Rai, il voto per Foa presidente può diventare una botola. Forza Italia alza il prezzo


Rai, il voto per Foa presidente può diventare una botola. Forza Italia alza il prezzo: vuole la direzione di un tiggì


I maldipancia sono arrivati sul metodo usato più che sulla scelta del candidato. Forza Italia – e Silvio Berlusconi in primis – non hanno gradito il fatto che si siano trovati davanti al nome senza averlo condiviso. Si è vero che Marcello Foa è un ex giornalista del Giornale della famiglia Berlusconi, tuttavia i forzisti avrebbero voluto partecipare alle selezioni, invece di trovarsi con i giochi fatti da Movimento Cinque Stelle e Lega.

E allora i voti per Foa in commissione si fanno pesare come se fossero oro, visto che per eleggerlo servono i due terzi dei componenti della Vigilanza. Quindi diventa fondamentale il patto con l’opposizione. Con il solo centrodestra, essendo il Pd totalmente in trincea. Giorgia Meloni invece ha già detto che voterà Foa perché convinta dalle dichiarazioni del Pd sulla lottizzazione Rai: “Dopo quello che ha fatto Renzi!”.
Per convincere Forza Italia a votare Foa occorre mettere sulla bilancia qualche contropartita valida. Una direzione di rete o di tiggì, tanto per fare un esempio congruo e più che mai di attualità.

Ma i Cinque Stelle hanno detto che un’eventuale offerta deve essere “pagata” con la dote della Lega, quindi è Matteo Salvini che deve rinunciare a qualche casella per avere i voti degli alleati delle ultime elezioni. Morale della favola: se il Tg1 va al M5S (anche se ancora non si vede all’orizzonte un candidato di spessore), la Lega dovrà rinunciare al Tg2. Qui potrebbe arrivare un direttore vicino a Forza Italia. Antonio Preziosi, Susanna Petruni, Francesco Giorgino, Angelo Polimeno Bottai sono i quattro nomi dei fedelissimi del Cavaliere.
Ma che cosa succederà se Foa non dovesse raggiungere i voti richiesti per diventare presidente di Viale Mazzini? Se si dimetterà e rinuncerà al mandato il Tesoro dovrà designare un nuovo candidato, magari questa volta la Lega si consulterà con Forza Italia per condividerne la scelta. Se invece Foa non dovesse dimettersi è tra i sette consiglieri che deve uscire il nome del presidente, con il rischio di entrare in un tunnel senza via d’uscita.
Intanto sono senza direzioni il Giornale radio, la Tgr e tra poche ore anche Raisport. Gerardo Greco se ne è andato a Retequattro, Vincenzo Morgante a Tv2000 e Gabriele Romagnoli sta per sbattere la porta.



0 Replies to “Rai, il voto per Foa presidente può diventare una botola. Forza Italia alza il prezzo”

Lascia un commento

Riempi tutti i campi per lasciare un tuo commento. Il tuo indirizzo non verrà pubblicato

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>
*