Connect with us

News

Sanremo 2020, conferenza stampa 6 febbraio, tutte le dichiarazioni

Conferenza stampa di presentazione della terza serata di Sanremo 2020. Tutte le dichiarazioni degli intervenuti.
Benedetta Morbelli

Pubblicato

il

Conferenza stampa di presentazione della terza serata di Sanremo 2020. Tutte le dichiarazioni degli intervenuti.
Condivi su
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

Sanremo, conferenza stampa 6 febbraio 2020. Il 70esimo Festival continua a riscuotere grande successo. Con la conferenza stampa di oggi scopriremo cosa ci aspetta nella terza serata, quella dedicata ai duetti. Presenti alla conferenza il conduttore e direttore artistico Amadeus, il nuovo direttore di Rai 1 Stefano Coletta, il vice direttore Claudio Fasulo.

Sanremo 2020, conferenza stampa 6 febbraio, gli intervenuti

Alla conferenza stampa sono presenti:

Amadeus, presentatore e Direttore artistico del Festival

Stefano Coletta, Direttore Rai 1

Claudio Fasulo, Vicedirettore e uomo macchina del Festival

Sanremo 2020, conferenza stampa 6 febbraio, le dichiarazioni

Stefano Coletta inizia fornendo qualche dato tecnico sulla serata di ieri: “Questo Festival inverte una tendenza davvero nella lontananza storica. Per trovare serate migliori della prima dobbiamo tornare al 1995. Come sapete la media della seconda puntata è stata del 53.3%. Nella prima parte l’ascolto è al 52.5 nella seconda parte al 56.2. E’ lo share più alto degli ultimi 25 anni. Lo share più alto si è registrato alle 21.48 con lo sketch del premio musicale di Fiorello. Il 63% di share si è registrato con i Ricchi e poveri. E’ un festival straordinario nell’aver agglutinato target che non erano prensenti nell’intera kermesse. Record per la concentrazione geografica al nord ed al centro dei cantanti, mentre generalmente era il sud. Anche ieri il Festival ha dato un allargamento di platea rispetto allo scorso anno. E’ un gioco di squadra, un gioco dell’amicizia vera. Il gioco dell’autenticità. Non c’è format precostituito e questo ha incluso persone che non vedevano il festival da moltissimo tempo. Amadeus con la sua generosità ha riportato accanto alla gara anche un racconto. Ha vinto la musica. Il livello delle canzoni è televisivamente impattante, ma ha vinto anche questa family”.

sanremo conferenza stampa 6 febbraio

Amadeus esprime la sua gioia per i risultati: “E’ un risveglio bellissimo. Tendo a stare molto con i piedi per terra, ma la gioia è immensa, è inutile negarlo. Mancano tre serate, avrò modo di lasciarmi andare alla gioia domenica mattina. Tutto ciò che abbiamo preparato è al servizio della musica e del Festival. Anche gli interventi di Jessica Notaro e di Paolo ieri sera, non sono semplici interviste ma c’è musica. La canzone contribuisce a dare la canzone e raccontare la storia. Fiorello illumina fortemente il Festival di Sanremo. E’ una grande gioia perchè ho un fratello che mi fa stare tranquillo. Sapere che è lì dietro le quinte e non sapere che farà mi dà una tranquillità pazzesca e lo ringrazio. E poi c’è la musica, che è una parte importantissima della mia vita. Cercherò di asciugare alcune cose. Siamo andati un po’ lunghi e questo mi dispiace. E’ un po’ come quando mia nonna portava mille piatti a tavola e io avevo voglia di far fare bella figura al Festival, ora cercherò di smussare e velocizzare alcune cose per permettere, soprattutto nella serata di sabato, di avere un vincitore prima del cappuccino”.

