Settimana tv | dal 23 al 29 settembre | Il meglio e il peggio della programmazione


Settimana tv | dal 23 al 29 settembre | Il meglio e il peggio della programmazione. Bene Incontrada e la Terra Promessa. La D'Urso perde colpi


La settimana tv delle generaliste è stata contrassegnata dai ritorni sul palcoscenico di Striscia la Notizia, Fabio Fazio e Massimo Giletti. Quest’ultimo con la sua intervista a Jimmy Bennett, il grande accusatore di Asia Argento, ha riabilitato l’attrice italiana, condannata e messa alla gogna senza aspettare il processo e la sua difesa.

Alla fine di chiacchiere e calunnie è stata proprio Asia Argento a pagare il prezzo più alto dopo le accuse piombatele addosso. Il contratto con Sky per X Factor è stato annullato e ora però chissà che non si possa riaprire uno spiraglio per tornare indietro. Giletti è riuscito in maniera molto astuta e intelligente a lavorare ai fianchi Bennett e domenica avrà ospite Asia Argento con la sua difesa ufficiale. E sarà proprio da questa serata a Non è l’Arena che l’attrice si giocherà il prestigio e la reputazione.

Fazio è tornato ospitando Francesco Totti che gli ha consentito di vincere la serata domenicale degli ascolti con una media di 3 milioni e 700 mila spettatori pari al 16,5% di share. Giletti invece ha chiuso con una media di poco superiore al 7% di share.

Meglio di Fazio in settimana hanno fatto le fiction di Raiuno. Quattro milioni e 400 mila spettatori, pari al 21% di share per Vanessa Incontrada con la seconda stagione di Non dirlo al mio capo. Ma ancora più ascolti ha fatto La Vita Promessa con 5 milioni e 600 mila e il 25% di share, nonostante la concorrenza del Grande Fratello Vip che ha chiuso con una media di 3 milioni e 300 mila (21% di share).

Quindi Ilary Blasi, nonostante il suo nuovo look nella capigliatura (sempre più somigliante ad Alessia Marcuzzi) sta perdendo la sfida con Simona Ventura. Ottimi ascolti per Temptation Island Vip che ha vinto la serata con una media di 4 milioni di spettatori e oltre il 22% di share, precedendo Gigi Proietti con la terza stagione di Una pallottola nel cuore (che ha raggiunto il 16,54% e 3,8 milioni di spettatori), Stasera tutto è possibile su Raidue (6,6% di share), diMartedì al 6,5% di share, che ha staccato di quasi 2 punti il competitor #Cartabianca. Da notare però che giovedì Corrado Formigli con Piazzapulita ha raggiunto il 6,4% e quindi è sugli stessi livelli di Giovanni Floris.

Ottimi ascolti per Striscia la Notizia (21,6% e 5,5 milioni) e l’Eredità (23,4%). Nella fascia access, quella dell’ora di cena, si assiste a testa a testa sempre avvincenti, tipo quelli tra il telegiornale satirico di Antonio Ricci e i Soliti Ignoti o l’altro tra Barbara Palombelli e Lilli Gruber. In prima serata buona partenza per Licia Colò con Niagara su Raidue (6,3% di share).

E veniamo ai derby. Barbara d’Urso è in svantaggio sia con Pomeriggio 5, seppure da quando è tornata Maria De Filippi con Uomini e Donne sta recuperando lo svantaggio accumulato nelle prime settimane nei confronti de La Vita in diretta. Nel settimo giorno della settimana invece Barbarella è nettamente sotto Mara Venier che sta dominando la scena del salotto della domenica pomeriggio.

In questa settimana buono l’ascolto di Amore criminale al 5 e mezzo percento. La domenica sportiva batte nettamente Pressing. Su Rai2 Pechino Express è stato visto da un milione e 700 mila spettatori, pari all’8,3% di share. Su Sky Uno le selezioni di X Factor 2018 raggiungono il 4,2% con 979.050 spettatori. Al mattino continua a crescere su Raitre Agorà, ormai in doppia cifra. Si difendono molto bene Eleonora Daniele e Myrta Merlino, rispettivamente con Storie Italiane e L’Aria che Tira. Al pomeriggio vola Geo e si conferma inossidabile Forum con Barbara Palombelli.



0 Replies to “Settimana tv | dal 23 al 29 settembre | Il meglio e il peggio della programmazione”

Lascia un commento

Riempi tutti i campi per lasciare un tuo commento. Il tuo indirizzo non verrà pubblicato

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>
*