Chi l’ha visto?, 11 marzo 2020, diretta della puntata


Chi l'ha visto, il programma di approfondimento di Rai 3 si concentrerà sull'emergenza Coronavirus


Questa sera, 11 marzo 2020, alle ore 21.15 su Rai 3 andrà in onda una nuova puntata di Chi l’ha visto. Il programma di approfondimento si concentrerà sull’emergenza Coronavirus, tenterà di dare risposta alle domande dei telespettatori e di suggerire i comportamenti più adeguati per evitare il contagio.

Chi l’ha visto?, 11 marzo 2020, diretta della puntata

Federica Sciarelli ricorda le regole per prevenire il contagio da Coronavirus. “Bisogna cambiare le abitudini perchè è importantissimo per noi stessi” – dice la presentatrice.

“Buon senso” – dichiara il vice Ministro, Pierpaolo Sileri.

Telefona Chiara, che denuncia l’allontanamento di suo cugino Alberto da un paesino vicino a Vicenza. Il ragazzo se ne è andato in macchina, ma non si hanno notizie né di lui né del mezzo. Alberto stava vivendo un momento difficile e la cugina lo supplica di tornare e di farsi aiutare.

Andrea Venturini e Giovanna Botteri intervengono in collegamento. Sileri ci comunica che è in arrivo in Italia un’equipe di sanitari dalla Cina, che porteranno anche rifornimenti medici e macchinari.

“Il fatto che la Cina sia il primo paese che abbia risposto all’appello dell’Italia, mostra che le persone che l’hanno vissuto sulla propria pelle capiscono. La Cina sa cosa vuol dire vivere quello che sta vivendo l’Italia. C’è un vaccino che stanno sperimentando e che forse per maggio sarà pronto” – commenta la Botteri.

“Forse maggio è un po’ presto, non voglio creare falsi ottimismi” – risponde Sileri.

Viene mandata in onda la diretta del Premier Conte. “So che non è facile, ma sappiate che le vostre rinunce stanno offrendo un importante contributo al paese. L’Italia sta dando prova di essere unita. Stiamo dando prova di grande rigore e resistenza. Siamo un modello anche per tutti gli altri” – dice il premier, spiegando che il prossimo passo necessario è quello di chiudere le attività commerciali. E’ indispensabile che si limitino il più possibile gli spostamenti. Fermo restando che rimarranno attive tutte quelle attività che servono a colmare bisogni primari (supermercati e farmacie).

“Se saremo tutti a rispettare queste regole usciremo più in fretta dall’emergenza. Il Paese ha bisogno di tutti noi. Siamo parte di una medesima comunità. Questa è la forza del nostro Paese, una comunità di individui. Tutti insieme ce la faremo” – conclude Conte.

Si passa a parlare di un uomo scomparso, Emiliano Lesti. Si era separato da poco dalla moglie Loretta ed il giorno della scomparsa era andato a prendere le bambine a casa della ex moglie. L’incontro si era svolto come al solito, la sera aveva riportato a casa le bimbe e salutato Loretta. Il giorno dopo però Emiliano non ha mai aperto la sua tabaccheria e questo ha insospettito il padre. L’uomo ha cercato il figlio ovunque. Nessuna traccia di lui, solo le chiavi di casa ancora inserite nella toppa. Le chiavi della macchina e quelle della tabaccheria poggiate sul tavolo di casa, l’auto parcheggiata. L’ipotesi che circola per il paese è quella che Emiliano avesse problemi economici e che sia scappato su un’isola caraibica con un’altra donna. Loretta ed i parenti di Emiliano non ci credono e vogliono scoprire la verità.

Tornati in studio, la Sciarelli pone a Sileri le domande dei telespettatori. Le preoccupazioni principali al momento riguardano le attività che rimarranno aperte da domani. Molte sono le persone che si chiedono se i tabaccai o i veterinari rimarranno aperti. Sileri conferma che i servizi medici per gli animali saranno garantiti, per quanto riguarda i tabaccai bisognerà invece vedere quali attività saranno comprese e si potrà sapere solo in seguito alla pubblicazione del decreto.