Alketa Vejsiu rivela la sua gioia per la partecipazione a Sanremo: “Conosco bene la vostra canzone e vivo con la vostra tv e la radio da quando sono piccola. La tv italiana per noi è sempre stata la finestra della libertà. Gli occhi degli Albanesi sono con voi stasera ed anche i cuori dei 600000 Albanesi a cui l’Italia ha dato la possibilità di una nuova vita. Questo è l’inizio di una lovestory con la televisione Italiana, ma per me è anche un raggiungimento Mi offro di fare il lavoro di Fiorello, parlo veloce, accorcio i tempi, volentieri lo farei. Ho appena finito di condurre la 58esima edizione del Festival in Albania. Sono felicissima di essere accolta nella maniera in cui voi e solo voi sapete accogliere. Stasera condividerò il palco con dei maestri di questa professione. Ricevere un sì e far parte del cast delle donne che lo conducono è un privilegio. Amadeus tu sei umile e professionale come pochi. Grazie”.

Fasulo svela la scaletta di stasera e gli ospiti: “La direzione Artistica di Amadeus ha illuminato anche tutto il daytime di Rai1. Quella di oggi sarà una serata atomica. Nell’ordine si esibiranno: Zarrillo e Fauso Leali, Junior Cally con I Vito, Marco Masini con Arisa, Riki con Ana Mena, Gualazzi con Simona Molinari, Anastasio con PFM, Levante con Francesca Michielin e Maria antonietta, Alberto Urso con Ornella Vanoni, Elodie, Rancore, Luce, Pinguini Tattici Nucleari, Nigiotti e Cristicchi, Giordana Angi, Le Vibrazioni, Diodato e Nina Zilli, Tosca con Silvia Perez Cruz, Rita Pavone con Minghi, Lauro con Annalisa, Bugo e Morgan, Irene Grandi, Piero Perù, Paolo Iannacci con Mandelli e Moretto, Lamborghini con Myss Keta, Gabbani. Ospiti Lewis Capaldi, Mika, le protagoniste de L’amica geniale. Stasera Mika si esibirà a piazza Colombo, domani Ghali, sabato Biagio Antonacci ed il vincitore delle nuove proposte. Benigni ci sarà intorno alle 22.40/45”.

Sanremo 2020, conferenza stampa, domande dalla sala

Dalla sala ci si interroga sul problema degli artisti che si esibiscono a tarda notte e si chiede se non siano troppo brutali le eliminazioni dei giovani.

Risponde Amadeus: “I giovani hanno una grandissima visibilità, non a caso vanno in onda all’inizio del programma, verso le 8.45. Il voto va rispettato. Mi spiace per coloro che sono stati eliminati, ma sono tutti molto forti. E’ logico che si creano delle sfide, non era una passerella. Senza nessuna sfida non si poteva decidere chi vince Sanremo Giovani. E’ successo ai Negramaro di essere eliminati ed hanno avuto comunque successo. I dati di ascolto mostrano che i duelli non stanno perdendo spettatori, ma anzi aumentano di minuto in minuto. Il Festival viene vissuto in maniera ampia, mi dispiace se siamo andati lunghi ed al farò in modo di trovare una soluzione. Nessun discografico si è lamentato, sanno che accetto discussioni e confronti con tutti. E’ logico che chi ha cantato ieri all’1.20 oggi canterà alle 9. Tutti entro le 11 non possono cantare”.

sanremo conferenza stampa 6 febbraio

Si parla dell’assenza di Georgina alla conferenza e ci si chiede se Cristiano Ronaldo prenderà parte alla serata.

Aveva degli impegni, ma sta arrivando. La presenza di Alketa e Georgina è un omaggio degli Italiani presenti all’estero. C’è un seguito di tifosi e curiosi che vogliono vedere Georgina, che è la signora Ronaldo. Per quanto riguarda Cristiano non ho il suo cellulare, ma immagino che guarderà da casa e le invierà il suo personale omaggio floreale. Non sto aspettando Cristiano, sto aspettando Georgina Rodriguez io”.

I giornalisti chiedono qualche anticipazione sull’intervento di Roberto Benigni e sulla durata del suo show.

