Connect with us

Opinioni

D’estate La7 perde colpi. Sulla tragedia di Genova è mancata la maratona di Mentana

D'estate La7 perde colpi. Sulla tragedia di Genova è mancata la maratona di Mentana. Meglio Raiuno e Retequattro.

Pubblicato

il

D'estate La7 perde colpi. Sulla tragedia di Genova è mancata la maratona di Mentana. Meglio Raiuno e Retequattro.
Condividi su

Del resto in questo periodo di vacanze sono lontani dagli schermi tutti i big dei talk, da Floris a Formigli, da Giletti alla Merlino, che hanno portato La7 a punto di riferimento del servizio pubblico con la sua puntualità dell’informazione e dell’attualità.
Se a La7 si è sentita l’assenza della maratona di Mentana (tuttavia le edizioni speciali del tiggì e In Onda con Luca Telese e David Parenzo hanno cercato di rimediare con una discreta copertura), bisogna dire che Raiuno, seppure senza il tempismo di Bruno Vespa, è riuscita a mettere su il carrozzone della diretta abbastanza presto, dopo un’iniziale fase di tentennamento.

Ottima, come sempre, Emma D’Aquino alla guida dello speciale in diretta a poche ore dal disastro. Come superlative sono state le coppie di Unomattina (Bisti e Ossini) e quelle di Estate in diretta (Semprini e Muccitelli).

La grande novità di questi giorni è stata la discesa in campo di Retequattro, con il suo nuovo capitano, Gerardo Greco, che si è calato immediatamente nel ruolo e da Genova ha guidato la sua squadra di giornalisti, tecnici e inviati. Nonostante si è visto chiaramente dai piccoli inconvenienti, che la fase di rodaggio è tuttora in svolgimento, Greco ha mostrato al pubblico a casa che la rete di Mediaset è pronta a fare del servizio pubblico e dell’informazione il vero core business delle prossime stagioni.
Il direttore è partito per Genova, ha piazzato il suo quartier generale su una terrazza dalla quale si potevano seguire le operazioni di soccorso dei Vigili del Fuoco iniziate subito dopo mezzogiorno, con al suo fianco Francesca Romanelli. In pratica ci ha messo subito la faccia.

Lo speciale è andato in onda fino a circa mezzanotte, mentre la Rai aveva già chiuso i battenti dell’informazione. Per poi dare appuntamento e proseguire con gli speciali dei giorni a seguire, compreso il Ferragosto, sempre da Genova.

Un’ennesima riprova che l’attacco a La7 è già cominciato e in verità – nonostante la fase di rodaggio – Retequattro ha mostrato di avere le carte in regola per tentare l’assalto alla truppa di Mentana. Nonché a quella di Raitre.
Inoltre Mediaset, pur essendo una tv commerciale, ha voluto partecipare al lutto nazionale fermando per l’intera giornata di programmazione la pubblicità sulle reti appartenenti all’azienda di Cologno Monzese. Un segno di rispetto per le vittime della tragedia di Genova, che si aggiunge alla stessa decisione presa dalla Rai.


Condividi su

Marco Castoro, giornalista freelance, professionista dal 1990. Oggi: scrive di televisione da 20 anni. Collaboratore de Il Messaggero. Titolare della rubrica Tele&Visioni sul Messaggero.it. Collaboratore de Il Corriere dello Sport e di RTL102.5. Blogger del Fattoquotidiano.it e www.marcocastoro.it. Ieri: vicedirettore "La Notizia". Caporedattore centrale e giornalista parlamentare a Italia Oggi. Caporedattore centrale e capocronista al Tempo. Inviato ai Mondiali di calcio Italia '90 e al terremoto di Nocera Umbra.

Continua a leggere
Advertisement
Clicca per commentare

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Advertisement
Seguici su:
Maridacaterini.it è una testata giornalistica iscritta al registro della stampa del tribunale di Roma, al numero 187/2015 - P.Iva 05263700659 – Tutti i diritti riservati

Copyright © 2021 www.maridacaterini.it