La Sciarelli inoltra al vice Ministro ulteriori domande dei telespettatori:

  • Perchè non viene effettuato il tampone ad un maggior numero di persone? “Non serve. Serve farlo a coloro che hanno i sintomi, che ormai sono definiti. Fare più tamponi non aiuterebbe nel contrastare la malattia”
  • Si possono avere ricadute? “E’ accaduto, ma probabilmente si trattava di pazienti che non erano ancora guariti del tutto”.
  • Le zanzare trasmettono il virus? “No”

“La parola giusta è ‘adattamento’. Dobbiamo adattarci a questa nuova situazione in tutti i sensi. Sanitari, economici e come abitudini”

La Botteri interviene da Hong Kong. La giornalista ritiene che la mascherina sia una tutela nei confronti di tutti i cittadini. “Dite la mascherina non serve, la mascherina non serve, ma qui la mascherina è stata importante. Tra l’altro qui i rifornimenti si sono svolti tutti online, per strada c’erano solo i riders. Se ci fosse la stessa possibilità anche lì, sarebbe più facile anche per la gente”.

“La mascherina serve qualora si sia in presenza di altre persone” – controbatte Sileri.

Andrea Venturini interviene in collegamento: “Finalmente è stato adottato il metodo della zona rossa del Lodigiano, che qui da noi ha funzionato. E’ veramente importante far entrare nella testa di tutto che non bisogna uscire, bisogna uscire il meno possibile. Il problema è molto serio. Restiamo in casa e mettiamo la mascherina quando usciamo. Piccoli sacrifici garantiscono un periodo di benessere per tutti”. 

Annamaria Sorrentino è stata uccisa, spinta giù da un balcone. Per l’omicidio l’unico indagato è il suo ex marito, Paolo Foresta. Nella casa però c’erano altre persone insieme a loro, alcuni amici e l’amante di Annamaria.

La sera prima di morire, la donna aveva chiamato la sorella, una chiamata d’aiuto limitata però dalla presenza di Paolo e degli altri. I vicini di casa raccontano di aver sentito urla per diverse sere prima del tragico evento.

Secondo Paolo, Annamaria si sarebbe gettata da sola. Altri sostengono che sarebbe inciampata scappando dal marito.

Una testimone racconta però che la ragazza sarebbe stata spinta giù dal balcone da Gaetano, uno degli amici, e che Paolo lo starebbe coprendo perchè minacciato. Lei stessa sarebbe stata zitta per lo stesso motivo.

Paolo è in studio e dice alla Sciarelli che non è stato Gaetano e che Claudia, la testimone, non ha mai visto di buon occhio l’uomo.

Alcuni messaggi dimostrano però che sia Paolo che Gaetano hanno provato più volte a contattare Claudia. La ragazza è scappata di casa ed al momento si è rifugiata perchè ha paura per sé e per sua figlia. La famiglia di Annamaria crede a Claudia e spera che sia il primo passo verso la giustizia.

Carmine non vede la moglie Roberta dal 26 febbraio, quando la donna è scappata con i due figli. La sera prima Carmine aveva “esagerato”, aveva avuto un accesso di rabbia nei confronti della moglie in seguito alla caduta di uno dei figli. Roberta è fuggita, ora si trova in un posto sicuro, ma si ignorano le motivazioni della sua scelta.

Anna si è ribellata al suo compagno, che l’ha aggredita per più di dieci anni. Un rapporto fatto di controllo psicologico e fisico il loro. La donna ha subito ripetute violenze, anche sessuali. Un giorno Anna ha trovato il coraggio di denunciarlo. Da allora l’uomo è diventato cattivo e l’ha isolata. Solo il divieto di avvicinamento l’ha tutelata, ma oggi purtroppo – in attesa del processo – il divieto è scaduto ed Anna si preoccupa.

La Sciarelli dà notizia che uno dei giocatori della Juventus, Daniele Rugani, è risultato positivo al test del Coronavirus.

Martina è caduta dal balcone di una stanza d’albergo. Non si conosce la dinamica dell’incidente, ma l’ipotesi più accreditata è quella che la ragazza stesse tentando di fuggire dalla stanza di Alessandro e Luca, due ragazzi che avrebbero provato a stuprarla. Oggi si sarebbe dovuta tenere un’udienza del processo, ma è stata rimandata a causa dell’emergenza Coronavirus.

Andrea racconta l’aggressione subita per strada. Il ragazzo sarebbe stato picchiato perchè riconosciuto come Italiano e mentre veniva picchiato sarebbe stato deriso per il Coronavirus.

Si parla dei pacchi bomba che sono scoppiati in questi giorni a Roma e dintorni (Fiumicino).



0 Replies to “Chi l’ha visto?, 11 marzo 2020, diretta della puntata”

Lascia un commento

Riempi tutti i campi per lasciare un tuo commento. Il tuo indirizzo non verrà pubblicato

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>
*