“La presenza di Roberto Benigni è un evento del Festival. Voglio che il pubblico se lo goda, sono io che devo fare in modo che prima di Benigni possa esistere una gara che continui anche dopo. La coperta è quella: se uno porta uno show importante e ricco, inevitabilmente il minutaggio aumenta. Roberto Benigni farà una roba che rimarrà, particolarmente forte ma io non vado da Benigni a chiedergli: ‘Quanto dura’? Dura il giusto secondo la sua professionalità. Non credo durerà 45 minuti, secondo me sarà inferiore”.

Sanremo 2020, conferenza stampa 6 febbraio, il caso Morgan

Si parla del caso Morgan. Il cantante ha minacciato di non esibirsi stasera se non gli sarà data la possibilità di fare ulteriori prove.

“Mi sento con Morgan ed abbiamo Morgan da parte mia ha la totale libertà. E’ un interprete e canta insieme a Bugo. Devono entrambi decidere come cantare e come farlo. Ho detto a tutti gli artisti ‘Avete la totale libertà di interpretare la canzone che volete ed interpretarla come volete’. Stasera giudica l’orchestra e l’orchestra ha la capacità di giudicare meglio di chiunque altro l’arrangiamento. Non so se Morgan sentiva il bisogno di avere più tempo, ma ho visto io stesso che ha fatto le prove” – commenta Amadeus.

“Il desiderata di Morgan è quella di provare più volte la canzone. Stiamo valutando se c’è la possibilità, nonostante i tempi stringenti, di farlo provare nuovamente. Chiede tre possibilità e lo chiedono anche agli altri. Vediamo se riusciamo. Confidiamo che stasera ci sarà” – continua Coletta.

Conferenza stampa 6 febbraio, Tiziano Ferro vs Fiorello

 

Ieri sera non è sfuggito l’hashtag lanciato da un Tiziano Ferro esasperato dalla tarda ora a cui si esibiva #Fiorellostattizitto. Amadeus commenta l’accaduto.

“L’ho considerata una battuta, non venuta benissimo, ma all’1 di notte le battute risultano meno brillanti che alle 9 di sera. C’è la consapevolezza da parte di tutti, anche di Tiziano che è un artista intelligente, che Fiorello illumina questo Festival, quindi lancerei un nuovo hashtag: #Fiorelloparlaquantovuoi. So che Fiorello stamattina è andato a giocare a tennis e ieri sera era andato via prima. A tutt’oggi non l’ho ancora sentito, lo sentirò finita la conferenza stampa. Credo che Tiziano e Fiorello si sentiranno, ma non ne creerei un caso perchè stiamo lavorando tutti insieme in amicizia. Può capitare a tarda serata una battuta infelice, la stanchezza fa brutti scherzi. Mi assumo la responsabilità di aver fatto esibire Tiziano a tarda ora. Faremo in modo che non accada più”.

Conferenza stampa 6 febbraio, Amadeus bis?

 

Si parla di un possibile Amadeus bis per la prossima edizione del Festival e si torna ad affrontare la polemica che ha preceduto l’inizio della kermesse.

“Non ho nessun sassolino da togliermi – afferma Amadeus –  Sono serate meravigliose, questo mi dicono. Con questo lavoro so che sono sotto i riflettori, quando prendi decisioni dividi e se ho sbagliato l’ho fatto pensando di fare il bene del Festival. I sassolini me li toglie il pubblico con la fiducia che mostra nei miei confronti durante questo Festival. Miglior gioia non potevo avere in queste serate”.

Risponde anche Coletta: “Non se n’è ancora parlato. Ci vediamo la mattina a colazione come una family. Ha vinto la serietà di Amadeus, il fatto che sia un professionista e non un divo. Non mi sento di prendere un impegno qui, vorrei parlarne prima con Amadeus e Salini. Di certo abbiamo un direttore artistico molto valido e speriamo che questa esperienza possa essere ripetuta. Mi piacerebbe fare comunque tante cose con Amadeus, perché abbiamo molta affinità, pensiamo al lavoro senza perdere tempo e siamo persone semplici”.

sanremo conferenza stampa 6 febbraio

Conferenza stampa 6 febbraio, battute finali

Stuzzicato nuovamente in merito alla questione Fiorello-Ferro, Amadeus chiosa: “Non dimenticherò mai quello che Fiorello sta facendo per me durante questo Festival. Questo è il nostro Festival, non è il mio”.

