20 anni che siamo italiani – la conferenza stampa

Le dichiarazioni degli intervenuti alla presentazione dello show con Gigi D'Alessio e Vanessa Incontrada.


Si tiene, questa mattina giovedì 28 novembre la conferenza stampa di 20 anni che siamo italiani. Il programma è condotto da Vanessa Incontrada e Gigi D’Alessio. L’esordio è fissato per il 29 novembre in prima serata su Rai 1.Saranno complessivamente tre puntate.

Intervengono Teresa De Santis – Direttore Rai1, Claudio Fasulo – Vice Direttore Rai1, Vanessa Incontrada e Gigi D’Alessio.

20 anni che siamo italiani la conferenza stampa – le dichiarazioni degli intervenuti e dei conduttori

Teresa De Santis direttore di Rai 1 è assente. Ma appare in collegamento da Roma. Al suo posto il vice direttore Claudio Fasulo che prende la parola.

Claudio Fasulo: l’aspetto più singolare del programma è la presenza come conduttori di un’attrice  di un cantante. Ciascuno fa incursioni nel mondo dell’altro. Vanessa canterà e Gigi reciterà e sarà protagonista di varie situazioni. Insomma vogliamo essere imprevedibili e catturare la curiosità del pubblico. Il nostro è un intrattenimento alto e largo. Come solo la Rai sa fare.

Ancora Fasulo: l’intrattenimento di 20 anni che siamo italiani è leggero ma vuole anche stimolare la riflessione.

Viene mandato in onda uno degli spot pubblicitari del programma.

Fasulo: E’ una rappresentazione costruita sulle loro caratteristiche pubblicitarie.

20 anni che siamo italiani la conferenza stampa

20 anni che siamo italiani la conferenza stampa – Teresa De Santis in collegamento da Roma

Teresa De Santis per la conferenza stampa di 20 anni che siamo italiani è in collegamento da Roma: sono certa che i due conduttori daranno  molte soddisfazioni. Ho lavorato a questo show e ci credo moltissimo.

Il direttore De Santis ne approfitta per fare il punto sulla situazione di Rai 1 e snocciola i dati: Dal 1995 ad oggi abbiamo avuto il record di serate vinte sulla concorrenza. 62 su 75. Ed abbiamo avuto le migliori performance. Inoltre dal 3 dicembre 2028 ad oggi Rai 1 è al 4.3% in più rispetto al competitor.

Il moderatore dell’ufficio stampa Rai Lorenzo Briani chiede alla De Santis se Rai 1 sta formando nuove coppie da mandare poi in prima serata.

De Santis: e’ così. Tentiamo di avere figure che esprimano cose al nuovo si sta mostrando vincente. Lo abbiamo fatto con Enrico Ruggeri e Bianca Guaccero. E ci hanno dato molte soddisfazioni.

20 anni che siamo italiani la conferenza stampa – parlano Incontrada e D’Alessio

Prende la parola Vanessa Incontrada: sono in sintonia con il direttore De Santis di avere artisti a tutto tondo e non solo specializzati in determinati ruoli. Questo show mi consente di mettere alla prova tutte le mie capacità, di recitare il mio mondo e molto altro. Io ho scoperto in Gigi un grande comico. Nella realizzazione dello spot avevamo un continuo botta e risposta e potevamo continuare per ore.Nella prima puntata Gigi ha fatto qualche passo di ballo.Ma ci stiamo lavorando e arriveremo a farlo ballare davvero.

Gigi D’Alessio: in questo programma c’è molta sintonia tra tutti. Mai uno screzio, mai un diverbio. Durante le prove ci siamo emozionati.Con vanessa si è instaurato un ottimo rapporto. Sembra che ci conosciamo da una vita. Lei non è mai stata una prima donna. Tra non non c’è gara, solo voglia di divertirci e divertire il pubblico.

Ancora D’Alessio: vogliamo ringraziare il direttore De Santis per la fiducia accordata. Mi piace pensare che questo show possa riunire tutta l’Italia perchè nella squadra ci sono persone provenienti da ogni parte. Io sono di Napoli e amo Milano.

