Le fiction che vedremo | Il Commissario Ricciardi su Rai 1 | cast, trama e anticipazioni


Le fiction che vedremo: Il Commissario Ricciardi su Rai 1. Si stanno svolgendo le riprese della fiction in quattro puntate, tratta dai romanzi di Maurizio De Giovanni. Lo scrittore, però, ha deciso di abbandonare il suo personaggio.


Su Raiuno, è in arrivo, nella prossima stagione, la serie Il Commissario Ricciardi, suddivisa in 4 puntate, e tratta dai romanzi dello scrittore, drammaturgo e sceneggiatore napoletano Maurizio De Giovanni pubblicato dalla Casa Editrice Einaudi. La regia è di Alessandro D’Alatri, Nel ruolo del protagonista c’è l’attore Lino Guanciale.

In attesa della fine delle riprese, iniziate ormai il 23 maggio scorso a Taranto, e proseguite a Napoli per una durata complessiva di circa 23 settimane, vi anticipiamo tutti i dettagli della nuova serie targata Rai Fiction e Clemart, in onda nella prossima stagione in prima serata.

Il Commissario Ricciardi | Trama

Ci troviamo a Napoli, negli anni 30′ del Novecento, nel pieno dell’epoca fascista. Il Commissario Ricciardi (Lino Guanciale), che per l’esattezza si chiama Luigi Alfredo Ricciardi, è un commissario di polizia, diverso dai suoi collaboratori, infatti, oltre ad essere un ottimo investigatore nasconde un segreto.

E’ molto dedito al proprio lavoro e gli unici suoi collaboratori di fiducia sono il brigadiere Maione, l’antifascista dottor Modo, suo medico legale, e il femminiello Bambinella, che gli riporta le voci che circolano in città. Il poliziotto dopo la morte della madre si era trasferito con l’anziana Tata Rosa a Napoli, ma non aveva mai dimenticato le parole della genitrice che, in punto di morte, gli disse: Non commettere il mio stesso errore, non avere figli, altrimenti li condannerai come io ho fatto con te. Il misterioso segreto è ciò che lui chiama Il Fatto, ossia la sua capacità di percepire le ultime parole e sensazioni delle vittime di morte violenta, riuscendo ad interagire con il loro fantasma.

Ricciardi vive in un’atmosfera di tristezza, indossa di solito un soprabito di colore grigio con grosse tasche in cui infila sempre le mani per non farle vedere, poiché quando è nervoso, non riesce a tenerle ferme. Si occupa con estrema sollecitudine dei casi sui quali indaga fino a quando non li risolve, scavando a fondo in tutte le sfaccettature di ogni omicidio. Inoltre non ha nessun interesse per la carriera, e per questo è ben visto dai suoi superiori tra i quali il vicequestore Garzo, che si attribuisce spesso e volentieri il merito dei suoi successi investigativi.

Per colpa del Fatto, è privo di una vita affettiva, eppure il cuore dell’investigatore dai grandi occhi verdi è diviso tra l’amore a distanza per Enrica, una timida vicina di casa di alcuni anni più giovane di lui, con la quale scambia solamente occhiate dalla finestra, e la ricca e sensuale Livia, ex cantante lirica e vedova di un famoso tenore, che lo corteggia in modo evidente.

Lo scrittore Maurizio De Giocanni

Il Commissario Ricciardi | cast e sceneggiatura

La serie Il Commissario Ricciardi, atteso nel prossimo autunno su Rai1, possiede tutte le caratteristiche per coinvolgere un vasto pubblico e riscuotere il medesimo successo dei suoi colleghi televisivi. Il team degli sceneggiatori è composto da Salvatore Basile, Viola Rispoli e Doriana Leondeff.

Nel cast artistico l’ interprete principale è Lino Guanciale, attore di teatro e protagonista di numerose fiction italiane, tra cui: L’Allieva 1 e 2 con Alessandra Mastroianni, e Non dirlo mai al Mio Capo con Vanessa Incontrada, oltre alla Porta Rossa con Gabriella Pession.  In quest’ultima serie, l’attore aveva interpretato un ruolo che rimanda a Ricciardi: il fantasma del Commissario Leonardo Cagliostro che non può abbandonare il mondo terreno perchè deve risolvere il caso più complicato della sua carriera, indagare sul suo stesso omicidio.

L’attore Lino Guanciale

Gli altri attori sono: Serena Iansiti in Livia, ex cantante lirica vedova amante del Commissario, Maria Vera Ratti in Enrica, la timida e giovane vicina amata dal protagonista. Antonio Milo, in Maione, l’alter ego di Ricciardi, che nutre nei suoi confronti una profonda stima. I due si conobbero quando il figlio poliziotto del brigadiere morì, ed il commissario fu in grado di riferirgli le sue ultime parole.

Tra i personaggi secondari troviamo: Enrico Ianniello nel dottor Bruno Modo antifascista, Fabrizia Sacchi in Lucia Maione, Nunzia Schiano in l’anziana Tata Rosa, Peppe Servillo in Don Pierino, Mario Pirrello in Garzo, Adriano Falivene in il femminiello Bambinella, Massimo De Matteo il padre di Enrica, Susy Del Giudice la madre di Enrica, e Marco Palvetti in Falco.

Maurizio De Giovanni | romanzi

Ricordiamo che lo scrittore, amante di opere teatrali, è autore di numerosi gialli, tra cui I bastardi di Pizzofalcone trasformatosi in una serie tv in due stagioni di successo trasmesse da Raiuno. La prima stagione è stata firmata alla regia da Carlo Carlei, la seconda stagione da Alessandro D’Alatri.

A proposito di opere scritte dall’autore napoletano, il 25 giugno è prevista l’uscita del suo nuovo romanzo pubblicato da Einaudi, l’ultimo che ha per protagonista il poliziotto investigativo, dal titolo Il pianto dell’alba. Ultima ombra per il commissario Ricciardi. Lo scrittore ha deciso, così, di congedare con un addio malinconico il personaggio che per ben 15 anni ha fatto vivere nelle pagine letterarie. E lo ha salutato con una frase sui social: Vai, amico mio. E porta con te il mio cuore.

La fiction è stata realizzata con il sostegno di Apulia Film Fund della Regione Puglia e Apulia Film Commission, con il patrocinio del comune di Taranto, ed in collaborazione con la Film Commission Regione Campania.



0 Replies to “Le fiction che vedremo | Il Commissario Ricciardi su Rai 1 | cast, trama e anticipazioni”

Lascia un commento

Riempi tutti i campi per lasciare un tuo commento. Il tuo indirizzo non verrà pubblicato

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>
*