Il direttore Coletta ha una proposta: “Fiorello per sempre a Sanremo”.

Conclude la conferenza Alketa: “Io rappresento il sogno a questo Festival. Vengo qui come una ragazza nata e cresciuta in Albania, ma mi sono sempre sentita una cittadina globale del mondo. Mi piace dare voce alle donne e dire ‘yes you can'”.


Condivi su
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

Giornalista pubblicista. Nata nell'epoca sbagliata. É donna del suo tempo, ma anche un po' degli anni'80 e dell'800 di Jane Austen. Ama leggere libri fino all'alba, scrivere, disegnare, creare. Guarda telefilm con una vaschetta di gelato al cioccolato d'estate e una tazza di tè bollente in inverno. La sua migliore amica è Shonda Rhimes.

Continua a leggere
Advertisement
Clicca per commentare

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

News

Il Borgo dei Borghi 2021 ecco come si elegge su RaiPlay

Quali sono i borghi in gara nell'edizione 2021 della competizione che coinvolge questa volta anche RaiPlay.
Stefano Della Felce

Pubblicato

il

Il Borgo dei Borghi 2021
Condivi su
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

E’ tempo di eleggere il Borgo dei Borghi 2021. La sfida tra i Borghi più belli d’Italia questa volta presenta delle novità. Il programma di Rai 3 ha permesso ai telespettatori di scoprire posti bellissimi, divenuti mete turistiche tanto frequentate quanto quelle più tradizionali.

Il Borgo dei Borghi 2021

Con l’edizione 2021, Il Borgo dei Borghi è giunto alla sua ottava edizione. La prima serata della nuova stagione è in onda domenica 4 aprile, condotta da Camila Raznovich. La padrona di casa  ha gestito la manifestazione anche in passato. Ci sono a sfidarsi 20 Borghi, uno per regione. E nella votazione è coinvolta la piattaforma RaiPlay. 

Come si vota su RaiPlay

Si potrà esprimere, infatti, il proprio voto sul sito Rai: www.rai.it/borgodeiborghi. Gli utenti non ancora registrati per votare dovranno creare una utenza Raiplay indicando username, password ed indirizzo e-mail. Si vota da domenica 7 marzo alle 17.00 fino a domenica 21 marzo alle 23.59, e solo votando si potrà portare alla vittoria il proprio borgo preferito.

Si può votare una volta al giorno e si può esprimere una sola preferenza.

La giuria di esperti è composta da Rosanna Marziale, chef stellata e divulgatrice enogastronomia, Mario Tozzi, geologo e primo ricercatore del Cnr e Jacopo Veneziani, storico dell’arte e dottorando alla Sorbona di Parigi.

I Borghi in gara

Ecco i venti piccoli centri che si contendono il titolo di migliore borgo d’Italia nel 2021. Accanto ad ognuno la Regione di appartenenza.

Issime (Valle d’Aosta- Aosta)

Cocconato (Piemonte-Asti)

Finalborgo (Liguria – Savona)

Pomponesco (Lombardia – Mantova)

Borgo Valsugana (Trentino Alto Adige – Trento)

Malcesine (Veneto – Verona)

Poffabro (Friuli Venezia Giulia – Pordenone)

San Giovanni in Marignano (Emilia Romagna – Rimini)

Buonconvento (Toscana – Siena)

Corciano (Umbria – Perugia)

Grottammare (Marche – Ascoli Piceno)

Pico (Lazio – Frosinone)

Campli (Abruzzo – Teramo)

Trivento (Molise – Campobasso)

Albori (Campania – Salerno)

Valsinni (Basilicata – Matera)

Tropea (Calabria – Vibo Valentia)

Pietramontecorvino (Puglia – Foggia)

Geraci Siculo (Sicilia – Palermo)

Baunei (Sardegna – Nuoro).