Noi andiamo in onda in tutto il mondo grazie a Rai Italia. E’ importante esportare l’italianità.

Gigi D’Alessio spiega il titolo del programma: Vanessa è arrivata 20 anni fa in Italia. Io da 20 anni sono italiano, nel senso che ho cominciato a cantare in italiano. Ma conservo sempre la mia napoletanità. A proposito mi auguro che il programma sia visibile anche a Napoli, oltre che in tutto il mondo.

20 anni che siamo italiani la conferenza stampa - Incontrada e D'Alessio

20 anni che siamo italiani – le altre dichiarazioni degli intervenuti

Claudio Fasulo: per lo show il nostro desiderio è di ricevere spunti, storie, immagini dall’estero. Infatti il programma sarà visibile anche all’estero. Voglio sottolineare l’importanza della scenografia con l’orchestra che si trova su una speciale pedana.

D’Alessio annuncia che nella prima puntata ci sarà anche Mika. E dice: Vanessa ieri, durante le prove mi ha fatto emozionare per quella “cosa” che ha fatto con Fiorella Mannoia.

Le domande dei giornalisti presenti alla conferenza stampa

Per i due conduttori: che significa per voi essere italiani?

Incontrada: molti miei parenti sono italiani. E quando sono in Spagna metto fuori tutta la mia italianità.In Italia prevale sempre l’essere italiana. Amo la Spagna ma oggi la conosco un po’ meno dell’Italia.

D’Alessio: io sono stato sempre una realtà locale. Riempivo gli stadi ma arrivato a Caianiello non mi conosceva più nessuno. Ed ho capito che dovevo anche parlare italiano. Quando sono andato a Sanremo per la prima volta tra i Big mi sono fatto conoscere e ho scoperto, poco tempo dopo, che i miei dischi erano venduti soprattutto nel Triveneto e in Lombardia.

Altra domanda per Incontrada e D’Alessio: che cosa vi piace di più o di meno dell’Italia?

Incontrada: amo il buon cibo italiano. Ma ci sono anche cose che non mi piacciono. Ma non è il contesto per parlarne.

D’Alessio: io amo tutto dell’Italia. E adoro la pizza margherita nata proprio a Napoli. Certo i problemi ci sono ovunque, non solo in Italia.

Ancora una domanda: come è cambiato il Paese in 20 anni?

Incontrada: L’Italia è un paese difficile da governare per le sue tante situazioni complesse. Ma non solo in Italia, nel mondo intero ci sono grandi difficoltà.

Ulteriore domanda: come si svolge il programma?

Prendiamo spunto dai nostri eventi personali per allargare il discorso.Ma non parliamo di noi.

Interviene Fasulo: giocheremo anche con i sondaggi.

Per Vanessa Incontrada: andrà a Sanremo?

Perchè no? so l’importanza del festival per gli italiani.

20 anni che siamo italiani – la conferenza stampa – la De Santis sulle nuove nomine Rai

Il direttore De Santis risponde alla domanda: come si sente alla vigilia delle nomine Rai che la vorrebbero fuori?

Teresa De Santis: non posso certo commentare le decisioni del CdA. Posso però sottolineare i buoni risultati di ascolto di Rai 1 dal 3 dicembre scorso quando ha preso la gestione della rete.

Fasulo rifiuta di rispondere alla domanda se lo show è registrato. Sottolinea: diciamo che va in onda.

Poi aggiunge: lavoriamo con autori creativi e bravi. Prendiamo spunto da tutto, facciamo spettacolo. Domani sera ci sarà un omaggio a Renato Carosone con quattro pianoforti in studio. Tra gli ospiti Giorgio Panariello, Marco Giallini, Gianna Nannini, Fiorella Mannoia.

Alla fine Tersa De Santis saluta e ringrazia l’ad Fabrizio Salini.



0 Replies to “20 anni che siamo italiani – la conferenza stampa”

Lascia un commento

Riempi tutti i campi per lasciare un tuo commento. Il tuo indirizzo non verrà pubblicato

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>
*