abbastanza neanche conquistare il mondo
Inseguivo queste banconote ed ora inseguo te, non posso fare finta
Baby, sai che pure un video poker, ogni tanto te la deve dare vinta

Ma solo lei ha quel che voglio, solo lei ha quel che voglio
Solo lei ha quel che voglio, e sono io ciò che sta cercando
Solo lei ha quel che voglio, solo lei ha quel che voglio
Solo lei ha quel che voglio, e sono io ciò che sta cercando
Ma solo lei, solo lei ha quel che voglio
Solo lei ha quel che voglio, e sono io ciò che sta cercando
Solo le-ei, solo lei ha quel che voglio
Solo lei ha quel che voglio, e sono io ciò che sta cercando

Il mio intuito mi ha spinto e solo ora capisco perché
Come un druido ho il fluido che fa per lei
Non conta quanto sia durato
Ma che sia stato qualcosa per cui vale la pena d’aver vissuto
E quindi lascio che la storia abbia il suo corso naturale
Ma ti prego fammi capire perché sto male
Perché so che domani io mi sveglierò e sarò
Ancor del suo profumo intriso
Dal suo sorriso ucciso
Ma io sarò con la mia donna e lei col suo uomo
Visto che ho scoperto che è l’unica, lei è la sola
Visto che ho scoperto che è l’unica, lei è la sola
La sola per me

Solo lei ha quel che voglio, solo lei ha quel che voglio
Solo lei ha quel che voglio, e sono io ciò che sta cercando
Solo lei ha quel che voglio, solo lei ha quel che voglio
Solo lei ha quel che voglio, e sono io ciò che sta cercando
Ma solo lei, solo lei ha quel che voglio
Solo lei ha quel che voglio, e sono io ciò che sta cercando
Solo le-ei, solo lei ha quel che voglio
Solo lei ha quel che voglio, e sono io ciò che sta cercando


Condividi su
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
Continua a leggere
Advertisement

Seguici su:

Di tendenza

Maridacaterini.it è una testata giornalistica iscritta al registro della stampa del tribunale di Roma, al numero 187/2015 - P.Iva 05263700659 – Tutti i diritti riservati

Copyright © 2021 www.maridacaterini.it