Condivi su
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
Continua a leggere

News

Le Storie di Melaverde 7 marzo, Raspelli torna nel Veronese per l’olio

Tutte le anticipazioni sulla puntata condotta da Edoardo Raspelli nella mattinata di Canale 5.
Redazione

Pubblicato

il

Le Storie di Melaverde 7 marzo
Condivi su
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

Domenica 7 marzo dalle 11.00 su Canale 5 vanno in onda Le Storie di Melaverde. I telespettatori rivedono Edoardo Raspelli che torna nel Veronese, in particolare a Nesente, per parlare al pubblico degli oli prodotti dalla famiglia Salvagno.

Le Storie di Melaverde 7 marzo, Raspelli torna nel Veronese

Domenica 7 marzo dalle 11.00 su Canale 5, tornano, come di consueto, Le Storie di Melaverde, programma che precede Melaverde.

Edoardo Raspelli domenica si reca di nuovo nella campagna veronese, in Valpantena ,un lembo di terra a pochi chilometri dal lago di Garda che si sviluppa alle pendici dei monti Lessini. Il nome Valpantena, valle di tutti gli dei, deriva dal panteon costruito all’imbocco della valle che ne evidenziava la particolare vocazione agricola fin dai tempi antichi. Le sue caratteristiche sono tali da differenziarla dalle vicine vallate della Valpolicella.

Le Storie di Melaverde 7 marzo Raspelli

Le olive autoctone tradizionali

Grazie al suo microclima la Valpantena accoglie da sempre i grandi vini veronesi. Ma accanto alle vigne nei secoli sono cresciute due varietà di olive autoctone. Che, grazie al loro olio tradizionale hanno dato il via ad una vera e propria tradizione di olivicoltura.

Ne sa qualcosa la famiglia Salvagno che a Nesente da sei generazione coltiva e lavora le olive di queste varietà nel suo antico frantoio, producendo un olio extravergine dai profumi e sapori importanti.

Edoardo Raspelli parte dagli uliveti dove i telespettatori potranno seguire le diverse tecniche di raccolta. Il critico gastronomico, poi, entra nel frantoio storico che ancora oggi muove le molazze del 1923. Per poi scoprire le tecniche moderne di spremitura dove la tecnologia favorisce la qualità.

Ma quali sono le caratteristiche di questo olio veronese? Una ve la anticipiamo noi. La provincia di Verona è la zona più a nord del mondo dove è possibile coltivare l’ulivo per la produzione di olio d’oliva. Esistono due zone di produzione certificate con la D.O.P.: Garda-Orientale e Veneto-Valpolicella.

Tutte le altre le  fa scoprire oggi Raspelli che svela anche come gustarlo in cucina in una Storia di Melaverde dedicata all’oro verde della dieta del Tricolore.


Condivi su
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
Continua a leggere

News

Sanremo 2021 scaletta serata finale 6 marzo: L’annuncio del vincitore del Festival

Tutte le notizie sui Big in gara. Ospiti e votazioni. Proclamazione del vincitore della 71° edizione.
Irene Verrocchio

Pubblicato

il

Sanremo 2021 scaletta serata finale 6 marzo Rai 1
Condivi su
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

Ecco la scaletta della serata finale di Sanremo 2021 in onda sabato 6 marzo su Rai 1.  

Nel quinto ed ultimo appuntamento del Festival, Amadeus è affiancato dalla giornalista Giovanna Botteri. Doveva essere presente anche Simona Ventura che ha dovuto rinunciare a Sanremo perché è risultata positiva al Covid. Tornano inoltre sul palco dell’Ariston Fiorello e Zlatan Ibrahimovic. Achille Lauro nell’ultimo Quadro interpreta, invece, il suo brano C’est la vie.

Sanremo 2021, serata finale, tutti i Big in gara

Dopo la proclamazione del vincitore delle Nuove Proposte (Gaudiano- Polvere da sparo), l’ultima serata del Festival è dedicata esclusivamente ai Big. Questa sera infatti i telespettatori riascoltano per l’ultima volta tutte le canzoni in gara. Ecco i protagonisti nella quinta serata:

  • Aiello- Ora
  • Arisa- Potevi fare di più
  • Annalisa- Dieci
  • Colapasce & Dimartino-Musica leggerissima
  • Coma_Cose- Fiamme negli occhi
  • Fasma- Parlami
  • Francesca Michielin & Fedez- Chiamami per nome
  • Francesco Renga- Quando trovo te
  • Ghemon- Momento perfetto
  • Irama- La genesi del tuo colore
  • Madame- Voce
  • Maneskin- Zitti e buoni
  • Max Gazzè e La Trifluoperazina Monstery Band-Il farmacista
  • Bugo-E invece sì
  • Ermal Meta-Un milione di cose da dirti
  • Extraliscio feat. Davide Toffolo –Bianca luce nera
  • Fulminacci- Santa Marinella
  • Gaia- Cuore amaro
  • Gio Evan- Arnica
  • La Rappresentante di Lista- Amare
  • Lo Stato Sociale- Combat Pop
  • Malika Ayane- Ti piaci così
  • Noemi- Glicine
  • Orietta Berti- Quando ti sei innamorato
  • Random- Torno a te
  • Willie Peyote- Mai dire mai (La locura)

Gli ospiti della quinta serata

Sono previsti molti ospiti nell’ultimo appuntamento di Sanremo 2021. Ornella Vanoni e Francesco Gabbani duettano in Un sorriso dentro al pianto, brano di cui il cantautore carrarese ha firmato testo e msuica. Sono presenti anche Umberto Tozzi, Michele Zarrillo, Riccardo Fogli, che ripropongono i loro successi. Prevista anche la partecipazione di Paolo Vallesi, vincitore della seconda edizione di Ora o mai più. Ma anche degli Urban Theory e del produttore e compositore Dardust.

Amadeus accoglie inoltre l’attrice Serena Rossi (Mina Settembre) e Tecla Insolia che presenta il film TV dedicato a Nada di cui è protagonista. Ha per titolo La bambina che non voleva cantare e andrà in onda mercoledì 10 marzo.

A rappresentanza del mondo dello sport, salgono sul palco dell’Ariston Alberto Tomba e Federica Pellegrini. I due sportivi chiedono al pubblico di aiutarli a scegliere il Logo per le Olimpiadi invernali Milano-Cortina 2026. Apre il Festival la Banda della Marina Militare.

Sanremo 2021 scaletta 6 marzo, il metodo di votazione

Nella quinta ed ultima serata di Sanremo 2021,infine, spetta al pubblico da casa esprimere le proprie preferenze attraverso il televoto. I loro voti vanno a sommarsi con quelli della Giuria Demoscopica, dell’Orchestra e della Sala Stampa che hanno votato nelle serate precedenti. Attualmente al primo posto della classifica generale c’é Ermal Meta con Un milione di cose da dirti. Seguono Willie Peyote con Mai dire mai (la locura) ed, infine, Arisa con Potevi fare di più. Ultimo posto invece per Aiello con Ora.

Una volta ottenuti i 3 Big che hanno riscosso maggiore gradimento, saranno le tre giurie (Demoscopica, Orchestra, Stampa) a decretare il vincitore della 71° edizione del Festival di Sanremo.


Condivi su
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
Continua a leggere
Advertisement

Ultime news Sanremo 2021

Di tendenza

Maridacaterini.it è una testata giornalistica iscritta al registro della stampa del tribunale di Roma, al numero 187/2015 - P.Iva 05263700659 – Tutti i diritti riservati

Copyright © 2021 www.maridacaterini.it